7.5 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXVI Domenica Per Annum - Anno C - 29 settembre 2013

XXVI Domenica Per Annum – Anno C – 29 settembre 2013

- Advertisement -

ricco

Dalla logica di Dio si ribaltano le sorti e fiorisce la giustizia.

Am 6, 1a.4-7; 1Tm 6, 11-16; Lc 16, 19-31

Loda il Signore, anima mia.

 

La parola di Dio che la liturgia di questa XXVI domenica del tempo per annum ci offre, ci aiuta a riflettere sulle insidie che possono comportare le ricchezze e sui rischi della bramosia del possesso; inoltre ci invita alla conversione del cuore e della mente.

Nel Vangelo Gesù narra la parabola del ricco “mangione” e del povero Lazzaro. I protagonisti della narrazione, ad una prima lettura, sembrerebbero essere soltanto due: un uomo ricco, epulone e un povero, moribondo per la fame. Gesù traccia un ritratto dell’uomo facoltoso, rifacendosi alle descrizioni che, a suo tempo, utilizzava lo stesso profeta Amos: vestiti costosissimi, banchetti pullulanti di cibi abbondanti, comodi divani, profumi raffinati ecc.; continuando nel sottolinearne anche l’egoismo senza misura e la mancanza di rimorso o ravvedimento. Questa natura bieca, lo costringe a ripiegare talmente su se stesso, che non si accorge nemmeno per un’istante del povero Lazzaro, moribondo sul ciglio della sua porta. Gesù descrive poi il povero, accennando ai due tratti caratteristici di tutti i poveri del mondo affamato e malato: tanto malato da far compassione anche ai cani e tanto affamato da bramare i rimasugli che cadono dalla mensa del ricco. Infine, la comparsa rapida e inaspettata del terzo vero protagonista: la morte.

Gesù continua così a raccontare la parabola. Una parabola rivolta a ciascuno di noi, immersa nella quotidianità dell’oggi. Per il ricco mangione e per il povero Lazzaro, per i ricchi e i prepotenti, i poveri e i poveracci, la storia continua. Il povero fu premiato e condotto innanzi agli angeli accanto ad Abramo nella pace, mentre il ricco epulone finì negli inferi tra sgomento e tormenti. La logica di Dio ribalta le sorti. Gesù diventa mentore di una profonda pedagogia del ribaltamento della storia; la stessa del Magnificat, dove gli umili verranno innalzati, i potenti abbassati e rovesciate le loro sorti. D’altronde, Gesù, nelle beatitudini lo aveva già annunciato, aveva già illustrato il contratto stipulato tra il Padre e la storia.

La parola di Dio, pertanto, esprime tutta la sua forza, presentandosi come parola che trasforma il mondo e rovescia le parti. È nella parola che il credente può intravedere il futuro di una società fondata sul diritto, sull’uguaglianza, sulla solidarietà; ma non sia il Vangelo il manifesto di una rivoluzione. È l’amore di Dio a cambiare la storia e a salvare il popolo nell’amore. La salvezza mira alla conversione del cuore degli uomini: se così non fosse, Gesù stesso sarebbe morto invano.

Gesù, infine, né privilegia né condanna la ricchezza, ma chiede di non lasciarci incapsulare nel nostro benessere, di usare ciò che possediamo per il bene di tanti Lazzaro che vivono molto stentatamente accanto a noi. Non è la ricchezza infatti, ma l’egoismo che porta alla condanna.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXVI Domenica Per Annum – Anno C – 29 settembre 2013

- Advertisement -

ricco

Dalla logica di Dio si ribaltano le sorti e fiorisce la giustizia.

Am 6, 1a.4-7; 1Tm 6, 11-16; Lc 16, 19-31

Loda il Signore, anima mia.

- Advertisement -

 

La parola di Dio che la liturgia di questa XXVI domenica del tempo per annum ci offre, ci aiuta a riflettere sulle insidie che possono comportare le ricchezze e sui rischi della bramosia del possesso; inoltre ci invita alla conversione del cuore e della mente.

Nel Vangelo Gesù narra la parabola del ricco “mangione” e del povero Lazzaro. I protagonisti della narrazione, ad una prima lettura, sembrerebbero essere soltanto due: un uomo ricco, epulone e un povero, moribondo per la fame. Gesù traccia un ritratto dell’uomo facoltoso, rifacendosi alle descrizioni che, a suo tempo, utilizzava lo stesso profeta Amos: vestiti costosissimi, banchetti pullulanti di cibi abbondanti, comodi divani, profumi raffinati ecc.; continuando nel sottolinearne anche l’egoismo senza misura e la mancanza di rimorso o ravvedimento. Questa natura bieca, lo costringe a ripiegare talmente su se stesso, che non si accorge nemmeno per un’istante del povero Lazzaro, moribondo sul ciglio della sua porta. Gesù descrive poi il povero, accennando ai due tratti caratteristici di tutti i poveri del mondo affamato e malato: tanto malato da far compassione anche ai cani e tanto affamato da bramare i rimasugli che cadono dalla mensa del ricco. Infine, la comparsa rapida e inaspettata del terzo vero protagonista: la morte.

Gesù continua così a raccontare la parabola. Una parabola rivolta a ciascuno di noi, immersa nella quotidianità dell’oggi. Per il ricco mangione e per il povero Lazzaro, per i ricchi e i prepotenti, i poveri e i poveracci, la storia continua. Il povero fu premiato e condotto innanzi agli angeli accanto ad Abramo nella pace, mentre il ricco epulone finì negli inferi tra sgomento e tormenti. La logica di Dio ribalta le sorti. Gesù diventa mentore di una profonda pedagogia del ribaltamento della storia; la stessa del Magnificat, dove gli umili verranno innalzati, i potenti abbassati e rovesciate le loro sorti. D’altronde, Gesù, nelle beatitudini lo aveva già annunciato, aveva già illustrato il contratto stipulato tra il Padre e la storia.

La parola di Dio, pertanto, esprime tutta la sua forza, presentandosi come parola che trasforma il mondo e rovescia le parti. È nella parola che il credente può intravedere il futuro di una società fondata sul diritto, sull’uguaglianza, sulla solidarietà; ma non sia il Vangelo il manifesto di una rivoluzione. È l’amore di Dio a cambiare la storia e a salvare il popolo nell’amore. La salvezza mira alla conversione del cuore degli uomini: se così non fosse, Gesù stesso sarebbe morto invano.

Gesù, infine, né privilegia né condanna la ricchezza, ma chiede di non lasciarci incapsulare nel nostro benessere, di usare ciò che possediamo per il bene di tanti Lazzaro che vivono molto stentatamente accanto a noi. Non è la ricchezza infatti, ma l’egoismo che porta alla condanna.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Morandini: Cambiare rotta

Il mio matrimonio è nullo?

Wénin: Abramo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x