Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15 C
Roma
Gio, 28 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BXXII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 29 agosto 2021

XXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 29 agosto 2021

Quando l’apparenza viene fatta valere più dell’essenza






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme. Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti -, quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?». Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaia di voi, ipocriti, come sta scritto: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Invano mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini”. Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini».

    Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». E diceva [ai suoi discepoli]: «Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, in­ganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo»”.




    Gesù ha sempre combattuto l’ipocrisia, condannato chi vive di apparenza e chi si ferma alla soglia del contenuto perché attratto, soggiogato ed ammaliato, dall’involucro. Ha usato parole dure, respingenti e di condanna per coloro che di questo ne hanno fatto la regola della loro vita. Li chiama ipocriti, li paragona ai sepolcri imbiancati. Non vuole e, mai, asseconderà una religione esteriore. Mai bisogna inchinarsi alla regola, mai sudditanza e riverenza a ciò che è un mezzo e non lo scopo, il fine e non la pienezza. Chi si ferma ai margini di una strada non arriverà mai a destinazione. Per quella strada ci passo per arrivare ad altro. Essa è un transito ma non la meta. Così le regole ci aiutano ma non debbono prevalere su ciò a cui debbono aiutarci ad arrivare.

    Gesù si immerge nel dolore di tutti coloro che lo avvicinano, gli vengono portati perché malati, storpi, ciechi. Il suo andare era come un bagno dentro il dolore. Lui, abituato ad avvicinare i cuori, a sentirne il battito, a curarne le ferite, ad aggiustarne le aritmie, viene avvicinato da chi, invece, gli propone una problematica di pura, inutile e sterile formalità. Gli chiedono di tradizioni, di mani lavate o no, di abluzioni di stoviglie, di formalismi vuoti! Ed ecco che Gesù inaugura la religione del cuore, la linea dell’interiorità. Vira verso il centro lasciando la periferia, la superficie dei problemi. “Non c’è nulla fuori dall’uomo che entrando in lui possa renderlo impuro. Sono le cose che escono dal cuore dell’uomo a renderlo impuro”. Gesù scardina ogni pregiudizio circa il puro e l’impuro. Tutto ciò che è stato creato è puro, adatto, può servire. Durante il racconto della creazione dopo ogni giorno viene ben detto: ”E Dio vide che era cosa buona.”

    Attribuisce al cuore, e solo al cuore, la possibilità di rendere pure o impure le cose, di sporcarle o di illuminarle. Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Il grande pericolo è vivere una religione di pratiche esteriori, emozionarsi per i grandi numeri, i milioni di pellegrini…, amare la liturgia per la musica, i fiori, l’incenso, recitare formule con le labbra, ma avere «il cuore lontano» da Dio e dai poveri. Dio non è presente dove è assente il cuore. Ma il ritorno al cuore non basta. Ci guardiamo dentro e vi troviamo di tutto, anche cose delle quali ci vergogniamo. Dal cuore nasce e proviene il male: intenzioni cattive, prostituzioni, omicidi, adulteri, malvagità. C’è bisogno di purificare la sorgente, di evangelizzare il cuore. Non sono le pratiche esteriori che purificano, è più facile lavare le mani che lavare le intenzioni. Occorre lo sguardo di Gesù. Allora cadono le sovrastrutture, le esteriorità, le disquisizioni vuote. Occorre aprire il Vangelo ed è come una boccata d’aria fresca dentro l’afa dei soliti discorsi. Cuore nuovo in uomini nuovi.




    Dio, nostro Padre,
    è vicino a quanti lo cercano con cuore sincero.
    Animati da questa fiducia, preghiamo insieme e diciamo:

    R. Si compia, Signore, la tua volontà.

    Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
    di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché non manchino uomini e donne
    pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

    Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

    Perché la città degli uomini
    diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

    Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
    consolazione agli afflitti,
    speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

    Dio misericordioso,
    sempre attento alle situazioni della nostra vita,
    esaudisci le preghiere dei tuoi figli
    e aiutaci a riconoscere nella fede
    i segni del tuo premuroso intervento.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Signore, che ci hai saziati con il pane del cielo, + fa’ che questo nutrimento del tuo amore rafforzi i nostri cuori * e ci spinga a servirti nei nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme. Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti -, quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?». Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaia di voi, ipocriti, come sta scritto: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Invano mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini”. Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini».

Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». E diceva [ai suoi discepoli]: «Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, in­ganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo»”.



Gesù ha sempre combattuto l’ipocrisia, condannato chi vive di apparenza e chi si ferma alla soglia del contenuto perché attratto, soggiogato ed ammaliato, dall’involucro. Ha usato parole dure, respingenti e di condanna per coloro che di questo ne hanno fatto la regola della loro vita. Li chiama ipocriti, li paragona ai sepolcri imbiancati. Non vuole e, mai, asseconderà una religione esteriore. Mai bisogna inchinarsi alla regola, mai sudditanza e riverenza a ciò che è un mezzo e non lo scopo, il fine e non la pienezza. Chi si ferma ai margini di una strada non arriverà mai a destinazione. Per quella strada ci passo per arrivare ad altro. Essa è un transito ma non la meta. Così le regole ci aiutano ma non debbono prevalere su ciò a cui debbono aiutarci ad arrivare.

Gesù si immerge nel dolore di tutti coloro che lo avvicinano, gli vengono portati perché malati, storpi, ciechi. Il suo andare era come un bagno dentro il dolore. Lui, abituato ad avvicinare i cuori, a sentirne il battito, a curarne le ferite, ad aggiustarne le aritmie, viene avvicinato da chi, invece, gli propone una problematica di pura, inutile e sterile formalità. Gli chiedono di tradizioni, di mani lavate o no, di abluzioni di stoviglie, di formalismi vuoti! Ed ecco che Gesù inaugura la religione del cuore, la linea dell’interiorità. Vira verso il centro lasciando la periferia, la superficie dei problemi. “Non c’è nulla fuori dall’uomo che entrando in lui possa renderlo impuro. Sono le cose che escono dal cuore dell’uomo a renderlo impuro”. Gesù scardina ogni pregiudizio circa il puro e l’impuro. Tutto ciò che è stato creato è puro, adatto, può servire. Durante il racconto della creazione dopo ogni giorno viene ben detto: ”E Dio vide che era cosa buona.”

Attribuisce al cuore, e solo al cuore, la possibilità di rendere pure o impure le cose, di sporcarle o di illuminarle. Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Il grande pericolo è vivere una religione di pratiche esteriori, emozionarsi per i grandi numeri, i milioni di pellegrini…, amare la liturgia per la musica, i fiori, l’incenso, recitare formule con le labbra, ma avere «il cuore lontano» da Dio e dai poveri. Dio non è presente dove è assente il cuore. Ma il ritorno al cuore non basta. Ci guardiamo dentro e vi troviamo di tutto, anche cose delle quali ci vergogniamo. Dal cuore nasce e proviene il male: intenzioni cattive, prostituzioni, omicidi, adulteri, malvagità. C’è bisogno di purificare la sorgente, di evangelizzare il cuore. Non sono le pratiche esteriori che purificano, è più facile lavare le mani che lavare le intenzioni. Occorre lo sguardo di Gesù. Allora cadono le sovrastrutture, le esteriorità, le disquisizioni vuote. Occorre aprire il Vangelo ed è come una boccata d’aria fresca dentro l’afa dei soliti discorsi. Cuore nuovo in uomini nuovi.



Dio, nostro Padre,
è vicino a quanti lo cercano con cuore sincero.
Animati da questa fiducia, preghiamo insieme e diciamo:

R. Si compia, Signore, la tua volontà.

Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

Perché non manchino uomini e donne
pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

Perché la città degli uomini
diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
consolazione agli afflitti,
speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

Dio misericordioso,
sempre attento alle situazioni della nostra vita,
esaudisci le preghiere dei tuoi figli
e aiutaci a riconoscere nella fede
i segni del tuo premuroso intervento.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Signore, che ci hai saziati con il pane del cielo, + fa’ che questo nutrimento del tuo amore rafforzi i nostri cuori * e ci spinga a servirti nei nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 29 agosto 2021

Quando l’apparenza viene fatta valere più dell’essenza



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme. Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti -, quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?». Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaia di voi, ipocriti, come sta scritto: “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Invano mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini”. Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini».

Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». E diceva [ai suoi discepoli]: «Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, in­ganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo»”.



Gesù ha sempre combattuto l’ipocrisia, condannato chi vive di apparenza e chi si ferma alla soglia del contenuto perché attratto, soggiogato ed ammaliato, dall’involucro. Ha usato parole dure, respingenti e di condanna per coloro che di questo ne hanno fatto la regola della loro vita. Li chiama ipocriti, li paragona ai sepolcri imbiancati. Non vuole e, mai, asseconderà una religione esteriore. Mai bisogna inchinarsi alla regola, mai sudditanza e riverenza a ciò che è un mezzo e non lo scopo, il fine e non la pienezza. Chi si ferma ai margini di una strada non arriverà mai a destinazione. Per quella strada ci passo per arrivare ad altro. Essa è un transito ma non la meta. Così le regole ci aiutano ma non debbono prevalere su ciò a cui debbono aiutarci ad arrivare.

Gesù si immerge nel dolore di tutti coloro che lo avvicinano, gli vengono portati perché malati, storpi, ciechi. Il suo andare era come un bagno dentro il dolore. Lui, abituato ad avvicinare i cuori, a sentirne il battito, a curarne le ferite, ad aggiustarne le aritmie, viene avvicinato da chi, invece, gli propone una problematica di pura, inutile e sterile formalità. Gli chiedono di tradizioni, di mani lavate o no, di abluzioni di stoviglie, di formalismi vuoti! Ed ecco che Gesù inaugura la religione del cuore, la linea dell’interiorità. Vira verso il centro lasciando la periferia, la superficie dei problemi. “Non c’è nulla fuori dall’uomo che entrando in lui possa renderlo impuro. Sono le cose che escono dal cuore dell’uomo a renderlo impuro”. Gesù scardina ogni pregiudizio circa il puro e l’impuro. Tutto ciò che è stato creato è puro, adatto, può servire. Durante il racconto della creazione dopo ogni giorno viene ben detto: ”E Dio vide che era cosa buona.”

Attribuisce al cuore, e solo al cuore, la possibilità di rendere pure o impure le cose, di sporcarle o di illuminarle. Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Il grande pericolo è vivere una religione di pratiche esteriori, emozionarsi per i grandi numeri, i milioni di pellegrini…, amare la liturgia per la musica, i fiori, l’incenso, recitare formule con le labbra, ma avere «il cuore lontano» da Dio e dai poveri. Dio non è presente dove è assente il cuore. Ma il ritorno al cuore non basta. Ci guardiamo dentro e vi troviamo di tutto, anche cose delle quali ci vergogniamo. Dal cuore nasce e proviene il male: intenzioni cattive, prostituzioni, omicidi, adulteri, malvagità. C’è bisogno di purificare la sorgente, di evangelizzare il cuore. Non sono le pratiche esteriori che purificano, è più facile lavare le mani che lavare le intenzioni. Occorre lo sguardo di Gesù. Allora cadono le sovrastrutture, le esteriorità, le disquisizioni vuote. Occorre aprire il Vangelo ed è come una boccata d’aria fresca dentro l’afa dei soliti discorsi. Cuore nuovo in uomini nuovi.



Dio, nostro Padre,
è vicino a quanti lo cercano con cuore sincero.
Animati da questa fiducia, preghiamo insieme e diciamo:

R. Si compia, Signore, la tua volontà.

Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

Perché non manchino uomini e donne
pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

Perché la città degli uomini
diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
consolazione agli afflitti,
speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

Dio misericordioso,
sempre attento alle situazioni della nostra vita,
esaudisci le preghiere dei tuoi figli
e aiutaci a riconoscere nella fede
i segni del tuo premuroso intervento.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Signore, che ci hai saziati con il pane del cielo, + fa’ che questo nutrimento del tuo amore rafforzi i nostri cuori * e ci spinga a servirti nei nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
322IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Dialoghi sulla preghiera del cuore

Ezechiele quadriforme

I “beati” dell’Apocalisse

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x