9 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XVI Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 21 luglio 2019 

XVI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 21 luglio 2019 

Donarsi a Dio per donarsi Dio






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
    Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
    Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta”.




    Anche Gesù ha bisogno di riposarsi e lo fa in casa di amici che lo ospitano. Evidentemente era casa che lui abitava spesso giacchè si avverte d’essere avvolto da affetto che si esprimono nelle cure e nelle attenzioni che gli vengono riservate. Due sorelle, Marta e Maria che assieme a Lazzaro formavano una famiglia tranquilla e serena, si prendono cura di lui. La prima lo accudisce, si prodiga a fare, preparare; la seconda si accovaccia ai suoi piedi e preferisce ascoltarlo, nutrirsi del suo respiro, delle sue parole, dei suoi insegnamenti. Non curante della fatica della sorella viene da lei rimproverata dalle espressioni che rivolge a Gesù: “Dille dunque che mi aiuti”. Ma Gesù di rimando precisa che non occorre solo affannarsi, agitarsi, quanto piuttosto dedicarsi a nutrire lo spirito, la dimensione interiore.

    Da sempre sono esistiti, nell’ambito della chiesa, tanti santi che si sono dedicati alle opere di soccorso, di sollievo, fondatori di case di accoglienza, di rifugio per i poveri di diseredati, di drogati, ex carcerati, ma anche santi che hanno scoperto nella contemplazione e nell’eremitaggio la fonte della loro consolazione spirituale. Suore e monaci di clausura che, “sepolti vivi”, si dedicano all’orazione e al contatto con Dio. Se si chiedesse quali di questi sono da preferire sarebbe come dire ad un bambino. “A chi vuoi più bene alla mamma o al papà?”. E’ chiaro che le due scelte non sono necessariamente alternative o contrapposte ma complementari e vicendevolmente arricchenti. L’una necessità dell’altra, la prima si completa con la seconda.

    Ma quando il cuore dell’uomo diventa il nido di Dio la sua vita si trasforma. Occorre donarsi a Dio per donarci Dio. Solo l’incontro e l’incanto, la seduzione della solitudine ci fanno scendere nelle profondità del cuore e intraprendere i sentieri dell’incontro. La vita di preghiera per la chiesa è come il sangue che scorre nelle vene del corpo umano: porta vita, energia, capacità di agire. Talvolta l’affannarsi per le cose ci distrae dalle persone, ci ingoia nei vortici dell’attivismo che prevale su ciò che è più essenziale. Non occorre saziare solo il corpo bisogna far abitare il cuore dalla divina presenza. Non solo accarezzare il corpo ma anche l’intimo e il silenzio è il complice principale della vita meditativa e di contemplazione. Maria si era scelta la parte migliore in quanto ha dato ospitalità all’amico Gesù ma approfitta per mettersi alla sua scuola, per nutrire il suo cuore e trovare l’energia sufficiente a donarsi nel servizio pratico e coinvolgente. ”Dio non cerca servitori, ma amici, non cerca delle persone che facciano delle cose per lui, ma gente che gli lasci fare delle cose dentro di sé” (Ermes Ronchi). Farsi fare da Dio è l’opera più grande che ogni uomo possa intraprendere ed l’azione che ciascuno dovrebbe desiderare, il resto viene da sé.




    Con la fiducia filiale
    che lo Spirito di Cristo suscita nei nostri cuori,
    innalziamo la comune preghiera a Dio Padre misericordioso.

    R. Ascolta, o Padre, la nostra supplica.

    Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
    di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché non manchino uomini e donne
    pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

    Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

    Perché la città degli uomini
    diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

    Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
    consolazione agli afflitti,
    speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

    O Padre, fonte di ogni dono,
    ti abbiamo manifestato con umile confidenza
    le nostre intenzioni;
    nella tua immensa bontà esaudisci la nostra preghiera.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Assisti, Signore, il tuo popolo, che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa’ che passiamo dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
    Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
    Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta”.




    Anche Gesù ha bisogno di riposarsi e lo fa in casa di amici che lo ospitano. Evidentemente era casa che lui abitava spesso giacchè si avverte d’essere avvolto da affetto che si esprimono nelle cure e nelle attenzioni che gli vengono riservate. Due sorelle, Marta e Maria che assieme a Lazzaro formavano una famiglia tranquilla e serena, si prendono cura di lui. La prima lo accudisce, si prodiga a fare, preparare; la seconda si accovaccia ai suoi piedi e preferisce ascoltarlo, nutrirsi del suo respiro, delle sue parole, dei suoi insegnamenti. Non curante della fatica della sorella viene da lei rimproverata dalle espressioni che rivolge a Gesù: “Dille dunque che mi aiuti”. Ma Gesù di rimando precisa che non occorre solo affannarsi, agitarsi, quanto piuttosto dedicarsi a nutrire lo spirito, la dimensione interiore.

    Da sempre sono esistiti, nell’ambito della chiesa, tanti santi che si sono dedicati alle opere di soccorso, di sollievo, fondatori di case di accoglienza, di rifugio per i poveri di diseredati, di drogati, ex carcerati, ma anche santi che hanno scoperto nella contemplazione e nell’eremitaggio la fonte della loro consolazione spirituale. Suore e monaci di clausura che, “sepolti vivi”, si dedicano all’orazione e al contatto con Dio. Se si chiedesse quali di questi sono da preferire sarebbe come dire ad un bambino. “A chi vuoi più bene alla mamma o al papà?”. E’ chiaro che le due scelte non sono necessariamente alternative o contrapposte ma complementari e vicendevolmente arricchenti. L’una necessità dell’altra, la prima si completa con la seconda.

    Ma quando il cuore dell’uomo diventa il nido di Dio la sua vita si trasforma. Occorre donarsi a Dio per donarci Dio. Solo l’incontro e l’incanto, la seduzione della solitudine ci fanno scendere nelle profondità del cuore e intraprendere i sentieri dell’incontro. La vita di preghiera per la chiesa è come il sangue che scorre nelle vene del corpo umano: porta vita, energia, capacità di agire. Talvolta l’affannarsi per le cose ci distrae dalle persone, ci ingoia nei vortici dell’attivismo che prevale su ciò che è più essenziale. Non occorre saziare solo il corpo bisogna far abitare il cuore dalla divina presenza. Non solo accarezzare il corpo ma anche l’intimo e il silenzio è il complice principale della vita meditativa e di contemplazione. Maria si era scelta la parte migliore in quanto ha dato ospitalità all’amico Gesù ma approfitta per mettersi alla sua scuola, per nutrire il suo cuore e trovare l’energia sufficiente a donarsi nel servizio pratico e coinvolgente. ”Dio non cerca servitori, ma amici, non cerca delle persone che facciano delle cose per lui, ma gente che gli lasci fare delle cose dentro di sé” (Ermes Ronchi). Farsi fare da Dio è l’opera più grande che ogni uomo possa intraprendere ed l’azione che ciascuno dovrebbe desiderare, il resto viene da sé.




    Con la fiducia filiale
    che lo Spirito di Cristo suscita nei nostri cuori,
    innalziamo la comune preghiera a Dio Padre misericordioso.

    R. Ascolta, o Padre, la nostra supplica.

    Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
    di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché non manchino uomini e donne
    pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

    Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

    Perché la città degli uomini
    diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

    Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
    consolazione agli afflitti,
    speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

    O Padre, fonte di ogni dono,
    ti abbiamo manifestato con umile confidenza
    le nostre intenzioni;
    nella tua immensa bontà esaudisci la nostra preghiera.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Assisti, Signore, il tuo popolo, che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa’ che passiamo dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XVI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 21 luglio 2019 

Donarsi a Dio per donarsi Dio






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
    Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
    Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta”.




    Anche Gesù ha bisogno di riposarsi e lo fa in casa di amici che lo ospitano. Evidentemente era casa che lui abitava spesso giacchè si avverte d’essere avvolto da affetto che si esprimono nelle cure e nelle attenzioni che gli vengono riservate. Due sorelle, Marta e Maria che assieme a Lazzaro formavano una famiglia tranquilla e serena, si prendono cura di lui. La prima lo accudisce, si prodiga a fare, preparare; la seconda si accovaccia ai suoi piedi e preferisce ascoltarlo, nutrirsi del suo respiro, delle sue parole, dei suoi insegnamenti. Non curante della fatica della sorella viene da lei rimproverata dalle espressioni che rivolge a Gesù: “Dille dunque che mi aiuti”. Ma Gesù di rimando precisa che non occorre solo affannarsi, agitarsi, quanto piuttosto dedicarsi a nutrire lo spirito, la dimensione interiore.

    Da sempre sono esistiti, nell’ambito della chiesa, tanti santi che si sono dedicati alle opere di soccorso, di sollievo, fondatori di case di accoglienza, di rifugio per i poveri di diseredati, di drogati, ex carcerati, ma anche santi che hanno scoperto nella contemplazione e nell’eremitaggio la fonte della loro consolazione spirituale. Suore e monaci di clausura che, “sepolti vivi”, si dedicano all’orazione e al contatto con Dio. Se si chiedesse quali di questi sono da preferire sarebbe come dire ad un bambino. “A chi vuoi più bene alla mamma o al papà?”. E’ chiaro che le due scelte non sono necessariamente alternative o contrapposte ma complementari e vicendevolmente arricchenti. L’una necessità dell’altra, la prima si completa con la seconda.

    Ma quando il cuore dell’uomo diventa il nido di Dio la sua vita si trasforma. Occorre donarsi a Dio per donarci Dio. Solo l’incontro e l’incanto, la seduzione della solitudine ci fanno scendere nelle profondità del cuore e intraprendere i sentieri dell’incontro. La vita di preghiera per la chiesa è come il sangue che scorre nelle vene del corpo umano: porta vita, energia, capacità di agire. Talvolta l’affannarsi per le cose ci distrae dalle persone, ci ingoia nei vortici dell’attivismo che prevale su ciò che è più essenziale. Non occorre saziare solo il corpo bisogna far abitare il cuore dalla divina presenza. Non solo accarezzare il corpo ma anche l’intimo e il silenzio è il complice principale della vita meditativa e di contemplazione. Maria si era scelta la parte migliore in quanto ha dato ospitalità all’amico Gesù ma approfitta per mettersi alla sua scuola, per nutrire il suo cuore e trovare l’energia sufficiente a donarsi nel servizio pratico e coinvolgente. ”Dio non cerca servitori, ma amici, non cerca delle persone che facciano delle cose per lui, ma gente che gli lasci fare delle cose dentro di sé” (Ermes Ronchi). Farsi fare da Dio è l’opera più grande che ogni uomo possa intraprendere ed l’azione che ciascuno dovrebbe desiderare, il resto viene da sé.




    Con la fiducia filiale
    che lo Spirito di Cristo suscita nei nostri cuori,
    innalziamo la comune preghiera a Dio Padre misericordioso.

    R. Ascolta, o Padre, la nostra supplica.

    Perché la Chiesa sia sempre più comunità di fede,
    di preghiera e di carità fraterna, preghiamo. R.

    Perché non manchino uomini e donne
    pronti ad accogliere la chiamata di Dio, preghiamo. R.

    Perché Dio faccia cadere le armi dalla mano dei violenti, preghiamo. R.

    Perché la città degli uomini
    diventi un luogo di convivenza pacifica e cordiale, preghiamo. R.

    Perché lo Spirito del Signore porti salute agli infermi,
    consolazione agli afflitti,
    speranza e pace al mondo intero, preghiamo. R.

    O Padre, fonte di ogni dono,
    ti abbiamo manifestato con umile confidenza
    le nostre intenzioni;
    nella tua immensa bontà esaudisci la nostra preghiera.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Assisti, Signore, il tuo popolo, che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa’ che passiamo dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il Padre nostro e la tentazione

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Perché le suore indossano il velo?

A scuola di preghiera

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO