17.7 C
Rome
mercoledì, 18 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B XXII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 2 settembre 2018

XXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 2 settembre 2018

Una terra fertile per l'Amore di Dio.

- Advertisement -

Nel Vangelo di questa domenica c’è una descrizione quasi grottesca della cura per i rituali religiosi da parte degli osservanti delle norme della tradizione. È facile guardare da estranei a questa immagine. Ma sotto a quella ottemperanza rituale c’è un impulso che va capito meglio. È il faticoso, infinito, irrisolvibile tentativo di aggiustare sé stessi, di migliorare la propria immagine di sé.

Questa è una fatica latente in molte cose che l’uomo ha sempre fatto, e oggi come oggi siamo in una fase delirante di questa tortura. Capiamoci: al tempo di Gesù c’erano i farisei delle regole religiose, e il centro della loro ossessione era l’idea di sé sotto il punto di vista della propria giustizia personale.

Oggi abbiamo altri farisei, quelli che hanno come ossessione il proprio aspetto, la propria immagine fisica. La fatica diventa quella del proprio look o della propria salute, secondo gli orientamenti di una “religione”, quella del corpo. Bello o sano che debba essere, impone rituali, cure, negazioni, sacrifici. E nessuno ne è veramente esente.

Giustizia o estetica, o altro ancora, il nocciolo qual è? Quello di passare la vita ad aggiustarsi. Alla fin fine è l’angoscia di non sentirsi mai del tutto a posto…

Un fariseo si torturava nella paura di essere impuro e ingiusto; oggi ci tormentiamo con l’idea di non essere gradevoli o di non essere sani. Ci sono persone belle come il sole che si crucciano come adolescenti tutta la vita perché non sono perfette, e ci sono persone che hanno la salute di una qualità riservata solo a una piccola percentuale di umanità che vanno di terapia in terapia, a caccia del prossimo procedimento salutista.

Il serpente, quando tentò Eva, le disse: «Se mangi da questo albero sarai come Dio» – surrettiziamente gli ha detto in realtà: «Se resti come sei, sei di serie B, devi cambiare te stessa». E così l’uomo si porta questa disarmonia interiore, il percepirsi reconditamente mal fatto. E come fa a sopravvivere? Impegnando le sue forze, con «precetti di uomini», con opere umane.

L’UOMO È INCOMPLETO. Ma c’è qualcosa di vero in quella oppressione interiore: è vero che l’uomo è incompleto. Eppure l’incompletezza non ci è data per la frustrazione, ma per l’apertura all’altro e soprattutto a Dio.

Cosa c’è da conseguire? La propria giustizia? L’estetica? La salute? Tutte preoccupazioni per sé stessi. Il nostro vero problema è un cuore storto e chiuso che produce «i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza». Ossia la mancanza di amore.

Quando i farisei di ieri e di oggi smettono i rituali ossessivi dell’ego e accolgono il loro cuore malato, allora diventano terra fertile per l’amore di Dio. Quando si accetta di essere incompleti e imperfetti al fine di accogliere la misericordia, ecco che Dio può carezzare il nostro cuore povero. Nel nostro testo i discepoli di Cristo non seguono il rituale dell’ossessione farisaica. Non ne hanno bisogno. Hanno trovato l’amore.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 2 settembre 2018

Una terra fertile per l'Amore di Dio.

  

- Advertisement -

Nel Vangelo di questa domenica c’è una descrizione quasi grottesca della cura per i rituali religiosi da parte degli osservanti delle norme della tradizione. È facile guardare da estranei a questa immagine. Ma sotto a quella ottemperanza rituale c’è un impulso che va capito meglio. È il faticoso, infinito, irrisolvibile tentativo di aggiustare sé stessi, di migliorare la propria immagine di sé.

Questa è una fatica latente in molte cose che l’uomo ha sempre fatto, e oggi come oggi siamo in una fase delirante di questa tortura. Capiamoci: al tempo di Gesù c’erano i farisei delle regole religiose, e il centro della loro ossessione era l’idea di sé sotto il punto di vista della propria giustizia personale.

Oggi abbiamo altri farisei, quelli che hanno come ossessione il proprio aspetto, la propria immagine fisica. La fatica diventa quella del proprio look o della propria salute, secondo gli orientamenti di una “religione”, quella del corpo. Bello o sano che debba essere, impone rituali, cure, negazioni, sacrifici. E nessuno ne è veramente esente.

Giustizia o estetica, o altro ancora, il nocciolo qual è? Quello di passare la vita ad aggiustarsi. Alla fin fine è l’angoscia di non sentirsi mai del tutto a posto…

Un fariseo si torturava nella paura di essere impuro e ingiusto; oggi ci tormentiamo con l’idea di non essere gradevoli o di non essere sani. Ci sono persone belle come il sole che si crucciano come adolescenti tutta la vita perché non sono perfette, e ci sono persone che hanno la salute di una qualità riservata solo a una piccola percentuale di umanità che vanno di terapia in terapia, a caccia del prossimo procedimento salutista.

- Advertisement -

Il serpente, quando tentò Eva, le disse: «Se mangi da questo albero sarai come Dio» – surrettiziamente gli ha detto in realtà: «Se resti come sei, sei di serie B, devi cambiare te stessa». E così l’uomo si porta questa disarmonia interiore, il percepirsi reconditamente mal fatto. E come fa a sopravvivere? Impegnando le sue forze, con «precetti di uomini», con opere umane.

L’UOMO È INCOMPLETO. Ma c’è qualcosa di vero in quella oppressione interiore: è vero che l’uomo è incompleto. Eppure l’incompletezza non ci è data per la frustrazione, ma per l’apertura all’altro e soprattutto a Dio.

Cosa c’è da conseguire? La propria giustizia? L’estetica? La salute? Tutte preoccupazioni per sé stessi. Il nostro vero problema è un cuore storto e chiuso che produce «i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza». Ossia la mancanza di amore.

Quando i farisei di ieri e di oggi smettono i rituali ossessivi dell’ego e accolgono il loro cuore malato, allora diventano terra fertile per l’amore di Dio. Quando si accetta di essere incompleti e imperfetti al fine di accogliere la misericordia, ecco che Dio può carezzare il nostro cuore povero. Nel nostro testo i discepoli di Cristo non seguono il rituale dell’ossessione farisaica. Non ne hanno bisogno. Hanno trovato l’amore.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
605FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

12 storie di ordinaria santità

Dai racconti orali ai Vangeli

Un solo Libro, due eredi

L’ateismo interroga la fede

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO