9.7 C
Rome
venerdì, 22 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XXXII Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 10 novembre 2019

XXXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 10 novembre 2019

Dio non cancella ma trasforma.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». 

    Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui» ”.




    Con la morte la vita non si distrugge ma si trasforma. Come si chiude il sipario di questo mondo si apre lo scenario dell’eternità, della vita trasformata e della vita compiuta. La morte è la porta della vita e la tomba diventa la vera culla perché eterna. Nel cuore dell’uomo è depositato il desiderio dell’infinito e con la morte si realizza il congiungimento a ciò che abbiamo coltivato. La morte in certo qual modo può essere definito il matrimonio con Dio perché attraverso di essa non vedremo più le cose attraverso i segni che ce lo rappresentano ma lo vedremo “faccia a faccia come egli è”. 

    Allora risplenderà dinanzi a noi l’intensità della luce di Dio che sorpassa ogni desiderio ed ogni attesa. Quando uno partecipa ad un pranzo nuziale, subito dopo, non ha voglia di mangiare perché è sazio. Dopo la morte la visione beatifica di Dio ci sazierà e attirerà su di sé tutta la nostra attenzione in una comunione e percezione filiale che assorbirà tutta la nostra capacità relazionale. I legami umani, che continueranno ad esistere, ma in modo diverso, saranno superati ed ampiamente amplificati dalla sazietà di Dio. La domanda, come sempre pretestuosa e ingannevole a cui i sadducei vogliono che Gesù risponda, viene superata disegnando ed facendo intravvedere dei confini diversi da quelli ristretti dell’uomo che non crede nella risurrezione. Come tutti i fiumi si riversano negli oceani così tutti i sentimenti e le relazioni umane saranno, nell’aldilà, riversati in Dio. Quando un fiume cessa il suo percorso e raggiunge il mare trasforma ma non annienta la sua esistenza, altrettanto noi , quando saremo in Dio godremo appieno di tutto ciò che abbiamo sperimentato in vita ma immerso e qualificato dall’unica relazione che avremo, tutti insieme, con Dio. “L’eternità non è durata ma intensità” (Ermes Ronchi).




    La misericordia del Padre ha rimesso il nostro peccato e ci ha donato la grazia dello Spirito. Invochiamo il Signore perché ci aiuti a testimoniare ciò che abbiamo ricevuto, dicendo:

    Venga il tuo regno, Signore.

    Per il popolo di Dio, perché fedele alla povertà evangelica non persegua le ricchezze terrene, ma l’abbondanza della grazia divina. Preghiamo:

    Per i cristiani, perché, superando la tentazione dell’egoismo e del benessere privato, si accorgano del fratello che vive nella povertà e nella sofferenza. Preghiamo:

    Per chi governa gli stati, perché la ricerca del bene comune aiuti a vincere le divisioni e le differenze che ancora resistono fra i popoli. Preghiamo:

    Per chi soffre a causa della fede, perché sull’esempio delle prime comunità riesca ad amare e a perdonare chi lo perseguita. Preghiamo:

    Per noi qui riuniti, perché alla luce dell’insegnamento di cristo impariamo a vivere nella carità e ad amare anche i nostri nemici. Preghiamo:

    Per le persone che disprezzano la nostra fede.
    Perché sappiamo testimoniare la carità a chi ci offende.

    O Padre, che anche oggi hai fatto sorgere il sole sopra i buoni e sopra i cattivi, dona al tuo popolo di manifestare con la vita la comunione alla quale partecipa. Per Cristo nostro Signore. Amen.




    Ti ringraziamo dei tuoi doni, o Padre; la forza dello Spirito Santo, che ci hai comunicato in questi sacramenti, rimanga in noi e trasformi tutta la nostra vita. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». 

    Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui» ”.




    Con la morte la vita non si distrugge ma si trasforma. Come si chiude il sipario di questo mondo si apre lo scenario dell’eternità, della vita trasformata e della vita compiuta. La morte è la porta della vita e la tomba diventa la vera culla perché eterna. Nel cuore dell’uomo è depositato il desiderio dell’infinito e con la morte si realizza il congiungimento a ciò che abbiamo coltivato. La morte in certo qual modo può essere definito il matrimonio con Dio perché attraverso di essa non vedremo più le cose attraverso i segni che ce lo rappresentano ma lo vedremo “faccia a faccia come egli è”. 

    Allora risplenderà dinanzi a noi l’intensità della luce di Dio che sorpassa ogni desiderio ed ogni attesa. Quando uno partecipa ad un pranzo nuziale, subito dopo, non ha voglia di mangiare perché è sazio. Dopo la morte la visione beatifica di Dio ci sazierà e attirerà su di sé tutta la nostra attenzione in una comunione e percezione filiale che assorbirà tutta la nostra capacità relazionale. I legami umani, che continueranno ad esistere, ma in modo diverso, saranno superati ed ampiamente amplificati dalla sazietà di Dio. La domanda, come sempre pretestuosa e ingannevole a cui i sadducei vogliono che Gesù risponda, viene superata disegnando ed facendo intravvedere dei confini diversi da quelli ristretti dell’uomo che non crede nella risurrezione. Come tutti i fiumi si riversano negli oceani così tutti i sentimenti e le relazioni umane saranno, nell’aldilà, riversati in Dio. Quando un fiume cessa il suo percorso e raggiunge il mare trasforma ma non annienta la sua esistenza, altrettanto noi , quando saremo in Dio godremo appieno di tutto ciò che abbiamo sperimentato in vita ma immerso e qualificato dall’unica relazione che avremo, tutti insieme, con Dio. “L’eternità non è durata ma intensità” (Ermes Ronchi).




    La misericordia del Padre ha rimesso il nostro peccato e ci ha donato la grazia dello Spirito. Invochiamo il Signore perché ci aiuti a testimoniare ciò che abbiamo ricevuto, dicendo:

    Venga il tuo regno, Signore.

    Per il popolo di Dio, perché fedele alla povertà evangelica non persegua le ricchezze terrene, ma l’abbondanza della grazia divina. Preghiamo:

    Per i cristiani, perché, superando la tentazione dell’egoismo e del benessere privato, si accorgano del fratello che vive nella povertà e nella sofferenza. Preghiamo:

    Per chi governa gli stati, perché la ricerca del bene comune aiuti a vincere le divisioni e le differenze che ancora resistono fra i popoli. Preghiamo:

    Per chi soffre a causa della fede, perché sull’esempio delle prime comunità riesca ad amare e a perdonare chi lo perseguita. Preghiamo:

    Per noi qui riuniti, perché alla luce dell’insegnamento di cristo impariamo a vivere nella carità e ad amare anche i nostri nemici. Preghiamo:

    Per le persone che disprezzano la nostra fede.
    Perché sappiamo testimoniare la carità a chi ci offende.

    O Padre, che anche oggi hai fatto sorgere il sole sopra i buoni e sopra i cattivi, dona al tuo popolo di manifestare con la vita la comunione alla quale partecipa. Per Cristo nostro Signore. Amen.




    Ti ringraziamo dei tuoi doni, o Padre; la forza dello Spirito Santo, che ci hai comunicato in questi sacramenti, rimanga in noi e trasformi tutta la nostra vita. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XXXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 10 novembre 2019

Dio non cancella ma trasforma.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». 

    Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui» ”.




    Con la morte la vita non si distrugge ma si trasforma. Come si chiude il sipario di questo mondo si apre lo scenario dell’eternità, della vita trasformata e della vita compiuta. La morte è la porta della vita e la tomba diventa la vera culla perché eterna. Nel cuore dell’uomo è depositato il desiderio dell’infinito e con la morte si realizza il congiungimento a ciò che abbiamo coltivato. La morte in certo qual modo può essere definito il matrimonio con Dio perché attraverso di essa non vedremo più le cose attraverso i segni che ce lo rappresentano ma lo vedremo “faccia a faccia come egli è”. 

    Allora risplenderà dinanzi a noi l’intensità della luce di Dio che sorpassa ogni desiderio ed ogni attesa. Quando uno partecipa ad un pranzo nuziale, subito dopo, non ha voglia di mangiare perché è sazio. Dopo la morte la visione beatifica di Dio ci sazierà e attirerà su di sé tutta la nostra attenzione in una comunione e percezione filiale che assorbirà tutta la nostra capacità relazionale. I legami umani, che continueranno ad esistere, ma in modo diverso, saranno superati ed ampiamente amplificati dalla sazietà di Dio. La domanda, come sempre pretestuosa e ingannevole a cui i sadducei vogliono che Gesù risponda, viene superata disegnando ed facendo intravvedere dei confini diversi da quelli ristretti dell’uomo che non crede nella risurrezione. Come tutti i fiumi si riversano negli oceani così tutti i sentimenti e le relazioni umane saranno, nell’aldilà, riversati in Dio. Quando un fiume cessa il suo percorso e raggiunge il mare trasforma ma non annienta la sua esistenza, altrettanto noi , quando saremo in Dio godremo appieno di tutto ciò che abbiamo sperimentato in vita ma immerso e qualificato dall’unica relazione che avremo, tutti insieme, con Dio. “L’eternità non è durata ma intensità” (Ermes Ronchi).




    La misericordia del Padre ha rimesso il nostro peccato e ci ha donato la grazia dello Spirito. Invochiamo il Signore perché ci aiuti a testimoniare ciò che abbiamo ricevuto, dicendo:

    Venga il tuo regno, Signore.

    Per il popolo di Dio, perché fedele alla povertà evangelica non persegua le ricchezze terrene, ma l’abbondanza della grazia divina. Preghiamo:

    Per i cristiani, perché, superando la tentazione dell’egoismo e del benessere privato, si accorgano del fratello che vive nella povertà e nella sofferenza. Preghiamo:

    Per chi governa gli stati, perché la ricerca del bene comune aiuti a vincere le divisioni e le differenze che ancora resistono fra i popoli. Preghiamo:

    Per chi soffre a causa della fede, perché sull’esempio delle prime comunità riesca ad amare e a perdonare chi lo perseguita. Preghiamo:

    Per noi qui riuniti, perché alla luce dell’insegnamento di cristo impariamo a vivere nella carità e ad amare anche i nostri nemici. Preghiamo:

    Per le persone che disprezzano la nostra fede.
    Perché sappiamo testimoniare la carità a chi ci offende.

    O Padre, che anche oggi hai fatto sorgere il sole sopra i buoni e sopra i cattivi, dona al tuo popolo di manifestare con la vita la comunione alla quale partecipa. Per Cristo nostro Signore. Amen.




    Ti ringraziamo dei tuoi doni, o Padre; la forza dello Spirito Santo, che ci hai comunicato in questi sacramenti, rimanga in noi e trasformi tutta la nostra vita. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il Vangelo di Marco

“Non fare come gli ipocriti”

Libri consigliati – Dicembre 2018

La speranza di Giobbe

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO