11.6 C
Roma
Lun, 19 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXIII Domenica Per Annum - Anno C - 8 settembre 2013.

XXIII Domenica Per Annum – Anno C – 8 settembre 2013.

- Advertisement -

09-croce-di-cristo
La «simmetria» dell’amore di Cristo: assoluto, ma non possessivo.

La «simmetria» dell’amore di Cristo: assoluto, ma non possessivo.

Sap 9, 13-18; Fm 9b-10.12-17; Lc 14, 25-33

 

La XXIII domenica del tempo per annum ci offre una pagina di vangelo, nella quale Gesù elenca tre condizioni imprescindibili per essere dei veri discepoli e di conseguenza dei cristiani esemplari.

La prima affermazione di Gesù sembra paradossale e cinica, pertanto bisogna intendersi bene sul significato di: «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre…» (Lc 14, 26). Nell’aramaico parlato dallo stesso Gesù, queste espressioni intendono perfettamente ciò che lo stesso evangelista Matteo riporta nel parallelo al capitolo 10 del suo Vangelo: «Chi ama il padre e la madre più di me, non è degno di me». Parafrasando allora – in termini d’oggi – ciò che il maestro vuole comunicare, si potrebbe affermare che: se qualcuno ha intenzione di seguire Gesù, ma allo stesso tempo non lo ama più del padre e della madre, della moglie e dei figli, dei fratelli e delle sorelle, vale a dire più di quanto ci sia di prezioso in terra e, allo stesso tempo, non si è pronti a far diventare Cristo il bene più prezioso, non si può essere suoi discepoli. Quello di Cristo è un amore esclusivo, ma non possessivo; è un amore “simmetrico”. Così come egli si donò completamente alla croce per aprire l’umanità alla salvezza e trasporre l’amore stesso in una nuove dimensione, quella oblativa; altrettanto noi, focalizzandoci in lui, saremo in grado di donarci perfettamente al prossimo: padre, madre, moglie, figli, fratelli, sorelle ecc.. Cristo non ci rapisce, non ci sottrae agli affetti; anzi, è colui attraverso il quale, costoro ne risultano maggiormente valorizzati.

La seconda condizione annunciata da Gesù si snocciola in un semplice assioma: «Chi mi segue senza portare la sua croce, non può essere mio discepolo» (Lc 14, 27), terminando il suo discorso con un ultimo inciso: «Chi non rinuncia a tutto quel che possiede non può essere mio discepolo» (Lc 14, 33).

Per comprendere queste affermazioni, occorre immaginare il grande entusiasmo della folla radunatasi innanzi a Gesù; egli stesso avverte la necessità di smorzare tale esuberanza, di esprimersi con franchezza e invitare alla cautela. Seguire Gesù significava infatti, rischiare la vita, la casa, farsi odiare – il più delle volte – dalla propria famiglia per i pericoli da intraprendere. Oltre a questo, significava accettare di vivere in maniera nuova, diversa, difficile, contraria alle convinzioni della maggioranza, chiusa pacificamente nel proprio egoismo. Questo nuovo “profeta” esigeva addirittura amore per i nemici e: perdono sempre!

“Rinunciare a tutto” allora, non indicava solo un pacifico distacco dai beni materiali, ma la progressiva rinuncia alle proprie convinzioni e abitudini, per cominciare a pensare e a vivere come lui.

Oggi, inevitabilmente, tale pagina di Vangelo riassume un significato importante anche per noi. Scegliere di essere cristiani è sempre più un onere gravoso, una rottura dolorosa con il contesto socio-culturale in cui siamo immersi; a volte una vera e propria croce da portare. La stessa chiesa, purtroppo, per tanti cristiani, si tramuta in luogo di oppressione e di sofferenza; baratta il suo ventre di madre, alcova di vita, in monte calvario, protuberanza di morte. Il Padre e il Figlio, in una civiltà secolarizzata all’eccesso, sono diventati degli sconosciuti. Dimostrarsi cristiani in certe situazioni diventa difficile.

In questo contesto barbaro e ostinato al cristiano, l’esigenza di lasciarsi abitare dalla Parola dovrebbe far da padrona, far nascere nei cuori il desiderio di un accompagnamento nella vita spirituale; in maniera tale da suscitare il desiderio di scoperta di Dio, provocando una relazione rinnovatrice per la propria vita, specialmente nei momenti bui e di poca chiarezza.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXIII Domenica Per Annum – Anno C – 8 settembre 2013.

- Advertisement -

09-croce-di-cristo
La «simmetria» dell’amore di Cristo: assoluto, ma non possessivo.

La «simmetria» dell’amore di Cristo: assoluto, ma non possessivo.

Sap 9, 13-18; Fm 9b-10.12-17; Lc 14, 25-33

 

La XXIII domenica del tempo per annum ci offre una pagina di vangelo, nella quale Gesù elenca tre condizioni imprescindibili per essere dei veri discepoli e di conseguenza dei cristiani esemplari.

- Advertisement -

La prima affermazione di Gesù sembra paradossale e cinica, pertanto bisogna intendersi bene sul significato di: «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre…» (Lc 14, 26). Nell’aramaico parlato dallo stesso Gesù, queste espressioni intendono perfettamente ciò che lo stesso evangelista Matteo riporta nel parallelo al capitolo 10 del suo Vangelo: «Chi ama il padre e la madre più di me, non è degno di me». Parafrasando allora – in termini d’oggi – ciò che il maestro vuole comunicare, si potrebbe affermare che: se qualcuno ha intenzione di seguire Gesù, ma allo stesso tempo non lo ama più del padre e della madre, della moglie e dei figli, dei fratelli e delle sorelle, vale a dire più di quanto ci sia di prezioso in terra e, allo stesso tempo, non si è pronti a far diventare Cristo il bene più prezioso, non si può essere suoi discepoli. Quello di Cristo è un amore esclusivo, ma non possessivo; è un amore “simmetrico”. Così come egli si donò completamente alla croce per aprire l’umanità alla salvezza e trasporre l’amore stesso in una nuove dimensione, quella oblativa; altrettanto noi, focalizzandoci in lui, saremo in grado di donarci perfettamente al prossimo: padre, madre, moglie, figli, fratelli, sorelle ecc.. Cristo non ci rapisce, non ci sottrae agli affetti; anzi, è colui attraverso il quale, costoro ne risultano maggiormente valorizzati.

La seconda condizione annunciata da Gesù si snocciola in un semplice assioma: «Chi mi segue senza portare la sua croce, non può essere mio discepolo» (Lc 14, 27), terminando il suo discorso con un ultimo inciso: «Chi non rinuncia a tutto quel che possiede non può essere mio discepolo» (Lc 14, 33).

Per comprendere queste affermazioni, occorre immaginare il grande entusiasmo della folla radunatasi innanzi a Gesù; egli stesso avverte la necessità di smorzare tale esuberanza, di esprimersi con franchezza e invitare alla cautela. Seguire Gesù significava infatti, rischiare la vita, la casa, farsi odiare – il più delle volte – dalla propria famiglia per i pericoli da intraprendere. Oltre a questo, significava accettare di vivere in maniera nuova, diversa, difficile, contraria alle convinzioni della maggioranza, chiusa pacificamente nel proprio egoismo. Questo nuovo “profeta” esigeva addirittura amore per i nemici e: perdono sempre!

“Rinunciare a tutto” allora, non indicava solo un pacifico distacco dai beni materiali, ma la progressiva rinuncia alle proprie convinzioni e abitudini, per cominciare a pensare e a vivere come lui.

Oggi, inevitabilmente, tale pagina di Vangelo riassume un significato importante anche per noi. Scegliere di essere cristiani è sempre più un onere gravoso, una rottura dolorosa con il contesto socio-culturale in cui siamo immersi; a volte una vera e propria croce da portare. La stessa chiesa, purtroppo, per tanti cristiani, si tramuta in luogo di oppressione e di sofferenza; baratta il suo ventre di madre, alcova di vita, in monte calvario, protuberanza di morte. Il Padre e il Figlio, in una civiltà secolarizzata all’eccesso, sono diventati degli sconosciuti. Dimostrarsi cristiani in certe situazioni diventa difficile.

In questo contesto barbaro e ostinato al cristiano, l’esigenza di lasciarsi abitare dalla Parola dovrebbe far da padrona, far nascere nei cuori il desiderio di un accompagnamento nella vita spirituale; in maniera tale da suscitare il desiderio di scoperta di Dio, provocando una relazione rinnovatrice per la propria vita, specialmente nei momenti bui e di poca chiarezza.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
227IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Il Sacrificio

Fusco: La gioia dell’ascolto

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Attualità del decalogo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x