10.7 C
Roma
Gio, 4 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XVII Domenica Per Annum - Anno C - 28 luglio 2013

XVII Domenica Per Annum – Anno C – 28 luglio 2013

- Advertisement -

Maestro, insegnaci a pregare.
Maestro, insegnaci a pregare.

Maestro, insegnaci a pregare.

Gen 18, 20-32; Col 2, 12-14; Lc 11, 1-13

 

La Parola di Dio di questa XVII Domenica del tempo per annum offre ad ogni battezzato un invito incalzante: ricalibrare tutta la propria esistenza attraverso la preghiera. Il libro della Genesi infatti, ci presenta la figura di Abramo – patriarca del popolo ebraico e padre nella fede – nell’atto di dialogare a tu per tu con Dio, intercedendo per i “giusti” di Sodoma. Il salmo responsoriale è un inno a Dio, sempre sensibile alle nostre suppliche e pronto a soccorrerci in ogni momento; ma al centro di tutto, ancora una volta si pone il Vangelo, nel quale, Gesù viene presentato come vero e proprio maestro di preghiera.

Gesù è un uomo di preghiera. Si “intrattiene” con il Padre di notte e da solo, come a Cafarnao (Mc 1, 35) e in luoghi deserti (Lc 5, 16); prega sul Getsemani ormai prossimo alla morte. La sua preghiera nasce dalla conoscenza profonda di Dio, da un legame inscindibile con il Padre; Gesù nella sua preghiera fa proprio il fardello degli altri, la fatica della sua missione, il futuro di un popolo. Gesù ed Abramo sono presentati come veri e propri modelli, come uomini maturi che dedicano il loro tempo più prezioso – anteponendolo ad altro – per riversarsi nel dialogo con Dio, la loro preghiera è carica della responsabilità della missione loro affidata.

Abramo ascolta la parola di Dio e la mette in pratica; insegna ad affidare al Signore ogni dolore e lamento, carico di domande sui progetti di Dio per l’uomo; intercede per il suo popolo, nella cui vicenda si sente coinvolto in prima persona. Gesù accompagna l’uomo – non abbandonandolo per un’istante –  nella crescita spirituale, egli è la guida autentica che conduce a Dio. Alla domanda dei discepoli: «Maestro, insegnaci a pregare» (Lc 11, 1), Gesù risponde attraverso una preghiera capolavoro – il Padre Nostro – dove è ricapitolato tutto il suo modo di “intendersi” con il Padre.

Fin dai primissimi tempi i cristiani hanno usato la forma di Matteo. La usiamo anche noi oggi. Luca sviluppa l’insegnamento di Gesù sulla preghiera con due esempi che ne mostrano l’efficacia.

“Padre”, tra tutte le espressioni appartenenti allo scibile umano e utilizzabili per riferirsi a Dio, Gesù sceglie proprio questa. Qual è la differenza tra un uomo qualunque e un padre? Nella condizione di Padre vi sono dei legami stretti, inscindibili: padre è colui che dona la vita a un figlio. La vita di ogni uomo dunque – insegna Gesù – è dono di Dio, che è Padre di ogni essere umano. Il padre non abbandona il figlio, ma gli è accanto per nutrirlo, aiutarlo, crescerlo bene. Quando il figlio è cresciuto, il padre rispetta la sua volontà, ma continua a volergli bene, è sempre pronto a dargli una mano. Per nostro amore sa trarre fuori il bene anche dal male.

Giuseppe Gravante

 

 

 

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XVII Domenica Per Annum – Anno C – 28 luglio 2013

- Advertisement -

Maestro, insegnaci a pregare.
Maestro, insegnaci a pregare.

Maestro, insegnaci a pregare.

Gen 18, 20-32; Col 2, 12-14; Lc 11, 1-13

 

La Parola di Dio di questa XVII Domenica del tempo per annum offre ad ogni battezzato un invito incalzante: ricalibrare tutta la propria esistenza attraverso la preghiera. Il libro della Genesi infatti, ci presenta la figura di Abramo – patriarca del popolo ebraico e padre nella fede – nell’atto di dialogare a tu per tu con Dio, intercedendo per i “giusti” di Sodoma. Il salmo responsoriale è un inno a Dio, sempre sensibile alle nostre suppliche e pronto a soccorrerci in ogni momento; ma al centro di tutto, ancora una volta si pone il Vangelo, nel quale, Gesù viene presentato come vero e proprio maestro di preghiera.

- Advertisement -

Gesù è un uomo di preghiera. Si “intrattiene” con il Padre di notte e da solo, come a Cafarnao (Mc 1, 35) e in luoghi deserti (Lc 5, 16); prega sul Getsemani ormai prossimo alla morte. La sua preghiera nasce dalla conoscenza profonda di Dio, da un legame inscindibile con il Padre; Gesù nella sua preghiera fa proprio il fardello degli altri, la fatica della sua missione, il futuro di un popolo. Gesù ed Abramo sono presentati come veri e propri modelli, come uomini maturi che dedicano il loro tempo più prezioso – anteponendolo ad altro – per riversarsi nel dialogo con Dio, la loro preghiera è carica della responsabilità della missione loro affidata.

Abramo ascolta la parola di Dio e la mette in pratica; insegna ad affidare al Signore ogni dolore e lamento, carico di domande sui progetti di Dio per l’uomo; intercede per il suo popolo, nella cui vicenda si sente coinvolto in prima persona. Gesù accompagna l’uomo – non abbandonandolo per un’istante –  nella crescita spirituale, egli è la guida autentica che conduce a Dio. Alla domanda dei discepoli: «Maestro, insegnaci a pregare» (Lc 11, 1), Gesù risponde attraverso una preghiera capolavoro – il Padre Nostro – dove è ricapitolato tutto il suo modo di “intendersi” con il Padre.

Fin dai primissimi tempi i cristiani hanno usato la forma di Matteo. La usiamo anche noi oggi. Luca sviluppa l’insegnamento di Gesù sulla preghiera con due esempi che ne mostrano l’efficacia.

“Padre”, tra tutte le espressioni appartenenti allo scibile umano e utilizzabili per riferirsi a Dio, Gesù sceglie proprio questa. Qual è la differenza tra un uomo qualunque e un padre? Nella condizione di Padre vi sono dei legami stretti, inscindibili: padre è colui che dona la vita a un figlio. La vita di ogni uomo dunque – insegna Gesù – è dono di Dio, che è Padre di ogni essere umano. Il padre non abbandona il figlio, ma gli è accanto per nutrirlo, aiutarlo, crescerlo bene. Quando il figlio è cresciuto, il padre rispetta la sua volontà, ma continua a volergli bene, è sempre pronto a dargli una mano. Per nostro amore sa trarre fuori il bene anche dal male.

Giuseppe Gravante

 

 

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
294FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x