19.6 C
Rome
martedì, 15 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XXII Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 1 settembre 2019

XXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 1 settembre 2019

La scelta dei poveri e degli ultimi per la libertà relazionale






    Dal Vangelo secondo Luca

    “Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
    Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
    Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti»”. 




    Quante volte in occasioni di matrimoni o altre cerimonie che prevedono il relativo pranzo, il principio che presiede alla scelta degli invitati, tra gli altri è quello di invitare per primi coloro che ci hanno invitati in analoghe circostanze. Questo modo risponde ai criteri che ci impone la società ed a cui, purtroppo, supinamente soggiacciamo e, involontariamente, ne diventiamo fermi sostenitori agendo allo stesso modo?

    La gratuità è stata ostracizzata dai nostri progetti ed orientamenti. Si pensa al dovuto, al contraccambio, al convenevole, alla meritocrazia. Il potere del merito, l’egemonia di ciò che mi è dovuto, nella logica evangelica fa poca strada, invece si fa spazio la gratuità. Io ti invito, mi avvicino a te, ti soccorro, ti accolgo non perché lo meriti per particolari privilegi ma solo perché ti amo, sei mio fratello, siamo figli dello stesso Padre. Tu sei per me rivelazione di Dio, carne di Cristo. Anzi, il vangelo odierno richiama l’attenzione a porre in essere un modo del tutto diverso, una rivoluzione copernicana comportamentale: “… quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti”.

    Mai agire per ricevere altrettanto, sarebbe una scelta adulterata e viziata dal desiderio di legare a se gli altri, a pretendere il contraccambio. Questo atteggiamento può dare ragione al più nobile dei comportamenti ispirati al galateo, ma mortifica, se non addirittura uccide l’amore o almeno lo fa agonizzare. E quando nelle relazioni non c’è amore si fa spazio l’aridità, il merito che, di sicuro ossequia la giustizia, ma ferisce ed offende, la consapevolezza che io mi devo interessare di te liberamente e senza interesse. 

    Il contraccambio non è ispirato alla gratuità ma all’interesse. Sterilizza i rapporti o li seleziona. Se una scelta si deve fare, il vangelo ci indica di andare verso quella preferenziale dei poveri, storpi, feriti, portatori di disagio. Togliere dalle loro spalle la polvere dell’indifferenza che si è accumulata nel tempo perché esposti all’insensibilità dei fratelli, significa averli invitati alla mensa della nostra vita. E la convivialità è sempre preziosa e gradita, portatrice di serenità. Condimenti ed ingredienti, questi, necessari al menu della gratuità.




    Dio, nostro Padre,
    è vicino a quanti lo cercano con cuore sincero.
    Animati da questa fiducia, preghiamo insieme e diciamo:

    R. Si compia, Signore, la tua volontà.

    Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
    di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché non manchino uomini e donne
    pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

    Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

    Perché la città degli uomini
    diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

    Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
    consolazione agli afflitti,
    speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

    Dio misericordioso,
    sempre attento alle situazioni della nostra vita,
    esaudisci le preghiere dei tuoi figli
    e aiutaci a riconoscere nella fede
    i segni del tuo premuroso intervento.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Signore, che ci hai nutriti alla tua mensa, fa’ che questo sacramento ci rafforzi nel tuo amore e ci spinga a servirti nei nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Luca

    “Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
    Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
    Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti»”. 




    Quante volte in occasioni di matrimoni o altre cerimonie che prevedono il relativo pranzo, il principio che presiede alla scelta degli invitati, tra gli altri è quello di invitare per primi coloro che ci hanno invitati in analoghe circostanze. Questo modo risponde ai criteri che ci impone la società ed a cui, purtroppo, supinamente soggiacciamo e, involontariamente, ne diventiamo fermi sostenitori agendo allo stesso modo?

    La gratuità è stata ostracizzata dai nostri progetti ed orientamenti. Si pensa al dovuto, al contraccambio, al convenevole, alla meritocrazia. Il potere del merito, l’egemonia di ciò che mi è dovuto, nella logica evangelica fa poca strada, invece si fa spazio la gratuità. Io ti invito, mi avvicino a te, ti soccorro, ti accolgo non perché lo meriti per particolari privilegi ma solo perché ti amo, sei mio fratello, siamo figli dello stesso Padre. Tu sei per me rivelazione di Dio, carne di Cristo. Anzi, il vangelo odierno richiama l’attenzione a porre in essere un modo del tutto diverso, una rivoluzione copernicana comportamentale: “… quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti”.

    Mai agire per ricevere altrettanto, sarebbe una scelta adulterata e viziata dal desiderio di legare a se gli altri, a pretendere il contraccambio. Questo atteggiamento può dare ragione al più nobile dei comportamenti ispirati al galateo, ma mortifica, se non addirittura uccide l’amore o almeno lo fa agonizzare. E quando nelle relazioni non c’è amore si fa spazio l’aridità, il merito che, di sicuro ossequia la giustizia, ma ferisce ed offende, la consapevolezza che io mi devo interessare di te liberamente e senza interesse. 

    Il contraccambio non è ispirato alla gratuità ma all’interesse. Sterilizza i rapporti o li seleziona. Se una scelta si deve fare, il vangelo ci indica di andare verso quella preferenziale dei poveri, storpi, feriti, portatori di disagio. Togliere dalle loro spalle la polvere dell’indifferenza che si è accumulata nel tempo perché esposti all’insensibilità dei fratelli, significa averli invitati alla mensa della nostra vita. E la convivialità è sempre preziosa e gradita, portatrice di serenità. Condimenti ed ingredienti, questi, necessari al menu della gratuità.




    Dio, nostro Padre,
    è vicino a quanti lo cercano con cuore sincero.
    Animati da questa fiducia, preghiamo insieme e diciamo:

    R. Si compia, Signore, la tua volontà.

    Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
    di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché non manchino uomini e donne
    pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

    Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

    Perché la città degli uomini
    diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

    Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
    consolazione agli afflitti,
    speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

    Dio misericordioso,
    sempre attento alle situazioni della nostra vita,
    esaudisci le preghiere dei tuoi figli
    e aiutaci a riconoscere nella fede
    i segni del tuo premuroso intervento.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Signore, che ci hai nutriti alla tua mensa, fa’ che questo sacramento ci rafforzi nel tuo amore e ci spinga a servirti nei nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 1 settembre 2019

La scelta dei poveri e degli ultimi per la libertà relazionale






    Dal Vangelo secondo Luca

    “Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
    Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
    Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti»”. 




    Quante volte in occasioni di matrimoni o altre cerimonie che prevedono il relativo pranzo, il principio che presiede alla scelta degli invitati, tra gli altri è quello di invitare per primi coloro che ci hanno invitati in analoghe circostanze. Questo modo risponde ai criteri che ci impone la società ed a cui, purtroppo, supinamente soggiacciamo e, involontariamente, ne diventiamo fermi sostenitori agendo allo stesso modo?

    La gratuità è stata ostracizzata dai nostri progetti ed orientamenti. Si pensa al dovuto, al contraccambio, al convenevole, alla meritocrazia. Il potere del merito, l’egemonia di ciò che mi è dovuto, nella logica evangelica fa poca strada, invece si fa spazio la gratuità. Io ti invito, mi avvicino a te, ti soccorro, ti accolgo non perché lo meriti per particolari privilegi ma solo perché ti amo, sei mio fratello, siamo figli dello stesso Padre. Tu sei per me rivelazione di Dio, carne di Cristo. Anzi, il vangelo odierno richiama l’attenzione a porre in essere un modo del tutto diverso, una rivoluzione copernicana comportamentale: “… quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti”.

    Mai agire per ricevere altrettanto, sarebbe una scelta adulterata e viziata dal desiderio di legare a se gli altri, a pretendere il contraccambio. Questo atteggiamento può dare ragione al più nobile dei comportamenti ispirati al galateo, ma mortifica, se non addirittura uccide l’amore o almeno lo fa agonizzare. E quando nelle relazioni non c’è amore si fa spazio l’aridità, il merito che, di sicuro ossequia la giustizia, ma ferisce ed offende, la consapevolezza che io mi devo interessare di te liberamente e senza interesse. 

    Il contraccambio non è ispirato alla gratuità ma all’interesse. Sterilizza i rapporti o li seleziona. Se una scelta si deve fare, il vangelo ci indica di andare verso quella preferenziale dei poveri, storpi, feriti, portatori di disagio. Togliere dalle loro spalle la polvere dell’indifferenza che si è accumulata nel tempo perché esposti all’insensibilità dei fratelli, significa averli invitati alla mensa della nostra vita. E la convivialità è sempre preziosa e gradita, portatrice di serenità. Condimenti ed ingredienti, questi, necessari al menu della gratuità.




    Dio, nostro Padre,
    è vicino a quanti lo cercano con cuore sincero.
    Animati da questa fiducia, preghiamo insieme e diciamo:

    R. Si compia, Signore, la tua volontà.

    Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
    di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché non manchino uomini e donne
    pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

    Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

    Perché la città degli uomini
    diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

    Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
    consolazione agli afflitti,
    speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

    Dio misericordioso,
    sempre attento alle situazioni della nostra vita,
    esaudisci le preghiere dei tuoi figli
    e aiutaci a riconoscere nella fede
    i segni del tuo premuroso intervento.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Signore, che ci hai nutriti alla tua mensa, fa’ che questo sacramento ci rafforzi nel tuo amore e ci spinga a servirti nei nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri consigliati – Aprile 2019

Lo scandalo della tenerezza

Desiderio e sequela

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO