14.2 C
Roma
Lun, 19 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXXII Domenica Per Annum - Anno C – 10 novembre 2013.

XXXII Domenica Per Annum – Anno C – 10 novembre 2013.

- Advertisement -

grazia-di-dio-da-www-admissionaria

La risurrezione di Cristo ci “costringe” a vivere non più per noi stessi.

2Mac 7, 1-2.9-14; 2Ts 2, 16-3, 5; Lc 20, 27-38

Ci sazieremo, Signore, contemplando il tuo volto.

La liturgia della Parola, questa domenica, ci introduce e accompagna nel mistero della risurrezione. La domanda profonda dell’uomo sulla morte e su cosa ci sia dopo, trova risposta nel Vangelo: il Dio che conosciamo in Cristo, morto e risorto, è il Dio dei vivi.

Al tempo di Gesù, era piuttosto comune credere nella risurrezione; infatti, questa, costituiva anche il patrimonio imprescindibile del popolo ebraico. Solo un gruppo, i Sadducei, i quali non riconoscevano alcuni libri della Bibbia come ispirati da Dio, la rifiutavano; questi, dunque, affrontarono Gesù su questo argomento provocandolo, intenti a scatenare una diatriba “teologica”. Gesù pur non rispondendo direttamente alle loro domande, affermò chiaramente la risurrezione, la prospettiva concreta della vita dopo la morte e proclamò che il Dio di Mosè e dei patriarchi è il Dio dei vivi e non dei morti. Gesù, inoltre, non soltanto afferma la risurrezione dei giusti nell’ultimo giorno, ma inaugura anche il suo mistero stesso, come già manifestato riportando alla vita la figlia di Giàiro, il figlio della vedova di Nain e Lazzaro, fratello di Marta e Maria. E, quest’ultima, come sappiamo, avvenne pochi istanti dopo l’affermazione che le sue non erano solo parole, ma una grande verità annunciata da Dio: «lo sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà» (Gv 11,25).

Il nucleo fondante della fede cristiana, tuttavia, intorno al quale ruota tutta l’esistenza di ogni fedele battezzato, è la risurrezione di Gesù. Dopo la sua passione, morte e sepoltura, i discepoli attraversano un momento di sconforto, timore e, perché no, di vergona. Ma dopo l’incontro con Gesù nel cenacolo, riconoscendolo come risorto, ancora vivo, immediatamente si “trasfigurano”, riacquistano vitalità, quasi come se fossero loro i risorti; intraprendono un’avventura stupenda che porterà alla costituzione della prima comunità cristiana, dedicandosi poi, ad una missione il cui carisma diverrà l’annuncio del kerygma. La salvezza è proprio questa: Gesù è risuscitato per primo, dopo di lui anche noi risorgeremo, vinceremo la morte e vivremo con lui per sempre nella casa del Padre.

Da allora sono trascorsi più di duemila anni, ma la risurrezione di Gesù unita alla nostra, rimane sempre la “perla preziosa” della fede: dirige tutta l’attività cristiana e le dà sostanza. Lo stesso Paolo è consapevole di questa grande verità e l’annuncia con forza: «Se siete risuscitati con Cristo, cercate le cose del cielo, dove Cristo regna accanto a Dio. Pensate alle cose del cielo e non a quelle di questo mondo. E quando Cristo, che è la vostra vita, sarà visibile a tutti, allora si vedrà anche la nostra gloria, insieme con la sua. Ormai siete uomini nuovi. Ora siete il popolo di Dio. Egli vi ha scelti e vi ama. Perciò abbiate sentimenti nuovi: di umiltà, di pazienza e di dolcezza. Al di sopra di tutto ci sia sempre l’amore. E la pace, che è dono di Cristo, sia sempre nel vostro cuore» (Col 3).

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXXII Domenica Per Annum – Anno C – 10 novembre 2013.

- Advertisement -

grazia-di-dio-da-www-admissionaria

La risurrezione di Cristo ci “costringe” a vivere non più per noi stessi.

2Mac 7, 1-2.9-14; 2Ts 2, 16-3, 5; Lc 20, 27-38

Ci sazieremo, Signore, contemplando il tuo volto.

La liturgia della Parola, questa domenica, ci introduce e accompagna nel mistero della risurrezione. La domanda profonda dell’uomo sulla morte e su cosa ci sia dopo, trova risposta nel Vangelo: il Dio che conosciamo in Cristo, morto e risorto, è il Dio dei vivi.

- Advertisement -

Al tempo di Gesù, era piuttosto comune credere nella risurrezione; infatti, questa, costituiva anche il patrimonio imprescindibile del popolo ebraico. Solo un gruppo, i Sadducei, i quali non riconoscevano alcuni libri della Bibbia come ispirati da Dio, la rifiutavano; questi, dunque, affrontarono Gesù su questo argomento provocandolo, intenti a scatenare una diatriba “teologica”. Gesù pur non rispondendo direttamente alle loro domande, affermò chiaramente la risurrezione, la prospettiva concreta della vita dopo la morte e proclamò che il Dio di Mosè e dei patriarchi è il Dio dei vivi e non dei morti. Gesù, inoltre, non soltanto afferma la risurrezione dei giusti nell’ultimo giorno, ma inaugura anche il suo mistero stesso, come già manifestato riportando alla vita la figlia di Giàiro, il figlio della vedova di Nain e Lazzaro, fratello di Marta e Maria. E, quest’ultima, come sappiamo, avvenne pochi istanti dopo l’affermazione che le sue non erano solo parole, ma una grande verità annunciata da Dio: «lo sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà» (Gv 11,25).

Il nucleo fondante della fede cristiana, tuttavia, intorno al quale ruota tutta l’esistenza di ogni fedele battezzato, è la risurrezione di Gesù. Dopo la sua passione, morte e sepoltura, i discepoli attraversano un momento di sconforto, timore e, perché no, di vergona. Ma dopo l’incontro con Gesù nel cenacolo, riconoscendolo come risorto, ancora vivo, immediatamente si “trasfigurano”, riacquistano vitalità, quasi come se fossero loro i risorti; intraprendono un’avventura stupenda che porterà alla costituzione della prima comunità cristiana, dedicandosi poi, ad una missione il cui carisma diverrà l’annuncio del kerygma. La salvezza è proprio questa: Gesù è risuscitato per primo, dopo di lui anche noi risorgeremo, vinceremo la morte e vivremo con lui per sempre nella casa del Padre.

Da allora sono trascorsi più di duemila anni, ma la risurrezione di Gesù unita alla nostra, rimane sempre la “perla preziosa” della fede: dirige tutta l’attività cristiana e le dà sostanza. Lo stesso Paolo è consapevole di questa grande verità e l’annuncia con forza: «Se siete risuscitati con Cristo, cercate le cose del cielo, dove Cristo regna accanto a Dio. Pensate alle cose del cielo e non a quelle di questo mondo. E quando Cristo, che è la vostra vita, sarà visibile a tutti, allora si vedrà anche la nostra gloria, insieme con la sua. Ormai siete uomini nuovi. Ora siete il popolo di Dio. Egli vi ha scelti e vi ama. Perciò abbiate sentimenti nuovi: di umiltà, di pazienza e di dolcezza. Al di sopra di tutto ci sia sempre l’amore. E la pace, che è dono di Cristo, sia sempre nel vostro cuore» (Col 3).

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
227IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Lo Spirito nell’agire umano

Rut, la moabita

A scuola di preghiera

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x