7.5 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXXIII Domenica Per Annum - Anno C – 17 novembre 2013

XXXIII Domenica Per Annum – Anno C – 17 novembre 2013

- Advertisement -

xbblfr

Nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.

Mal 3, 19-20a; 2Ts 3, 7-12; Lc 21, 5-19

Il Signore giudicherà il mondo con giustizia.

 

Il Vangelo di Luca, quest’oggi, preannuncia la distruzione del tempio di Gerusalemme, lo sconvolgimento degli avvenimenti in tutto il mondo e l’imminente persecuzione dei cristiani. Gesù, intanto, giunto a Gerusalemme, conclude il suo viaggio attraverso la terra palestinese, trovandosi così, al termine della sua stessa esistenza terrena, pienamente conscio di essere vicino alla “sua ora”. È in questo ambito allora, che la Parola consegna un invito essenziale: scoprirci votati alla vita e non alla morte. La speranza degli “ultimi giorni” è riposta nella vittoria dei giusti che trionferanno sugli iniqui.

Il Signore – tramite il profeta Malachia – ci ricorda come, da sempre, egli traccia il percorso storico del popolo di Israele, agisce in esso, lo dirige e non ne limita mai la libertà. Malachia profetizza anche sull’imminente venuta del “giorno del Signore”: il giorno del giudizio; la storia è ormai prossima all’evento risolutivo, tramite il quale il Signore instaurerà il suo regno di giustizia e di pace. La Parola dunque, è quanto mai illuminante, risponde a determinati interrogativi senza mai parlare direttamente “della fine” della storia, piuttosto si concentra “sul fine” a cui la storia è orientata.

Gesù non fa previsioni sul futuro, liquida con parole drastiche la curiosità dei suoi interlocutori; non si atteggia ad astrologo: il suo annuncio è l’amore di Dio per la creazione. «Nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto» (Lc 21, 18). Questo suo intervento svela la grandezza di Dio e del suo “affetto” nei riguardi dei suoi figli; Dio ama così tanto, da salvare anche l’ultimo dei capelli che ha posto sulla testa della sua creatura! Gesù, poi, invita ognuno a mantenere un atteggiamento di impegno e speranza, invitando anche alla perseveranza.

L’intervento di Dio nella storia si pone sul piano della collaborazione, così è stato per l’economia della salvezza, nella quale il Signore ha accompagnato il popolo d’Israele attraverso vicende di infedeltà, di recuperi, di promesse, di tradimenti. La pienezza pro-messa aspetta di essere compiuta con gli uomini. L’azione di Dio per il regno non si manifesta in atti puramente esteriori, ma si realizza nella rivelazione dei segni nella storia. La comunione dell’amore di Dio è pensata in un dinamismo che vede il cristiano suo collaboratore; la Chiesa, in questo dinamismo, occupa un ruolo centrale; segue la via del suo maestro, proseguendo l’opera di Cristo. È solo nella Chiesa che gli uomini possono trovare la speranza di un nuovo ordine di cose, in cui i giusti saranno riscattati e i superbi vedranno dileguarsi il loro potere.

Più volte la Parola di Dio ha predicato un rovesciamento di valori, di situazioni; i piccoli sono sempre presentati come coloro che, alla fine, vedranno giustizia fatta: l’amore misericordioso di Dio unirà tutti i popoli nell’unico popolo, unirà le lingue e le culture e farà sedere all’unico banchetto poveri e ricchi, peccatori e farisei, angeli e santi.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXXIII Domenica Per Annum – Anno C – 17 novembre 2013

- Advertisement -

xbblfr

Nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.

Mal 3, 19-20a; 2Ts 3, 7-12; Lc 21, 5-19

Il Signore giudicherà il mondo con giustizia.

- Advertisement -

 

Il Vangelo di Luca, quest’oggi, preannuncia la distruzione del tempio di Gerusalemme, lo sconvolgimento degli avvenimenti in tutto il mondo e l’imminente persecuzione dei cristiani. Gesù, intanto, giunto a Gerusalemme, conclude il suo viaggio attraverso la terra palestinese, trovandosi così, al termine della sua stessa esistenza terrena, pienamente conscio di essere vicino alla “sua ora”. È in questo ambito allora, che la Parola consegna un invito essenziale: scoprirci votati alla vita e non alla morte. La speranza degli “ultimi giorni” è riposta nella vittoria dei giusti che trionferanno sugli iniqui.

Il Signore – tramite il profeta Malachia – ci ricorda come, da sempre, egli traccia il percorso storico del popolo di Israele, agisce in esso, lo dirige e non ne limita mai la libertà. Malachia profetizza anche sull’imminente venuta del “giorno del Signore”: il giorno del giudizio; la storia è ormai prossima all’evento risolutivo, tramite il quale il Signore instaurerà il suo regno di giustizia e di pace. La Parola dunque, è quanto mai illuminante, risponde a determinati interrogativi senza mai parlare direttamente “della fine” della storia, piuttosto si concentra “sul fine” a cui la storia è orientata.

Gesù non fa previsioni sul futuro, liquida con parole drastiche la curiosità dei suoi interlocutori; non si atteggia ad astrologo: il suo annuncio è l’amore di Dio per la creazione. «Nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto» (Lc 21, 18). Questo suo intervento svela la grandezza di Dio e del suo “affetto” nei riguardi dei suoi figli; Dio ama così tanto, da salvare anche l’ultimo dei capelli che ha posto sulla testa della sua creatura! Gesù, poi, invita ognuno a mantenere un atteggiamento di impegno e speranza, invitando anche alla perseveranza.

L’intervento di Dio nella storia si pone sul piano della collaborazione, così è stato per l’economia della salvezza, nella quale il Signore ha accompagnato il popolo d’Israele attraverso vicende di infedeltà, di recuperi, di promesse, di tradimenti. La pienezza pro-messa aspetta di essere compiuta con gli uomini. L’azione di Dio per il regno non si manifesta in atti puramente esteriori, ma si realizza nella rivelazione dei segni nella storia. La comunione dell’amore di Dio è pensata in un dinamismo che vede il cristiano suo collaboratore; la Chiesa, in questo dinamismo, occupa un ruolo centrale; segue la via del suo maestro, proseguendo l’opera di Cristo. È solo nella Chiesa che gli uomini possono trovare la speranza di un nuovo ordine di cose, in cui i giusti saranno riscattati e i superbi vedranno dileguarsi il loro potere.

Più volte la Parola di Dio ha predicato un rovesciamento di valori, di situazioni; i piccoli sono sempre presentati come coloro che, alla fine, vedranno giustizia fatta: l’amore misericordioso di Dio unirà tutti i popoli nell’unico popolo, unirà le lingue e le culture e farà sedere all’unico banchetto poveri e ricchi, peccatori e farisei, angeli e santi.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La speranza di Giobbe

Lo scandalo della tenerezza

La Shoah alla luce del Sinai

Le 217 domande di Gesù

Il Sacrificio

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x