10.3 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A XIX Domenica Tempo Ordinario - Anno A - 13 luglio 2017

XIX Domenica Tempo Ordinario – Anno A – 13 luglio 2017

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XIX Domenica Tempo Ordinario – A

(1 Re 19,9a. 11-13a;  Romani 9,1-5; Matteo 14,22-33)

A  cura di Benito Giorgetta 

Rematori con Dio per avanzare e non girare su se stessi

 

Ascoltiamo il Vangelo:

Dopo che la folla ebbe mangiato, subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!»”. 

 

Come è consolante questo invito di Gesù ad avere coraggio, a liberare il cuore da ogni macigno, da ogni peso. Non avere paura. Sono le stesse parole che ogni mamma pronuncia al proprio bambino quando deve iniziare a camminare, quando deve superare una difficoltà, quando ha una malattia e nulla può fare per sollevarlo da quella situazione se on infondergli coraggio. Il coraggio di andare avanti, di affrontare non è forse l’inizio e il primo passo della guarigione?

Gesù accetta la sfida di Pietro e lo invita a camminare sull’acqua e tutto funziona fino a che lui ha fiducia, ma appena diventa titubante, ha paura, inizia a sprofondare. Nonostante tutto chiede aiuto e Gesù gli tende la mano, lo salva, lo tira in barca. E’ proprio il caso di dire che quando tiriamo i remi in barca, cioè quando ci scoraggiamo, è Gesù stesso che continua a remare per noi.

I discepoli sono in balia delle onde del lago e hanno paura, entrano nel panico, solo quando Gesù interviene torna la bonaccia. Quante volte la barca della nostra vita è costretta navigare per mari tempestosi e burrascosi, sembra che tutti, perfino Dio, ci abbiano abbandonati. Ma non è così. Colui che ci ha scolpiti dall’argilla, che ha fatto di noi delle persone, dei figli, non ci abbandona mai. Il suo respiro è intrecciato al nostro, il suo cuore palpita col mio, col tuo, col nostro. Non gli sono estranee le nostre paure, le nostre sconfitte, tutto di noi appartiene anche a lui perché noi apparteniamo a lui.

Una barca per avanzare nella sua direzione ha bisogno che i rematori siano due, altrimenti se rema uno solo gira su se stessa. Dio e noi. Lui non rema mai contro ma sempre a nostro favore. Talvolta ci mette alla prova e, come a Pietro, ci chiede di camminare sull’acqua. Se abbiamo fiducia possiamo camminare, se la paura prende il  sopravvento rischiamo di affondare. Mentre Pietro lo guarda, fissando il suo sguardo su di lui, avanza e cammina, quando diventa titubante, “guarda” il vento che soffiava perde la solidità, affonda. Anch’io se guardo il Signore affronto ogni tempesta, se guardo le difficoltà o i limiti, mi paralizzo, soccombo. Ma c’è sempre la possibilità di chiedere aiuto e lui, come sempre mi abbraccia, mi tira a sé, mi salva, perché vuole tornare a remare con me, nella barca della mia vita.

 

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XIX Domenica Tempo Ordinario – Anno A – 13 luglio 2017

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XIX Domenica Tempo Ordinario – A

(1 Re 19,9a. 11-13a;  Romani 9,1-5; Matteo 14,22-33)

A  cura di Benito Giorgetta 

Rematori con Dio per avanzare e non girare su se stessi

- Advertisement -

 

Ascoltiamo il Vangelo:

Dopo che la folla ebbe mangiato, subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!»”. 

 

Come è consolante questo invito di Gesù ad avere coraggio, a liberare il cuore da ogni macigno, da ogni peso. Non avere paura. Sono le stesse parole che ogni mamma pronuncia al proprio bambino quando deve iniziare a camminare, quando deve superare una difficoltà, quando ha una malattia e nulla può fare per sollevarlo da quella situazione se on infondergli coraggio. Il coraggio di andare avanti, di affrontare non è forse l’inizio e il primo passo della guarigione?

Gesù accetta la sfida di Pietro e lo invita a camminare sull’acqua e tutto funziona fino a che lui ha fiducia, ma appena diventa titubante, ha paura, inizia a sprofondare. Nonostante tutto chiede aiuto e Gesù gli tende la mano, lo salva, lo tira in barca. E’ proprio il caso di dire che quando tiriamo i remi in barca, cioè quando ci scoraggiamo, è Gesù stesso che continua a remare per noi.

I discepoli sono in balia delle onde del lago e hanno paura, entrano nel panico, solo quando Gesù interviene torna la bonaccia. Quante volte la barca della nostra vita è costretta navigare per mari tempestosi e burrascosi, sembra che tutti, perfino Dio, ci abbiano abbandonati. Ma non è così. Colui che ci ha scolpiti dall’argilla, che ha fatto di noi delle persone, dei figli, non ci abbandona mai. Il suo respiro è intrecciato al nostro, il suo cuore palpita col mio, col tuo, col nostro. Non gli sono estranee le nostre paure, le nostre sconfitte, tutto di noi appartiene anche a lui perché noi apparteniamo a lui.

Una barca per avanzare nella sua direzione ha bisogno che i rematori siano due, altrimenti se rema uno solo gira su se stessa. Dio e noi. Lui non rema mai contro ma sempre a nostro favore. Talvolta ci mette alla prova e, come a Pietro, ci chiede di camminare sull’acqua. Se abbiamo fiducia possiamo camminare, se la paura prende il  sopravvento rischiamo di affondare. Mentre Pietro lo guarda, fissando il suo sguardo su di lui, avanza e cammina, quando diventa titubante, “guarda” il vento che soffiava perde la solidità, affonda. Anch’io se guardo il Signore affronto ogni tempesta, se guardo le difficoltà o i limiti, mi paralizzo, soccombo. Ma c’è sempre la possibilità di chiedere aiuto e lui, come sempre mi abbraccia, mi tira a sé, mi salva, perché vuole tornare a remare con me, nella barca della mia vita.

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Libri – Diacone: un dossier di studio

Per una riconciliazione liturgica

Attualità del decalogo

Palumbo: La misericordia di Dio

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x