8.1 C
Rome
Mar, 10 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XXXI Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 3 novembre 2019

XXXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 novembre 2019

Dio insaziabile cercatore dell’uomo peccatore






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 

    Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
    Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
    Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto»”.




    Dio ci sorprende sempre. E’ ovvio! E’ Padre e quindi ama i suoi figli fino a sacrificare se stesso. Una della manifestazioni più belle dell’amore, ammesso che si possa scegliere e fare una graduatoria in questo campo, è scoprire d’essere, pensati, cercati, desiderati.

    Zaccheo, pubblicano ed inviso al popolo, è un uomo di bassa statura, vuole incontrare Gesù. La curiosità lo spinge a conoscerlo e, approfittando del fatto che passava nella sua città, Gerico, fa di tutto per vederlo. Sale su un albero, a motivo della calca e della sua bassa statura, e si posiziona favorevolmente per soddisfare la sua curiosità. La sorpresa è grande per lui quando, giunto sul posto, Gesù, alzando lo sguardo e chiamandolo per nome gli intima di scendere e si autoinvita per fermarsi a casa sua. Zaccheo “scese in fretta e lo accolse pieno di gioia”.

    Ecco disegnati i due movimenti, non solo del corpo ma dell’animo e della mente, che occorre possedere per incontrare Dio: salire, elevarsi, sollevarsi da terra, abbandonare il recinto e, scendere, lasciare il proprio egoismo, disgregare l’orgoglio ed essere umili. Allora si fa esperienza dell’intimità di Dio. Zaccheo è mosso da curiosità, Gesù desidera incontrarlo. Due scelte, due atteggiamenti differenti per caratura, motivazioni ed intensità. La curiosità è passeggera, effimera, transitoria e si sazia subito perché appaga immediatamente. Il desiderio porta all’intimità, alla condivisione, non si sazia mai è famelico di relazione, trasforma perché in esso è nascosto l’amore. Ed è tanto vero questo per Zaccheo che quell’incontro voluto da Gesù lo trasforma: da peccatore a testimone, dalla pozzanghera alla sorgente, dal tramonto all’alba di una vita nuova.

    Prima: dedito al denaro, avido di ricchezza, di guadagno anche disonesto; successivamente: prodigo, generoso, risarcitorio: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Ogni incontro con Dio, vissuto nell’intimità che lui desidera e ci dona, trasforma inevitabilmente. Come il calore del sole, come la carezza, come l’intensità di un abbraccio generano e donano vita nuova ed entusiasmi inesplorati, così l’esperienza di Dio apre nuovi cammini, traccia percorsi inediti, fa conoscere vette mai raggiunte e intimità mai assaporate. Salire e scendere sono i movimenti che debbono possedere le nostre gambe ma soprattutto il nostro cuore. Il resto lo farà la misericordia di Dio che sempre e comunque è più grande, del più devastante dei nostri peccati. Saliamo per conoscerla e scendiamo per gustarla.   




    Rivolgiamoci con fiducia a Dio, fonte della rivelazione, perché ci aiuti ad osservare sempre i suoi comandamenti e a vivere nel suo amore. Preghiamo insieme dicendo:

    Insegnaci i tuoi sentieri, Signore.

    Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti, perché siano fedeli alla parola di Dio e la annuncino sempre con verità. Preghiamo:

    Per il popolo ebreo, perché veda nel Cristo il compimento pieno alla sua attesa di salvezza. Preghiamo:

    Per i responsabili della vita pubblica, perché nella loro azione legislativa rispettino sempre i diritti e la coscienza degli uomini. Preghiamo:

    Per i sofferenti, perché docili all’azione dello Spirito Santo collaborino alla salvezza del mondo. Preghiamo:

    Per la nostra comunità, perché non si esaurisca nell’osservanza sterile dei precetti, ma viva costantemente la legge dell’amore. Preghiamo:

    Per la purificazione della nostra fede.
    Perché nessuna legge umana sia contraria alla legge di Dio.

    O Signore Dio, che ci hai affidato la tua legge per la nostra vita, aiutaci a non disprezzare nessuno dei tuoi comandi, e a migliorare sempre più il nostro amore al prossimo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.




    Continua in noi, o Dio, la tua opera di salvezza, perché i sacramenti che ci nutrono in questa vita ci preparino a ricevere i beni promessi. Per Cristo nostro Signore








    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 

    Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
    Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
    Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto»”.




    Dio ci sorprende sempre. E’ ovvio! E’ Padre e quindi ama i suoi figli fino a sacrificare se stesso. Una della manifestazioni più belle dell’amore, ammesso che si possa scegliere e fare una graduatoria in questo campo, è scoprire d’essere, pensati, cercati, desiderati.

    Zaccheo, pubblicano ed inviso al popolo, è un uomo di bassa statura, vuole incontrare Gesù. La curiosità lo spinge a conoscerlo e, approfittando del fatto che passava nella sua città, Gerico, fa di tutto per vederlo. Sale su un albero, a motivo della calca e della sua bassa statura, e si posiziona favorevolmente per soddisfare la sua curiosità. La sorpresa è grande per lui quando, giunto sul posto, Gesù, alzando lo sguardo e chiamandolo per nome gli intima di scendere e si autoinvita per fermarsi a casa sua. Zaccheo “scese in fretta e lo accolse pieno di gioia”.

    Ecco disegnati i due movimenti, non solo del corpo ma dell’animo e della mente, che occorre possedere per incontrare Dio: salire, elevarsi, sollevarsi da terra, abbandonare il recinto e, scendere, lasciare il proprio egoismo, disgregare l’orgoglio ed essere umili. Allora si fa esperienza dell’intimità di Dio. Zaccheo è mosso da curiosità, Gesù desidera incontrarlo. Due scelte, due atteggiamenti differenti per caratura, motivazioni ed intensità. La curiosità è passeggera, effimera, transitoria e si sazia subito perché appaga immediatamente. Il desiderio porta all’intimità, alla condivisione, non si sazia mai è famelico di relazione, trasforma perché in esso è nascosto l’amore. Ed è tanto vero questo per Zaccheo che quell’incontro voluto da Gesù lo trasforma: da peccatore a testimone, dalla pozzanghera alla sorgente, dal tramonto all’alba di una vita nuova.

    Prima: dedito al denaro, avido di ricchezza, di guadagno anche disonesto; successivamente: prodigo, generoso, risarcitorio: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Ogni incontro con Dio, vissuto nell’intimità che lui desidera e ci dona, trasforma inevitabilmente. Come il calore del sole, come la carezza, come l’intensità di un abbraccio generano e donano vita nuova ed entusiasmi inesplorati, così l’esperienza di Dio apre nuovi cammini, traccia percorsi inediti, fa conoscere vette mai raggiunte e intimità mai assaporate. Salire e scendere sono i movimenti che debbono possedere le nostre gambe ma soprattutto il nostro cuore. Il resto lo farà la misericordia di Dio che sempre e comunque è più grande, del più devastante dei nostri peccati. Saliamo per conoscerla e scendiamo per gustarla.   




    Rivolgiamoci con fiducia a Dio, fonte della rivelazione, perché ci aiuti ad osservare sempre i suoi comandamenti e a vivere nel suo amore. Preghiamo insieme dicendo:

    Insegnaci i tuoi sentieri, Signore.

    Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti, perché siano fedeli alla parola di Dio e la annuncino sempre con verità. Preghiamo:

    Per il popolo ebreo, perché veda nel Cristo il compimento pieno alla sua attesa di salvezza. Preghiamo:

    Per i responsabili della vita pubblica, perché nella loro azione legislativa rispettino sempre i diritti e la coscienza degli uomini. Preghiamo:

    Per i sofferenti, perché docili all’azione dello Spirito Santo collaborino alla salvezza del mondo. Preghiamo:

    Per la nostra comunità, perché non si esaurisca nell’osservanza sterile dei precetti, ma viva costantemente la legge dell’amore. Preghiamo:

    Per la purificazione della nostra fede.
    Perché nessuna legge umana sia contraria alla legge di Dio.

    O Signore Dio, che ci hai affidato la tua legge per la nostra vita, aiutaci a non disprezzare nessuno dei tuoi comandi, e a migliorare sempre più il nostro amore al prossimo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.




    Continua in noi, o Dio, la tua opera di salvezza, perché i sacramenti che ci nutrono in questa vita ci preparino a ricevere i beni promessi. Per Cristo nostro Signore



Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XXXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 novembre 2019

Dio insaziabile cercatore dell’uomo peccatore






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 

    Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
    Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
    Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto»”.




    Dio ci sorprende sempre. E’ ovvio! E’ Padre e quindi ama i suoi figli fino a sacrificare se stesso. Una della manifestazioni più belle dell’amore, ammesso che si possa scegliere e fare una graduatoria in questo campo, è scoprire d’essere, pensati, cercati, desiderati.

    Zaccheo, pubblicano ed inviso al popolo, è un uomo di bassa statura, vuole incontrare Gesù. La curiosità lo spinge a conoscerlo e, approfittando del fatto che passava nella sua città, Gerico, fa di tutto per vederlo. Sale su un albero, a motivo della calca e della sua bassa statura, e si posiziona favorevolmente per soddisfare la sua curiosità. La sorpresa è grande per lui quando, giunto sul posto, Gesù, alzando lo sguardo e chiamandolo per nome gli intima di scendere e si autoinvita per fermarsi a casa sua. Zaccheo “scese in fretta e lo accolse pieno di gioia”.

    Ecco disegnati i due movimenti, non solo del corpo ma dell’animo e della mente, che occorre possedere per incontrare Dio: salire, elevarsi, sollevarsi da terra, abbandonare il recinto e, scendere, lasciare il proprio egoismo, disgregare l’orgoglio ed essere umili. Allora si fa esperienza dell’intimità di Dio. Zaccheo è mosso da curiosità, Gesù desidera incontrarlo. Due scelte, due atteggiamenti differenti per caratura, motivazioni ed intensità. La curiosità è passeggera, effimera, transitoria e si sazia subito perché appaga immediatamente. Il desiderio porta all’intimità, alla condivisione, non si sazia mai è famelico di relazione, trasforma perché in esso è nascosto l’amore. Ed è tanto vero questo per Zaccheo che quell’incontro voluto da Gesù lo trasforma: da peccatore a testimone, dalla pozzanghera alla sorgente, dal tramonto all’alba di una vita nuova.

    Prima: dedito al denaro, avido di ricchezza, di guadagno anche disonesto; successivamente: prodigo, generoso, risarcitorio: “Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto”. Ogni incontro con Dio, vissuto nell’intimità che lui desidera e ci dona, trasforma inevitabilmente. Come il calore del sole, come la carezza, come l’intensità di un abbraccio generano e donano vita nuova ed entusiasmi inesplorati, così l’esperienza di Dio apre nuovi cammini, traccia percorsi inediti, fa conoscere vette mai raggiunte e intimità mai assaporate. Salire e scendere sono i movimenti che debbono possedere le nostre gambe ma soprattutto il nostro cuore. Il resto lo farà la misericordia di Dio che sempre e comunque è più grande, del più devastante dei nostri peccati. Saliamo per conoscerla e scendiamo per gustarla.   




    Rivolgiamoci con fiducia a Dio, fonte della rivelazione, perché ci aiuti ad osservare sempre i suoi comandamenti e a vivere nel suo amore. Preghiamo insieme dicendo:

    Insegnaci i tuoi sentieri, Signore.

    Per il Papa, i vescovi e i sacerdoti, perché siano fedeli alla parola di Dio e la annuncino sempre con verità. Preghiamo:

    Per il popolo ebreo, perché veda nel Cristo il compimento pieno alla sua attesa di salvezza. Preghiamo:

    Per i responsabili della vita pubblica, perché nella loro azione legislativa rispettino sempre i diritti e la coscienza degli uomini. Preghiamo:

    Per i sofferenti, perché docili all’azione dello Spirito Santo collaborino alla salvezza del mondo. Preghiamo:

    Per la nostra comunità, perché non si esaurisca nell’osservanza sterile dei precetti, ma viva costantemente la legge dell’amore. Preghiamo:

    Per la purificazione della nostra fede.
    Perché nessuna legge umana sia contraria alla legge di Dio.

    O Signore Dio, che ci hai affidato la tua legge per la nostra vita, aiutaci a non disprezzare nessuno dei tuoi comandi, e a migliorare sempre più il nostro amore al prossimo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.




    Continua in noi, o Dio, la tua opera di salvezza, perché i sacramenti che ci nutrono in questa vita ci preparino a ricevere i beni promessi. Per Cristo nostro Signore



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Ri-innamorarsi

Bibbia: poeti e poesie

Dai racconti orali ai Vangeli

Libri – Diacone: un dossier di studio

Un solo Libro, due eredi

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO