19.8 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XIV Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 7 luglio 2019

XIV Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 7 luglio 2019

Non monatti ma annunciatori di vita.






    Dal Vangelo secondo Luca:

    “In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
    Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
    In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
    Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città».
    I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli»”.




    Non importa l’equipaggiamento del messaggero ma il contenuto della sua notizia. L’involucro non è più importante di ciò che contiene. Una bella notizia la può dare un atleta dal fisico portentoso o un portatore di diversa abilità, nulla cambia rispetto alla sua sostanza. Gesù nell’inviare i suoi amici a portare il lieto annuncio chiede loro d’essere dimessi, arrendevoli, essenziali. Solo armati del desiderio di andare ed annunciare, andare e far conoscere. Non debbono lasciarsi soggiogare dall’apparenza ma attrarre dal messaggio stesso, portare e coltivare l’ansia di raggiungere tutte le periferie, soprattutto quelle “esistenziali”. Gli inviati sono come agnelli tra i lupi, debbono lottare, affrontare difficoltà, superare ostacoli, ostilità, avversioni. Il cristiano di ieri, di oggi e di sempre è uno che va controcorrente, non porta un messaggio suadente, carezzevole, testimonia piuttosto la vocazione al martirio, al sacrificio. Non offre una strada in discesa ma in salita, non butta fumo agli occhi ma con verità annuncia la sfida del discepolato fatto di sacrifici, rinunce anche a costo della propria vita.

    Il mondo delle necessità è vasto, quasi immenso, rispetto a coloro che si rendono operai dell’annuncio, ma essi donano uno sguardo nuovo ed un respiro diverso: annunciano che Dio è in mezzo al suo popolo. Non più l’uomo cercatore di Dio, ma Dio stesso presente nella storia. Questa è la vera notizia lo scoop di cui ha bisogno il mondo contemporaneo. Dio cammina con noi, pronto ad ascoltare, alleviare, soccorrere, intervenire per portare pace, quiete e possibilità di nuove stagioni e di ottimi frutti. “Oggi mancano operai del bello, mietitori del buono, contadini che sappiano far crescere i germogli di un mondo più giusto, di una mentalità più positiva, più umana” (Ermes Ronchi). Ecco la vera messe quella da accogliere e non quella da seminare perché è nata già. Esiste. Il cristiano non è denunciatore di morti, ma annunziatore di vita. Per questo è inviato nel vasto mondo che lo attende non per essere monatto che raccoglie cadaveri ma apostolo che coglie i fremiti di vita e i germogli di speranza. E li incoraggia!




    Rivolgiamo la comune preghiera a Dio nostro Padre,
    perché ci renda veri discepoli e testimoni del Cristo,
    primizia dell’umanità nuova.

    R. O Dio, nostra speranza, ascoltaci.

    Per la santa Chiesa pellegrina nel mondo,
    perché nel fervore della sua fede e della sua testimonianza
    sia lievito che fermenta la massa, preghiamo. R.

    Per quanti soffrono a causa della violenza e dell’oppressione,
    perché sia loro riconosciuto il diritto a costruire in piena dignità e uguaglianza
    il loro futuro, secondo il piano di Dio, preghiamo. R.

    Per gli uomini che hanno responsabilità educative e sociali,
    perché promuovano la crescita integrale della persona umana,
    aperta a Dio e ai fratelli, preghiamo. R.

    Per quanti patiscono scandalo a causa della nostra scarsa coerenza,
    perché mediante la nostra conversione
    ritrovino fiducia nella potenza del Vangelo, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché la familiarità quotidiana con la parola di Dio
    ci renda capaci di valutare con maturo discernimento
    ciò che Dio vuole nelle concrete situazioni della vita, preghiamo. R.

    O Dio, che ami la giustizia,
    rialza con la tua mano
    tutti coloro che giacciono nell’ombra della morte;
    fa’ che riprendano il cammino della speranza
    e siano per sempre il tuo vivente canto di gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Dio onnipotente ed eterno, che ci hai nutriti con i doni della tua carità senza limiti, fa’ che godiamo i benefici della salvezza e viviamo sempre in rendimento di grazie. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Luca:

    “In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
    Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
    In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
    Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città».
    I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli»”.




    Non importa l’equipaggiamento del messaggero ma il contenuto della sua notizia. L’involucro non è più importante di ciò che contiene. Una bella notizia la può dare un atleta dal fisico portentoso o un portatore di diversa abilità, nulla cambia rispetto alla sua sostanza. Gesù nell’inviare i suoi amici a portare il lieto annuncio chiede loro d’essere dimessi, arrendevoli, essenziali. Solo armati del desiderio di andare ed annunciare, andare e far conoscere. Non debbono lasciarsi soggiogare dall’apparenza ma attrarre dal messaggio stesso, portare e coltivare l’ansia di raggiungere tutte le periferie, soprattutto quelle “esistenziali”. Gli inviati sono come agnelli tra i lupi, debbono lottare, affrontare difficoltà, superare ostacoli, ostilità, avversioni. Il cristiano di ieri, di oggi e di sempre è uno che va controcorrente, non porta un messaggio suadente, carezzevole, testimonia piuttosto la vocazione al martirio, al sacrificio. Non offre una strada in discesa ma in salita, non butta fumo agli occhi ma con verità annuncia la sfida del discepolato fatto di sacrifici, rinunce anche a costo della propria vita.

    Il mondo delle necessità è vasto, quasi immenso, rispetto a coloro che si rendono operai dell’annuncio, ma essi donano uno sguardo nuovo ed un respiro diverso: annunciano che Dio è in mezzo al suo popolo. Non più l’uomo cercatore di Dio, ma Dio stesso presente nella storia. Questa è la vera notizia lo scoop di cui ha bisogno il mondo contemporaneo. Dio cammina con noi, pronto ad ascoltare, alleviare, soccorrere, intervenire per portare pace, quiete e possibilità di nuove stagioni e di ottimi frutti. “Oggi mancano operai del bello, mietitori del buono, contadini che sappiano far crescere i germogli di un mondo più giusto, di una mentalità più positiva, più umana” (Ermes Ronchi). Ecco la vera messe quella da accogliere e non quella da seminare perché è nata già. Esiste. Il cristiano non è denunciatore di morti, ma annunziatore di vita. Per questo è inviato nel vasto mondo che lo attende non per essere monatto che raccoglie cadaveri ma apostolo che coglie i fremiti di vita e i germogli di speranza. E li incoraggia!




    Rivolgiamo la comune preghiera a Dio nostro Padre,
    perché ci renda veri discepoli e testimoni del Cristo,
    primizia dell’umanità nuova.

    R. O Dio, nostra speranza, ascoltaci.

    Per la santa Chiesa pellegrina nel mondo,
    perché nel fervore della sua fede e della sua testimonianza
    sia lievito che fermenta la massa, preghiamo. R.

    Per quanti soffrono a causa della violenza e dell’oppressione,
    perché sia loro riconosciuto il diritto a costruire in piena dignità e uguaglianza
    il loro futuro, secondo il piano di Dio, preghiamo. R.

    Per gli uomini che hanno responsabilità educative e sociali,
    perché promuovano la crescita integrale della persona umana,
    aperta a Dio e ai fratelli, preghiamo. R.

    Per quanti patiscono scandalo a causa della nostra scarsa coerenza,
    perché mediante la nostra conversione
    ritrovino fiducia nella potenza del Vangelo, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché la familiarità quotidiana con la parola di Dio
    ci renda capaci di valutare con maturo discernimento
    ciò che Dio vuole nelle concrete situazioni della vita, preghiamo. R.

    O Dio, che ami la giustizia,
    rialza con la tua mano
    tutti coloro che giacciono nell’ombra della morte;
    fa’ che riprendano il cammino della speranza
    e siano per sempre il tuo vivente canto di gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Dio onnipotente ed eterno, che ci hai nutriti con i doni della tua carità senza limiti, fa’ che godiamo i benefici della salvezza e viviamo sempre in rendimento di grazie. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XIV Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 7 luglio 2019

Non monatti ma annunciatori di vita.






    Dal Vangelo secondo Luca:

    “In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
    Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
    In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
    Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città».
    I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli»”.




    Non importa l’equipaggiamento del messaggero ma il contenuto della sua notizia. L’involucro non è più importante di ciò che contiene. Una bella notizia la può dare un atleta dal fisico portentoso o un portatore di diversa abilità, nulla cambia rispetto alla sua sostanza. Gesù nell’inviare i suoi amici a portare il lieto annuncio chiede loro d’essere dimessi, arrendevoli, essenziali. Solo armati del desiderio di andare ed annunciare, andare e far conoscere. Non debbono lasciarsi soggiogare dall’apparenza ma attrarre dal messaggio stesso, portare e coltivare l’ansia di raggiungere tutte le periferie, soprattutto quelle “esistenziali”. Gli inviati sono come agnelli tra i lupi, debbono lottare, affrontare difficoltà, superare ostacoli, ostilità, avversioni. Il cristiano di ieri, di oggi e di sempre è uno che va controcorrente, non porta un messaggio suadente, carezzevole, testimonia piuttosto la vocazione al martirio, al sacrificio. Non offre una strada in discesa ma in salita, non butta fumo agli occhi ma con verità annuncia la sfida del discepolato fatto di sacrifici, rinunce anche a costo della propria vita.

    Il mondo delle necessità è vasto, quasi immenso, rispetto a coloro che si rendono operai dell’annuncio, ma essi donano uno sguardo nuovo ed un respiro diverso: annunciano che Dio è in mezzo al suo popolo. Non più l’uomo cercatore di Dio, ma Dio stesso presente nella storia. Questa è la vera notizia lo scoop di cui ha bisogno il mondo contemporaneo. Dio cammina con noi, pronto ad ascoltare, alleviare, soccorrere, intervenire per portare pace, quiete e possibilità di nuove stagioni e di ottimi frutti. “Oggi mancano operai del bello, mietitori del buono, contadini che sappiano far crescere i germogli di un mondo più giusto, di una mentalità più positiva, più umana” (Ermes Ronchi). Ecco la vera messe quella da accogliere e non quella da seminare perché è nata già. Esiste. Il cristiano non è denunciatore di morti, ma annunziatore di vita. Per questo è inviato nel vasto mondo che lo attende non per essere monatto che raccoglie cadaveri ma apostolo che coglie i fremiti di vita e i germogli di speranza. E li incoraggia!




    Rivolgiamo la comune preghiera a Dio nostro Padre,
    perché ci renda veri discepoli e testimoni del Cristo,
    primizia dell’umanità nuova.

    R. O Dio, nostra speranza, ascoltaci.

    Per la santa Chiesa pellegrina nel mondo,
    perché nel fervore della sua fede e della sua testimonianza
    sia lievito che fermenta la massa, preghiamo. R.

    Per quanti soffrono a causa della violenza e dell’oppressione,
    perché sia loro riconosciuto il diritto a costruire in piena dignità e uguaglianza
    il loro futuro, secondo il piano di Dio, preghiamo. R.

    Per gli uomini che hanno responsabilità educative e sociali,
    perché promuovano la crescita integrale della persona umana,
    aperta a Dio e ai fratelli, preghiamo. R.

    Per quanti patiscono scandalo a causa della nostra scarsa coerenza,
    perché mediante la nostra conversione
    ritrovino fiducia nella potenza del Vangelo, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché la familiarità quotidiana con la parola di Dio
    ci renda capaci di valutare con maturo discernimento
    ciò che Dio vuole nelle concrete situazioni della vita, preghiamo. R.

    O Dio, che ami la giustizia,
    rialza con la tua mano
    tutti coloro che giacciono nell’ombra della morte;
    fa’ che riprendano il cammino della speranza
    e siano per sempre il tuo vivente canto di gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Dio onnipotente ed eterno, che ci hai nutriti con i doni della tua carità senza limiti, fa’ che godiamo i benefici della salvezza e viviamo sempre in rendimento di grazie. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La Shoah alla luce del Sinai

Il Padre nostro e la tentazione

Ri-innamorarsi

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO