Cookie Consent by Free Privacy Policy website
20.9 C
Roma
Mer, 27 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BXXIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 5 settembre 2021

XXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 5 settembre 2021

Per vincere il mutismo occorre combattere la sordità






    Dal Vangelo secondo Marco

    In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».




    Non esiste solo la sordità fisica, purtroppo, nel vasto panorama di deficienze e menomazioni di cui possa essere vittima una persona. Ci sono sordità morali che pesano anche più di quelle fisiche. Ogni volta che non sentiamo un grido di aiuto, ogni volta che non percepiamo il gemito di chi soffre, ogni volta che distrattamente passiamo oltre dinanzi qualsiasi forma di necessità altrui: siamo ciechi, sordi, muti e paralizzati.

    In genere, se non vi sono stati traumi postumi rispetto alla nascita, il mutismo è dovuto alla sordità. Chi ne è affetto, non avendo mai percepito i suoni, non li può neppure emettere. Ma vi un episodio nella vita del sacerdote Zaccaria marito di Elisabetta, genitori di Giovanni il Battista, che ci racconta come lui rimase muto perché non credette alla promessa di avere un figlio. Moralmente e religiosamente, quando uno non crede, quando uno non si abbandona fiducioso alla parola di Dio, diventa difficili che possa parlare testimoniando la propria fede. Quando siamo ciechi, muti, storpi nei confronti del prossimo vuol dire che non crediamo alle sue esigenze e allora siamo paralizzati, immobili, insensibili.

    Questa è la vera guarigione a cui dobbiamo aspirare. Essere liberati dalle paralisi che ci allontanano dagli altri, che ci impediscono di raggiungerli nelle loro necessità e soccorrerli. “«Effatà», cioè: «Apriti!» – dice Gesù al sordomuto -. E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente”. Dobbiamo aprire, togliere gli ostacoli, rimuovere le cause delle nostre paralisi per accorgerci degli altri. Il primo sbarramento da togliere la prima apertura da effettuare, il primo taglio da praticare per rendere libero il campo dell’azione e del soccorso verso chi necessita del mio sguardo, del mio ascolto, del mio intervento: è l’egoismo, l’individualismo che mi porta a chiudermi, ad isolarmi, ad immunizzarmi dagli altri quasi che l’incontro, il contatto, il soccorso possa contagiarci. La pandemia ci sta costringendo a tenere le distanze per non infettarci, per non essere di pericolo per la salute del vicino. Moralmente un atteggiamento del genere ci sterilizza ed è, tristemente, devastante.

    Il Signore ci sussurra, se è necessario, ci grida: “apriti”. Quanto accade attorno a noi, soprattutto quando si tratta di morti violente, di attentati, di disastrosi eventi atmosferici: terremoti, alluvioni, siccità, Qualcuno, anche attraverso questi linguaggi, ci grida di stare attenti, di prestare attenzione, di offrire soccorso di ravvederci circa il nostro modo di relazionarci anche con la natura stessa. Dobbiamo svegliarci dai nostri torpori, scioglierci dalle nostre paralisi, svegliarci dalle nostre indifferenze e prenderci cura. Gli uni degli altri, i più forti dei più deboli, i più ricchi dei più poveri, i più dotti dei meno sapienti, i più efficienti dei più fragili.

    Per vincere il mutismo occorre combattere la sordità. Togliamo il cerume dai nostri orecchi: gli ostacoli egoistici che non ci fanno sentire e ci rinchiudono in noi stessi rendendoci auto imprigionati. Noi carcerieri di noi stessi. Non c’è altro modo che prestare attenzione alla parola di Dio che ci renderà liberi, spezzando ogni catena, rendendoci attenti ascoltatori.




    Dio Padre vuole la salvezza di ogni uomo
    e nessuno è estraneo alla sua provvidenza.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Sostieni e guida, o Padre, il nostro cammino.

    Per la santa Chiesa,
    perché, guidata dallo Spirito del Signore,
    sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
    i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

    Per i nostri pastori,
    perché mediante il ministero e la santità personale
    siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

    Per tutti noi rinati nel Battesimo,
    perché il Signore ci preservi dal peccato
    e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

    Per l’uomo che lavora,
    perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
    giovi anche a rendere più giusti e cordiali
    i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

    Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
    perché siano accolti con amore
    e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

    Radunati nella tua casa, o Signore,
    ricordiamo e celebriamo la tua misericordia;
    fa’ che l’umanità intera
    possa riconoscere l’efficacia della tua salvezza
    nella faticosa gestazione di un mondo nuovo.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Padre, che nutri e rinnovi i tuoi fedeli alla mensa della parola e del pane di vita, + per questi grandi doni del tuo amato Figlio * aiutaci a progredire costantemente nella fede, * per divenire partecipi della sua vita immortale. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.





Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».



Non esiste solo la sordità fisica, purtroppo, nel vasto panorama di deficienze e menomazioni di cui possa essere vittima una persona. Ci sono sordità morali che pesano anche più di quelle fisiche. Ogni volta che non sentiamo un grido di aiuto, ogni volta che non percepiamo il gemito di chi soffre, ogni volta che distrattamente passiamo oltre dinanzi qualsiasi forma di necessità altrui: siamo ciechi, sordi, muti e paralizzati.

In genere, se non vi sono stati traumi postumi rispetto alla nascita, il mutismo è dovuto alla sordità. Chi ne è affetto, non avendo mai percepito i suoni, non li può neppure emettere. Ma vi un episodio nella vita del sacerdote Zaccaria marito di Elisabetta, genitori di Giovanni il Battista, che ci racconta come lui rimase muto perché non credette alla promessa di avere un figlio. Moralmente e religiosamente, quando uno non crede, quando uno non si abbandona fiducioso alla parola di Dio, diventa difficili che possa parlare testimoniando la propria fede. Quando siamo ciechi, muti, storpi nei confronti del prossimo vuol dire che non crediamo alle sue esigenze e allora siamo paralizzati, immobili, insensibili.

Questa è la vera guarigione a cui dobbiamo aspirare. Essere liberati dalle paralisi che ci allontanano dagli altri, che ci impediscono di raggiungerli nelle loro necessità e soccorrerli. “«Effatà», cioè: «Apriti!» – dice Gesù al sordomuto -. E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente”. Dobbiamo aprire, togliere gli ostacoli, rimuovere le cause delle nostre paralisi per accorgerci degli altri. Il primo sbarramento da togliere la prima apertura da effettuare, il primo taglio da praticare per rendere libero il campo dell’azione e del soccorso verso chi necessita del mio sguardo, del mio ascolto, del mio intervento: è l’egoismo, l’individualismo che mi porta a chiudermi, ad isolarmi, ad immunizzarmi dagli altri quasi che l’incontro, il contatto, il soccorso possa contagiarci. La pandemia ci sta costringendo a tenere le distanze per non infettarci, per non essere di pericolo per la salute del vicino. Moralmente un atteggiamento del genere ci sterilizza ed è, tristemente, devastante.

Il Signore ci sussurra, se è necessario, ci grida: “apriti”. Quanto accade attorno a noi, soprattutto quando si tratta di morti violente, di attentati, di disastrosi eventi atmosferici: terremoti, alluvioni, siccità, Qualcuno, anche attraverso questi linguaggi, ci grida di stare attenti, di prestare attenzione, di offrire soccorso di ravvederci circa il nostro modo di relazionarci anche con la natura stessa. Dobbiamo svegliarci dai nostri torpori, scioglierci dalle nostre paralisi, svegliarci dalle nostre indifferenze e prenderci cura. Gli uni degli altri, i più forti dei più deboli, i più ricchi dei più poveri, i più dotti dei meno sapienti, i più efficienti dei più fragili.

Per vincere il mutismo occorre combattere la sordità. Togliamo il cerume dai nostri orecchi: gli ostacoli egoistici che non ci fanno sentire e ci rinchiudono in noi stessi rendendoci auto imprigionati. Noi carcerieri di noi stessi. Non c’è altro modo che prestare attenzione alla parola di Dio che ci renderà liberi, spezzando ogni catena, rendendoci attenti ascoltatori.



Dio Padre vuole la salvezza di ogni uomo
e nessuno è estraneo alla sua provvidenza.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Sostieni e guida, o Padre, il nostro cammino.

Per la santa Chiesa,
perché, guidata dallo Spirito del Signore,
sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

Per i nostri pastori,
perché mediante il ministero e la santità personale
siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

Per tutti noi rinati nel Battesimo,
perché il Signore ci preservi dal peccato
e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

Per l’uomo che lavora,
perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
giovi anche a rendere più giusti e cordiali
i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
perché siano accolti con amore
e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

Radunati nella tua casa, o Signore,
ricordiamo e celebriamo la tua misericordia;
fa’ che l’umanità intera
possa riconoscere l’efficacia della tua salvezza
nella faticosa gestazione di un mondo nuovo.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Padre, che nutri e rinnovi i tuoi fedeli alla mensa della parola e del pane di vita, + per questi grandi doni del tuo amato Figlio * aiutaci a progredire costantemente nella fede, * per divenire partecipi della sua vita immortale. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 5 settembre 2021

Per vincere il mutismo occorre combattere la sordità



Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».



Non esiste solo la sordità fisica, purtroppo, nel vasto panorama di deficienze e menomazioni di cui possa essere vittima una persona. Ci sono sordità morali che pesano anche più di quelle fisiche. Ogni volta che non sentiamo un grido di aiuto, ogni volta che non percepiamo il gemito di chi soffre, ogni volta che distrattamente passiamo oltre dinanzi qualsiasi forma di necessità altrui: siamo ciechi, sordi, muti e paralizzati.

In genere, se non vi sono stati traumi postumi rispetto alla nascita, il mutismo è dovuto alla sordità. Chi ne è affetto, non avendo mai percepito i suoni, non li può neppure emettere. Ma vi un episodio nella vita del sacerdote Zaccaria marito di Elisabetta, genitori di Giovanni il Battista, che ci racconta come lui rimase muto perché non credette alla promessa di avere un figlio. Moralmente e religiosamente, quando uno non crede, quando uno non si abbandona fiducioso alla parola di Dio, diventa difficili che possa parlare testimoniando la propria fede. Quando siamo ciechi, muti, storpi nei confronti del prossimo vuol dire che non crediamo alle sue esigenze e allora siamo paralizzati, immobili, insensibili.

Questa è la vera guarigione a cui dobbiamo aspirare. Essere liberati dalle paralisi che ci allontanano dagli altri, che ci impediscono di raggiungerli nelle loro necessità e soccorrerli. “«Effatà», cioè: «Apriti!» – dice Gesù al sordomuto -. E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente”. Dobbiamo aprire, togliere gli ostacoli, rimuovere le cause delle nostre paralisi per accorgerci degli altri. Il primo sbarramento da togliere la prima apertura da effettuare, il primo taglio da praticare per rendere libero il campo dell’azione e del soccorso verso chi necessita del mio sguardo, del mio ascolto, del mio intervento: è l’egoismo, l’individualismo che mi porta a chiudermi, ad isolarmi, ad immunizzarmi dagli altri quasi che l’incontro, il contatto, il soccorso possa contagiarci. La pandemia ci sta costringendo a tenere le distanze per non infettarci, per non essere di pericolo per la salute del vicino. Moralmente un atteggiamento del genere ci sterilizza ed è, tristemente, devastante.

Il Signore ci sussurra, se è necessario, ci grida: “apriti”. Quanto accade attorno a noi, soprattutto quando si tratta di morti violente, di attentati, di disastrosi eventi atmosferici: terremoti, alluvioni, siccità, Qualcuno, anche attraverso questi linguaggi, ci grida di stare attenti, di prestare attenzione, di offrire soccorso di ravvederci circa il nostro modo di relazionarci anche con la natura stessa. Dobbiamo svegliarci dai nostri torpori, scioglierci dalle nostre paralisi, svegliarci dalle nostre indifferenze e prenderci cura. Gli uni degli altri, i più forti dei più deboli, i più ricchi dei più poveri, i più dotti dei meno sapienti, i più efficienti dei più fragili.

Per vincere il mutismo occorre combattere la sordità. Togliamo il cerume dai nostri orecchi: gli ostacoli egoistici che non ci fanno sentire e ci rinchiudono in noi stessi rendendoci auto imprigionati. Noi carcerieri di noi stessi. Non c’è altro modo che prestare attenzione alla parola di Dio che ci renderà liberi, spezzando ogni catena, rendendoci attenti ascoltatori.



Dio Padre vuole la salvezza di ogni uomo
e nessuno è estraneo alla sua provvidenza.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Sostieni e guida, o Padre, il nostro cammino.

Per la santa Chiesa,
perché, guidata dallo Spirito del Signore,
sappia riconoscere nella vita di tutti i giorni
i segni della presenza di Dio, preghiamo. R.

Per i nostri pastori,
perché mediante il ministero e la santità personale
siano educatori e padri nella fede, preghiamo. R.

Per tutti noi rinati nel Battesimo,
perché il Signore ci preservi dal peccato
e ci faccia crescere nell’esperienza viva del suo Spirito, preghiamo. R.

Per l’uomo che lavora,
perché l’impegno quotidiano necessario al sostentamento della famiglie
giovi anche a rendere più giusti e cordiali
i rapporti tra tutti i membri della società, preghiamo. R.

Per i bimbi che oggi nascono alla vita,
perché siano accolti con amore
e tutta la comunità senta che il frutto del grembo è dono di Dio, preghiamo. R.

Radunati nella tua casa, o Signore,
ricordiamo e celebriamo la tua misericordia;
fa’ che l’umanità intera
possa riconoscere l’efficacia della tua salvezza
nella faticosa gestazione di un mondo nuovo.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Padre, che nutri e rinnovi i tuoi fedeli alla mensa della parola e del pane di vita, + per questi grandi doni del tuo amato Figlio * aiutaci a progredire costantemente nella fede, * per divenire partecipi della sua vita immortale. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
321IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Palumbo: La misericordia di Dio

Bibbia: poeti e poesie

La speranza di Giobbe

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x