9.5 C
Roma
Ven, 27 Novembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XVI Domenica Per Annum - Anno C - 21 luglio 2013

XVI Domenica Per Annum – Anno C – 21 luglio 2013

- Advertisement -

Dall'ascolto paziente si rivoluziona una vita
Dall’ascolto paziente si rivoluziona una vita

Dall’ascolto paziente, si rivoluziona una vita.

Gen 18, 1-10a; Col 1, 24-28; Lc 10, 38-42

 

In questa XVI Domenica del tempo per annum, la Parola di Dio ci convoca al banchetto dell’Eucaristia come “amici”; c’è amicizia, infatti, nella tenda di Abramo, il quale ospita i tre “angeli” incontrati alle querce di Mamre, c’è amicizia anche nella casa di Marta e Maria.

È nell’intimità con la persona di Gesù che si comprende l’importanza del suo messaggio e la vitalità della Parola. Affinché si possa realizzare un ascolto pieno e capacitivo, c’è bisogno di sostare con lui, irradiare il proprio cuore di pace e silenzio per lasciar spazio all’amico, all’ospite, così come al prossimo. Accanto a questo atteggiamento, ben descritto nel Vangelo e incarnato da Maria adagiata ai piedi del maestro, c’è quello di Marta, indaffarata e presa da molteplici faccende domestiche. Pur ravvisando nella capacità di ascolto il suo principio cardine, la meditazione di questa pericope evangelica non deve ingannarci, non deve spingerci a pensare – come spesso accade in parafrasi troppo affrettate – che esistono due orizzonti disgiunti di vita cristiana: una “attiva” e una “contemplativa”, non è così; semmai si deve affermare che esse procedono di pari passo e che tutto sommato, il brano evangelico, non abbia precisamente l’intenzione di affrontare queste tematiche.

Gesù, sovente, faceva tappa a Betania: la casa di Lazzaro e delle sue due sorelle, Marta e Maria. Luca ricorda che una volta vi arrivò all’improvviso e, nonostante ciò, Marta, gradì moltissimo la visita mettendosi a preparare la stanza dove Gesù avrebbe dovuto soggiornare e con essa la mensa. Nel suo darsi da fare, Marta s’innervosì nel vedere sua sorella Maria che invece se ne stava «seduta ai piedi del Signore e ascoltava la sua parola» (Lc 10, 39). «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti!» (Lc 10, 40). Ma Gesù le rispose in disaccordo: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose» (Lc 10, 41). In questo scambio di parole tra Gesù e Marta, ci si accorge che – per Gesù – la cosa più importante, l’unica che conta veramente, è accogliere la Parola di Dio interiormente: cercare di conoscerlo e di comprenderlo, accettare con la mente e con il cuore i suoi insegnamenti.

Va detto però che, Marta, con premura va incontro alle necessità del suo ospite e si preoccupa della sua persona. C’è una necessità nell’amore per il fratello, che chiede anche beni concreti, ciò di cui ha bisogno. Affida la sua fatica al Signore certa che lui saprà accoglierla e questo – allo stesso tempo – è segno di fiducia in lui, ma la preghiera non è solo rivolgersi a Gesù per affidargli i nostri guai, ma saper dire, come Samuele: «Parla, Signore, il tuo servo ti ascolta» (1 Sam 3).

Maria, al contrario, non ha altra preoccupazione, se non quella di ascoltare Gesù. Il fatto di stare seduta ai piedi del Maestro indica in lei accoglienza, ricettività, disponibilità. Il Signore ci ama gratuitamente e chiede solo di essere accolto. È da lei che impariamo ad entrare nella giusta relazione con Gesù, il senso autentico dell’ascolto.

L’evangelista narra l’evento affinché da questo tutti i cristiani possano comprendere che – dall’ascolto sincero della Parola – nasce la vera accoglienza di Gesù. Gesù, dunque, si ospita non solo nella propria casa, ma nella propria vita, mettendosi alla scuola di Maria di Betania, con attenzione, amore e pazienza. Tale insegnamento è valido per tutti i cristiani, in ogni tempo e in ogni luogo: la cosa essenziale è ascoltare la Parola del Signore, ascoltare con la mente e con il cuore l’insegnamento del maestro, per imparare a farsi sempre più imitatori del suo stile, a riconoscerlo nei luoghi in cui viviamo.

Giuseppe Gravante

 

 

 

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XVI Domenica Per Annum – Anno C – 21 luglio 2013

- Advertisement -

Dall'ascolto paziente si rivoluziona una vita
Dall’ascolto paziente si rivoluziona una vita

Dall’ascolto paziente, si rivoluziona una vita.

Gen 18, 1-10a; Col 1, 24-28; Lc 10, 38-42

 

In questa XVI Domenica del tempo per annum, la Parola di Dio ci convoca al banchetto dell’Eucaristia come “amici”; c’è amicizia, infatti, nella tenda di Abramo, il quale ospita i tre “angeli” incontrati alle querce di Mamre, c’è amicizia anche nella casa di Marta e Maria.

- Advertisement -

È nell’intimità con la persona di Gesù che si comprende l’importanza del suo messaggio e la vitalità della Parola. Affinché si possa realizzare un ascolto pieno e capacitivo, c’è bisogno di sostare con lui, irradiare il proprio cuore di pace e silenzio per lasciar spazio all’amico, all’ospite, così come al prossimo. Accanto a questo atteggiamento, ben descritto nel Vangelo e incarnato da Maria adagiata ai piedi del maestro, c’è quello di Marta, indaffarata e presa da molteplici faccende domestiche. Pur ravvisando nella capacità di ascolto il suo principio cardine, la meditazione di questa pericope evangelica non deve ingannarci, non deve spingerci a pensare – come spesso accade in parafrasi troppo affrettate – che esistono due orizzonti disgiunti di vita cristiana: una “attiva” e una “contemplativa”, non è così; semmai si deve affermare che esse procedono di pari passo e che tutto sommato, il brano evangelico, non abbia precisamente l’intenzione di affrontare queste tematiche.

Gesù, sovente, faceva tappa a Betania: la casa di Lazzaro e delle sue due sorelle, Marta e Maria. Luca ricorda che una volta vi arrivò all’improvviso e, nonostante ciò, Marta, gradì moltissimo la visita mettendosi a preparare la stanza dove Gesù avrebbe dovuto soggiornare e con essa la mensa. Nel suo darsi da fare, Marta s’innervosì nel vedere sua sorella Maria che invece se ne stava «seduta ai piedi del Signore e ascoltava la sua parola» (Lc 10, 39). «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti!» (Lc 10, 40). Ma Gesù le rispose in disaccordo: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose» (Lc 10, 41). In questo scambio di parole tra Gesù e Marta, ci si accorge che – per Gesù – la cosa più importante, l’unica che conta veramente, è accogliere la Parola di Dio interiormente: cercare di conoscerlo e di comprenderlo, accettare con la mente e con il cuore i suoi insegnamenti.

Va detto però che, Marta, con premura va incontro alle necessità del suo ospite e si preoccupa della sua persona. C’è una necessità nell’amore per il fratello, che chiede anche beni concreti, ciò di cui ha bisogno. Affida la sua fatica al Signore certa che lui saprà accoglierla e questo – allo stesso tempo – è segno di fiducia in lui, ma la preghiera non è solo rivolgersi a Gesù per affidargli i nostri guai, ma saper dire, come Samuele: «Parla, Signore, il tuo servo ti ascolta» (1 Sam 3).

Maria, al contrario, non ha altra preoccupazione, se non quella di ascoltare Gesù. Il fatto di stare seduta ai piedi del Maestro indica in lei accoglienza, ricettività, disponibilità. Il Signore ci ama gratuitamente e chiede solo di essere accolto. È da lei che impariamo ad entrare nella giusta relazione con Gesù, il senso autentico dell’ascolto.

L’evangelista narra l’evento affinché da questo tutti i cristiani possano comprendere che – dall’ascolto sincero della Parola – nasce la vera accoglienza di Gesù. Gesù, dunque, si ospita non solo nella propria casa, ma nella propria vita, mettendosi alla scuola di Maria di Betania, con attenzione, amore e pazienza. Tale insegnamento è valido per tutti i cristiani, in ogni tempo e in ogni luogo: la cosa essenziale è ascoltare la Parola del Signore, ascoltare con la mente e con il cuore l’insegnamento del maestro, per imparare a farsi sempre più imitatori del suo stile, a riconoscerlo nei luoghi in cui viviamo.

Giuseppe Gravante

 

 

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
638FollowerSegui
137IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

Lo scandalo della tenerezza

Governo pastorale, «nobile lavoro»

Il Libro della Sapienza

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x