14.4 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno AXXX domenica del tempo per annum – 30 ottobre 2014.

XXX domenica del tempo per annum – 30 ottobre 2014.

- Advertisement -

I_001_Libertà

L’amore che porta all’Amore. 

Es 22, 20-26; 1Ts 1, 5c-10; Mt 22, 34-40

Ti amo, Signore, mia forza.

Se dovessimo iniziare con una domanda, certamente potremo chiederci: chi più di Gesù ha amato il Padre «con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente» (Mt 22, 37)? Certamente, nessuno più di lui! È evidente, allora, come tutto il testo sia imbevuto di una dimensione cristologica molto forte; Cristo, infatti, è la chiave che apre lo scrigno del Padre e, per il credente che si accosta alla lettura di questa pericope, è chiaro anche come Cristo stesso sia l’incarnazione e la realizzazione delle promesse salvifiche, il punto nodale senza il quale nulla può riuscire.

Gesù rivela all’uomo la sua vocazione: quella ad amare. L’amore, tuttavia, non può essere categorizzato, comandato o imposto per legge; il van­gelo pertanto, quando si riferisce a quest’ultimo identificandolo come “comandamento”, certamente intende delineare una normativa, un precetto morale o una prospettiva di vita, ma più di tutto, una possibilità che l’uomo stesso già possiede nel suo intimo. In buona sostanza: “Devi amare perché questo è insito in te!”, “Devi amare perché solo in questo modo potrai realizzarti!”.

L’amore, in aggiunta, si districa tra due punti focali imprescindibili: Dio e il prossimo. Esso non è un’emozione melliflua e sfocata, consta invece di azioni concrete, scelte, predilezioni nette. Per amare Dio è necessario “covare” e rimuovere ogni ostacolo capace di rinnegare la signoria di Dio. A questo punto, tutto ciò, non può far altro che condurre il cristiano a mettere in atto una vera e propria purificazione perpetua. C’è sempre qualcosa o peggio qualcuno che può porsi come diaframma fra il creden­te e Dio. Tutto ciò significa lottare quotidianamente, “difendersi” mutuando vigilanza e capacità critica e, infine, “attaccare” adottando scelte coraggiose: Dio è vivo e vero, ma è pur vero che gli idoli danno tante co­mode sicurezze.

L’amore per il prossimo poi, come quello per Dio, richiede scelte concrete, predilezioni e atti degni della propria umanità. «Non molesterai il forestiero» (Es 22, 20) afferma la prima lettura; come si pone allora la co­scienza cristiana di fronte alle molte forme di sfruttamento, di re­pulsione o di emarginazione dello straniero? La Bibbia motiva tale precetto attraverso il far memoria della condizione di esule del popolo stesso in Egitto. Per i cristiani, però, il passato non costituisce il punto d’arrivo, si fa memoria soprattutto del presente che si proietta nel futuro. La precarietà umana nell’arco di questa vita è acclarata; tutti siamo accomunati da una certa e reciproca condizione di “estraneità”, tuttavia, la consapevolezza di essere forestieri in questo mondo si giustifica e si trasfigura nella certezza di essere cittadini del cielo.

È necessario mantenere viva la capacità di indignarsi ogni volta che la dignità altrui viene violata, perseguendo e denunciando ogni sorta di criminalità schiavizzante e sottraendo, infine, ogni forma di sostenta­mento al malaffare. Solo in questo modo il “precetto” dell’amore potrà rianimare ogni vita e infuocare ogni speranza.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXX domenica del tempo per annum – 30 ottobre 2014.

- Advertisement -

I_001_Libertà

L’amore che porta all’Amore. 

Es 22, 20-26; 1Ts 1, 5c-10; Mt 22, 34-40

Ti amo, Signore, mia forza.

- Advertisement -

Se dovessimo iniziare con una domanda, certamente potremo chiederci: chi più di Gesù ha amato il Padre «con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente» (Mt 22, 37)? Certamente, nessuno più di lui! È evidente, allora, come tutto il testo sia imbevuto di una dimensione cristologica molto forte; Cristo, infatti, è la chiave che apre lo scrigno del Padre e, per il credente che si accosta alla lettura di questa pericope, è chiaro anche come Cristo stesso sia l’incarnazione e la realizzazione delle promesse salvifiche, il punto nodale senza il quale nulla può riuscire.

Gesù rivela all’uomo la sua vocazione: quella ad amare. L’amore, tuttavia, non può essere categorizzato, comandato o imposto per legge; il van­gelo pertanto, quando si riferisce a quest’ultimo identificandolo come “comandamento”, certamente intende delineare una normativa, un precetto morale o una prospettiva di vita, ma più di tutto, una possibilità che l’uomo stesso già possiede nel suo intimo. In buona sostanza: “Devi amare perché questo è insito in te!”, “Devi amare perché solo in questo modo potrai realizzarti!”.

L’amore, in aggiunta, si districa tra due punti focali imprescindibili: Dio e il prossimo. Esso non è un’emozione melliflua e sfocata, consta invece di azioni concrete, scelte, predilezioni nette. Per amare Dio è necessario “covare” e rimuovere ogni ostacolo capace di rinnegare la signoria di Dio. A questo punto, tutto ciò, non può far altro che condurre il cristiano a mettere in atto una vera e propria purificazione perpetua. C’è sempre qualcosa o peggio qualcuno che può porsi come diaframma fra il creden­te e Dio. Tutto ciò significa lottare quotidianamente, “difendersi” mutuando vigilanza e capacità critica e, infine, “attaccare” adottando scelte coraggiose: Dio è vivo e vero, ma è pur vero che gli idoli danno tante co­mode sicurezze.

L’amore per il prossimo poi, come quello per Dio, richiede scelte concrete, predilezioni e atti degni della propria umanità. «Non molesterai il forestiero» (Es 22, 20) afferma la prima lettura; come si pone allora la co­scienza cristiana di fronte alle molte forme di sfruttamento, di re­pulsione o di emarginazione dello straniero? La Bibbia motiva tale precetto attraverso il far memoria della condizione di esule del popolo stesso in Egitto. Per i cristiani, però, il passato non costituisce il punto d’arrivo, si fa memoria soprattutto del presente che si proietta nel futuro. La precarietà umana nell’arco di questa vita è acclarata; tutti siamo accomunati da una certa e reciproca condizione di “estraneità”, tuttavia, la consapevolezza di essere forestieri in questo mondo si giustifica e si trasfigura nella certezza di essere cittadini del cielo.

È necessario mantenere viva la capacità di indignarsi ogni volta che la dignità altrui viene violata, perseguendo e denunciando ogni sorta di criminalità schiavizzante e sottraendo, infine, ogni forma di sostenta­mento al malaffare. Solo in questo modo il “precetto” dell’amore potrà rianimare ogni vita e infuocare ogni speranza.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La morte, compagna della vita

Wénin: Abramo

I profeti minori “quadriformi”

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x