9.7 C
Rome
venerdì, 22 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XXIX Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 20 ottobre 2019

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 20 ottobre 2019

Pregare come un orologio senza lancette






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
    «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
    Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
    E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?»”.




    Una giornata senza preghiera è una giornata da cestinare. La preghiera ci dona Dio e ci dona a Dio. Pregare è come esporsi al calore del Padre. Una pianta senza l’esposizione al sole non vive e, quando manca la luce, cerca, s’innalza, verso di essa per essere piena di vita ed assicurarsi la crescita. Le foglie delle piante cercano perennemente la luce, virano verso di essa sapendo che altrimenti sarebbero destinate alla distruzione assieme a tutta la pianta. Così chi prega non deve mai stancarsi di cercare Dio, d’essere immerso nel suo amore. Pregare non è certo sprecare tante parole o elencare la lista delle necessità; pregare è stare con Dio. Sostare, rimanere, stazionare nel suo cuore facendolo diventare sazietà, fonte sorgiva quindi pura e dissetante per ogni tipo di sete.

    Gli innamorati non si stancano mai d’essere l’uno di fronte l’altro, penetrarsi con gli sguardi, tessere intese mai espresse, raggiungere profondità verticistiche e sintonie inesplorate. Non occorrono parole, basta la presenza, non si guarda il tempo che risulta essere sempre poco rispetto al desiderio di continuità e povero in riferimento all’intensità da raggiungere. Pregare è tutto questo e molto di più. Pregare è sentire Dio nella propria vita e sentirsi abbracciati dal suo calore ed avvolti dalla sua misericordia. Pregare è respirare Dio, confidare in Lui certi di trovare collocazione stabile e definitiva nel suo cuore e far parte della sua orbita.

    Delle volte sembra che siamo orfani di Dio nel senso che lui sia assente o comunque non ascolta il nostro grido nonostante la ripetuta e fiduciosa preghiera e il costante riferimento alla sua onnipotenza. Non dobbiamo vivere nell’errore che Dio abbia bisogno del nostro suggerimento per intervenire, quasi costringerlo a ridursi al nostro pensiero o alle nostre necessità. E’ come se un malato che ricorre al medico abbia la pretesa di suggerirgli la medicina da prescrivergli o il gesto operatorio da compiere. Pregare è mettersi nella mani di Dio e con lui siamo in buone mani, nelle migliori, in quelle più rassicuranti e premurose, forti e stabilizzanti. Anche se sembra che Dio non esaudisce i nostri desideri è certo però che compie le sue promesse. Pregare è come essere palombari: è necessario immettersi in Dio, andare in profondità, senza guardare l’orologio del tempo che passa, anzi, considerare che ogni ottimo in più è un’occasione ulteriore per sostare con lui. Pregare non è una costrizione o peggio un dovere, pregare è una necessità di ricevere amore e donare una risposta corrispondente alle nostre capacità ed intensità. Intanto godiamoci quella di Dio, la nostra sarà una naturale conseguenza avendo al polso un orologio senza lancette, quindi senza tempo, perché pregare è permanere in Dio e si vorrebbe fermare il tempo perché è sempre poco e breve. Come per gli innamorati.




    La nostra voce giunge al Signore che si china sulle nostre miserie: con la sua potenza risanatrice, ridà la vista ai ciechi, la speranza agli afflitti, la pace ai peccatori. Con la fiducia di Bartimeo, diciamo:

    Donaci, o Dio, una fede viva!

    Perché la Chiesa, edificio degli illuminati da Cristo, docilmente si lasci guidare e purificare dallo Spirito. Preghiamo:

    Perché la luce del vangelo guarisca gli uomini da ogni cecità e sofferenza e accenda in essi la fede in Cristo figlio di Dio. Preghiamo:

    Perché nessun uomo o organismo sociale osi impedire la professione e la testimonianza della fede. Preghiamo:

    Perché la voce del Signore ci trovi pronti a lasciare tutto, per metterci, con la Chiesa, alla sequela del Cristo. Preghiamo:

    Perché l’incontro personale col Signore che ci ha convocati alla sua mensa, sia per noi un momento di luce e liberazione. Preghiamo:

    Per coloro che vivono come se Dio non ci fosse.
    Per coloro che diffondono immagini e spettacoli osceni.

    O Dio, che accogli il grido dei poveri, donaci di vederti in tutte le meraviglie del creato, di riconoscerti negli uomini nostri fratelli, di adorarti nel volto di Cristo Signore, parola eterna e luce vera del mondo. A te la lode nei secoli dei secoli. Amen.




    O Signore, questa celebrazione eucaristica, che ci hai fatto pregustare la realtà del cielo, ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente e ci confermi nella speranza dei beni futuri. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
    «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
    Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
    E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?»”.




    Una giornata senza preghiera è una giornata da cestinare. La preghiera ci dona Dio e ci dona a Dio. Pregare è come esporsi al calore del Padre. Una pianta senza l’esposizione al sole non vive e, quando manca la luce, cerca, s’innalza, verso di essa per essere piena di vita ed assicurarsi la crescita. Le foglie delle piante cercano perennemente la luce, virano verso di essa sapendo che altrimenti sarebbero destinate alla distruzione assieme a tutta la pianta. Così chi prega non deve mai stancarsi di cercare Dio, d’essere immerso nel suo amore. Pregare non è certo sprecare tante parole o elencare la lista delle necessità; pregare è stare con Dio. Sostare, rimanere, stazionare nel suo cuore facendolo diventare sazietà, fonte sorgiva quindi pura e dissetante per ogni tipo di sete.

    Gli innamorati non si stancano mai d’essere l’uno di fronte l’altro, penetrarsi con gli sguardi, tessere intese mai espresse, raggiungere profondità verticistiche e sintonie inesplorate. Non occorrono parole, basta la presenza, non si guarda il tempo che risulta essere sempre poco rispetto al desiderio di continuità e povero in riferimento all’intensità da raggiungere. Pregare è tutto questo e molto di più. Pregare è sentire Dio nella propria vita e sentirsi abbracciati dal suo calore ed avvolti dalla sua misericordia. Pregare è respirare Dio, confidare in Lui certi di trovare collocazione stabile e definitiva nel suo cuore e far parte della sua orbita.

    Delle volte sembra che siamo orfani di Dio nel senso che lui sia assente o comunque non ascolta il nostro grido nonostante la ripetuta e fiduciosa preghiera e il costante riferimento alla sua onnipotenza. Non dobbiamo vivere nell’errore che Dio abbia bisogno del nostro suggerimento per intervenire, quasi costringerlo a ridursi al nostro pensiero o alle nostre necessità. E’ come se un malato che ricorre al medico abbia la pretesa di suggerirgli la medicina da prescrivergli o il gesto operatorio da compiere. Pregare è mettersi nella mani di Dio e con lui siamo in buone mani, nelle migliori, in quelle più rassicuranti e premurose, forti e stabilizzanti. Anche se sembra che Dio non esaudisce i nostri desideri è certo però che compie le sue promesse. Pregare è come essere palombari: è necessario immettersi in Dio, andare in profondità, senza guardare l’orologio del tempo che passa, anzi, considerare che ogni ottimo in più è un’occasione ulteriore per sostare con lui. Pregare non è una costrizione o peggio un dovere, pregare è una necessità di ricevere amore e donare una risposta corrispondente alle nostre capacità ed intensità. Intanto godiamoci quella di Dio, la nostra sarà una naturale conseguenza avendo al polso un orologio senza lancette, quindi senza tempo, perché pregare è permanere in Dio e si vorrebbe fermare il tempo perché è sempre poco e breve. Come per gli innamorati.




    La nostra voce giunge al Signore che si china sulle nostre miserie: con la sua potenza risanatrice, ridà la vista ai ciechi, la speranza agli afflitti, la pace ai peccatori. Con la fiducia di Bartimeo, diciamo:

    Donaci, o Dio, una fede viva!

    Perché la Chiesa, edificio degli illuminati da Cristo, docilmente si lasci guidare e purificare dallo Spirito. Preghiamo:

    Perché la luce del vangelo guarisca gli uomini da ogni cecità e sofferenza e accenda in essi la fede in Cristo figlio di Dio. Preghiamo:

    Perché nessun uomo o organismo sociale osi impedire la professione e la testimonianza della fede. Preghiamo:

    Perché la voce del Signore ci trovi pronti a lasciare tutto, per metterci, con la Chiesa, alla sequela del Cristo. Preghiamo:

    Perché l’incontro personale col Signore che ci ha convocati alla sua mensa, sia per noi un momento di luce e liberazione. Preghiamo:

    Per coloro che vivono come se Dio non ci fosse.
    Per coloro che diffondono immagini e spettacoli osceni.

    O Dio, che accogli il grido dei poveri, donaci di vederti in tutte le meraviglie del creato, di riconoscerti negli uomini nostri fratelli, di adorarti nel volto di Cristo Signore, parola eterna e luce vera del mondo. A te la lode nei secoli dei secoli. Amen.




    O Signore, questa celebrazione eucaristica, che ci hai fatto pregustare la realtà del cielo, ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente e ci confermi nella speranza dei beni futuri. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 20 ottobre 2019

Pregare come un orologio senza lancette






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
    «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
    Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
    E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?»”.




    Una giornata senza preghiera è una giornata da cestinare. La preghiera ci dona Dio e ci dona a Dio. Pregare è come esporsi al calore del Padre. Una pianta senza l’esposizione al sole non vive e, quando manca la luce, cerca, s’innalza, verso di essa per essere piena di vita ed assicurarsi la crescita. Le foglie delle piante cercano perennemente la luce, virano verso di essa sapendo che altrimenti sarebbero destinate alla distruzione assieme a tutta la pianta. Così chi prega non deve mai stancarsi di cercare Dio, d’essere immerso nel suo amore. Pregare non è certo sprecare tante parole o elencare la lista delle necessità; pregare è stare con Dio. Sostare, rimanere, stazionare nel suo cuore facendolo diventare sazietà, fonte sorgiva quindi pura e dissetante per ogni tipo di sete.

    Gli innamorati non si stancano mai d’essere l’uno di fronte l’altro, penetrarsi con gli sguardi, tessere intese mai espresse, raggiungere profondità verticistiche e sintonie inesplorate. Non occorrono parole, basta la presenza, non si guarda il tempo che risulta essere sempre poco rispetto al desiderio di continuità e povero in riferimento all’intensità da raggiungere. Pregare è tutto questo e molto di più. Pregare è sentire Dio nella propria vita e sentirsi abbracciati dal suo calore ed avvolti dalla sua misericordia. Pregare è respirare Dio, confidare in Lui certi di trovare collocazione stabile e definitiva nel suo cuore e far parte della sua orbita.

    Delle volte sembra che siamo orfani di Dio nel senso che lui sia assente o comunque non ascolta il nostro grido nonostante la ripetuta e fiduciosa preghiera e il costante riferimento alla sua onnipotenza. Non dobbiamo vivere nell’errore che Dio abbia bisogno del nostro suggerimento per intervenire, quasi costringerlo a ridursi al nostro pensiero o alle nostre necessità. E’ come se un malato che ricorre al medico abbia la pretesa di suggerirgli la medicina da prescrivergli o il gesto operatorio da compiere. Pregare è mettersi nella mani di Dio e con lui siamo in buone mani, nelle migliori, in quelle più rassicuranti e premurose, forti e stabilizzanti. Anche se sembra che Dio non esaudisce i nostri desideri è certo però che compie le sue promesse. Pregare è come essere palombari: è necessario immettersi in Dio, andare in profondità, senza guardare l’orologio del tempo che passa, anzi, considerare che ogni ottimo in più è un’occasione ulteriore per sostare con lui. Pregare non è una costrizione o peggio un dovere, pregare è una necessità di ricevere amore e donare una risposta corrispondente alle nostre capacità ed intensità. Intanto godiamoci quella di Dio, la nostra sarà una naturale conseguenza avendo al polso un orologio senza lancette, quindi senza tempo, perché pregare è permanere in Dio e si vorrebbe fermare il tempo perché è sempre poco e breve. Come per gli innamorati.




    La nostra voce giunge al Signore che si china sulle nostre miserie: con la sua potenza risanatrice, ridà la vista ai ciechi, la speranza agli afflitti, la pace ai peccatori. Con la fiducia di Bartimeo, diciamo:

    Donaci, o Dio, una fede viva!

    Perché la Chiesa, edificio degli illuminati da Cristo, docilmente si lasci guidare e purificare dallo Spirito. Preghiamo:

    Perché la luce del vangelo guarisca gli uomini da ogni cecità e sofferenza e accenda in essi la fede in Cristo figlio di Dio. Preghiamo:

    Perché nessun uomo o organismo sociale osi impedire la professione e la testimonianza della fede. Preghiamo:

    Perché la voce del Signore ci trovi pronti a lasciare tutto, per metterci, con la Chiesa, alla sequela del Cristo. Preghiamo:

    Perché l’incontro personale col Signore che ci ha convocati alla sua mensa, sia per noi un momento di luce e liberazione. Preghiamo:

    Per coloro che vivono come se Dio non ci fosse.
    Per coloro che diffondono immagini e spettacoli osceni.

    O Dio, che accogli il grido dei poveri, donaci di vederti in tutte le meraviglie del creato, di riconoscerti negli uomini nostri fratelli, di adorarti nel volto di Cristo Signore, parola eterna e luce vera del mondo. A te la lode nei secoli dei secoli. Amen.




    O Signore, questa celebrazione eucaristica, che ci hai fatto pregustare la realtà del cielo, ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente e ci confermi nella speranza dei beni futuri. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le tre lettere di Giovanni

Seneca, tra libertà e suicidio

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

La tenerezza nel vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO