15.8 C
Roma
Gio, 22 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A XXIX Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 18 ottobre 2020

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 18 ottobre 2020

A Cesare la buccia a Dio la sostanza






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi.
    Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?».
    Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare».
    Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio»”.




    A Cesare le cose, la periferia della persona, l’involucro; a Dio il cuore, il centro, la sostanza. Questa la conclusione di Gesù di fronte alla provocazione capziosa e ingannevole di coloro che gli pongono il quesito. Vogliono intrappolare e imbavagliare Gesù, ma lui non si lascia trascinare nel tranello. Non si presta ad amplificare la loro fame di gloria, di applausi e di consensi da parte della gente dinanzi alla quale apparivano onesti, osservanti e dediti a Dio quando, in effetti, avevano solo il culto di se stessi e, per giunta, erano ipocriti: belli dentro, marci nel cuore.

    Introducevano effigi umane, stampate sulle monete, nel luogo sacro del tempio dove era assolutamente proibito, ma insegnavano a fare diversamente. Cattivi maestri che salvavano la facciata ma covavano nel cuore la doppiezza e l’imbroglio. Il denaro era il loro pilota e la bussola del perverso atteggiamento ispirato al guadagno e non al culto. E vogliono sapere da Gesù come ci si deve comportare. Sanno bene a cosa mirano. Con doppiezza e perfidia intendono imbavagliare e far incartare Gesù, ma rimangono vittime del loro stesso metodo. Vengono smascherati e accusati di ipocrisia con l’evidenza di un ragionamento semplice ma efficace: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.

    Le cose si pagano, a Dio si restituisce. Cesare, lo Stato, impongono; Dio dona. E ciò che è dono si riconsegna avendoci messo del nostro. La parabola dei talenti insegna che ciò che si riceve deve essere trasformato, arricchito, utilizzato per poi consegnare a chi è stato l’elargitore. Cominciando dalla vita che, come dice Renato Zero nella canzone “La vita è un dono”, è da “accettare, condividere e restituire”.

    Un rapporto sereno ed equilibrato per ogni persona deve essere bidirezionale: Dio e gli altri. La comunità e lo stato. Anche a Gesù, in definitiva, viene chiesto come doveva essere gestito questo equilibrio, come risolvere il problema quando si registra uno scontro o vi sono divergenze. Salomonicamente Gesù risolve indicando che ciascuno deve avere la parte che gli compete. Dare allo stato significa rispettarne le leggi, sottoporsi alle tasse, onorare la propria appartenenza. Restituire a Dio significa ricondurre tutto a lui come principio e fine del proprio agire, come alba e tramonto della propria vita, significa riconoscere il primato assoluto e onorare quell’”immagine e somiglianza” che è impressa nel cuore di ognuno. Il primato è di Dio e nessuno, mai, vi si può sostituire e pretendere di prevalere. L’uomo è “proprietà” di Dio, ogni persona gli appartiene e non può essere mai mortificata a vantaggio di nulla, neppure dalla legittimità di uno stato che rivendica i suoi diritti. “Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti 5,29).




    La nostra voce giunge al Signore che si china sulle nostre miserie: con la sua potenza risanatrice, ridà la vista ai ciechi, la speranza agli afflitti, la pace ai peccatori. Con la fiducia di Bartimeo, diciamo:

    Donaci, o Dio, una fede viva!

    Perché la Chiesa, edificio degli illuminati da Cristo, docilmente si lasci guidare e purificare dallo Spirito. Preghiamo:

    Perché la luce del vangelo guarisca gli uomini da ogni cecità e sofferenza e accenda in essi la fede in Cristo figlio di Dio. Preghiamo:

    Perché nessun uomo o organismo sociale osi impedire la professione e la testimonianza della fede. Preghiamo:

    Perché la voce del Signore ci trovi pronti a lasciare tutto, per metterci, con la Chiesa, alla sequela del Cristo. Preghiamo:

    Perché l’incontro personale col Signore che ci ha convocati alla sua mensa, sia per noi un momento di luce e liberazione. Preghiamo:

    Per coloro che vivono come se Dio non ci fosse.
    Per coloro che diffondono immagini e spettacoli osceni.

    O Dio, che accogli il grido dei poveri, donaci di vederti in tutte le meraviglie del creato, di riconoscerti negli uomini nostri fratelli, di adorarti nel volto di Cristo Signore, parola eterna e luce vera del mondo. A te la lode nei secoli dei secoli. Amen.




    O Signore, questa celebrazione eucaristica, che ci hai fatto pregustare la realtà del cielo, ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente e ci confermi nella speranza dei beni futuri. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi.
Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?».
Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare».
Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio»”.



A Cesare le cose, la periferia della persona, l’involucro; a Dio il cuore, il centro, la sostanza. Questa la conclusione di Gesù di fronte alla provocazione capziosa e ingannevole di coloro che gli pongono il quesito. Vogliono intrappolare e imbavagliare Gesù, ma lui non si lascia trascinare nel tranello. Non si presta ad amplificare la loro fame di gloria, di applausi e di consensi da parte della gente dinanzi alla quale apparivano onesti, osservanti e dediti a Dio quando, in effetti, avevano solo il culto di se stessi e, per giunta, erano ipocriti: belli dentro, marci nel cuore.

Introducevano effigi umane, stampate sulle monete, nel luogo sacro del tempio dove era assolutamente proibito, ma insegnavano a fare diversamente. Cattivi maestri che salvavano la facciata ma covavano nel cuore la doppiezza e l’imbroglio. Il denaro era il loro pilota e la bussola del perverso atteggiamento ispirato al guadagno e non al culto. E vogliono sapere da Gesù come ci si deve comportare. Sanno bene a cosa mirano. Con doppiezza e perfidia intendono imbavagliare e far incartare Gesù, ma rimangono vittime del loro stesso metodo. Vengono smascherati e accusati di ipocrisia con l’evidenza di un ragionamento semplice ma efficace: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.

Le cose si pagano, a Dio si restituisce. Cesare, lo Stato, impongono; Dio dona. E ciò che è dono si riconsegna avendoci messo del nostro. La parabola dei talenti insegna che ciò che si riceve deve essere trasformato, arricchito, utilizzato per poi consegnare a chi è stato l’elargitore. Cominciando dalla vita che, come dice Renato Zero nella canzone “La vita è un dono”, è da “accettare, condividere e restituire”.

Un rapporto sereno ed equilibrato per ogni persona deve essere bidirezionale: Dio e gli altri. La comunità e lo stato. Anche a Gesù, in definitiva, viene chiesto come doveva essere gestito questo equilibrio, come risolvere il problema quando si registra uno scontro o vi sono divergenze. Salomonicamente Gesù risolve indicando che ciascuno deve avere la parte che gli compete. Dare allo stato significa rispettarne le leggi, sottoporsi alle tasse, onorare la propria appartenenza. Restituire a Dio significa ricondurre tutto a lui come principio e fine del proprio agire, come alba e tramonto della propria vita, significa riconoscere il primato assoluto e onorare quell’”immagine e somiglianza” che è impressa nel cuore di ognuno. Il primato è di Dio e nessuno, mai, vi si può sostituire e pretendere di prevalere. L’uomo è “proprietà” di Dio, ogni persona gli appartiene e non può essere mai mortificata a vantaggio di nulla, neppure dalla legittimità di uno stato che rivendica i suoi diritti. “Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti 5,29).



La nostra voce giunge al Signore che si china sulle nostre miserie: con la sua potenza risanatrice, ridà la vista ai ciechi, la speranza agli afflitti, la pace ai peccatori. Con la fiducia di Bartimeo, diciamo:

Donaci, o Dio, una fede viva!

Perché la Chiesa, edificio degli illuminati da Cristo, docilmente si lasci guidare e purificare dallo Spirito. Preghiamo:

Perché la luce del vangelo guarisca gli uomini da ogni cecità e sofferenza e accenda in essi la fede in Cristo figlio di Dio. Preghiamo:

Perché nessun uomo o organismo sociale osi impedire la professione e la testimonianza della fede. Preghiamo:

Perché la voce del Signore ci trovi pronti a lasciare tutto, per metterci, con la Chiesa, alla sequela del Cristo. Preghiamo:

Perché l’incontro personale col Signore che ci ha convocati alla sua mensa, sia per noi un momento di luce e liberazione. Preghiamo:

Per coloro che vivono come se Dio non ci fosse.
Per coloro che diffondono immagini e spettacoli osceni.

O Dio, che accogli il grido dei poveri, donaci di vederti in tutte le meraviglie del creato, di riconoscerti negli uomini nostri fratelli, di adorarti nel volto di Cristo Signore, parola eterna e luce vera del mondo. A te la lode nei secoli dei secoli. Amen.



O Signore, questa celebrazione eucaristica, che ci hai fatto pregustare la realtà del cielo, ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente e ci confermi nella speranza dei beni futuri. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 18 ottobre 2020

A Cesare la buccia a Dio la sostanza



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi.
Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?».
Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare».
Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio»”.



A Cesare le cose, la periferia della persona, l’involucro; a Dio il cuore, il centro, la sostanza. Questa la conclusione di Gesù di fronte alla provocazione capziosa e ingannevole di coloro che gli pongono il quesito. Vogliono intrappolare e imbavagliare Gesù, ma lui non si lascia trascinare nel tranello. Non si presta ad amplificare la loro fame di gloria, di applausi e di consensi da parte della gente dinanzi alla quale apparivano onesti, osservanti e dediti a Dio quando, in effetti, avevano solo il culto di se stessi e, per giunta, erano ipocriti: belli dentro, marci nel cuore.

Introducevano effigi umane, stampate sulle monete, nel luogo sacro del tempio dove era assolutamente proibito, ma insegnavano a fare diversamente. Cattivi maestri che salvavano la facciata ma covavano nel cuore la doppiezza e l’imbroglio. Il denaro era il loro pilota e la bussola del perverso atteggiamento ispirato al guadagno e non al culto. E vogliono sapere da Gesù come ci si deve comportare. Sanno bene a cosa mirano. Con doppiezza e perfidia intendono imbavagliare e far incartare Gesù, ma rimangono vittime del loro stesso metodo. Vengono smascherati e accusati di ipocrisia con l’evidenza di un ragionamento semplice ma efficace: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.

Le cose si pagano, a Dio si restituisce. Cesare, lo Stato, impongono; Dio dona. E ciò che è dono si riconsegna avendoci messo del nostro. La parabola dei talenti insegna che ciò che si riceve deve essere trasformato, arricchito, utilizzato per poi consegnare a chi è stato l’elargitore. Cominciando dalla vita che, come dice Renato Zero nella canzone “La vita è un dono”, è da “accettare, condividere e restituire”.

Un rapporto sereno ed equilibrato per ogni persona deve essere bidirezionale: Dio e gli altri. La comunità e lo stato. Anche a Gesù, in definitiva, viene chiesto come doveva essere gestito questo equilibrio, come risolvere il problema quando si registra uno scontro o vi sono divergenze. Salomonicamente Gesù risolve indicando che ciascuno deve avere la parte che gli compete. Dare allo stato significa rispettarne le leggi, sottoporsi alle tasse, onorare la propria appartenenza. Restituire a Dio significa ricondurre tutto a lui come principio e fine del proprio agire, come alba e tramonto della propria vita, significa riconoscere il primato assoluto e onorare quell’”immagine e somiglianza” che è impressa nel cuore di ognuno. Il primato è di Dio e nessuno, mai, vi si può sostituire e pretendere di prevalere. L’uomo è “proprietà” di Dio, ogni persona gli appartiene e non può essere mai mortificata a vantaggio di nulla, neppure dalla legittimità di uno stato che rivendica i suoi diritti. “Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti 5,29).



La nostra voce giunge al Signore che si china sulle nostre miserie: con la sua potenza risanatrice, ridà la vista ai ciechi, la speranza agli afflitti, la pace ai peccatori. Con la fiducia di Bartimeo, diciamo:

Donaci, o Dio, una fede viva!

Perché la Chiesa, edificio degli illuminati da Cristo, docilmente si lasci guidare e purificare dallo Spirito. Preghiamo:

Perché la luce del vangelo guarisca gli uomini da ogni cecità e sofferenza e accenda in essi la fede in Cristo figlio di Dio. Preghiamo:

Perché nessun uomo o organismo sociale osi impedire la professione e la testimonianza della fede. Preghiamo:

Perché la voce del Signore ci trovi pronti a lasciare tutto, per metterci, con la Chiesa, alla sequela del Cristo. Preghiamo:

Perché l’incontro personale col Signore che ci ha convocati alla sua mensa, sia per noi un momento di luce e liberazione. Preghiamo:

Per coloro che vivono come se Dio non ci fosse.
Per coloro che diffondono immagini e spettacoli osceni.

O Dio, che accogli il grido dei poveri, donaci di vederti in tutte le meraviglie del creato, di riconoscerti negli uomini nostri fratelli, di adorarti nel volto di Cristo Signore, parola eterna e luce vera del mondo. A te la lode nei secoli dei secoli. Amen.



O Signore, questa celebrazione eucaristica, che ci hai fatto pregustare la realtà del cielo, ci ottenga i tuoi benefici nella vita presente e ci confermi nella speranza dei beni futuri. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Marconi: L’infanzia di Maria

Fusco: La gioia dell’ascolto

Paolo e il suo Vangelo

Giovani all’ombra della luce

Libri – Diacone: un dossier di studio

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x