34.4 C
Roma
Mar, 27 Luglio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXXI Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 3 novembre 2019

XXXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 novembre 2019

Dio insaziabile cercatore dell’uomo peccatore






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 

    Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
    Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
    Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto»”.




    Dio ci sorprende sempre. E’ ovvio! E’ Padre e quindi ama i suoi figli fino a sacrificare se stesso. Una della manifestazioni più belle dell’amore, ammesso che si possa scegliere e fare una graduatoria in questo campo, è scoprire d’essere, pensati, cercati, desiderati.

    Zaccheo, pubblicano ed inviso al popolo, è un uomo di bassa statura, vuole incontrare Gesù. La curiosità lo spinge a conoscerlo e, approfittando del fatto che passava nella sua città, Gerico, fa di tutto per vederlo. Sale su un albero, a motivo della calca e della sua bassa statura, e si posiziona favorevolmente per soddisfare la sua curiosità. La sorpresa è grande per lui quando, giunto sul posto, Gesù, alzando lo sguardo e chiamandolo per nome gli intima di scendere e si autoinvita per fermarsi a casa sua. Zaccheo “scese in fretta e lo accolse pieno di gioia”.

    Ecco disegnati i due movimenti, non solo del corpo ma dell’animo e della mente, che occorre possedere per incontrare Dio: salire, elevarsi, sollevarsi da terra, abbandonare il recinto e, scendere, lasciare il proprio egoismo, disgregare l’orgoglio ed essere umili. Allora si fa esperienza dell’intimità di Dio. Zaccheo è mosso da curiosità, Gesù desidera incontrarlo. Due scelte, due atteggiamenti differenti per caratura, motivazioni ed intensità. La curiosità è passeggera, effimera, transitoria e si sazia subito perché appaga immediatamente. Il desiderio porta all’intimità, alla condivisione, non si sazia mai è famelico di relazione, trasforma perché in esso è nascosto l’amore. Ed è tanto vero questo per Zaccheo che quell’incontro voluto da Gesù lo trasforma: da peccatore a testimone, dalla pozzanghera alla sorgente, dal tramonto all’alba di una vita nuova.

    Prima: dedito al denaro, avido di ricchezza, di guadagno anche disonesto; successivamente: prodigo, generoso, risarcitorio: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Ogni incontro con Dio, vissuto nell’intimità che lui desidera e ci dona, trasforma inevitabilmente. Come il calore del sole, come la carezza, come l’intensità di un abbraccio generano e donano vita nuova ed entusiasmi inesplorati, così l’esperienza di Dio apre nuovi cammini, traccia percorsi inediti, fa conoscere vette mai raggiunte e intimità mai assaporate. Salire e scendere sono i movimenti che debbono possedere le nostre gambe ma soprattutto il nostro cuore. Il resto lo farà la misericordia di Dio che sempre e comunque è più grande, del più devastante dei nostri peccati. Saliamo per conoscerla e scendiamo per gustarla.   




    Rivolgiamoci con fiducia a Dio, fonte della rivelazione, perché ci aiuti ad osservare sempre i suoi comandamenti e a vivere nel suo amore. Preghiamo insieme dicendo:

    Insegnaci i tuoi sentieri, Signore.

    Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti, perché siano fedeli alla parola di Dio e la annuncino sempre con verità. Preghiamo:

    Per il popolo ebreo, perché veda nel Cristo il compimento pieno alla sua attesa di salvezza. Preghiamo:

    Per i responsabili della vita pubblica, perché nella loro azione legislativa rispettino sempre i diritti e la coscienza degli uomini. Preghiamo:

    Per i sofferenti, perché docili all’azione dello Spirito Santo collaborino alla salvezza del mondo. Preghiamo:

    Per la nostra comunità, perché non si esaurisca nell’osservanza sterile dei precetti, ma viva costantemente la legge dell’amore. Preghiamo:

    Per la purificazione della nostra fede.
    Perché nessuna legge umana sia contraria alla legge di Dio.

    O Signore Dio, che ci hai affidato la tua legge per la nostra vita, aiutaci a non disprezzare nessuno dei tuoi comandi, e a migliorare sempre più il nostro amore al prossimo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.




    Continua in noi, o Dio, la tua opera di salvezza, perché i sacramenti che ci nutrono in questa vita ci preparino a ricevere i beni promessi. Per Cristo nostro Signore





Dal Vangelo secondo Luca

“In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 

Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto»”.



Dio ci sorprende sempre. E’ ovvio! E’ Padre e quindi ama i suoi figli fino a sacrificare se stesso. Una della manifestazioni più belle dell’amore, ammesso che si possa scegliere e fare una graduatoria in questo campo, è scoprire d’essere, pensati, cercati, desiderati.

Zaccheo, pubblicano ed inviso al popolo, è un uomo di bassa statura, vuole incontrare Gesù. La curiosità lo spinge a conoscerlo e, approfittando del fatto che passava nella sua città, Gerico, fa di tutto per vederlo. Sale su un albero, a motivo della calca e della sua bassa statura, e si posiziona favorevolmente per soddisfare la sua curiosità. La sorpresa è grande per lui quando, giunto sul posto, Gesù, alzando lo sguardo e chiamandolo per nome gli intima di scendere e si autoinvita per fermarsi a casa sua. Zaccheo “scese in fretta e lo accolse pieno di gioia”.

Ecco disegnati i due movimenti, non solo del corpo ma dell’animo e della mente, che occorre possedere per incontrare Dio: salire, elevarsi, sollevarsi da terra, abbandonare il recinto e, scendere, lasciare il proprio egoismo, disgregare l’orgoglio ed essere umili. Allora si fa esperienza dell’intimità di Dio. Zaccheo è mosso da curiosità, Gesù desidera incontrarlo. Due scelte, due atteggiamenti differenti per caratura, motivazioni ed intensità. La curiosità è passeggera, effimera, transitoria e si sazia subito perché appaga immediatamente. Il desiderio porta all’intimità, alla condivisione, non si sazia mai è famelico di relazione, trasforma perché in esso è nascosto l’amore. Ed è tanto vero questo per Zaccheo che quell’incontro voluto da Gesù lo trasforma: da peccatore a testimone, dalla pozzanghera alla sorgente, dal tramonto all’alba di una vita nuova.

Prima: dedito al denaro, avido di ricchezza, di guadagno anche disonesto; successivamente: prodigo, generoso, risarcitorio: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Ogni incontro con Dio, vissuto nell’intimità che lui desidera e ci dona, trasforma inevitabilmente. Come il calore del sole, come la carezza, come l’intensità di un abbraccio generano e donano vita nuova ed entusiasmi inesplorati, così l’esperienza di Dio apre nuovi cammini, traccia percorsi inediti, fa conoscere vette mai raggiunte e intimità mai assaporate. Salire e scendere sono i movimenti che debbono possedere le nostre gambe ma soprattutto il nostro cuore. Il resto lo farà la misericordia di Dio che sempre e comunque è più grande, del più devastante dei nostri peccati. Saliamo per conoscerla e scendiamo per gustarla.   



Rivolgiamoci con fiducia a Dio, fonte della rivelazione, perché ci aiuti ad osservare sempre i suoi comandamenti e a vivere nel suo amore. Preghiamo insieme dicendo:

Insegnaci i tuoi sentieri, Signore.

Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti, perché siano fedeli alla parola di Dio e la annuncino sempre con verità. Preghiamo:

Per il popolo ebreo, perché veda nel Cristo il compimento pieno alla sua attesa di salvezza. Preghiamo:

Per i responsabili della vita pubblica, perché nella loro azione legislativa rispettino sempre i diritti e la coscienza degli uomini. Preghiamo:

Per i sofferenti, perché docili all’azione dello Spirito Santo collaborino alla salvezza del mondo. Preghiamo:

Per la nostra comunità, perché non si esaurisca nell’osservanza sterile dei precetti, ma viva costantemente la legge dell’amore. Preghiamo:

Per la purificazione della nostra fede.
Perché nessuna legge umana sia contraria alla legge di Dio.

O Signore Dio, che ci hai affidato la tua legge per la nostra vita, aiutaci a non disprezzare nessuno dei tuoi comandi, e a migliorare sempre più il nostro amore al prossimo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.



Continua in noi, o Dio, la tua opera di salvezza, perché i sacramenti che ci nutrono in questa vita ci preparino a ricevere i beni promessi. Per Cristo nostro Signore

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 novembre 2019

Dio insaziabile cercatore dell’uomo peccatore



Dal Vangelo secondo Luca

“In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 

Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto»”.



Dio ci sorprende sempre. E’ ovvio! E’ Padre e quindi ama i suoi figli fino a sacrificare se stesso. Una della manifestazioni più belle dell’amore, ammesso che si possa scegliere e fare una graduatoria in questo campo, è scoprire d’essere, pensati, cercati, desiderati.

Zaccheo, pubblicano ed inviso al popolo, è un uomo di bassa statura, vuole incontrare Gesù. La curiosità lo spinge a conoscerlo e, approfittando del fatto che passava nella sua città, Gerico, fa di tutto per vederlo. Sale su un albero, a motivo della calca e della sua bassa statura, e si posiziona favorevolmente per soddisfare la sua curiosità. La sorpresa è grande per lui quando, giunto sul posto, Gesù, alzando lo sguardo e chiamandolo per nome gli intima di scendere e si autoinvita per fermarsi a casa sua. Zaccheo “scese in fretta e lo accolse pieno di gioia”.

Ecco disegnati i due movimenti, non solo del corpo ma dell’animo e della mente, che occorre possedere per incontrare Dio: salire, elevarsi, sollevarsi da terra, abbandonare il recinto e, scendere, lasciare il proprio egoismo, disgregare l’orgoglio ed essere umili. Allora si fa esperienza dell’intimità di Dio. Zaccheo è mosso da curiosità, Gesù desidera incontrarlo. Due scelte, due atteggiamenti differenti per caratura, motivazioni ed intensità. La curiosità è passeggera, effimera, transitoria e si sazia subito perché appaga immediatamente. Il desiderio porta all’intimità, alla condivisione, non si sazia mai è famelico di relazione, trasforma perché in esso è nascosto l’amore. Ed è tanto vero questo per Zaccheo che quell’incontro voluto da Gesù lo trasforma: da peccatore a testimone, dalla pozzanghera alla sorgente, dal tramonto all’alba di una vita nuova.

Prima: dedito al denaro, avido di ricchezza, di guadagno anche disonesto; successivamente: prodigo, generoso, risarcitorio: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Ogni incontro con Dio, vissuto nell’intimità che lui desidera e ci dona, trasforma inevitabilmente. Come il calore del sole, come la carezza, come l’intensità di un abbraccio generano e donano vita nuova ed entusiasmi inesplorati, così l’esperienza di Dio apre nuovi cammini, traccia percorsi inediti, fa conoscere vette mai raggiunte e intimità mai assaporate. Salire e scendere sono i movimenti che debbono possedere le nostre gambe ma soprattutto il nostro cuore. Il resto lo farà la misericordia di Dio che sempre e comunque è più grande, del più devastante dei nostri peccati. Saliamo per conoscerla e scendiamo per gustarla.   



Rivolgiamoci con fiducia a Dio, fonte della rivelazione, perché ci aiuti ad osservare sempre i suoi comandamenti e a vivere nel suo amore. Preghiamo insieme dicendo:

Insegnaci i tuoi sentieri, Signore.

Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti, perché siano fedeli alla parola di Dio e la annuncino sempre con verità. Preghiamo:

Per il popolo ebreo, perché veda nel Cristo il compimento pieno alla sua attesa di salvezza. Preghiamo:

Per i responsabili della vita pubblica, perché nella loro azione legislativa rispettino sempre i diritti e la coscienza degli uomini. Preghiamo:

Per i sofferenti, perché docili all’azione dello Spirito Santo collaborino alla salvezza del mondo. Preghiamo:

Per la nostra comunità, perché non si esaurisca nell’osservanza sterile dei precetti, ma viva costantemente la legge dell’amore. Preghiamo:

Per la purificazione della nostra fede.
Perché nessuna legge umana sia contraria alla legge di Dio.

O Signore Dio, che ci hai affidato la tua legge per la nostra vita, aiutaci a non disprezzare nessuno dei tuoi comandi, e a migliorare sempre più il nostro amore al prossimo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.



Continua in noi, o Dio, la tua opera di salvezza, perché i sacramenti che ci nutrono in questa vita ci preparino a ricevere i beni promessi. Per Cristo nostro Signore

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Dio, il forse e la filosofia

Ezechiele quadriforme

Bibbia: poeti e poesie

Matino: L’allegria

Il mio matrimonio è nullo?

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x