18.2 C
Roma
Dom, 25 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A XVIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 2 agosto 2020

XVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 2 agosto 2020

Quando la divisione diventa moltiplicazione






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, avendo udito [della morte di Giovanni Battista], Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. 

    Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.
    Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui».
    E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.
    Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini”.




    E’ chiaro che Gesù, anche da solo e non con l’aiuto dei discepoli, avrebbe sfamato i cinquemila uomini che ricevono beneficio dal suo intervento miracoloso. Ma egli ugualmente vuole valorizzare il poco che gli mettono a disposizione. In effetti loro volevano congedare la numerosa folla, il problema era e rimaneva loro ma Gesù, avendone avuto compassione, si interessa personalmente di loro, si fa carico della loro necessità. E’ questo l’aiuto migliore che si può dare a qualcuno che ha problemi. Fare mio il suo stato, metterlo nella mia vita, farmi uno con lui. In questo modo Gesù non accetta la soluzione propostagli dai discepoli e ne persegue una diametralmente opposta. “ Mi interessi” – “I care”. Io ho cura di te m’importa la tua persona. Ecco l’atteggiamento e la scelta nella quale ci pone Gesù. Non importa poi se non possediamo tutte le risorse necessarie intanto diamo quello che abbiamo. Come dire non ho una bottiglia d’acqua per dissetarti però intanto bevi questo bicchiere di cui mi privo per dartelo.

    Quando questo accade ci accorgiamo che i miracoli fioriscono: la folla nonostante la notte fosse incombente e avesse il disagio del ristoro rimane lì ad ascoltare il figlio del falegname. I cinque pani e i due pesci vengono dati incondizionatamente a Gesù, chi li offre non trattiene nulla, dona tutto, come la vedova che nel tesoro mise gli unici spiccioli che aveva, ma fu considerata maestra di vita e di stile caritativo da Gesù che la additò a tutti i più ricchi e sapienti farisei. Infine, il poco basta, perché condiviso. La divisione diventa moltiplicazione. Condividere, frazionare, donare sono i nuovi verbi della compassione. Quando si mettono in pratica sboccia il miracolo della sazietà per tutti. Quando il pane da mio diventa nostro, anziché diminuire si moltiplica fino a tracimare a lasciare dei resti. Il vero miracolo è che Dio ferma la fame del mondo attraverso le nostre mani quando imparano a donare. E non si fa battere in generosità: “…e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene”.

    Se vogliamo che la cesta della nostra vita sia piena dobbiamo dividere per moltiplicare. Ogni briciola diventa tutto perché ogni gesto totale senza mezze misure, per quanto minimo, ci avvicina all’assoluto di Dio. Gli altri non hanno che il diritto di avere fame, di essere poveri, sprovveduti, perché l’amore e la fraternità non si meritano ma si accolgono, se c’è chi sa amare. Dio ce lo insegna!




    Lo Spirito di Gesù è il principale artefice
    della preghiera della Chiesa;
    affidandoci alla sua ispirazione interiore
    innalziamo al Padre la nostra preghiera.

    R. Esaudisci il tuo popolo, signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
    faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
    in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

    Per la città in cui viviamo,
    perché il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
    per creare rapporti veramente umani
    in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

    Per le nostre famiglie,
    perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
    e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

    Per le suore di clausura,
    che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
    l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
    perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
    sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
    per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

    Concedi, a noi il dono della tua sapienza, o Padre,
    e fa’ che la tua Chiesa
    diventi segno concreto dell’umanità nuova,
    fondata nella libertà e nella comunione fraterna.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Accompagna con la tua continua protezione, Signore, il popolo che hai nutrito con il pane del cielo e rendilo degno dell’eredità eterna. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, avendo udito [della morte di Giovanni Battista], Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. 

Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.
Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui».
E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.
Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini”.



E’ chiaro che Gesù, anche da solo e non con l’aiuto dei discepoli, avrebbe sfamato i cinquemila uomini che ricevono beneficio dal suo intervento miracoloso. Ma egli ugualmente vuole valorizzare il poco che gli mettono a disposizione. In effetti loro volevano congedare la numerosa folla, il problema era e rimaneva loro ma Gesù, avendone avuto compassione, si interessa personalmente di loro, si fa carico della loro necessità. E’ questo l’aiuto migliore che si può dare a qualcuno che ha problemi. Fare mio il suo stato, metterlo nella mia vita, farmi uno con lui. In questo modo Gesù non accetta la soluzione propostagli dai discepoli e ne persegue una diametralmente opposta. “ Mi interessi” – “I care”. Io ho cura di te m’importa la tua persona. Ecco l’atteggiamento e la scelta nella quale ci pone Gesù. Non importa poi se non possediamo tutte le risorse necessarie intanto diamo quello che abbiamo. Come dire non ho una bottiglia d’acqua per dissetarti però intanto bevi questo bicchiere di cui mi privo per dartelo.

Quando questo accade ci accorgiamo che i miracoli fioriscono: la folla nonostante la notte fosse incombente e avesse il disagio del ristoro rimane lì ad ascoltare il figlio del falegname. I cinque pani e i due pesci vengono dati incondizionatamente a Gesù, chi li offre non trattiene nulla, dona tutto, come la vedova che nel tesoro mise gli unici spiccioli che aveva, ma fu considerata maestra di vita e di stile caritativo da Gesù che la additò a tutti i più ricchi e sapienti farisei. Infine, il poco basta, perché condiviso. La divisione diventa moltiplicazione. Condividere, frazionare, donare sono i nuovi verbi della compassione. Quando si mettono in pratica sboccia il miracolo della sazietà per tutti. Quando il pane da mio diventa nostro, anziché diminuire si moltiplica fino a tracimare a lasciare dei resti. Il vero miracolo è che Dio ferma la fame del mondo attraverso le nostre mani quando imparano a donare. E non si fa battere in generosità: “…e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene”.

Se vogliamo che la cesta della nostra vita sia piena dobbiamo dividere per moltiplicare. Ogni briciola diventa tutto perché ogni gesto totale senza mezze misure, per quanto minimo, ci avvicina all’assoluto di Dio. Gli altri non hanno che il diritto di avere fame, di essere poveri, sprovveduti, perché l’amore e la fraternità non si meritano ma si accolgono, se c’è chi sa amare. Dio ce lo insegna!



Lo Spirito di Gesù è il principale artefice
della preghiera della Chiesa;
affidandoci alla sua ispirazione interiore
innalziamo al Padre la nostra preghiera.

R. Esaudisci il tuo popolo, signore.

Per la santa Chiesa,
perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

Per la città in cui viviamo,
perché il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
per creare rapporti veramente umani
in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

Per le nostre famiglie,
perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

Per le suore di clausura,
che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

Concedi, a noi il dono della tua sapienza, o Padre,
e fa’ che la tua Chiesa
diventi segno concreto dell’umanità nuova,
fondata nella libertà e nella comunione fraterna.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Accompagna con la tua continua protezione, Signore, il popolo che hai nutrito con il pane del cielo e rendilo degno dell’eredità eterna. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 2 agosto 2020

Quando la divisione diventa moltiplicazione



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, avendo udito [della morte di Giovanni Battista], Gesù partì di là su una barca e si ritirò in un luogo deserto, in disparte. 

Ma le folle, avendolo saputo, lo seguirono a piedi dalle città. Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.
Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare». Gli risposero: «Qui non abbiamo altro che cinque pani e due pesci!». Ed egli disse: «Portatemeli qui».
E, dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull’erba, prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli, e i discepoli alla folla.
Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini”.



E’ chiaro che Gesù, anche da solo e non con l’aiuto dei discepoli, avrebbe sfamato i cinquemila uomini che ricevono beneficio dal suo intervento miracoloso. Ma egli ugualmente vuole valorizzare il poco che gli mettono a disposizione. In effetti loro volevano congedare la numerosa folla, il problema era e rimaneva loro ma Gesù, avendone avuto compassione, si interessa personalmente di loro, si fa carico della loro necessità. E’ questo l’aiuto migliore che si può dare a qualcuno che ha problemi. Fare mio il suo stato, metterlo nella mia vita, farmi uno con lui. In questo modo Gesù non accetta la soluzione propostagli dai discepoli e ne persegue una diametralmente opposta. “ Mi interessi” – “I care”. Io ho cura di te m’importa la tua persona. Ecco l’atteggiamento e la scelta nella quale ci pone Gesù. Non importa poi se non possediamo tutte le risorse necessarie intanto diamo quello che abbiamo. Come dire non ho una bottiglia d’acqua per dissetarti però intanto bevi questo bicchiere di cui mi privo per dartelo.

Quando questo accade ci accorgiamo che i miracoli fioriscono: la folla nonostante la notte fosse incombente e avesse il disagio del ristoro rimane lì ad ascoltare il figlio del falegname. I cinque pani e i due pesci vengono dati incondizionatamente a Gesù, chi li offre non trattiene nulla, dona tutto, come la vedova che nel tesoro mise gli unici spiccioli che aveva, ma fu considerata maestra di vita e di stile caritativo da Gesù che la additò a tutti i più ricchi e sapienti farisei. Infine, il poco basta, perché condiviso. La divisione diventa moltiplicazione. Condividere, frazionare, donare sono i nuovi verbi della compassione. Quando si mettono in pratica sboccia il miracolo della sazietà per tutti. Quando il pane da mio diventa nostro, anziché diminuire si moltiplica fino a tracimare a lasciare dei resti. Il vero miracolo è che Dio ferma la fame del mondo attraverso le nostre mani quando imparano a donare. E non si fa battere in generosità: “…e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene”.

Se vogliamo che la cesta della nostra vita sia piena dobbiamo dividere per moltiplicare. Ogni briciola diventa tutto perché ogni gesto totale senza mezze misure, per quanto minimo, ci avvicina all’assoluto di Dio. Gli altri non hanno che il diritto di avere fame, di essere poveri, sprovveduti, perché l’amore e la fraternità non si meritano ma si accolgono, se c’è chi sa amare. Dio ce lo insegna!



Lo Spirito di Gesù è il principale artefice
della preghiera della Chiesa;
affidandoci alla sua ispirazione interiore
innalziamo al Padre la nostra preghiera.

R. Esaudisci il tuo popolo, signore.

Per la santa Chiesa,
perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

Per la città in cui viviamo,
perché il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
per creare rapporti veramente umani
in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

Per le nostre famiglie,
perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

Per le suore di clausura,
che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

Concedi, a noi il dono della tua sapienza, o Padre,
e fa’ che la tua Chiesa
diventi segno concreto dell’umanità nuova,
fondata nella libertà e nella comunione fraterna.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Accompagna con la tua continua protezione, Signore, il popolo che hai nutrito con il pane del cielo e rendilo degno dell’eredità eterna. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Lo Spirito nell’agire umano

Perché le suore indossano il velo?

Le tre lettere di Giovanni

Marconi: L’infanzia di Maria

Accompagnare gli adulti nella fede

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x