11.8 C
Rome
Lun, 16 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XV Domenica Per Annum - Anno C - 14 luglio 2013

XV Domenica Per Annum – Anno C – 14 luglio 2013

- Advertisement -

Accanto all’uomo, come buon Samaritano.
Accanto all’uomo, come buon Samaritano.

Accanto all’uomo, come buon Samaritano.

 

Dt 30, 10-14; Col 1, 15-20; Lc 10, 25-37

 

Mentre prosegue il suo viaggio verso Gerusalemme, Gesù annuncia il compiersi del regno di Dio; tempo di grazia e di riscatto preannunciato secoli addietro dal profeta Ezechiele, in cui Dio «toglierà il vostro cuore ostinato, di pietra, e lo sostituirà con un cuore vero, ubbidiente» (Ez 36, 26). Egli si avvicina alla gente, si fa prossimo a ciascuno e dona loro il vangelo del perdono: la salvezza è vicina. La Parola di Dio vivifica l’uomo in tutta la sua concretezza; essa infatti, necessita di esser accolta e messa in pratica, ma come?

Il maestro della legge domanda: «Che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?» (Lc 10, 25). «Questo è il comandamento più grande: Ama il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Il secondo comandamento è ugualmente importante: Ama il prossimo tuo come te stesso» (Mt 22, 37ss). Attraverso queste espressioni desunte da due passi differenti della scrittura, il Signore traccia il più radicale dei suoi comandamenti. È un comandamento d’amore che offre uno sguardo in tutte le direzioni: verso Dio e verso gli uomini, nessuno escluso, nemmeno noi stessi.

Sull’amare Dio con tutto il cuore, il maestro della legge sembra propenso; ma sul concedere spazio al prossimo nutre dei dubbi e mette alla prova Gesù.

Da buon conoscitore della Bibbia – il maestro della legge – sa che nel libro del Levitico è scritto: «Non mantenere odio contro un fratello […] Non vendicatevi contro i vostri connazionali. Ciascuno di voi deve amare il suo prossimo come se stesso» (Le 19, 17s). Commentando questi versi della Bibbia, i maestri della legge insegnavano che il prossimo erano i fratelli e i connazionali. Gli stranieri e gli infedeli non erano tali. Desidera quindi provocare Gesù, costringerlo a schierarsi pubblicamente in maniera differente dagli insegnamenti dei maestri della legge. Gesù tuttavia, rovescia la situazione, afferma che Dio “comanda” di amare tutti, anche gli estranei e i nemici; in questo modo deve vivere e comportarsi chi vuol entrare nel regno di Dio.

Gesù inizia a raccontare la parabola conosciuta come «del buon Samaritano», riferendosi – forse – a un fatto capitato in quei giorni. La strada che scendeva da Gerusalemme a Gerico era una strada solitaria, tortuosa, incassata tra rocce scoscese e chi la percorreva impiegava solitamente dalle cinque alle sei ore, dovendo guardarsi anche dai ladroni che assaltavano i viandanti derubandoli di tutto. Un uomo – racconta Gesù – era stato derubato, bastonato e alla fine gettato ai margini della strada mezzo morto. Passano un sacerdote e un levita ma non si curano di quell’uomo, probabilmente per paura di contaminarsi.

Ed ecco passare un uomo di Samaria, uno straniero che abitualmente gli ebrei tacciano come nemico. Vede il ferito, si fa prossimo: si interessa di lui, lo aiuta, spende tempo e denaro per farlo curare.

A questo punto Gesù domandò al maestro della legge: «“Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?”. Rispose: “Chi ha avuto compassione di lui”. Gesù allora gli disse: “Va’ e anche tu fa’ così”» (Le 10, 36-37).

Con queste parole Gesù invita i cristiani a farsi prossimo presso il debole, andargli incontro, interessarsi delle sue necessità. In una parola: invita i cristiani a distruggere la lontananza. Amare il prossimo non vuol dire “amare i parenti e i connazionali”, ma amare tutti, specialmente quelli che sono in difficoltà e necessitano del nostro aiuto. È la grande realtà che Gesù ci consegna: Dio ci chiama ad essere suoi figli e a vivere come fratelli, qualunque sia il colore della nostra pelle, il luogo dove siamo nati, l’età che abbiamo.

La parabola di oggi non invita solo alla sollecitudine caritatevole, né soltanto a prodigarsi per i bisognosi; piuttosto esorta chi l’ascolta ad accogliere nel proprio cuore l’Amore di Dio e a contemplarlo con gli occhi di chi sa che guardando Cristo sgorga il desiderio di imitarlo.

Giuseppe Gravante

 

 

 

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XV Domenica Per Annum – Anno C – 14 luglio 2013

  

- Advertisement -

Accanto all’uomo, come buon Samaritano.
Accanto all’uomo, come buon Samaritano.

Accanto all’uomo, come buon Samaritano.

 

Dt 30, 10-14; Col 1, 15-20; Lc 10, 25-37

 

- Advertisement -

Mentre prosegue il suo viaggio verso Gerusalemme, Gesù annuncia il compiersi del regno di Dio; tempo di grazia e di riscatto preannunciato secoli addietro dal profeta Ezechiele, in cui Dio «toglierà il vostro cuore ostinato, di pietra, e lo sostituirà con un cuore vero, ubbidiente» (Ez 36, 26). Egli si avvicina alla gente, si fa prossimo a ciascuno e dona loro il vangelo del perdono: la salvezza è vicina. La Parola di Dio vivifica l’uomo in tutta la sua concretezza; essa infatti, necessita di esser accolta e messa in pratica, ma come?

Il maestro della legge domanda: «Che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?» (Lc 10, 25). «Questo è il comandamento più grande: Ama il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Il secondo comandamento è ugualmente importante: Ama il prossimo tuo come te stesso» (Mt 22, 37ss). Attraverso queste espressioni desunte da due passi differenti della scrittura, il Signore traccia il più radicale dei suoi comandamenti. È un comandamento d’amore che offre uno sguardo in tutte le direzioni: verso Dio e verso gli uomini, nessuno escluso, nemmeno noi stessi.

Sull’amare Dio con tutto il cuore, il maestro della legge sembra propenso; ma sul concedere spazio al prossimo nutre dei dubbi e mette alla prova Gesù.

Da buon conoscitore della Bibbia – il maestro della legge – sa che nel libro del Levitico è scritto: «Non mantenere odio contro un fratello […] Non vendicatevi contro i vostri connazionali. Ciascuno di voi deve amare il suo prossimo come se stesso» (Le 19, 17s). Commentando questi versi della Bibbia, i maestri della legge insegnavano che il prossimo erano i fratelli e i connazionali. Gli stranieri e gli infedeli non erano tali. Desidera quindi provocare Gesù, costringerlo a schierarsi pubblicamente in maniera differente dagli insegnamenti dei maestri della legge. Gesù tuttavia, rovescia la situazione, afferma che Dio “comanda” di amare tutti, anche gli estranei e i nemici; in questo modo deve vivere e comportarsi chi vuol entrare nel regno di Dio.

Gesù inizia a raccontare la parabola conosciuta come «del buon Samaritano», riferendosi – forse – a un fatto capitato in quei giorni. La strada che scendeva da Gerusalemme a Gerico era una strada solitaria, tortuosa, incassata tra rocce scoscese e chi la percorreva impiegava solitamente dalle cinque alle sei ore, dovendo guardarsi anche dai ladroni che assaltavano i viandanti derubandoli di tutto. Un uomo – racconta Gesù – era stato derubato, bastonato e alla fine gettato ai margini della strada mezzo morto. Passano un sacerdote e un levita ma non si curano di quell’uomo, probabilmente per paura di contaminarsi.

Ed ecco passare un uomo di Samaria, uno straniero che abitualmente gli ebrei tacciano come nemico. Vede il ferito, si fa prossimo: si interessa di lui, lo aiuta, spende tempo e denaro per farlo curare.

A questo punto Gesù domandò al maestro della legge: «“Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?”. Rispose: “Chi ha avuto compassione di lui”. Gesù allora gli disse: “Va’ e anche tu fa’ così”» (Le 10, 36-37).

Con queste parole Gesù invita i cristiani a farsi prossimo presso il debole, andargli incontro, interessarsi delle sue necessità. In una parola: invita i cristiani a distruggere la lontananza. Amare il prossimo non vuol dire “amare i parenti e i connazionali”, ma amare tutti, specialmente quelli che sono in difficoltà e necessitano del nostro aiuto. È la grande realtà che Gesù ci consegna: Dio ci chiama ad essere suoi figli e a vivere come fratelli, qualunque sia il colore della nostra pelle, il luogo dove siamo nati, l’età che abbiamo.

La parabola di oggi non invita solo alla sollecitudine caritatevole, né soltanto a prodigarsi per i bisognosi; piuttosto esorta chi l’ascolta ad accogliere nel proprio cuore l’Amore di Dio e a contemplarlo con gli occhi di chi sa che guardando Cristo sgorga il desiderio di imitarlo.

Giuseppe Gravante

 

 

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO