17.1 C
Roma
Sab, 24 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A XXVII Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 4 ottobre 2020

XXVII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 4 ottobre 2020

Pigiare grappoli di solidarietà per il buon vino della consolazione






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo:
    «Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.
    Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo.
    Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!”. Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero.
    Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?».
    Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo».
    E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:
    “La pietra che i costruttori hanno scartato
    è diventata la pietra d’angolo;
    questo è stato fatto dal Signore
    ed è una meraviglia ai nostri occhi”?
    Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti»”. 




    Quello che Dio ha fatto e fa per ciascun uomo è al limite della follia. Lui ci ama davvero e si prende cura di ogni ognuno, come un padre con cuore di madre. La massima tenerezza. Lui ci immagina come una vigna che riceve tutte le cure e le attenzioni degli operai perché sia florida, sana e portatrice di frutti. Ma quando invia i suoi servi per il raccolto si accorge che la vigna, purtroppo, è infruttifera.

    I frutti che Dio desidera da noi è che nel mondo in generale, e, nelle nostre storie in particolare, non ci siano più contese, rivalità, soprusi, ingiustizie. Non ci siano più profughi, fughe dalle proprie terre di origine, emigrazioni in massa, malati lasciati a se stessi, anziani abbandonati.

    I servi che, oggi, Dio invia a noi sono i poveri che bussano alla nostra porta, i malati che attendono una visita, il vicino che chiede relazione, la moglie che reclama attenzioni, i figli che vogliono l’unità dei genitori. Tutte queste attese come vengono “dissetate”? con vino buono frutto di un raccolto generoso e genuino, oppure solo aceto o peggio ancora rovi e spine? Il Vignaiolo della parabola non si scoraggia, neppure dinanzi ai rifiuti e alle uccisione dei servi che manda nel campo. Insiste, speranzoso e investe la risorsa più grande: manda suo figlio confidando nel rispetto per la sua stirpe. Ma anche lui tristemente, viene soppresso. Lo interpretano come l’erede che si prende tutto allora i vignaioli decidono di sopprimerlo per avidità. L’”ubriacatura per il potere e il denaro è l’origine di tutte le vendemmie di sangue della terra”. Occorre, come tutti i buoni contadini fanno in caso di vigne ingenerose, trasformare le colture, creare nuovi innesti, sperimentare nuovi vitigni perché la successiva vendemmia produca il buon vino dell’accoglienza, della condivisione, della fraternità e del rispetto reciproco, della facile ed esaltante tolleranza. Dell’integrazione e non delle opposizioni. Questi grappoli si attendono con speranza perché doneranno la gioia e la consolazione che sono i veri frutti che Dio, Padre Vignaiolo, vuole che gli uomini, suoi figli, pigino per avere il vino della consolazione.




    La risurrezione di Cristo è il grande segno della nostra fede. Con l’assistenza dello Spirito, chiediamo al Padre la semplicità e l’amore, dicendo:

    Sostieni la nostra fede, Signore.

    Perché la Chiesa testimoni la verità di Cristo rinunciando alla potenza esteriore, e, sostenuta dall’amore, cammini con gioia nella via dell’umiltà e della povertà. Preghiamo:

    Perché i giovani non si lascino sedurre dalla tentazione della violenza ma scoprano nel comandamento dell’amore l’unica possibilità per la personale realizzazione. Preghiamo:

    Perché chi vive nel dubbio e nell’incertezza si abbandoni fiduciosamente nel grembo di Dio, da cui ogni vita ha origine. Preghiamo:

    Perché il popolo cristiano abbandoni ogni forma di superstizione, e creda unicamente nel Signore morto e risorto per tutti. Preghiamo:

    Perché la nostra fede, nutrita dalla preghiera e dai sacramenti, sia sempre più vera e gioiosa e si esprima attraverso i numerosi carismi ricevuti gratuitamente per il bene di tutti. Preghiamo:

    Perché non poniamo delle condizioni al Signore.
    Per chi si è pentito dei delitti commessi.

    O Dio, tu possiedi tutta la gloria e la potenza; eppure hai voluto manifestarti sotto le umili spoglie di un uomo povero e crocifisso. Aiutaci ad essere sereni nei nostri limiti e a godere dei doni che ci hai dato. Per Cristo nostro Signore. Amen.




    La comunione a questo sacramento sazi la nostra fame e sete di te, o Padre, e ci trasformi nel Cristo tuo Figlio. Egli vive e regna, nei secoli dei secoli.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo:
«Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.
Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo.
Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!”. Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero.
Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?».
Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo».
E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:
“La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d’angolo;
questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi”?
Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti»”. 



Quello che Dio ha fatto e fa per ciascun uomo è al limite della follia. Lui ci ama davvero e si prende cura di ogni ognuno, come un padre con cuore di madre. La massima tenerezza. Lui ci immagina come una vigna che riceve tutte le cure e le attenzioni degli operai perché sia florida, sana e portatrice di frutti. Ma quando invia i suoi servi per il raccolto si accorge che la vigna, purtroppo, è infruttifera.

I frutti che Dio desidera da noi è che nel mondo in generale, e, nelle nostre storie in particolare, non ci siano più contese, rivalità, soprusi, ingiustizie. Non ci siano più profughi, fughe dalle proprie terre di origine, emigrazioni in massa, malati lasciati a se stessi, anziani abbandonati.

I servi che, oggi, Dio invia a noi sono i poveri che bussano alla nostra porta, i malati che attendono una visita, il vicino che chiede relazione, la moglie che reclama attenzioni, i figli che vogliono l’unità dei genitori. Tutte queste attese come vengono “dissetate”? con vino buono frutto di un raccolto generoso e genuino, oppure solo aceto o peggio ancora rovi e spine? Il Vignaiolo della parabola non si scoraggia, neppure dinanzi ai rifiuti e alle uccisione dei servi che manda nel campo. Insiste, speranzoso e investe la risorsa più grande: manda suo figlio confidando nel rispetto per la sua stirpe. Ma anche lui tristemente, viene soppresso. Lo interpretano come l’erede che si prende tutto allora i vignaioli decidono di sopprimerlo per avidità. L’”ubriacatura per il potere e il denaro è l’origine di tutte le vendemmie di sangue della terra”. Occorre, come tutti i buoni contadini fanno in caso di vigne ingenerose, trasformare le colture, creare nuovi innesti, sperimentare nuovi vitigni perché la successiva vendemmia produca il buon vino dell’accoglienza, della condivisione, della fraternità e del rispetto reciproco, della facile ed esaltante tolleranza. Dell’integrazione e non delle opposizioni. Questi grappoli si attendono con speranza perché doneranno la gioia e la consolazione che sono i veri frutti che Dio, Padre Vignaiolo, vuole che gli uomini, suoi figli, pigino per avere il vino della consolazione.



La risurrezione di Cristo è il grande segno della nostra fede. Con l’assistenza dello Spirito, chiediamo al Padre la semplicità e l’amore, dicendo:

Sostieni la nostra fede, Signore.

Perché la Chiesa testimoni la verità di Cristo rinunciando alla potenza esteriore, e, sostenuta dall’amore, cammini con gioia nella via dell’umiltà e della povertà. Preghiamo:

Perché i giovani non si lascino sedurre dalla tentazione della violenza ma scoprano nel comandamento dell’amore l’unica possibilità per la personale realizzazione. Preghiamo:

Perché chi vive nel dubbio e nell’incertezza si abbandoni fiduciosamente nel grembo di Dio, da cui ogni vita ha origine. Preghiamo:

Perché il popolo cristiano abbandoni ogni forma di superstizione, e creda unicamente nel Signore morto e risorto per tutti. Preghiamo:

Perché la nostra fede, nutrita dalla preghiera e dai sacramenti, sia sempre più vera e gioiosa e si esprima attraverso i numerosi carismi ricevuti gratuitamente per il bene di tutti. Preghiamo:

Perché non poniamo delle condizioni al Signore.
Per chi si è pentito dei delitti commessi.

O Dio, tu possiedi tutta la gloria e la potenza; eppure hai voluto manifestarti sotto le umili spoglie di un uomo povero e crocifisso. Aiutaci ad essere sereni nei nostri limiti e a godere dei doni che ci hai dato. Per Cristo nostro Signore. Amen.



La comunione a questo sacramento sazi la nostra fame e sete di te, o Padre, e ci trasformi nel Cristo tuo Figlio. Egli vive e regna, nei secoli dei secoli.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXVII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 4 ottobre 2020

Pigiare grappoli di solidarietà per il buon vino della consolazione



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo:
«Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.
Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo.
Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!”. Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero.
Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?».
Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo».
E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:
“La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d’angolo;
questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi”?
Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti»”. 



Quello che Dio ha fatto e fa per ciascun uomo è al limite della follia. Lui ci ama davvero e si prende cura di ogni ognuno, come un padre con cuore di madre. La massima tenerezza. Lui ci immagina come una vigna che riceve tutte le cure e le attenzioni degli operai perché sia florida, sana e portatrice di frutti. Ma quando invia i suoi servi per il raccolto si accorge che la vigna, purtroppo, è infruttifera.

I frutti che Dio desidera da noi è che nel mondo in generale, e, nelle nostre storie in particolare, non ci siano più contese, rivalità, soprusi, ingiustizie. Non ci siano più profughi, fughe dalle proprie terre di origine, emigrazioni in massa, malati lasciati a se stessi, anziani abbandonati.

I servi che, oggi, Dio invia a noi sono i poveri che bussano alla nostra porta, i malati che attendono una visita, il vicino che chiede relazione, la moglie che reclama attenzioni, i figli che vogliono l’unità dei genitori. Tutte queste attese come vengono “dissetate”? con vino buono frutto di un raccolto generoso e genuino, oppure solo aceto o peggio ancora rovi e spine? Il Vignaiolo della parabola non si scoraggia, neppure dinanzi ai rifiuti e alle uccisione dei servi che manda nel campo. Insiste, speranzoso e investe la risorsa più grande: manda suo figlio confidando nel rispetto per la sua stirpe. Ma anche lui tristemente, viene soppresso. Lo interpretano come l’erede che si prende tutto allora i vignaioli decidono di sopprimerlo per avidità. L’”ubriacatura per il potere e il denaro è l’origine di tutte le vendemmie di sangue della terra”. Occorre, come tutti i buoni contadini fanno in caso di vigne ingenerose, trasformare le colture, creare nuovi innesti, sperimentare nuovi vitigni perché la successiva vendemmia produca il buon vino dell’accoglienza, della condivisione, della fraternità e del rispetto reciproco, della facile ed esaltante tolleranza. Dell’integrazione e non delle opposizioni. Questi grappoli si attendono con speranza perché doneranno la gioia e la consolazione che sono i veri frutti che Dio, Padre Vignaiolo, vuole che gli uomini, suoi figli, pigino per avere il vino della consolazione.



La risurrezione di Cristo è il grande segno della nostra fede. Con l’assistenza dello Spirito, chiediamo al Padre la semplicità e l’amore, dicendo:

Sostieni la nostra fede, Signore.

Perché la Chiesa testimoni la verità di Cristo rinunciando alla potenza esteriore, e, sostenuta dall’amore, cammini con gioia nella via dell’umiltà e della povertà. Preghiamo:

Perché i giovani non si lascino sedurre dalla tentazione della violenza ma scoprano nel comandamento dell’amore l’unica possibilità per la personale realizzazione. Preghiamo:

Perché chi vive nel dubbio e nell’incertezza si abbandoni fiduciosamente nel grembo di Dio, da cui ogni vita ha origine. Preghiamo:

Perché il popolo cristiano abbandoni ogni forma di superstizione, e creda unicamente nel Signore morto e risorto per tutti. Preghiamo:

Perché la nostra fede, nutrita dalla preghiera e dai sacramenti, sia sempre più vera e gioiosa e si esprima attraverso i numerosi carismi ricevuti gratuitamente per il bene di tutti. Preghiamo:

Perché non poniamo delle condizioni al Signore.
Per chi si è pentito dei delitti commessi.

O Dio, tu possiedi tutta la gloria e la potenza; eppure hai voluto manifestarti sotto le umili spoglie di un uomo povero e crocifisso. Aiutaci ad essere sereni nei nostri limiti e a godere dei doni che ci hai dato. Per Cristo nostro Signore. Amen.



La comunione a questo sacramento sazi la nostra fame e sete di te, o Padre, e ci trasformi nel Cristo tuo Figlio. Egli vive e regna, nei secoli dei secoli.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

L’ateismo interroga la fede

La Shoah alla luce del Sinai

Il Vangelo di Marco

Un solo Libro, due eredi

Vincere ansietà e paure

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x