7.5 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno AXV Domenica per annum - Anno A - 13 luglio 2014

XV Domenica per annum – Anno A – 13 luglio 2014

- Advertisement -

spighe_di_grano

Nella Sua persona già il significato.

Is 55, 10-11; Rm 8, 18-23; Mt 13, 1-23

Tu visiti la terra, Signore, e benedici i suoi germogli.

 Il vangelo di questa XV domenica del tempo per annum, a prima vista, appare di facile lettura e interpretazione; esso sembra quasi voler ingannare il lettore, tanto da portarlo a pensare che è possibile comprenderne il significato senza sforzi apparenti; ovviamente, non è così. La prima parte infatti, conciliandosi con la narrazione di una parabola, si snocciola in prevalenza attorno alla descrizione del contesto ambientale in cui ci si trova: il mare, la barca, la spiaggia ecc.; la seconda, invece, fungendo da tessuto connettivo, si pone come intermezzo; la terza, infine, espone i significati della parabola stessa.

Il centro del discorso parabolico è pertanto costituito dalla narrazione della semina operata dal buon contadino; quello della sua spiegazione, al contrario, si avviluppa attorno ai quattro tipi di terreno che il seminatore si trova a dover fronteggiare. In tal senso, allora, si può affermare l’evidenza di un’evoluzione, la messa in atto di un percorso di crescita slacciato dalla mera esibizione di un discorso esplicativo.

 Una domanda allora verrebbe da porsi: “Perché alcuni non comprendono?” e, unitamente a questa: «Perché Gesù parla in parabole alle folle e chiaramente ai discepoli?». In buona sostanza, si può evincere come l’interrogativo postumo consista nel domandarsi il perché alcuni intendono e altri no.

La predicazione di Gesù si rivolge alla molteplicità indifferenziata delle persone che ascoltano; egli non pone distinzioni di sorta, proclama la lieta novella del Regno sulle coordinate di un annuncio e non di un insegnamento. Gesù stesso è «il seminatore» (Mt 13, 3); mentre egli narra la parabola, nella sua persona è già possibile vederne attuato il significato. Si comprende allora, come non sia la terza parte del discorso a illustrarne il nucleo, bensì Gesù stesso attraverso la sua “catechesi”.

Il seminatore esce per i campi a seminare secondo sua libera iniziativa, si mette in cammino sotto il sole mosso dal desiderio di “comunicare” la vita. La Parola del Regno dunque, è un dono elargito da Dio in profonda libertà, esso è Parola annunciata senza classificazioni di sorta. Il seme, una volta gettato, si tinge dei coloriti tipici di una sua storia; una storia formalmente fallimentare, dipanata tra quattro terreni di cui tre improduttivi; ma nutrita, allo stesso tempo, dalla consapevolezza che il difetto non è nel seme, ma nel suo recettore: il terreno. È l’indisponibilità dell’uomo all’ascolto che rende vano il sacrificio del seme. La sua stessa natura, costituita libera da sempre, istituisce il paradigma della possibilità di declinare l’invito di Dio ad accogliere i doni.

Allora, solo aprendo il proprio cuore all’ascolto si può incominciare a dar forma a un itinerario di crescita; solo scardinando i portoni dell’indifferenza si può coltivare un terreno buono. Per questo motivo Gesù conclude con una nuova beatitudine caratteristica dei credenti: «Beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano» (Mt 13, 17). I due verbi, pertanto, su cui si gioca la vicenda del credente sono quelle dell’ascoltare e del comprendere; essi costituiscono l’atteggiamento di colui che è capace di porgere l’orecchio, di offrire disponibilità libera e non pretenziosa, di tradurre in prassi di vita l’appello della Parola.

In questa logica, si dischiude la lotta spirituale contro ciò che indurisce il cuore; contro ciò che, pur udendo, non ci permette di comprendere. È lo scontro contro il Maligno che ruba la Parola, contro l’incostanza che non resiste alle tribolazioni, contro le «preoccupazioni del mondo e la seduzione della ricchezza» (Mt 13, 22), che permette di essere terreno buono. Solo il risultato di questa inesausta lotta giunge finalmente a dare frutto, le perseveranza nella tribolazione a far germogliare il seme donatoci nella vita di fede e di orazione.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XV Domenica per annum – Anno A – 13 luglio 2014

- Advertisement -

spighe_di_grano

Nella Sua persona già il significato.

Is 55, 10-11; Rm 8, 18-23; Mt 13, 1-23

Tu visiti la terra, Signore, e benedici i suoi germogli.

 Il vangelo di questa XV domenica del tempo per annum, a prima vista, appare di facile lettura e interpretazione; esso sembra quasi voler ingannare il lettore, tanto da portarlo a pensare che è possibile comprenderne il significato senza sforzi apparenti; ovviamente, non è così. La prima parte infatti, conciliandosi con la narrazione di una parabola, si snocciola in prevalenza attorno alla descrizione del contesto ambientale in cui ci si trova: il mare, la barca, la spiaggia ecc.; la seconda, invece, fungendo da tessuto connettivo, si pone come intermezzo; la terza, infine, espone i significati della parabola stessa.

- Advertisement -

Il centro del discorso parabolico è pertanto costituito dalla narrazione della semina operata dal buon contadino; quello della sua spiegazione, al contrario, si avviluppa attorno ai quattro tipi di terreno che il seminatore si trova a dover fronteggiare. In tal senso, allora, si può affermare l’evidenza di un’evoluzione, la messa in atto di un percorso di crescita slacciato dalla mera esibizione di un discorso esplicativo.

 Una domanda allora verrebbe da porsi: “Perché alcuni non comprendono?” e, unitamente a questa: «Perché Gesù parla in parabole alle folle e chiaramente ai discepoli?». In buona sostanza, si può evincere come l’interrogativo postumo consista nel domandarsi il perché alcuni intendono e altri no.

La predicazione di Gesù si rivolge alla molteplicità indifferenziata delle persone che ascoltano; egli non pone distinzioni di sorta, proclama la lieta novella del Regno sulle coordinate di un annuncio e non di un insegnamento. Gesù stesso è «il seminatore» (Mt 13, 3); mentre egli narra la parabola, nella sua persona è già possibile vederne attuato il significato. Si comprende allora, come non sia la terza parte del discorso a illustrarne il nucleo, bensì Gesù stesso attraverso la sua “catechesi”.

Il seminatore esce per i campi a seminare secondo sua libera iniziativa, si mette in cammino sotto il sole mosso dal desiderio di “comunicare” la vita. La Parola del Regno dunque, è un dono elargito da Dio in profonda libertà, esso è Parola annunciata senza classificazioni di sorta. Il seme, una volta gettato, si tinge dei coloriti tipici di una sua storia; una storia formalmente fallimentare, dipanata tra quattro terreni di cui tre improduttivi; ma nutrita, allo stesso tempo, dalla consapevolezza che il difetto non è nel seme, ma nel suo recettore: il terreno. È l’indisponibilità dell’uomo all’ascolto che rende vano il sacrificio del seme. La sua stessa natura, costituita libera da sempre, istituisce il paradigma della possibilità di declinare l’invito di Dio ad accogliere i doni.

Allora, solo aprendo il proprio cuore all’ascolto si può incominciare a dar forma a un itinerario di crescita; solo scardinando i portoni dell’indifferenza si può coltivare un terreno buono. Per questo motivo Gesù conclude con una nuova beatitudine caratteristica dei credenti: «Beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano» (Mt 13, 17). I due verbi, pertanto, su cui si gioca la vicenda del credente sono quelle dell’ascoltare e del comprendere; essi costituiscono l’atteggiamento di colui che è capace di porgere l’orecchio, di offrire disponibilità libera e non pretenziosa, di tradurre in prassi di vita l’appello della Parola.

In questa logica, si dischiude la lotta spirituale contro ciò che indurisce il cuore; contro ciò che, pur udendo, non ci permette di comprendere. È lo scontro contro il Maligno che ruba la Parola, contro l’incostanza che non resiste alle tribolazioni, contro le «preoccupazioni del mondo e la seduzione della ricchezza» (Mt 13, 22), che permette di essere terreno buono. Solo il risultato di questa inesausta lotta giunge finalmente a dare frutto, le perseveranza nella tribolazione a far germogliare il seme donatoci nella vita di fede e di orazione.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Dossetti: L’eterno e la storia

Desiderio e sequela

La teologia di papa Francesco

A scuola di preghiera

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x