34.4 C
Roma
Mar, 27 Luglio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXXIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 17 novembre 2019

XXXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 17 novembre 2019

La fine è un abbraccio e non un’espulsione.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
    Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
    Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
    Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
    Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
    Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita»”.




    Come chi, dopo una giornata intensa di duro lavoro, prima di lasciare il suo posto rassetta i ferri e si prepara a far ritorno in casa, così l’uomo, al termine della sua esistenza terrena, è chiamato a riordinare la sua vita ed orientarsi verso Dio. La transitorietà della nostra presenza nella storia umana confluisce, al suo termine, nell’eternità di Dio. Non tutto finisce ma ogni cosa si trasforma. “Ai tuoi fedeli, o Signore, la vita non è tolta ma trasformata. Come un grezzo pezzo di ferro immerso nella fucina lo rende disponibile a ricevere i colpi trasformanti del sapiente artigiano che lo manipola, così ogni uomo, al termine del suo percorso terreno di purificazione, si rende disponibile all’incontro col Creatore che lo attende per accoglierlo ed introdurlo nel tempo senza fine, nella storia dell’eternità.

    Questo passaggio anche se doloroso nell’ottica evangelica deve essere letto come “un tornante che apre l’orizzonte” (Ermes Ronchi). Come quando un automobilista esce dalla nebbia che gli ha reso difficile il cammino e ha messo a dura prova la sua capacità di guidare, così davanti all’uomo che ha lottato e sofferto nel cammino della sua vita si dischiude dinanzi a lui l’intensità della luce divina e l’abbraccio paterno del Padre che lo ha guidato ed accompagnato nelle sue lotte, gli ha partecipato il suo perdono nelle sconfitte e lo ha chiamato a partecipare con lui la gioia della vita senza fine.Nel caos della storia lo sguardo del Signore è fisso su di me, non giudice che incombe, ma custode innamorato di ogni mio frammento”. Da parte nostra la perseveranza: far risuscitare dal cuore la speranza assopita, non arrendersi mai, insistere animati dal desiderio dell’incontro gratificante col creatore del mondo amante della vita quindi anche di ciascuno di Noi. La fine della storia non è un’infelice e punitiva espulsione ma si celebra in un abbraccio tra Dio e l’uomo, tra il creatore e me.




    La parola di Dio è luce sul nostro cammino, fondamento della nostra fede e alimento di comunione fraterna. Preghiamo insieme e diciamo:

    Per la tua bontà, ascoltaci, Signore.

    Perché la forza dello Spirito ci indichi il retto uso dei beni terreni per vivere attenti ai beni del cielo. Preghiamo:

    Perché l’esortazione di Cristo a seguirlo, trovi ascoltatori attenti e disponibili, e continui a suscitare nella Chiesa vocazioni alla vita contemplativa. Preghiamo:

    Perché tutte le classi sociali lavorino per costruire una convivenza più giusta e pacifica, basata sul rispetto della dignità dell’uomo. Preghiamo:

    Perché i ricchi e gli avidi comprendano che anche le più grandi ricchezze terrene si consumano, e che solo i beni del cielo sono incorruttibili. Preghiamo:

    Perché i giovani rifiutino gli idoli mondani e, sostenuti dalla testimonianza della comunità cristiana, preferiscano sempre la società dell’essere a quella dell’avere. Preghiamo:

    Per gli evangelizzatori e i catechisti.
    Per la purificazione dei nostri sentimenti.

    O Dio, eterna luce e giorno senza tramonto, assisti il tuo popolo e conducilo alla meta del suo pellegrinaggio terreno, Cristo nostro Signore, che vive e regna con te per i secoli dei secoli. Amen.




    O Padre, che ci hai saziati con questo sacramento, ascolta la nostra umile preghiera: il memoriale, che Cristo tuo Figlio ci ha comandato di celebrare, ci edifichi sempre nel vincolo del tuo amore. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Luca.

“In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita»”.



Come chi, dopo una giornata intensa di duro lavoro, prima di lasciare il suo posto rassetta i ferri e si prepara a far ritorno in casa, così l’uomo, al termine della sua esistenza terrena, è chiamato a riordinare la sua vita ed orientarsi verso Dio. La transitorietà della nostra presenza nella storia umana confluisce, al suo termine, nell’eternità di Dio. Non tutto finisce ma ogni cosa si trasforma. “Ai tuoi fedeli, o Signore, la vita non è tolta ma trasformata. Come un grezzo pezzo di ferro immerso nella fucina lo rende disponibile a ricevere i colpi trasformanti del sapiente artigiano che lo manipola, così ogni uomo, al termine del suo percorso terreno di purificazione, si rende disponibile all’incontro col Creatore che lo attende per accoglierlo ed introdurlo nel tempo senza fine, nella storia dell’eternità.

Questo passaggio anche se doloroso nell’ottica evangelica deve essere letto come “un tornante che apre l’orizzonte” (Ermes Ronchi). Come quando un automobilista esce dalla nebbia che gli ha reso difficile il cammino e ha messo a dura prova la sua capacità di guidare, così davanti all’uomo che ha lottato e sofferto nel cammino della sua vita si dischiude dinanzi a lui l’intensità della luce divina e l’abbraccio paterno del Padre che lo ha guidato ed accompagnato nelle sue lotte, gli ha partecipato il suo perdono nelle sconfitte e lo ha chiamato a partecipare con lui la gioia della vita senza fine.Nel caos della storia lo sguardo del Signore è fisso su di me, non giudice che incombe, ma custode innamorato di ogni mio frammento”. Da parte nostra la perseveranza: far risuscitare dal cuore la speranza assopita, non arrendersi mai, insistere animati dal desiderio dell’incontro gratificante col creatore del mondo amante della vita quindi anche di ciascuno di Noi. La fine della storia non è un’infelice e punitiva espulsione ma si celebra in un abbraccio tra Dio e l’uomo, tra il creatore e me.



La parola di Dio è luce sul nostro cammino, fondamento della nostra fede e alimento di comunione fraterna. Preghiamo insieme e diciamo:

Per la tua bontà, ascoltaci, Signore.

Perché la forza dello Spirito ci indichi il retto uso dei beni terreni per vivere attenti ai beni del cielo. Preghiamo:

Perché l’esortazione di Cristo a seguirlo, trovi ascoltatori attenti e disponibili, e continui a suscitare nella Chiesa vocazioni alla vita contemplativa. Preghiamo:

Perché tutte le classi sociali lavorino per costruire una convivenza più giusta e pacifica, basata sul rispetto della dignità dell’uomo. Preghiamo:

Perché i ricchi e gli avidi comprendano che anche le più grandi ricchezze terrene si consumano, e che solo i beni del cielo sono incorruttibili. Preghiamo:

Perché i giovani rifiutino gli idoli mondani e, sostenuti dalla testimonianza della comunità cristiana, preferiscano sempre la società dell’essere a quella dell’avere. Preghiamo:

Per gli evangelizzatori e i catechisti.
Per la purificazione dei nostri sentimenti.

O Dio, eterna luce e giorno senza tramonto, assisti il tuo popolo e conducilo alla meta del suo pellegrinaggio terreno, Cristo nostro Signore, che vive e regna con te per i secoli dei secoli. Amen.



O Padre, che ci hai saziati con questo sacramento, ascolta la nostra umile preghiera: il memoriale, che Cristo tuo Figlio ci ha comandato di celebrare, ci edifichi sempre nel vincolo del tuo amore. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 17 novembre 2019

La fine è un abbraccio e non un’espulsione.



Dal Vangelo secondo Luca.

“In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita»”.



Come chi, dopo una giornata intensa di duro lavoro, prima di lasciare il suo posto rassetta i ferri e si prepara a far ritorno in casa, così l’uomo, al termine della sua esistenza terrena, è chiamato a riordinare la sua vita ed orientarsi verso Dio. La transitorietà della nostra presenza nella storia umana confluisce, al suo termine, nell’eternità di Dio. Non tutto finisce ma ogni cosa si trasforma. “Ai tuoi fedeli, o Signore, la vita non è tolta ma trasformata. Come un grezzo pezzo di ferro immerso nella fucina lo rende disponibile a ricevere i colpi trasformanti del sapiente artigiano che lo manipola, così ogni uomo, al termine del suo percorso terreno di purificazione, si rende disponibile all’incontro col Creatore che lo attende per accoglierlo ed introdurlo nel tempo senza fine, nella storia dell’eternità.

Questo passaggio anche se doloroso nell’ottica evangelica deve essere letto come “un tornante che apre l’orizzonte” (Ermes Ronchi). Come quando un automobilista esce dalla nebbia che gli ha reso difficile il cammino e ha messo a dura prova la sua capacità di guidare, così davanti all’uomo che ha lottato e sofferto nel cammino della sua vita si dischiude dinanzi a lui l’intensità della luce divina e l’abbraccio paterno del Padre che lo ha guidato ed accompagnato nelle sue lotte, gli ha partecipato il suo perdono nelle sconfitte e lo ha chiamato a partecipare con lui la gioia della vita senza fine.Nel caos della storia lo sguardo del Signore è fisso su di me, non giudice che incombe, ma custode innamorato di ogni mio frammento”. Da parte nostra la perseveranza: far risuscitare dal cuore la speranza assopita, non arrendersi mai, insistere animati dal desiderio dell’incontro gratificante col creatore del mondo amante della vita quindi anche di ciascuno di Noi. La fine della storia non è un’infelice e punitiva espulsione ma si celebra in un abbraccio tra Dio e l’uomo, tra il creatore e me.



La parola di Dio è luce sul nostro cammino, fondamento della nostra fede e alimento di comunione fraterna. Preghiamo insieme e diciamo:

Per la tua bontà, ascoltaci, Signore.

Perché la forza dello Spirito ci indichi il retto uso dei beni terreni per vivere attenti ai beni del cielo. Preghiamo:

Perché l’esortazione di Cristo a seguirlo, trovi ascoltatori attenti e disponibili, e continui a suscitare nella Chiesa vocazioni alla vita contemplativa. Preghiamo:

Perché tutte le classi sociali lavorino per costruire una convivenza più giusta e pacifica, basata sul rispetto della dignità dell’uomo. Preghiamo:

Perché i ricchi e gli avidi comprendano che anche le più grandi ricchezze terrene si consumano, e che solo i beni del cielo sono incorruttibili. Preghiamo:

Perché i giovani rifiutino gli idoli mondani e, sostenuti dalla testimonianza della comunità cristiana, preferiscano sempre la società dell’essere a quella dell’avere. Preghiamo:

Per gli evangelizzatori e i catechisti.
Per la purificazione dei nostri sentimenti.

O Dio, eterna luce e giorno senza tramonto, assisti il tuo popolo e conducilo alla meta del suo pellegrinaggio terreno, Cristo nostro Signore, che vive e regna con te per i secoli dei secoli. Amen.



O Padre, che ci hai saziati con questo sacramento, ascolta la nostra umile preghiera: il memoriale, che Cristo tuo Figlio ci ha comandato di celebrare, ci edifichi sempre nel vincolo del tuo amore. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

Palumbo: La misericordia di Dio

Salire a Gerusalemme

12 storie di ordinaria santità

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x