10.4 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A XXIX Domenica Tempo Ordinario - Anno A - 22 ottobre 2017

XXIX Domenica Tempo Ordinario – Anno A – 22 ottobre 2017

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XXIX Domenica Tempo Ordinario – A 

(Isaia 45,1.4-6; 1 Tessalonicesi 1,1-5; Matteo 22,15-21)

A  cura di Benito Giorgetta 

 

A Cesare la buccia a Dio la sostanza

 

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. 
Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 
Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». 
Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio»”.

A Cesare le cose, la periferia della persona, l’involucro; a Dio il cuore, il centro, la sostanza. Questa la conclusione di Gesù di fronte alla provocazione capziosa e ingannevole di coloro che gli pongono il quesito. Vogliono intrappolare e imbavagliare Gesù, ma lui non si lascia trascinare nel tranello. Non si presta ad amplificare la loro fame di gloria, di applausi e di consensi da parte della gente dinanzi alla quale apparivano onesti, osservanti e dediti a Dio quando, in effetti, avevano solo il culto di se stessi e, per giunta, erano ipocriti: belli dentro, marci nel cuore.

Introducevano effigi umane, stampate sulle monete, nel luogo sacro del tempio dove era assolutamente proibito, ma insegnavano a fare diversamente. Cattivi maestri che salvavano la facciata ma covavano nel cuore la doppiezza e l’imbroglio. Il denaro era il loro pilota e la bussola del perverso atteggiamento ispirato al guadagno e non al culto. E vogliono sapere da Gesù come ci si deve comportare. Sanno bene a cosa mirano. Con doppiezza e perfidia intendono imbavagliare e far incartare Gesù, ma rimangono vittime del loro stesso metodo. Vengono smascherati e accusati di ipocrisia con l’evidenza di un ragionamento semplice ma efficace: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.

Le cose si pagano, a Dio si restituisce. Cesare, lo Stato, impongono; Dio dona. E ciò che è dono si riconsegna avendoci messo del nostro. La parabola dei talenti insegna che ciò che si riceve deve essere trasformato, arricchito, utilizzato per poi consegnare a chi è stato l’elargitore. Cominciando dalla vita che, come dice Renato Zero nella canzone “La vita è un dono”, è da “accettare, condividere e restituire”.

Un rapporto sereno ed equilibrato per ogni persona deve essere bidirezionale: Dio e gli altri. La comunità e lo stato. Anche a Gesù, in definitiva, viene chiesto come doveva essere gestito questo equilibrio, come risolvere il problema quando si registra uno scontro o vi sono divergenze. Salomonicamente Gesù risolve indicando che ciascuno deve avere la parte che gli compete. Dare allo stato significa rispettarne le leggi, sottoporsi alle tasse, onorare la propria appartenenza. Restituire a Dio significa ricondurre tutto a lui come principio e fine del proprio agire, come alba e tramonto della propria vita, significa riconoscere il primato assoluto e onorare quell’”immagine e somiglianza” che è impressa nel cuore di ognuno. Il primato è di Dio e nessuno, mai, vi si può sostituire e pretendere di prevalere. L’uomo è “proprietà” di Dio, ogni persona gli appartiene e non può essere mai mortificata a vantaggio di nulla, neppure dalla legittimità di uno stato che rivendica i suoi diritti. “Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti 5,29).

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXIX Domenica Tempo Ordinario – Anno A – 22 ottobre 2017

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XXIX Domenica Tempo Ordinario – A 

(Isaia 45,1.4-6; 1 Tessalonicesi 1,1-5; Matteo 22,15-21)

A  cura di Benito Giorgetta 

 

- Advertisement -

A Cesare la buccia a Dio la sostanza

 

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. 
Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 
Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». 
Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio»”.

A Cesare le cose, la periferia della persona, l’involucro; a Dio il cuore, il centro, la sostanza. Questa la conclusione di Gesù di fronte alla provocazione capziosa e ingannevole di coloro che gli pongono il quesito. Vogliono intrappolare e imbavagliare Gesù, ma lui non si lascia trascinare nel tranello. Non si presta ad amplificare la loro fame di gloria, di applausi e di consensi da parte della gente dinanzi alla quale apparivano onesti, osservanti e dediti a Dio quando, in effetti, avevano solo il culto di se stessi e, per giunta, erano ipocriti: belli dentro, marci nel cuore.

Introducevano effigi umane, stampate sulle monete, nel luogo sacro del tempio dove era assolutamente proibito, ma insegnavano a fare diversamente. Cattivi maestri che salvavano la facciata ma covavano nel cuore la doppiezza e l’imbroglio. Il denaro era il loro pilota e la bussola del perverso atteggiamento ispirato al guadagno e non al culto. E vogliono sapere da Gesù come ci si deve comportare. Sanno bene a cosa mirano. Con doppiezza e perfidia intendono imbavagliare e far incartare Gesù, ma rimangono vittime del loro stesso metodo. Vengono smascherati e accusati di ipocrisia con l’evidenza di un ragionamento semplice ma efficace: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.

Le cose si pagano, a Dio si restituisce. Cesare, lo Stato, impongono; Dio dona. E ciò che è dono si riconsegna avendoci messo del nostro. La parabola dei talenti insegna che ciò che si riceve deve essere trasformato, arricchito, utilizzato per poi consegnare a chi è stato l’elargitore. Cominciando dalla vita che, come dice Renato Zero nella canzone “La vita è un dono”, è da “accettare, condividere e restituire”.

Un rapporto sereno ed equilibrato per ogni persona deve essere bidirezionale: Dio e gli altri. La comunità e lo stato. Anche a Gesù, in definitiva, viene chiesto come doveva essere gestito questo equilibrio, come risolvere il problema quando si registra uno scontro o vi sono divergenze. Salomonicamente Gesù risolve indicando che ciascuno deve avere la parte che gli compete. Dare allo stato significa rispettarne le leggi, sottoporsi alle tasse, onorare la propria appartenenza. Restituire a Dio significa ricondurre tutto a lui come principio e fine del proprio agire, come alba e tramonto della propria vita, significa riconoscere il primato assoluto e onorare quell’”immagine e somiglianza” che è impressa nel cuore di ognuno. Il primato è di Dio e nessuno, mai, vi si può sostituire e pretendere di prevalere. L’uomo è “proprietà” di Dio, ogni persona gli appartiene e non può essere mai mortificata a vantaggio di nulla, neppure dalla legittimità di uno stato che rivendica i suoi diritti. “Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti 5,29).

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

L’ateismo interroga la fede

Il mio matrimonio è nullo?

Il “counseling” pastorale

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x