12.5 C
Roma
Sab, 26 Settembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A XXIV Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 13 settembre 2020

XXIV Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 13 settembre 2020

Il moto perpetuo del perdono






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
    Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.
    Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
    Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.
    Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello»”. 




    Il perdono è stato sempre difficile da comprendersi e ancor più difficile, se non impossibile, da vivere come scelta. Solo nell’ottica dell’amore, il perdono ha una sua collocazione e una sua spiegazione. Solo se si ama, il perdono ha motivo d’essere vissuto e sarà più facilmente compreso. L’amore, se vuole essere genuinamente tale, non deve mai essere meritato altrimenti diventa un diritto invece rimane sempre un gesto, una scelta che mostra accoglienza, gratuità, piacere di rendere felici gli altri. Chi offende, chi calunnia, chi compie il male sa che non deve attendersi nulla in cambio se non, umanamente parlando, altrettanta cattiveria, invece, quando si ama si sconfigge il male col bene.

    Ammesso che in qualche modo sia comprensibile o giustificabile il perdono, perché cristianamente è plausibile, il vangelo di oggi si chiede, per bocca di Pietro che interroga il maestro, ma quante volte si deve perdonare al fratello che pecca contro chi è disposto a perdonare? E la risposta del Maestro non è sorprendente. Non solo in ragione della quantità ma, soprattutto della qualità. Non solo fino a sette volte, come lo stesso Pietro, credendo di donare un perdono perfetto ha affermato. Difatti il numero sette biblicamente era considerato come esaustivo, in quanto perfetto, perché indica molteplicità e infinità. Gesù va oltre e gli risponde: “Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette”. Ossia sempre. Una cosa è certa: non si perdona per calcoli, perché ogni calcolo, per quanto esageratamente generoso possa essere, è sempre e comunque limitativo quindi monco. L’amore non pone limiti, non si arrende dinanzi alle fatiche, è instancabilmente proteso verso l’altro al di là dei sacrifici e delle rinunce richieste.

    “L’amore vince l’odio e la vendetta è disarmata dal perdono”. Ecco le armi del cristiano per combattere. Essere arrendevoli, apparentemente perdenti, ma in effetti l’amore vince quando perde. A differenza del male che perde proprio quando vince. Il perdono sfugge ad ogni logica umana soprattutto quella intesa e trasudante il legalismo o il senso della giustizia inteso come semplice mero e riduttivo equilibrio. Il perdono è un atto d’ingiustizia perché chiede di dare ciò che non si è meritato, spinge a raggiungere chi si è allontanato da te, impone di amare chi ti odia e ti ha fatto del male. La natura umana si ribella dinanzi a queste proposte. Difatti solo un cuore umano illuminato e sostenuto dalla ricchezza della grazia di Dio può trovare il coraggio di non gattonare per essere espresso e partecipato, ma corre verso coloro che, mostrando debolezza e piccolezza, si sono espressi con la determinazione del male, dell’offesa, del sopruso e della negligenza.




    Cristo è il re dell’universo e il Signore della Chiesa.
    Rivolgiamo a lui la nostra fiduciosa preghiera,
    perché tutto il mondo si rinnovi nella giustizia e nell’amore.

    R. Gesù Signore, ascoltaci.

    Per la santa Chiesa, perché unita in Cristo, mite re di pace,
    esprima alla luce del vangtelo la giustizia nuova
    che egli ha promulgato dalla croce, preghiamo. R.

    Per i pastori del popolo di Dio, vescovi, presbiteri, diaconi,
    perché siano imitatori
    di colui che è venuto non per essere servito, ma per servire, preghiamo. R.

    Per la società in cui viviamo,
    perché riconosca in ogni essere umano la presenza del Figlio di Dio,
    che un giorno verrà a giudicare il mondo, preghiamo. R.

    Per tutti i fratelli che portano, come noi, nella loro anima
    il segno della contraddizione e del peccato,
    perché non esitino ad affidarsi alla regalità di Cristo,
    esigente ma liberante, preghiamo. R.

    Per gli uomini vicini alla morte,
    perché illuminati e guidati dalla speranza immortale ricevuta in dono nel Battesimo,
    si aprano alla contemplazione del volto di Cristo, preghiamo. R.

    Signore Gesù,
    che sulla croce hai spezzato il giogo del peccato e della morte,
    estendi a tutti noi la tua signoria di grazia e di pace;
    donaci la certezza che ogni umana fatica
    è un germe che si apre
    alla realtà beatificante del tuo regno.
    Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

    R. Amen.




    La potenza di questo sacramento, o Padre, ci pervada corpo e anima, perché non prevalga in noi il nostro sentimento, ma l’azione del tuo Santo Spirito. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.
Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.
Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello»”. 



Il perdono è stato sempre difficile da comprendersi e ancor più difficile, se non impossibile, da vivere come scelta. Solo nell’ottica dell’amore, il perdono ha una sua collocazione e una sua spiegazione. Solo se si ama, il perdono ha motivo d’essere vissuto e sarà più facilmente compreso. L’amore, se vuole essere genuinamente tale, non deve mai essere meritato altrimenti diventa un diritto invece rimane sempre un gesto, una scelta che mostra accoglienza, gratuità, piacere di rendere felici gli altri. Chi offende, chi calunnia, chi compie il male sa che non deve attendersi nulla in cambio se non, umanamente parlando, altrettanta cattiveria, invece, quando si ama si sconfigge il male col bene.

Ammesso che in qualche modo sia comprensibile o giustificabile il perdono, perché cristianamente è plausibile, il vangelo di oggi si chiede, per bocca di Pietro che interroga il maestro, ma quante volte si deve perdonare al fratello che pecca contro chi è disposto a perdonare? E la risposta del Maestro non è sorprendente. Non solo in ragione della quantità ma, soprattutto della qualità. Non solo fino a sette volte, come lo stesso Pietro, credendo di donare un perdono perfetto ha affermato. Difatti il numero sette biblicamente era considerato come esaustivo, in quanto perfetto, perché indica molteplicità e infinità. Gesù va oltre e gli risponde: “Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette”. Ossia sempre. Una cosa è certa: non si perdona per calcoli, perché ogni calcolo, per quanto esageratamente generoso possa essere, è sempre e comunque limitativo quindi monco. L’amore non pone limiti, non si arrende dinanzi alle fatiche, è instancabilmente proteso verso l’altro al di là dei sacrifici e delle rinunce richieste.

“L’amore vince l’odio e la vendetta è disarmata dal perdono”. Ecco le armi del cristiano per combattere. Essere arrendevoli, apparentemente perdenti, ma in effetti l’amore vince quando perde. A differenza del male che perde proprio quando vince. Il perdono sfugge ad ogni logica umana soprattutto quella intesa e trasudante il legalismo o il senso della giustizia inteso come semplice mero e riduttivo equilibrio. Il perdono è un atto d’ingiustizia perché chiede di dare ciò che non si è meritato, spinge a raggiungere chi si è allontanato da te, impone di amare chi ti odia e ti ha fatto del male. La natura umana si ribella dinanzi a queste proposte. Difatti solo un cuore umano illuminato e sostenuto dalla ricchezza della grazia di Dio può trovare il coraggio di non gattonare per essere espresso e partecipato, ma corre verso coloro che, mostrando debolezza e piccolezza, si sono espressi con la determinazione del male, dell’offesa, del sopruso e della negligenza.



Cristo è il re dell’universo e il Signore della Chiesa.
Rivolgiamo a lui la nostra fiduciosa preghiera,
perché tutto il mondo si rinnovi nella giustizia e nell’amore.

R. Gesù Signore, ascoltaci.

Per la santa Chiesa, perché unita in Cristo, mite re di pace,
esprima alla luce del vangtelo la giustizia nuova
che egli ha promulgato dalla croce, preghiamo. R.

Per i pastori del popolo di Dio, vescovi, presbiteri, diaconi,
perché siano imitatori
di colui che è venuto non per essere servito, ma per servire, preghiamo. R.

Per la società in cui viviamo,
perché riconosca in ogni essere umano la presenza del Figlio di Dio,
che un giorno verrà a giudicare il mondo, preghiamo. R.

Per tutti i fratelli che portano, come noi, nella loro anima
il segno della contraddizione e del peccato,
perché non esitino ad affidarsi alla regalità di Cristo,
esigente ma liberante, preghiamo. R.

Per gli uomini vicini alla morte,
perché illuminati e guidati dalla speranza immortale ricevuta in dono nel Battesimo,
si aprano alla contemplazione del volto di Cristo, preghiamo. R.

Signore Gesù,
che sulla croce hai spezzato il giogo del peccato e della morte,
estendi a tutti noi la tua signoria di grazia e di pace;
donaci la certezza che ogni umana fatica
è un germe che si apre
alla realtà beatificante del tuo regno.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

R. Amen.



La potenza di questo sacramento, o Padre, ci pervada corpo e anima, perché non prevalga in noi il nostro sentimento, ma l’azione del tuo Santo Spirito. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXIV Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 13 settembre 2020

Il moto perpetuo del perdono



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.
Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.
Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello»”. 



Il perdono è stato sempre difficile da comprendersi e ancor più difficile, se non impossibile, da vivere come scelta. Solo nell’ottica dell’amore, il perdono ha una sua collocazione e una sua spiegazione. Solo se si ama, il perdono ha motivo d’essere vissuto e sarà più facilmente compreso. L’amore, se vuole essere genuinamente tale, non deve mai essere meritato altrimenti diventa un diritto invece rimane sempre un gesto, una scelta che mostra accoglienza, gratuità, piacere di rendere felici gli altri. Chi offende, chi calunnia, chi compie il male sa che non deve attendersi nulla in cambio se non, umanamente parlando, altrettanta cattiveria, invece, quando si ama si sconfigge il male col bene.

Ammesso che in qualche modo sia comprensibile o giustificabile il perdono, perché cristianamente è plausibile, il vangelo di oggi si chiede, per bocca di Pietro che interroga il maestro, ma quante volte si deve perdonare al fratello che pecca contro chi è disposto a perdonare? E la risposta del Maestro non è sorprendente. Non solo in ragione della quantità ma, soprattutto della qualità. Non solo fino a sette volte, come lo stesso Pietro, credendo di donare un perdono perfetto ha affermato. Difatti il numero sette biblicamente era considerato come esaustivo, in quanto perfetto, perché indica molteplicità e infinità. Gesù va oltre e gli risponde: “Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette”. Ossia sempre. Una cosa è certa: non si perdona per calcoli, perché ogni calcolo, per quanto esageratamente generoso possa essere, è sempre e comunque limitativo quindi monco. L’amore non pone limiti, non si arrende dinanzi alle fatiche, è instancabilmente proteso verso l’altro al di là dei sacrifici e delle rinunce richieste.

“L’amore vince l’odio e la vendetta è disarmata dal perdono”. Ecco le armi del cristiano per combattere. Essere arrendevoli, apparentemente perdenti, ma in effetti l’amore vince quando perde. A differenza del male che perde proprio quando vince. Il perdono sfugge ad ogni logica umana soprattutto quella intesa e trasudante il legalismo o il senso della giustizia inteso come semplice mero e riduttivo equilibrio. Il perdono è un atto d’ingiustizia perché chiede di dare ciò che non si è meritato, spinge a raggiungere chi si è allontanato da te, impone di amare chi ti odia e ti ha fatto del male. La natura umana si ribella dinanzi a queste proposte. Difatti solo un cuore umano illuminato e sostenuto dalla ricchezza della grazia di Dio può trovare il coraggio di non gattonare per essere espresso e partecipato, ma corre verso coloro che, mostrando debolezza e piccolezza, si sono espressi con la determinazione del male, dell’offesa, del sopruso e della negligenza.



Cristo è il re dell’universo e il Signore della Chiesa.
Rivolgiamo a lui la nostra fiduciosa preghiera,
perché tutto il mondo si rinnovi nella giustizia e nell’amore.

R. Gesù Signore, ascoltaci.

Per la santa Chiesa, perché unita in Cristo, mite re di pace,
esprima alla luce del vangtelo la giustizia nuova
che egli ha promulgato dalla croce, preghiamo. R.

Per i pastori del popolo di Dio, vescovi, presbiteri, diaconi,
perché siano imitatori
di colui che è venuto non per essere servito, ma per servire, preghiamo. R.

Per la società in cui viviamo,
perché riconosca in ogni essere umano la presenza del Figlio di Dio,
che un giorno verrà a giudicare il mondo, preghiamo. R.

Per tutti i fratelli che portano, come noi, nella loro anima
il segno della contraddizione e del peccato,
perché non esitino ad affidarsi alla regalità di Cristo,
esigente ma liberante, preghiamo. R.

Per gli uomini vicini alla morte,
perché illuminati e guidati dalla speranza immortale ricevuta in dono nel Battesimo,
si aprano alla contemplazione del volto di Cristo, preghiamo. R.

Signore Gesù,
che sulla croce hai spezzato il giogo del peccato e della morte,
estendi a tutti noi la tua signoria di grazia e di pace;
donaci la certezza che ogni umana fatica
è un germe che si apre
alla realtà beatificante del tuo regno.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

R. Amen.



La potenza di questo sacramento, o Padre, ci pervada corpo e anima, perché non prevalga in noi il nostro sentimento, ma l’azione del tuo Santo Spirito. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
284FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
119IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x