33.7 C
Roma
Mar, 27 Luglio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXV Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 22 settembre 2019

XXV Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 22 settembre 2019

Due piedi in una scarpa






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”. L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”. Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne. Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra? Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza”.




    L’antica saggezza popolare, impreziosita dall’esperienza del vissuto quotidiano, per indicare l’incapacità di decidersi tra la scelta di una di due possibilità, usavano questa espressione tanto eloquente quanto evidente: non si possono tenere due piedi in una scarpa. Equivale molto all’invito conclusivo del vangelo odierno che Gesù esprime: ”Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza”.

    Il denaro, per quanto necessario sia, non deve essere il fine ma un mezzo. Purtroppo nel cuore dell’uomo vi è annidata una tale sete e bramosia di denaro che molte volte diventa il protagonista principale se non addirittura assoluto della vita. Con sé porta una forte dose di fascino che si trasforma anche in dominio abbrutendo e schiavizzando coloro che lo idolatrano. Quando il denaro resta al suo posto, rivestito della sua importanza d’essere un mezzo, una possibilità, allora la vita si apre a valori diversi, più intensi e duraturi, più appaganti e soddisfacenti. Se la sua forza straripa e prende il sopravvento allora nascono gelosie, contese, soprusi, violenze, immoralità. Per avere il denaro si uccide, ci si prostituisce, si inganna. Non è il denaro la bussola della vita, non si può essere suoi schiavi, non deve condizionare la vita fino a ridurla a nulla dinanzi alla bramosia e alla sete di potere.

    L’amministratore disonesto, lodato dal suo padrone, involontariamente, diventa maestro di condivisione, solidarietà e sobrietà. Ha fatto la sua scelta: anche se disonestamente si è servito del denaro per accedere nel cuore e nella compassione dei suoi amici e trovare in essi rifugio nel momento della prova. L’apertura agli altri genera sempre accoglienza e corrispondenza.




    Fratelli, il Padre buono che è nei cieli riserva a ciascuno di noi l’esperienza della vera salvezza: abitare nella sua casa per sempre, ricolmi di felicità e grazia. Illuminati di speranza, diciamo:

    Te lo chiediamo con fede, Signore.

    O Dio che ci riunisci attorno a te, non far mancare alla tua chiesa uomini santi e generosi e suscita in essa la voce della profezia e della misericordia. Ti preghiamo:

    O Dio che dai la vera pace, guarda i tuoi figli che soffrono e che lottano per un mondo migliore: fa’ che dalla loro offerta rifioriscano la giustizia e l’amore. Ti preghiamo:

    O Dio che gradisci il sacrificio del cuore, purifica i nostri atti nel fuoco della tua carità: rendici solidali a Cristo e ai fratelli. Ti preghiamo:

    O Dio che ti commuovi per il tuo popolo: assisti chi nasce e chi muore, illumina chi ha perso ogni ideale, conforta chi è abbattuto, insegna a tutti la tua verità. Ti preghiamo:

    O Dio che abbracci l’universo: donaci un cuore che sappia discernere la tua volontà e la forza di viverla con serenità. Ti preghiamo:

    Per chi sente il bisogno di raccogliersi in disparte a meditare.
    Per chi sta cercando la propria strada nella vita.

    Padre celeste, abbiamo fatto giungere a te la nostra voce, uniti all’unico sacrificio di Cristo e confidenti nella potenza del tuo nome. Ascoltala, per Colui che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.




    Guida e sostieni, Signore, con il tuo continuo aiuto il popolo che hai nutrito con i tuoi sacramenti, perché la redenzione operata da questi misteri trasformi tutta la nostra vita. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Luca.

“Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”. L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”. Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne. Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra? Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza”.



L’antica saggezza popolare, impreziosita dall’esperienza del vissuto quotidiano, per indicare l’incapacità di decidersi tra la scelta di una di due possibilità, usavano questa espressione tanto eloquente quanto evidente: non si possono tenere due piedi in una scarpa. Equivale molto all’invito conclusivo del vangelo odierno che Gesù esprime: ”Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza”.

Il denaro, per quanto necessario sia, non deve essere il fine ma un mezzo. Purtroppo nel cuore dell’uomo vi è annidata una tale sete e bramosia di denaro che molte volte diventa il protagonista principale se non addirittura assoluto della vita. Con sé porta una forte dose di fascino che si trasforma anche in dominio abbrutendo e schiavizzando coloro che lo idolatrano. Quando il denaro resta al suo posto, rivestito della sua importanza d’essere un mezzo, una possibilità, allora la vita si apre a valori diversi, più intensi e duraturi, più appaganti e soddisfacenti. Se la sua forza straripa e prende il sopravvento allora nascono gelosie, contese, soprusi, violenze, immoralità. Per avere il denaro si uccide, ci si prostituisce, si inganna. Non è il denaro la bussola della vita, non si può essere suoi schiavi, non deve condizionare la vita fino a ridurla a nulla dinanzi alla bramosia e alla sete di potere.

L’amministratore disonesto, lodato dal suo padrone, involontariamente, diventa maestro di condivisione, solidarietà e sobrietà. Ha fatto la sua scelta: anche se disonestamente si è servito del denaro per accedere nel cuore e nella compassione dei suoi amici e trovare in essi rifugio nel momento della prova. L’apertura agli altri genera sempre accoglienza e corrispondenza.



Fratelli, il Padre buono che è nei cieli riserva a ciascuno di noi l’esperienza della vera salvezza: abitare nella sua casa per sempre, ricolmi di felicità e grazia. Illuminati di speranza, diciamo:

Te lo chiediamo con fede, Signore.

O Dio che ci riunisci attorno a te, non far mancare alla tua chiesa uomini santi e generosi e suscita in essa la voce della profezia e della misericordia. Ti preghiamo:

O Dio che dai la vera pace, guarda i tuoi figli che soffrono e che lottano per un mondo migliore: fa’ che dalla loro offerta rifioriscano la giustizia e l’amore. Ti preghiamo:

O Dio che gradisci il sacrificio del cuore, purifica i nostri atti nel fuoco della tua carità: rendici solidali a Cristo e ai fratelli. Ti preghiamo:

O Dio che ti commuovi per il tuo popolo: assisti chi nasce e chi muore, illumina chi ha perso ogni ideale, conforta chi è abbattuto, insegna a tutti la tua verità. Ti preghiamo:

O Dio che abbracci l’universo: donaci un cuore che sappia discernere la tua volontà e la forza di viverla con serenità. Ti preghiamo:

Per chi sente il bisogno di raccogliersi in disparte a meditare.
Per chi sta cercando la propria strada nella vita.

Padre celeste, abbiamo fatto giungere a te la nostra voce, uniti all’unico sacrificio di Cristo e confidenti nella potenza del tuo nome. Ascoltala, per Colui che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.



Guida e sostieni, Signore, con il tuo continuo aiuto il popolo che hai nutrito con i tuoi sacramenti, perché la redenzione operata da questi misteri trasformi tutta la nostra vita. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXV Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 22 settembre 2019

Due piedi in una scarpa



Dal Vangelo secondo Luca.

“Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”. L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”. Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne. Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra? Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza”.



L’antica saggezza popolare, impreziosita dall’esperienza del vissuto quotidiano, per indicare l’incapacità di decidersi tra la scelta di una di due possibilità, usavano questa espressione tanto eloquente quanto evidente: non si possono tenere due piedi in una scarpa. Equivale molto all’invito conclusivo del vangelo odierno che Gesù esprime: ”Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza”.

Il denaro, per quanto necessario sia, non deve essere il fine ma un mezzo. Purtroppo nel cuore dell’uomo vi è annidata una tale sete e bramosia di denaro che molte volte diventa il protagonista principale se non addirittura assoluto della vita. Con sé porta una forte dose di fascino che si trasforma anche in dominio abbrutendo e schiavizzando coloro che lo idolatrano. Quando il denaro resta al suo posto, rivestito della sua importanza d’essere un mezzo, una possibilità, allora la vita si apre a valori diversi, più intensi e duraturi, più appaganti e soddisfacenti. Se la sua forza straripa e prende il sopravvento allora nascono gelosie, contese, soprusi, violenze, immoralità. Per avere il denaro si uccide, ci si prostituisce, si inganna. Non è il denaro la bussola della vita, non si può essere suoi schiavi, non deve condizionare la vita fino a ridurla a nulla dinanzi alla bramosia e alla sete di potere.

L’amministratore disonesto, lodato dal suo padrone, involontariamente, diventa maestro di condivisione, solidarietà e sobrietà. Ha fatto la sua scelta: anche se disonestamente si è servito del denaro per accedere nel cuore e nella compassione dei suoi amici e trovare in essi rifugio nel momento della prova. L’apertura agli altri genera sempre accoglienza e corrispondenza.



Fratelli, il Padre buono che è nei cieli riserva a ciascuno di noi l’esperienza della vera salvezza: abitare nella sua casa per sempre, ricolmi di felicità e grazia. Illuminati di speranza, diciamo:

Te lo chiediamo con fede, Signore.

O Dio che ci riunisci attorno a te, non far mancare alla tua chiesa uomini santi e generosi e suscita in essa la voce della profezia e della misericordia. Ti preghiamo:

O Dio che dai la vera pace, guarda i tuoi figli che soffrono e che lottano per un mondo migliore: fa’ che dalla loro offerta rifioriscano la giustizia e l’amore. Ti preghiamo:

O Dio che gradisci il sacrificio del cuore, purifica i nostri atti nel fuoco della tua carità: rendici solidali a Cristo e ai fratelli. Ti preghiamo:

O Dio che ti commuovi per il tuo popolo: assisti chi nasce e chi muore, illumina chi ha perso ogni ideale, conforta chi è abbattuto, insegna a tutti la tua verità. Ti preghiamo:

O Dio che abbracci l’universo: donaci un cuore che sappia discernere la tua volontà e la forza di viverla con serenità. Ti preghiamo:

Per chi sente il bisogno di raccogliersi in disparte a meditare.
Per chi sta cercando la propria strada nella vita.

Padre celeste, abbiamo fatto giungere a te la nostra voce, uniti all’unico sacrificio di Cristo e confidenti nella potenza del tuo nome. Ascoltala, per Colui che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.



Guida e sostieni, Signore, con il tuo continuo aiuto il popolo che hai nutrito con i tuoi sacramenti, perché la redenzione operata da questi misteri trasformi tutta la nostra vita. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Fusco: La gioia dell’ascolto

Libri – Diacone: un dossier di studio

Rut, la moabita

La ricerca storica su Gesù

Dell’essere e dell’amore

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x