10.7 C
Roma
Gio, 4 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XVIII Domenica Per Annum - Anno C - 4 agosto 2013

XVIII Domenica Per Annum – Anno C – 4 agosto 2013

- Advertisement -

Cùpidi nell’arricchirsi di Dio
Cùpidi nell’arricchirsi di Dio

Cùpidi nell’arricchirsi di Dio.

Qo 1, 2; 2, 21-23; Col 3, 1-5.9-11; Lc 12, 13-21

 

Il concetto di ricchezza, nella società odierna, è certamente attuale e variegato. Per molti si connota nell’essere baciati dalla fortuna, per altri nel desiderio di possedere di più o nel preoccuparsi di difendere ciò che già si possiede, per altri ancora nel sogno – ormai irrealizzabile – di trovare un lavoro. Si potrebbero accludere disparati esempi, ma rimane il fatto che per la società occidentale e non, il denaro sembra essere la prima fonte di accesso ad ogni bene, non solo materiale. L’uomo moderno è convinto – e questa convinzione è il risultato di un lungo processo formativo – di poter comprare tutto, oltre che le case, un oggetto o un macchina, anche la salute, il successo e persino gli uomini. La proprietà non è più allora, mezzo materiale di sussistenza e garanzia per la vita, bensì “idolo”, mezzo “autopropositivo” del proprio io da inseguire ad ogni costo. Idolatria è l’avarizia insaziabile (Col 3, 5) di chi si china davanti al benessere e si mette al suo servizio, da schiavo. In un certo senso, la nostra, è una società fondata sul consumismo; il possesso è segno di promozione interiore, di realizzazione personale. Pertanto, l’invito incalzante della Parola di Dio di questa XVIII Domenica del Tempo per annum, è quello di porci nei confronti di noi stessi in atteggiamento critico e disposti ad un confronto franco con la Parola stessa, sollecitandoci ad una presa di coscienza, su quale sia il nostro reale rapporto con la ricchezza.

Nel libro di Qoèlet c’è una progressiva acquisizione di consapevolezza sull’inconsistenza e caducità delle cose umane; il saggio conduce, attraverso un percorso ben preciso, ad esaminare le realtà spirituali, invitando a riconoscere ciò che conta davvero e invitando ad accantonare ogni forma di vanità. Qoèlet cerca un’epifania più alta, una felicità persistente nel tempo: un bene prezioso per il cuore. Pare suggerirci che non può esserci considerazione di ciò che concretamente si possiede se non alla luce della Parola, nella relazione con il Signore. È nella fede allora, che dobbiamo valutare i nostri beni, esaminare il desiderio di ricchezza, soppesare la fatica dei guadagni ottenuti.

Gesù esprime con forza e sapienza questo stesso messaggio; ha sempre insegnato a dubitare della ricchezza. A sottolineare tale modo di pensare, Luca, nel suo Vangelo riporta il racconto di un fatto di cronaca probabilmente verificatosi in quei giorni e lo fa attraverso una parabola. Un ricco possidente agricolo aveva avuto un raccolto eccezionale e aveva tracciato il suo programma di vita con quattro espressioni particolari: “riposati”, “mangia”, “bevi” e “datti alla gioia”. Ma nella notte morì. Gesù concluse il racconto chiamando quel ricco possidente “stolto”, poiché: «Così è di chi accumula tesori per sé, e non arricchisce davanti a Dio» (Lc 12, 21).

Ciò che giudica stolto è il fatto di deporre nelle cose la propria felicità. Non esprime una condanna dei beni in quanto tali, ma dell’averli ridotti alla meta del vivere, scopo per la gioia. In questo senso la ricchezza è idolo, e dunque ci allontana da Dio.

La ricchezza più preziosa dell’oro è la fede, il riconoscere la signoria di Cristo nella propria vita e lasciarsi guidare dal suo annuncio. È nella ricerca delle cose di lassù, come scrive san Paolo (Col 3, 1-3) che si trova il proprio patrimonio. Beato è chi sa riconoscersi povero davanti a Dio, bisognoso del suo aiuto, abbandonato alla sua speranza, fiducioso del suo amore.

Giuseppe Gravante

 

 

 

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XVIII Domenica Per Annum – Anno C – 4 agosto 2013

- Advertisement -

Cùpidi nell’arricchirsi di Dio
Cùpidi nell’arricchirsi di Dio

Cùpidi nell’arricchirsi di Dio.

Qo 1, 2; 2, 21-23; Col 3, 1-5.9-11; Lc 12, 13-21

- Advertisement -

 

Il concetto di ricchezza, nella società odierna, è certamente attuale e variegato. Per molti si connota nell’essere baciati dalla fortuna, per altri nel desiderio di possedere di più o nel preoccuparsi di difendere ciò che già si possiede, per altri ancora nel sogno – ormai irrealizzabile – di trovare un lavoro. Si potrebbero accludere disparati esempi, ma rimane il fatto che per la società occidentale e non, il denaro sembra essere la prima fonte di accesso ad ogni bene, non solo materiale. L’uomo moderno è convinto – e questa convinzione è il risultato di un lungo processo formativo – di poter comprare tutto, oltre che le case, un oggetto o un macchina, anche la salute, il successo e persino gli uomini. La proprietà non è più allora, mezzo materiale di sussistenza e garanzia per la vita, bensì “idolo”, mezzo “autopropositivo” del proprio io da inseguire ad ogni costo. Idolatria è l’avarizia insaziabile (Col 3, 5) di chi si china davanti al benessere e si mette al suo servizio, da schiavo. In un certo senso, la nostra, è una società fondata sul consumismo; il possesso è segno di promozione interiore, di realizzazione personale. Pertanto, l’invito incalzante della Parola di Dio di questa XVIII Domenica del Tempo per annum, è quello di porci nei confronti di noi stessi in atteggiamento critico e disposti ad un confronto franco con la Parola stessa, sollecitandoci ad una presa di coscienza, su quale sia il nostro reale rapporto con la ricchezza.

Nel libro di Qoèlet c’è una progressiva acquisizione di consapevolezza sull’inconsistenza e caducità delle cose umane; il saggio conduce, attraverso un percorso ben preciso, ad esaminare le realtà spirituali, invitando a riconoscere ciò che conta davvero e invitando ad accantonare ogni forma di vanità. Qoèlet cerca un’epifania più alta, una felicità persistente nel tempo: un bene prezioso per il cuore. Pare suggerirci che non può esserci considerazione di ciò che concretamente si possiede se non alla luce della Parola, nella relazione con il Signore. È nella fede allora, che dobbiamo valutare i nostri beni, esaminare il desiderio di ricchezza, soppesare la fatica dei guadagni ottenuti.

Gesù esprime con forza e sapienza questo stesso messaggio; ha sempre insegnato a dubitare della ricchezza. A sottolineare tale modo di pensare, Luca, nel suo Vangelo riporta il racconto di un fatto di cronaca probabilmente verificatosi in quei giorni e lo fa attraverso una parabola. Un ricco possidente agricolo aveva avuto un raccolto eccezionale e aveva tracciato il suo programma di vita con quattro espressioni particolari: “riposati”, “mangia”, “bevi” e “datti alla gioia”. Ma nella notte morì. Gesù concluse il racconto chiamando quel ricco possidente “stolto”, poiché: «Così è di chi accumula tesori per sé, e non arricchisce davanti a Dio» (Lc 12, 21).

Ciò che giudica stolto è il fatto di deporre nelle cose la propria felicità. Non esprime una condanna dei beni in quanto tali, ma dell’averli ridotti alla meta del vivere, scopo per la gioia. In questo senso la ricchezza è idolo, e dunque ci allontana da Dio.

La ricchezza più preziosa dell’oro è la fede, il riconoscere la signoria di Cristo nella propria vita e lasciarsi guidare dal suo annuncio. È nella ricerca delle cose di lassù, come scrive san Paolo (Col 3, 1-3) che si trova il proprio patrimonio. Beato è chi sa riconoscersi povero davanti a Dio, bisognoso del suo aiuto, abbandonato alla sua speranza, fiducioso del suo amore.

Giuseppe Gravante

 

 

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
294FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x