Cookie Consent by Free Privacy Policy website
18 C
Roma
Gio, 14 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BXIX Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 8 agosto 2021

XIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 8 agosto 2021

L’iniziativa è sempre di Dio. Lui ci ama a prescindere, senza merito






    Dal Vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».

    Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.

    Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo»”.




    I giudei mormorano contro Gesù. Non sono convinti che dica la verità, anzi lo contestano perché lui afferma di discendere dal cielo mentre loro sanno che è figlio di Giuseppe. Ma lui li ignora. Non risponde alla loro mormorazione e alza il tiro, arriva al centro del problema. “Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”.

    Lui è il Messia atteso ma, purtroppo, disatteso. La differenza la fa il modo di comportarsi. Gli ebrei non gli credono e non lo seguono, lui compie la sua missione. Come dire lui semina, sparge la sua parola, dona i suoi gesti, insegna, si prende compassione, risolve i loro problemi, li invita a fidarsi, ad avere fede in lui e in colui che lo ha mandato.

    Mai Dio ci tratta secondo i nostri meriti. Meno male. Lui supera tutte le barriere, sorvola tutte le scuse, non tiene conto della durezza dei nostri cuori. Non lo scoraggiano neppure le nostre chiusure preconcettuali, pretestuose. Il nostro disfattismo non lo disarma, lui agisce per raggiungerci, proporsi e ci lasci liberi di accettare, aderire, corrispondere. Il suo agire non è una risposta ad un nostro merito ma è sempre dono. L’iniziativa è comunque di Dio, perché lui si prende cura di noi, a lui sta a cuore la nostra salute, il nostro equilibrio, la nostra serenità. Il primo passo lo fa sempre Dio nei nostri confronti. Il suo cercarci non è perché lo meritiamo, ma perché lui avverte la necessità di accostarci, di incamminarsi con noi, di darci aiuto, sostegno, forza.

    “Chi crede ha la vita eterna”. Difatti, perché amati da Dio, abbiamo la possibilità di eternità. Si dischiude dinanzi a noi l’assoluto. Non ci sono più limiti spazio temporali, entreremo nella dimensione divina che non ha confini geografici, restrizioni di tempo, limiti invalicabili. Occorre essere consumatori del cibo che non perisce come quello mangiato dai padri nel deserto. Il cibo a cui allude Gesù è se stesso e lo afferma: “Io sono il pane vivo, disceso dal cielo, se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”.

    Come il nutrimento materiale una volta assunto entra i n circolo nel corpo biologico e lo sostanzia, gli dà vita, gli fornisce energia, così chi accoglie e mangia il pane della vita ne avrà le benefiche conseguenze che sorpassano ogni attesa, ogni aspettativa perché ci donano quanto l’uomo non conosce, non possiede e non può dare.

    Solo Dio, che è eterno, può essere dispensatore di eternità. Gesù è venuto a proclamare tutto questo. Ma lo potrà percepire solo chi lo accoglie e non chi si perde nei meandri dei ragionamenti della logica umana che si chiede: “ma questi non è il figlio del falegname?”. Non lasciamoci ingannare dalle presunte conoscenze ma apriamoci al nuovo, al diverso, al messianico




    Il Signore Gesù è il principio della creazione nuova;
    in lui ogni uomo si apre alla fiducia e alla speranza.
    Con questo spirito rivolgiamo al Padre la nostra preghiera.

    R. Venga il tuo regno, Signore.

    Per la santa Chiesa pellegrina nel mondo,
    perché nel fervore della sua fede e della sua testimonianza
    sia lievito che fermenta la massa, preghiamo. R.

    Per quanti soffrono a causa della violenza e dell’oppressione,
    perché sia loro riconosciuto il diritto a costruire in piena dignità e uguaglianza
    il loro futuro, secondo il piano di Dio, preghiamo. R.

    Per gli uomini che hanno responsabilità educative e sociali,
    perché promuovano la crescita integrale della persona umana,
    aperta a Dio e ai fratelli, preghiamo. R.

    Per quanti patiscono scandalo a causa della nostra scarsa coerenza,
    perché mediante la nostra conversione
    ritrovino fiducia nella potenza del Vangelo, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché la familiarità quotidiana con la parola di Dio
    ci renda capaci di valutare con maturo discernimento
    ciò che Dio vuole nelle concrete situazioni della vita, preghiamo. R.

    Ascolta, o Padre, la nostra preghiera
    e custodisci in noi i doni del tuo Spirito;
    fà che ogni uomo conosca te, unico vero Dio,
    e colui che hai mandato, Gesù Cristo tuo Figlio.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

    R. Amen.




    La partecipazione ai tuoi sacramenti ci salvi, o Signore, + e confermi noi tutti nella luce della tua verità. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».

Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.

Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo»”.



I giudei mormorano contro Gesù. Non sono convinti che dica la verità, anzi lo contestano perché lui afferma di discendere dal cielo mentre loro sanno che è figlio di Giuseppe. Ma lui li ignora. Non risponde alla loro mormorazione e alza il tiro, arriva al centro del problema. “Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”.

Lui è il Messia atteso ma, purtroppo, disatteso. La differenza la fa il modo di comportarsi. Gli ebrei non gli credono e non lo seguono, lui compie la sua missione. Come dire lui semina, sparge la sua parola, dona i suoi gesti, insegna, si prende compassione, risolve i loro problemi, li invita a fidarsi, ad avere fede in lui e in colui che lo ha mandato.

Mai Dio ci tratta secondo i nostri meriti. Meno male. Lui supera tutte le barriere, sorvola tutte le scuse, non tiene conto della durezza dei nostri cuori. Non lo scoraggiano neppure le nostre chiusure preconcettuali, pretestuose. Il nostro disfattismo non lo disarma, lui agisce per raggiungerci, proporsi e ci lasci liberi di accettare, aderire, corrispondere. Il suo agire non è una risposta ad un nostro merito ma è sempre dono. L’iniziativa è comunque di Dio, perché lui si prende cura di noi, a lui sta a cuore la nostra salute, il nostro equilibrio, la nostra serenità. Il primo passo lo fa sempre Dio nei nostri confronti. Il suo cercarci non è perché lo meritiamo, ma perché lui avverte la necessità di accostarci, di incamminarsi con noi, di darci aiuto, sostegno, forza.

“Chi crede ha la vita eterna”. Difatti, perché amati da Dio, abbiamo la possibilità di eternità. Si dischiude dinanzi a noi l’assoluto. Non ci sono più limiti spazio temporali, entreremo nella dimensione divina che non ha confini geografici, restrizioni di tempo, limiti invalicabili. Occorre essere consumatori del cibo che non perisce come quello mangiato dai padri nel deserto. Il cibo a cui allude Gesù è se stesso e lo afferma: “Io sono il pane vivo, disceso dal cielo, se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”.

Come il nutrimento materiale una volta assunto entra i n circolo nel corpo biologico e lo sostanzia, gli dà vita, gli fornisce energia, così chi accoglie e mangia il pane della vita ne avrà le benefiche conseguenze che sorpassano ogni attesa, ogni aspettativa perché ci donano quanto l’uomo non conosce, non possiede e non può dare.

Solo Dio, che è eterno, può essere dispensatore di eternità. Gesù è venuto a proclamare tutto questo. Ma lo potrà percepire solo chi lo accoglie e non chi si perde nei meandri dei ragionamenti della logica umana che si chiede: “ma questi non è il figlio del falegname?”. Non lasciamoci ingannare dalle presunte conoscenze ma apriamoci al nuovo, al diverso, al messianico



Il Signore Gesù è il principio della creazione nuova;
in lui ogni uomo si apre alla fiducia e alla speranza.
Con questo spirito rivolgiamo al Padre la nostra preghiera.

R. Venga il tuo regno, Signore.

Per la santa Chiesa pellegrina nel mondo,
perché nel fervore della sua fede e della sua testimonianza
sia lievito che fermenta la massa, preghiamo. R.

Per quanti soffrono a causa della violenza e dell’oppressione,
perché sia loro riconosciuto il diritto a costruire in piena dignità e uguaglianza
il loro futuro, secondo il piano di Dio, preghiamo. R.

Per gli uomini che hanno responsabilità educative e sociali,
perché promuovano la crescita integrale della persona umana,
aperta a Dio e ai fratelli, preghiamo. R.

Per quanti patiscono scandalo a causa della nostra scarsa coerenza,
perché mediante la nostra conversione
ritrovino fiducia nella potenza del Vangelo, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché la familiarità quotidiana con la parola di Dio
ci renda capaci di valutare con maturo discernimento
ciò che Dio vuole nelle concrete situazioni della vita, preghiamo. R.

Ascolta, o Padre, la nostra preghiera
e custodisci in noi i doni del tuo Spirito;
fà che ogni uomo conosca te, unico vero Dio,
e colui che hai mandato, Gesù Cristo tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.



La partecipazione ai tuoi sacramenti ci salvi, o Signore, + e confermi noi tutti nella luce della tua verità. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 8 agosto 2021

L’iniziativa è sempre di Dio. Lui ci ama a prescindere, senza merito



Dal Vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».

Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.

Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo»”.



I giudei mormorano contro Gesù. Non sono convinti che dica la verità, anzi lo contestano perché lui afferma di discendere dal cielo mentre loro sanno che è figlio di Giuseppe. Ma lui li ignora. Non risponde alla loro mormorazione e alza il tiro, arriva al centro del problema. “Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”.

Lui è il Messia atteso ma, purtroppo, disatteso. La differenza la fa il modo di comportarsi. Gli ebrei non gli credono e non lo seguono, lui compie la sua missione. Come dire lui semina, sparge la sua parola, dona i suoi gesti, insegna, si prende compassione, risolve i loro problemi, li invita a fidarsi, ad avere fede in lui e in colui che lo ha mandato.

Mai Dio ci tratta secondo i nostri meriti. Meno male. Lui supera tutte le barriere, sorvola tutte le scuse, non tiene conto della durezza dei nostri cuori. Non lo scoraggiano neppure le nostre chiusure preconcettuali, pretestuose. Il nostro disfattismo non lo disarma, lui agisce per raggiungerci, proporsi e ci lasci liberi di accettare, aderire, corrispondere. Il suo agire non è una risposta ad un nostro merito ma è sempre dono. L’iniziativa è comunque di Dio, perché lui si prende cura di noi, a lui sta a cuore la nostra salute, il nostro equilibrio, la nostra serenità. Il primo passo lo fa sempre Dio nei nostri confronti. Il suo cercarci non è perché lo meritiamo, ma perché lui avverte la necessità di accostarci, di incamminarsi con noi, di darci aiuto, sostegno, forza.

“Chi crede ha la vita eterna”. Difatti, perché amati da Dio, abbiamo la possibilità di eternità. Si dischiude dinanzi a noi l’assoluto. Non ci sono più limiti spazio temporali, entreremo nella dimensione divina che non ha confini geografici, restrizioni di tempo, limiti invalicabili. Occorre essere consumatori del cibo che non perisce come quello mangiato dai padri nel deserto. Il cibo a cui allude Gesù è se stesso e lo afferma: “Io sono il pane vivo, disceso dal cielo, se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”.

Come il nutrimento materiale una volta assunto entra i n circolo nel corpo biologico e lo sostanzia, gli dà vita, gli fornisce energia, così chi accoglie e mangia il pane della vita ne avrà le benefiche conseguenze che sorpassano ogni attesa, ogni aspettativa perché ci donano quanto l’uomo non conosce, non possiede e non può dare.

Solo Dio, che è eterno, può essere dispensatore di eternità. Gesù è venuto a proclamare tutto questo. Ma lo potrà percepire solo chi lo accoglie e non chi si perde nei meandri dei ragionamenti della logica umana che si chiede: “ma questi non è il figlio del falegname?”. Non lasciamoci ingannare dalle presunte conoscenze ma apriamoci al nuovo, al diverso, al messianico



Il Signore Gesù è il principio della creazione nuova;
in lui ogni uomo si apre alla fiducia e alla speranza.
Con questo spirito rivolgiamo al Padre la nostra preghiera.

R. Venga il tuo regno, Signore.

Per la santa Chiesa pellegrina nel mondo,
perché nel fervore della sua fede e della sua testimonianza
sia lievito che fermenta la massa, preghiamo. R.

Per quanti soffrono a causa della violenza e dell’oppressione,
perché sia loro riconosciuto il diritto a costruire in piena dignità e uguaglianza
il loro futuro, secondo il piano di Dio, preghiamo. R.

Per gli uomini che hanno responsabilità educative e sociali,
perché promuovano la crescita integrale della persona umana,
aperta a Dio e ai fratelli, preghiamo. R.

Per quanti patiscono scandalo a causa della nostra scarsa coerenza,
perché mediante la nostra conversione
ritrovino fiducia nella potenza del Vangelo, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
perché la familiarità quotidiana con la parola di Dio
ci renda capaci di valutare con maturo discernimento
ciò che Dio vuole nelle concrete situazioni della vita, preghiamo. R.

Ascolta, o Padre, la nostra preghiera
e custodisci in noi i doni del tuo Spirito;
fà che ogni uomo conosca te, unico vero Dio,
e colui che hai mandato, Gesù Cristo tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.



La partecipazione ai tuoi sacramenti ci salvi, o Signore, + e confermi noi tutti nella luce della tua verità. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
318IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

Libri consigliati – Aprile 2019

Parrocchia e civiltà urbana

Dai racconti orali ai Vangeli

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x