33.7 C
Roma
Mar, 27 Luglio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno CXXIII Domenica del Tempo Ordinario Anno C - 8 settembre 2019

XXIII Domenica del Tempo Ordinario Anno C – 8 settembre 2019

Il primato assoluto di Dio






    Dal Vangelo secondo Luca

      “In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
    «Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo.
    Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
    Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
    Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
    Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo»”. 




    L’esperienza dell’amore è una ed è unica, ma è pur vero che nella vita relazionale umana si passa attraverso l’esperienza esaltante di tanti amori. L’amore genitoriale, quello amicale, quello professionale, hobbistico. L’amore per una donna o per un uomo con cui si progetta e si forma una famiglia e nell’ambito della quale ci si apre alla vita generando nuove creature a cui si insegna ad amare. La cosa importante da considerare è che tutti questi amori hanno la stessa radice e, soprattutto, non debbono mai vedersi in contrapposizione tra loro. Non sarebbe amore se amare un genitore entrasse in conflitto con l’amare la propria moglie, come pure sarebbe scandaloso se l’amore per uno dei genitori entrasse in conflitto con l’amare per l’altro. Tanto è vero che si parla di complessi quando si registrano conflitti, antagonismi, in riferimento all’amore nell’ambito della stessa famiglia.

    L’origine di ogni forma d’amore, a cui l’uomo è chiamato, si trova sempre e solo in Dio perché lui è amore e noi siamo stati da lui generati. San Giovanni ci ricorda che: “non siamo stati noi ad amare lui ma è lui che ha amato noi” e non potrebbe essere altrimenti visto che l’eternità di Dio supera la precarietà umana. Proprio perché Dio è l’origine di ogni forma d’amore ha anche il primato rispetto a tutto e a tutti gli altri. Quando Dio ci chiede d’essere amato per primo non lo fa perché necessita lui d’essere considerato ma siamo noi, che senza di lui, non potendo fare niente, riceviamo, indirettamente, un’indicazione dove dobbiamo dirigerci e come dobbiamo comportarci.

    Ogni forma d’amore non è mai oppositiva o sostitutiva delle altre ma coso mai esplicativa ed integrativa, espansiva. Quando in un recipiente si abbocca lo stesso liquido che già contiene, non si distingue il primo dal secondo essendo della stessa natura. Così l’uomo quando ama, e, soprattutto, lo fa gratuitamente, addiziona i suoi amori cercando la perfezione. Dio ci chiama ad essere capaci di amare sempre più e sempre meglio fino al momento apicale che è dato dall’eroismo e dal dono completo e disinteressato di sé agli altri. La cattedra della croce rimane sempre il polo di attrazione e l’approdo per tutti coloro che vogliono apprendere l’arte d’amare. Il vero maestro di questa arte è il Signore Gesù, l’unico che abita quella cattedra in modo signorile nonostante non abbia più l’aspetto da poter essere riconosciuto come uomo, ma, col suo amore ha salvato tutti gli uomini. 




    Dio Padre vuole la salvezza di ogni uomo
    e nessuno è estraneo alla sua provvidenza.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Sostieni e guida, o Padre, il nostro cammino.

    Per la santa Chiesa,
    perché, guidata dallo Spirito del Signore,
    sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
    i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

    Per i nostri pastori,
    perché mediante il ministero e la santità personale
    siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

    Per tutti noi rinati nel Battesimo,
    perché il Signore ci preservi dal peccato
    e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

    Per l’uomo che lavora,
    perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
    giovi anche a rendere più giusti e cordiali
    i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

    Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
    perché siano accolti con amore
    e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

    Radunati nella tua casa, o Signore,
    ricordiamo e celebriamo la tua misericordia;
    fa’ che l’umanità intera
    possa riconoscere l’efficacia della tua salvezza
    nella faticosa gestazione di un mondo nuovo.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O padre, che nutri e rinnovi i tuoi fedeli alla mensa della parola e del pane di vita, per questi doni del tuo Figlio aiutaci a progredire costantemente nella fede, per divenire partecipi della sua vita immortale. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Luca

  “In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo.
Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo»”. 



L’esperienza dell’amore è una ed è unica, ma è pur vero che nella vita relazionale umana si passa attraverso l’esperienza esaltante di tanti amori. L’amore genitoriale, quello amicale, quello professionale, hobbistico. L’amore per una donna o per un uomo con cui si progetta e si forma una famiglia e nell’ambito della quale ci si apre alla vita generando nuove creature a cui si insegna ad amare. La cosa importante da considerare è che tutti questi amori hanno la stessa radice e, soprattutto, non debbono mai vedersi in contrapposizione tra loro. Non sarebbe amore se amare un genitore entrasse in conflitto con l’amare la propria moglie, come pure sarebbe scandaloso se l’amore per uno dei genitori entrasse in conflitto con l’amare per l’altro. Tanto è vero che si parla di complessi quando si registrano conflitti, antagonismi, in riferimento all’amore nell’ambito della stessa famiglia.

L’origine di ogni forma d’amore, a cui l’uomo è chiamato, si trova sempre e solo in Dio perché lui è amore e noi siamo stati da lui generati. San Giovanni ci ricorda che: “non siamo stati noi ad amare lui ma è lui che ha amato noi” e non potrebbe essere altrimenti visto che l’eternità di Dio supera la precarietà umana. Proprio perché Dio è l’origine di ogni forma d’amore ha anche il primato rispetto a tutto e a tutti gli altri. Quando Dio ci chiede d’essere amato per primo non lo fa perché necessita lui d’essere considerato ma siamo noi, che senza di lui, non potendo fare niente, riceviamo, indirettamente, un’indicazione dove dobbiamo dirigerci e come dobbiamo comportarci.

Ogni forma d’amore non è mai oppositiva o sostitutiva delle altre ma coso mai esplicativa ed integrativa, espansiva. Quando in un recipiente si abbocca lo stesso liquido che già contiene, non si distingue il primo dal secondo essendo della stessa natura. Così l’uomo quando ama, e, soprattutto, lo fa gratuitamente, addiziona i suoi amori cercando la perfezione. Dio ci chiama ad essere capaci di amare sempre più e sempre meglio fino al momento apicale che è dato dall’eroismo e dal dono completo e disinteressato di sé agli altri. La cattedra della croce rimane sempre il polo di attrazione e l’approdo per tutti coloro che vogliono apprendere l’arte d’amare. Il vero maestro di questa arte è il Signore Gesù, l’unico che abita quella cattedra in modo signorile nonostante non abbia più l’aspetto da poter essere riconosciuto come uomo, ma, col suo amore ha salvato tutti gli uomini. 



Dio Padre vuole la salvezza di ogni uomo
e nessuno è estraneo alla sua provvidenza.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Sostieni e guida, o Padre, il nostro cammino.

Per la santa Chiesa,
perché, guidata dallo Spirito del Signore,
sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

Per i nostri pastori,
perché mediante il ministero e la santità personale
siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

Per tutti noi rinati nel Battesimo,
perché il Signore ci preservi dal peccato
e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

Per l’uomo che lavora,
perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
giovi anche a rendere più giusti e cordiali
i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
perché siano accolti con amore
e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

Radunati nella tua casa, o Signore,
ricordiamo e celebriamo la tua misericordia;
fa’ che l’umanità intera
possa riconoscere l’efficacia della tua salvezza
nella faticosa gestazione di un mondo nuovo.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O padre, che nutri e rinnovi i tuoi fedeli alla mensa della parola e del pane di vita, per questi doni del tuo Figlio aiutaci a progredire costantemente nella fede, per divenire partecipi della sua vita immortale. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXIII Domenica del Tempo Ordinario Anno C – 8 settembre 2019

Il primato assoluto di Dio



Dal Vangelo secondo Luca

  “In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo.
Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo»”. 



L’esperienza dell’amore è una ed è unica, ma è pur vero che nella vita relazionale umana si passa attraverso l’esperienza esaltante di tanti amori. L’amore genitoriale, quello amicale, quello professionale, hobbistico. L’amore per una donna o per un uomo con cui si progetta e si forma una famiglia e nell’ambito della quale ci si apre alla vita generando nuove creature a cui si insegna ad amare. La cosa importante da considerare è che tutti questi amori hanno la stessa radice e, soprattutto, non debbono mai vedersi in contrapposizione tra loro. Non sarebbe amore se amare un genitore entrasse in conflitto con l’amare la propria moglie, come pure sarebbe scandaloso se l’amore per uno dei genitori entrasse in conflitto con l’amare per l’altro. Tanto è vero che si parla di complessi quando si registrano conflitti, antagonismi, in riferimento all’amore nell’ambito della stessa famiglia.

L’origine di ogni forma d’amore, a cui l’uomo è chiamato, si trova sempre e solo in Dio perché lui è amore e noi siamo stati da lui generati. San Giovanni ci ricorda che: “non siamo stati noi ad amare lui ma è lui che ha amato noi” e non potrebbe essere altrimenti visto che l’eternità di Dio supera la precarietà umana. Proprio perché Dio è l’origine di ogni forma d’amore ha anche il primato rispetto a tutto e a tutti gli altri. Quando Dio ci chiede d’essere amato per primo non lo fa perché necessita lui d’essere considerato ma siamo noi, che senza di lui, non potendo fare niente, riceviamo, indirettamente, un’indicazione dove dobbiamo dirigerci e come dobbiamo comportarci.

Ogni forma d’amore non è mai oppositiva o sostitutiva delle altre ma coso mai esplicativa ed integrativa, espansiva. Quando in un recipiente si abbocca lo stesso liquido che già contiene, non si distingue il primo dal secondo essendo della stessa natura. Così l’uomo quando ama, e, soprattutto, lo fa gratuitamente, addiziona i suoi amori cercando la perfezione. Dio ci chiama ad essere capaci di amare sempre più e sempre meglio fino al momento apicale che è dato dall’eroismo e dal dono completo e disinteressato di sé agli altri. La cattedra della croce rimane sempre il polo di attrazione e l’approdo per tutti coloro che vogliono apprendere l’arte d’amare. Il vero maestro di questa arte è il Signore Gesù, l’unico che abita quella cattedra in modo signorile nonostante non abbia più l’aspetto da poter essere riconosciuto come uomo, ma, col suo amore ha salvato tutti gli uomini. 



Dio Padre vuole la salvezza di ogni uomo
e nessuno è estraneo alla sua provvidenza.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Sostieni e guida, o Padre, il nostro cammino.

Per la santa Chiesa,
perché, guidata dallo Spirito del Signore,
sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

Per i nostri pastori,
perché mediante il ministero e la santità personale
siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

Per tutti noi rinati nel Battesimo,
perché il Signore ci preservi dal peccato
e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

Per l’uomo che lavora,
perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
giovi anche a rendere più giusti e cordiali
i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
perché siano accolti con amore
e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

Radunati nella tua casa, o Signore,
ricordiamo e celebriamo la tua misericordia;
fa’ che l’umanità intera
possa riconoscere l’efficacia della tua salvezza
nella faticosa gestazione di un mondo nuovo.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O padre, che nutri e rinnovi i tuoi fedeli alla mensa della parola e del pane di vita, per questi doni del tuo Figlio aiutaci a progredire costantemente nella fede, per divenire partecipi della sua vita immortale. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Accompagnare gli adulti nella fede

Liturgia e secolarizzazione

L’ateismo interroga la fede

Teilhard, rivoluzione teologica

Perché le suore indossano il velo?

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x