8.9 C
Rome
venerdì, 22 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XXVIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 13 ottobre 2019

XXVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 13 ottobre 2019

Il vero canto del cuore è la gratitudine






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
    Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
    Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
    Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!»”.




      Dieci lebbrosi all’ingresso di un villaggio, nove giudei e un samaritano insieme. La sofferenza li ha uniti, la guarigione li separerà” (Ermes Ronchi).

    Gesù li incontra ed ascolta la loro richiesta esaudendola. Vengono inviati ai sacerdoti, per la rituale purificazione, e, mentre vanno, vengono guariti secondo la loro richiesta. Nove si accontentano della guarigione e fuggono via soddisfatti ed avvolti nella loro libertà ritrovata. Uno solo, lo straniero fra essi, sente la necessità di tornare indietro per ringraziare Gesù. E solo lui viene salvato oltre che guarito.

    Le nostre preghiere, molte volte, sono liste interminabili di necessità che rappresentiamo a Dio, come se lui non conoscesse i nostri veri bisogni, e così lo trattiamo da sbadato o pretendiamo di essere i suoi segretari per ricordargli quello che deve fare. “… Il Padre vostro sa di cosa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate…” (Matteo 6,8). Invece è vuota e senza appuntamenti l’agenda per il ringraziamento di ciò che abbiamo ricevuto e delle premure di cui ci riveste ogni giorno la misericordiosa paternità di Dio. E’ uno scompenso questo che descrive il cuore dell’uomo: premuroso e mendicante nel chiedere, egoistico e avaro nel ringraziare. Chissà perché la gioia seppellisce il legittimo e doveroso rispetto che si deve avere per esprimere gratitudine e riconoscenza. La richiesta è sempre accompagnata da acume e da solerzia, il ringraziamento è avaro, debole o, addirittura, latitante.

    Lo straniero che torna da Gesù ha compreso che la relazione con lui vale più della guarigione, il ringraziamento è condivisione della gioia come si era condiviso lo stato di necessità. L’egoismo ci fa arrotolare in noi stessi come un gomitolo che a forza di avvolgersi s’ingrossa sempre di più ma s’ingarbuglia in se stesso e diventa difficile snodarsi, srotolarsi per donarsi agli altri.

    La gratitudine è il vero canto del cuore e la liberazione totale. Tutto è dono, tutto è grazia, dalla vita in poi, cioè dall’inizio. Quindi ciascuno di noi dovrebbe sempre cantare il suo inno di ringraziamento e questa dovrebbe essere la colonna sonora quotidiana che non dobbiamo mai spegnere ma sempre implementare perché la forza della gratitudine si accresca sempre più perché più profonda diventa la consapevolezza che tutto viene da Dio e a lui deve tornare come segno della nostra personale riconoscenza. L’Eucaristia è il ringraziamento più eccellente che l’uomo possa dare a Dio e disegna questo venire ed andare verso Dio.




    Dio interviene liberamente nella storia, scegliendo a volte testimoni inaspettati. Invero, chi opera il bene e confessa il nome di Gesù è già nella verità. Fiduciosi ripetiamo:

    Padre, ascoltaci nel nome di Gesù!

    Fa’ che la Chiesa sappia rispondere alle attese profonde dell’uomo d’oggi, donandogli la tua pace. Ti preghiamo:

    Fa’ che il dialogo fra i cristiani e i rappresentanti delle altre religioni continui fraternamente per il bene dell’umanità. Ti preghiamo:

    Fa’ che la nostra nazione non si spaventi per il male diffuso e proclamato, ma confidi nella bontà silenziosa di molti. Ti preghiamo:

    Fa’ che i nostri schemi pastorali siano sempre completati dalla tua meravigliosa onnipotenza. Ti preghiamo:

    Fa’ che tutti i frammenti di bene sparsi nel mondo siano raccolti insieme nell’unico pane che offriamo a te. Ti preghiamo:

    Per chi si interroga sul cristo e sulla Chiesa.
    Per chi fa il bene silenziosamente. Ti preghiamo:

    La tua grazia, Signore, porti a compimento il bene presente in ogni uomo, perché con il Cristo tuo Figlio, principio e sintesi di ogni cosa, l’umanità tutta canti all’infinita tua grandezza per i secoli eterni. Amen.




    Padre santo e misericordioso, che ci hai nutriti con il corpo e sangue del tuo Figlio, per questa partecipazione al suo sacrificio donaci di comunicare alla sua stessa vita. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.








    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
    Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
    Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
    Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!»”.




      Dieci lebbrosi all’ingresso di un villaggio, nove giudei e un samaritano insieme. La sofferenza li ha uniti, la guarigione li separerà” (Ermes Ronchi).

    Gesù li incontra ed ascolta la loro richiesta esaudendola. Vengono inviati ai sacerdoti, per la rituale purificazione, e, mentre vanno, vengono guariti secondo la loro richiesta. Nove si accontentano della guarigione e fuggono via soddisfatti ed avvolti nella loro libertà ritrovata. Uno solo, lo straniero fra essi, sente la necessità di tornare indietro per ringraziare Gesù. E solo lui viene salvato oltre che guarito.

    Le nostre preghiere, molte volte, sono liste interminabili di necessità che rappresentiamo a Dio, come se lui non conoscesse i nostri veri bisogni, e così lo trattiamo da sbadato o pretendiamo di essere i suoi segretari per ricordargli quello che deve fare. “… Il Padre vostro sa di cosa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate…” (Matteo 6,8). Invece è vuota e senza appuntamenti l’agenda per il ringraziamento di ciò che abbiamo ricevuto e delle premure di cui ci riveste ogni giorno la misericordiosa paternità di Dio. E’ uno scompenso questo che descrive il cuore dell’uomo: premuroso e mendicante nel chiedere, egoistico e avaro nel ringraziare. Chissà perché la gioia seppellisce il legittimo e doveroso rispetto che si deve avere per esprimere gratitudine e riconoscenza. La richiesta è sempre accompagnata da acume e da solerzia, il ringraziamento è avaro, debole o, addirittura, latitante.

    Lo straniero che torna da Gesù ha compreso che la relazione con lui vale più della guarigione, il ringraziamento è condivisione della gioia come si era condiviso lo stato di necessità. L’egoismo ci fa arrotolare in noi stessi come un gomitolo che a forza di avvolgersi s’ingrossa sempre di più ma s’ingarbuglia in se stesso e diventa difficile snodarsi, srotolarsi per donarsi agli altri.

    La gratitudine è il vero canto del cuore e la liberazione totale. Tutto è dono, tutto è grazia, dalla vita in poi, cioè dall’inizio. Quindi ciascuno di noi dovrebbe sempre cantare il suo inno di ringraziamento e questa dovrebbe essere la colonna sonora quotidiana che non dobbiamo mai spegnere ma sempre implementare perché la forza della gratitudine si accresca sempre più perché più profonda diventa la consapevolezza che tutto viene da Dio e a lui deve tornare come segno della nostra personale riconoscenza. L’Eucaristia è il ringraziamento più eccellente che l’uomo possa dare a Dio e disegna questo venire ed andare verso Dio.




    Dio interviene liberamente nella storia, scegliendo a volte testimoni inaspettati. Invero, chi opera il bene e confessa il nome di Gesù è già nella verità. Fiduciosi ripetiamo:

    Padre, ascoltaci nel nome di Gesù!

    Fa’ che la Chiesa sappia rispondere alle attese profonde dell’uomo d’oggi, donandogli la tua pace. Ti preghiamo:

    Fa’ che il dialogo fra i cristiani e i rappresentanti delle altre religioni continui fraternamente per il bene dell’umanità. Ti preghiamo:

    Fa’ che la nostra nazione non si spaventi per il male diffuso e proclamato, ma confidi nella bontà silenziosa di molti. Ti preghiamo:

    Fa’ che i nostri schemi pastorali siano sempre completati dalla tua meravigliosa onnipotenza. Ti preghiamo:

    Fa’ che tutti i frammenti di bene sparsi nel mondo siano raccolti insieme nell’unico pane che offriamo a te. Ti preghiamo:

    Per chi si interroga sul cristo e sulla Chiesa.
    Per chi fa il bene silenziosamente. Ti preghiamo:

    La tua grazia, Signore, porti a compimento il bene presente in ogni uomo, perché con il Cristo tuo Figlio, principio e sintesi di ogni cosa, l’umanità tutta canti all’infinita tua grandezza per i secoli eterni. Amen.




    Padre santo e misericordioso, che ci hai nutriti con il corpo e sangue del tuo Figlio, per questa partecipazione al suo sacrificio donaci di comunicare alla sua stessa vita. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XXVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 13 ottobre 2019

Il vero canto del cuore è la gratitudine






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
    Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
    Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
    Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!»”.




      Dieci lebbrosi all’ingresso di un villaggio, nove giudei e un samaritano insieme. La sofferenza li ha uniti, la guarigione li separerà” (Ermes Ronchi).

    Gesù li incontra ed ascolta la loro richiesta esaudendola. Vengono inviati ai sacerdoti, per la rituale purificazione, e, mentre vanno, vengono guariti secondo la loro richiesta. Nove si accontentano della guarigione e fuggono via soddisfatti ed avvolti nella loro libertà ritrovata. Uno solo, lo straniero fra essi, sente la necessità di tornare indietro per ringraziare Gesù. E solo lui viene salvato oltre che guarito.

    Le nostre preghiere, molte volte, sono liste interminabili di necessità che rappresentiamo a Dio, come se lui non conoscesse i nostri veri bisogni, e così lo trattiamo da sbadato o pretendiamo di essere i suoi segretari per ricordargli quello che deve fare. “… Il Padre vostro sa di cosa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate…” (Matteo 6,8). Invece è vuota e senza appuntamenti l’agenda per il ringraziamento di ciò che abbiamo ricevuto e delle premure di cui ci riveste ogni giorno la misericordiosa paternità di Dio. E’ uno scompenso questo che descrive il cuore dell’uomo: premuroso e mendicante nel chiedere, egoistico e avaro nel ringraziare. Chissà perché la gioia seppellisce il legittimo e doveroso rispetto che si deve avere per esprimere gratitudine e riconoscenza. La richiesta è sempre accompagnata da acume e da solerzia, il ringraziamento è avaro, debole o, addirittura, latitante.

    Lo straniero che torna da Gesù ha compreso che la relazione con lui vale più della guarigione, il ringraziamento è condivisione della gioia come si era condiviso lo stato di necessità. L’egoismo ci fa arrotolare in noi stessi come un gomitolo che a forza di avvolgersi s’ingrossa sempre di più ma s’ingarbuglia in se stesso e diventa difficile snodarsi, srotolarsi per donarsi agli altri.

    La gratitudine è il vero canto del cuore e la liberazione totale. Tutto è dono, tutto è grazia, dalla vita in poi, cioè dall’inizio. Quindi ciascuno di noi dovrebbe sempre cantare il suo inno di ringraziamento e questa dovrebbe essere la colonna sonora quotidiana che non dobbiamo mai spegnere ma sempre implementare perché la forza della gratitudine si accresca sempre più perché più profonda diventa la consapevolezza che tutto viene da Dio e a lui deve tornare come segno della nostra personale riconoscenza. L’Eucaristia è il ringraziamento più eccellente che l’uomo possa dare a Dio e disegna questo venire ed andare verso Dio.




    Dio interviene liberamente nella storia, scegliendo a volte testimoni inaspettati. Invero, chi opera il bene e confessa il nome di Gesù è già nella verità. Fiduciosi ripetiamo:

    Padre, ascoltaci nel nome di Gesù!

    Fa’ che la Chiesa sappia rispondere alle attese profonde dell’uomo d’oggi, donandogli la tua pace. Ti preghiamo:

    Fa’ che il dialogo fra i cristiani e i rappresentanti delle altre religioni continui fraternamente per il bene dell’umanità. Ti preghiamo:

    Fa’ che la nostra nazione non si spaventi per il male diffuso e proclamato, ma confidi nella bontà silenziosa di molti. Ti preghiamo:

    Fa’ che i nostri schemi pastorali siano sempre completati dalla tua meravigliosa onnipotenza. Ti preghiamo:

    Fa’ che tutti i frammenti di bene sparsi nel mondo siano raccolti insieme nell’unico pane che offriamo a te. Ti preghiamo:

    Per chi si interroga sul cristo e sulla Chiesa.
    Per chi fa il bene silenziosamente. Ti preghiamo:

    La tua grazia, Signore, porti a compimento il bene presente in ogni uomo, perché con il Cristo tuo Figlio, principio e sintesi di ogni cosa, l’umanità tutta canti all’infinita tua grandezza per i secoli eterni. Amen.




    Padre santo e misericordioso, che ci hai nutriti con il corpo e sangue del tuo Figlio, per questa partecipazione al suo sacrificio donaci di comunicare alla sua stessa vita. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La preghiera, la sete, le radici

Teologia spirituale

Rileggere il Decalogo

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO