12.6 C
Roma
Ven, 4 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A XXX Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 25 ottobre 2020

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 25 ottobre 2020

La vera razionalità dell’amore è la follia






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
    Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti»”.




    Amare alla follia è la vera razionalità e progettualità dell’amore. Non si può amare a mezze misure, si ama con intensità, con pienezza e con sacrifico, ma, soprattutto, gratuitamente. L’amore non si merita si accoglie. Chi ama sente dentro di sé una forza che lo chiama a spingersi al massimo, fino alla follia, per raggiungere la persona amata. Così ha fatto e ci ha insegnato Dio, morendo sulla croce, vera follia delle follie. Siccome la sua morte non è uno spettacolo, ma un’offerta, ci insegna a fare lo stesso nella e della nostra vita.

    Il punto di convergenza del nostro amore deve, necessariamente, essere prima e, soprattutto, Dio e poi, di conseguenza, quasi per caduta, il nostro prossimo. Entrambi sono da amare senza misura, con intensità massima e con aspirazione profonda. Da Dio s’impara ad amare amandolo. Il prossimo diventa la palestra per esercitarci nell’arte dell’amore appresa da Dio dalla cattedra della croce. Davvero il vertice dell’amore è il dono totale di se stessi. E’ l’Everest dell’amore. Un’altezza così vertiginosa che è quasi scandalosa: Dio ama alla follia la sua creatura, la sua argilla. Da questa fonte inesauribile e da quest’altezza vertiginosa, l’uomo apprende che essere amato significa amare. Un amore solo ricevuto e non donato muore. Non attecchisce. Un amore che non è generativo, rimane poveramente sterile e destinato ad esaurirsi in se stesso. Diventa putrescente, stagnante.

    Invece, ristorati e dissetati dalla limpidezza dell’amore sorgivo di Dio; appagati dalla verticistica altezza a cui lui ci chiama amandoci, anche ciascun uomo è chiamato a dare amore e condividere amore. Prima di tutto e soprattutto a Dio stesso che deve essere amato con tutte le proprie forze, aspirazioni e capacità, ma amare anche il prossimo, senza distinzioni, senza classifiche di merito. Per il fatto stesso che una persona esiste diventa creditrice di un amare da ricevere, di un amore che può “pretendere” da chi è stato illuminato e beneficato dall’amore di Dio.

    L’amore è centrifugo e non centripeto. Non può rinchiudersi in se stesso. Per sua natura è dilatativo e non selettivo. L’unica misura dell’amore è amare senza misura. Infinitamente. Con tutte le forze e le capacità di cui si dispone. Anche la misura più larga, abbondante, generosa sarebbe restrittiva dinanzi alla necessità di non porre limiti, di non interporre “se” e “ma”. L’amore chiede, non molto, ma, tutto e per sempre.

    In questo modo, l’amore, da comandamento da osservare, diventa necessità da donare, motore della vita. Occorre allora schiacciare l’acceleratore a tavoletta per sentire l’emozione della velocità, anche folle, perché su questa strada, quella dell’amore, non ci sono limiti di velocità, ma ognuno corre come sa e come può, anche in modo folle, se vuole, tanto, non reca danno a nessuno. Anzi!




    Al Dio che ha risuscitato Cristo dai morti, rivolgiamo la nostra preghiera perché apra il nostro cuore e la nostra mente alla ricchezza del suo mistero. Diciamo insieme:

    Illuminaci, o Signore.

    Perché la Chiesa aiuti gli uomini a superare i problemi e le difficoltà della vita, alla luce della risurrezione di Cristo. Preghiamo:

    Perché chi ha responsabilità di governo promuova anche la dimensione spirituale degli uomini. Preghiamo:

    Perché i sofferenti trovino in Dio e nella risurrezione di Cristo, senso e conforto al loro dolore. Preghiamo:

    Perché tutti gli uomini si accostino a Dio come datore della vita e liberatore da ogni male. Preghiamo:

    Perché la nostra comunità sappia leggere e interpretare la storia quotidiana alla luce della parola di Dio. Preghiamo:

    Per le persone vedove della nostra parrocchia.
    Per chi non crede nella risurrezione dei morti.

    O Dio dei viventi e Padre di ciascuno di noi, aiutaci a gustare e vivere pienamente i nostri giorni accanto a te, perché possiamo diventare uomini a immagine del tuo Figlio e nostro Signore, che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.




    Signore, questo sacramento della nostra fede compia in noi ciò che esprime e ci ottenga il possesso delle realtà eterne, che ora celebriamo nel mistero. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti»”.



Amare alla follia è la vera razionalità e progettualità dell’amore. Non si può amare a mezze misure, si ama con intensità, con pienezza e con sacrifico, ma, soprattutto, gratuitamente. L’amore non si merita si accoglie. Chi ama sente dentro di sé una forza che lo chiama a spingersi al massimo, fino alla follia, per raggiungere la persona amata. Così ha fatto e ci ha insegnato Dio, morendo sulla croce, vera follia delle follie. Siccome la sua morte non è uno spettacolo, ma un’offerta, ci insegna a fare lo stesso nella e della nostra vita.

Il punto di convergenza del nostro amore deve, necessariamente, essere prima e, soprattutto, Dio e poi, di conseguenza, quasi per caduta, il nostro prossimo. Entrambi sono da amare senza misura, con intensità massima e con aspirazione profonda. Da Dio s’impara ad amare amandolo. Il prossimo diventa la palestra per esercitarci nell’arte dell’amore appresa da Dio dalla cattedra della croce. Davvero il vertice dell’amore è il dono totale di se stessi. E’ l’Everest dell’amore. Un’altezza così vertiginosa che è quasi scandalosa: Dio ama alla follia la sua creatura, la sua argilla. Da questa fonte inesauribile e da quest’altezza vertiginosa, l’uomo apprende che essere amato significa amare. Un amore solo ricevuto e non donato muore. Non attecchisce. Un amore che non è generativo, rimane poveramente sterile e destinato ad esaurirsi in se stesso. Diventa putrescente, stagnante.

Invece, ristorati e dissetati dalla limpidezza dell’amore sorgivo di Dio; appagati dalla verticistica altezza a cui lui ci chiama amandoci, anche ciascun uomo è chiamato a dare amore e condividere amore. Prima di tutto e soprattutto a Dio stesso che deve essere amato con tutte le proprie forze, aspirazioni e capacità, ma amare anche il prossimo, senza distinzioni, senza classifiche di merito. Per il fatto stesso che una persona esiste diventa creditrice di un amare da ricevere, di un amore che può “pretendere” da chi è stato illuminato e beneficato dall’amore di Dio.

L’amore è centrifugo e non centripeto. Non può rinchiudersi in se stesso. Per sua natura è dilatativo e non selettivo. L’unica misura dell’amore è amare senza misura. Infinitamente. Con tutte le forze e le capacità di cui si dispone. Anche la misura più larga, abbondante, generosa sarebbe restrittiva dinanzi alla necessità di non porre limiti, di non interporre “se” e “ma”. L’amore chiede, non molto, ma, tutto e per sempre.

In questo modo, l’amore, da comandamento da osservare, diventa necessità da donare, motore della vita. Occorre allora schiacciare l’acceleratore a tavoletta per sentire l’emozione della velocità, anche folle, perché su questa strada, quella dell’amore, non ci sono limiti di velocità, ma ognuno corre come sa e come può, anche in modo folle, se vuole, tanto, non reca danno a nessuno. Anzi!



Al Dio che ha risuscitato Cristo dai morti, rivolgiamo la nostra preghiera perché apra il nostro cuore e la nostra mente alla ricchezza del suo mistero. Diciamo insieme:

Illuminaci, o Signore.

Perché la Chiesa aiuti gli uomini a superare i problemi e le difficoltà della vita, alla luce della risurrezione di Cristo. Preghiamo:

Perché chi ha responsabilità di governo promuova anche la dimensione spirituale degli uomini. Preghiamo:

Perché i sofferenti trovino in Dio e nella risurrezione di Cristo, senso e conforto al loro dolore. Preghiamo:

Perché tutti gli uomini si accostino a Dio come datore della vita e liberatore da ogni male. Preghiamo:

Perché la nostra comunità sappia leggere e interpretare la storia quotidiana alla luce della parola di Dio. Preghiamo:

Per le persone vedove della nostra parrocchia.
Per chi non crede nella risurrezione dei morti.

O Dio dei viventi e Padre di ciascuno di noi, aiutaci a gustare e vivere pienamente i nostri giorni accanto a te, perché possiamo diventare uomini a immagine del tuo Figlio e nostro Signore, che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.



Signore, questo sacramento della nostra fede compia in noi ciò che esprime e ci ottenga il possesso delle realtà eterne, che ora celebriamo nel mistero. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 25 ottobre 2020

La vera razionalità dell’amore è la follia



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».
Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti»”.



Amare alla follia è la vera razionalità e progettualità dell’amore. Non si può amare a mezze misure, si ama con intensità, con pienezza e con sacrifico, ma, soprattutto, gratuitamente. L’amore non si merita si accoglie. Chi ama sente dentro di sé una forza che lo chiama a spingersi al massimo, fino alla follia, per raggiungere la persona amata. Così ha fatto e ci ha insegnato Dio, morendo sulla croce, vera follia delle follie. Siccome la sua morte non è uno spettacolo, ma un’offerta, ci insegna a fare lo stesso nella e della nostra vita.

Il punto di convergenza del nostro amore deve, necessariamente, essere prima e, soprattutto, Dio e poi, di conseguenza, quasi per caduta, il nostro prossimo. Entrambi sono da amare senza misura, con intensità massima e con aspirazione profonda. Da Dio s’impara ad amare amandolo. Il prossimo diventa la palestra per esercitarci nell’arte dell’amore appresa da Dio dalla cattedra della croce. Davvero il vertice dell’amore è il dono totale di se stessi. E’ l’Everest dell’amore. Un’altezza così vertiginosa che è quasi scandalosa: Dio ama alla follia la sua creatura, la sua argilla. Da questa fonte inesauribile e da quest’altezza vertiginosa, l’uomo apprende che essere amato significa amare. Un amore solo ricevuto e non donato muore. Non attecchisce. Un amore che non è generativo, rimane poveramente sterile e destinato ad esaurirsi in se stesso. Diventa putrescente, stagnante.

Invece, ristorati e dissetati dalla limpidezza dell’amore sorgivo di Dio; appagati dalla verticistica altezza a cui lui ci chiama amandoci, anche ciascun uomo è chiamato a dare amore e condividere amore. Prima di tutto e soprattutto a Dio stesso che deve essere amato con tutte le proprie forze, aspirazioni e capacità, ma amare anche il prossimo, senza distinzioni, senza classifiche di merito. Per il fatto stesso che una persona esiste diventa creditrice di un amare da ricevere, di un amore che può “pretendere” da chi è stato illuminato e beneficato dall’amore di Dio.

L’amore è centrifugo e non centripeto. Non può rinchiudersi in se stesso. Per sua natura è dilatativo e non selettivo. L’unica misura dell’amore è amare senza misura. Infinitamente. Con tutte le forze e le capacità di cui si dispone. Anche la misura più larga, abbondante, generosa sarebbe restrittiva dinanzi alla necessità di non porre limiti, di non interporre “se” e “ma”. L’amore chiede, non molto, ma, tutto e per sempre.

In questo modo, l’amore, da comandamento da osservare, diventa necessità da donare, motore della vita. Occorre allora schiacciare l’acceleratore a tavoletta per sentire l’emozione della velocità, anche folle, perché su questa strada, quella dell’amore, non ci sono limiti di velocità, ma ognuno corre come sa e come può, anche in modo folle, se vuole, tanto, non reca danno a nessuno. Anzi!



Al Dio che ha risuscitato Cristo dai morti, rivolgiamo la nostra preghiera perché apra il nostro cuore e la nostra mente alla ricchezza del suo mistero. Diciamo insieme:

Illuminaci, o Signore.

Perché la Chiesa aiuti gli uomini a superare i problemi e le difficoltà della vita, alla luce della risurrezione di Cristo. Preghiamo:

Perché chi ha responsabilità di governo promuova anche la dimensione spirituale degli uomini. Preghiamo:

Perché i sofferenti trovino in Dio e nella risurrezione di Cristo, senso e conforto al loro dolore. Preghiamo:

Perché tutti gli uomini si accostino a Dio come datore della vita e liberatore da ogni male. Preghiamo:

Perché la nostra comunità sappia leggere e interpretare la storia quotidiana alla luce della parola di Dio. Preghiamo:

Per le persone vedove della nostra parrocchia.
Per chi non crede nella risurrezione dei morti.

O Dio dei viventi e Padre di ciascuno di noi, aiutaci a gustare e vivere pienamente i nostri giorni accanto a te, perché possiamo diventare uomini a immagine del tuo Figlio e nostro Signore, che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.



Signore, questo sacramento della nostra fede compia in noi ciò che esprime e ci ottenga il possesso delle realtà eterne, che ora celebriamo nel mistero. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
291FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
141IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Libri consigliati

Il Libro della Sapienza

Liturgia e secolarizzazione

Razzismo 2.0, l’odio online

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x