20.7 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XIII Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 26 giugno 2016

XIII Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 26 giugno 2016

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XIII Domenica Tempo Ordinario  – C

(1 Re 19,16.19-21; Galati 5,1.13-18; Luca 9,51-62)

A  cura di Benito Giorgetta

Il solco accoglie la vita. Il contadino nel seme vede la spiga

Ascoltiamo il Vangelo:

“Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé. 
Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.
Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». 
A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio». 
Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

Il regno di Dio è unidirezionale. Ognuno percorre la strada con i mezzi che ha e con le capacità che possiede ma tutti incamminati verso la sua realizzazione. Gesù mentre cammina verso Gerusalemme, dove sarà il compimento della sua missione e dove ricevere “l’unzione” della croce, insegna proprio questo a coloro che volevano  prendere altre direzioni o si facevano distrarre da altri interessi che non fossero quelli del regno.

Giacomo e Giovanni vorrebbero scagliarsi contro chi non la pensa come loro, ma Gesù li addomestica e li mitiga con un rimprovero. Non debbono lasciarsi travolgere dalla sindrome di avere nemici attorno. Chi non la pensa come noi non necessariamente è nostro avversario. E continuano il cammino verso Gerusalemme, verso il compimento. A chi avvicina Gesù e gli chiede di volerlo seguire, lui, quasi per scoraggiarlo, indica la durezza della sequela e il rigore delle scelte per effettuarla. “Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”. Invece di entusiasmare, Gesù, sembra che scoraggi, allontani. Lui semplicemente propone la durezza dell’essere suo discepolo. Non illude, perciò non delude mai.

E continuando il suo cammino chiama: “Seguimi”. Aggrega, include, vuole compagnia. Non è un camminatore solitario. “Da soli si va più veloce insieme si va più lontano”. A lui non interessa vincere la corsa o arrivare per primo ma arrivarci in compagnia. La condivisione moltiplica e non decurta, amplifica e non smorza, apre e non chiude. Coloro che sono chiamati, molto spesso, avvertono la fatica dell’adesione, la delusione del fallimento e lo sforzo del cammino. Ma la fede è così. Non è un archiviare nel deposito del cuore una pratica, catalogata e ingessata. Avere fede è combattimento, lotta, scelta, reiterata quotidianamente.

Seguire il Signore, significa dargli la priorità, l’assolutezza, perché il resto viene da sé. “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”. Il “già” esiste, è stato disegnato, vissuto, interpretato e consegnato. C’è un “non ancora”, un oltre, che si deve compiere. I solchi che l’aratro scava sono fatti per ricevere il seme e il seme è una proiezione nel futuro. Il contadino nel seme vede la spiga, il cristiano nell’inverno vede la primavera, l’innamorato nel fidanzamento vede il matrimonio. In ciò che facciamo ci dobbiamo sempre vedere il futuro provvidenziale di Dio che ci fa discepoli del Cristo e camminatori dietro di lui per annunciare il regno. Mettersi in cammino, percepire la chiamata e offrire una risposta, significa già essere disegnatori e testimoni del futuro, del regno. Ma in cammino verso il compimento.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XIII Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 26 giugno 2016

  

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XIII Domenica Tempo Ordinario  – C

(1 Re 19,16.19-21; Galati 5,1.13-18; Luca 9,51-62)

A  cura di Benito Giorgetta

Il solco accoglie la vita. Il contadino nel seme vede la spiga

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

“Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé. 
Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.
Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». 
A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio». 
Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

Il regno di Dio è unidirezionale. Ognuno percorre la strada con i mezzi che ha e con le capacità che possiede ma tutti incamminati verso la sua realizzazione. Gesù mentre cammina verso Gerusalemme, dove sarà il compimento della sua missione e dove ricevere “l’unzione” della croce, insegna proprio questo a coloro che volevano  prendere altre direzioni o si facevano distrarre da altri interessi che non fossero quelli del regno.

Giacomo e Giovanni vorrebbero scagliarsi contro chi non la pensa come loro, ma Gesù li addomestica e li mitiga con un rimprovero. Non debbono lasciarsi travolgere dalla sindrome di avere nemici attorno. Chi non la pensa come noi non necessariamente è nostro avversario. E continuano il cammino verso Gerusalemme, verso il compimento. A chi avvicina Gesù e gli chiede di volerlo seguire, lui, quasi per scoraggiarlo, indica la durezza della sequela e il rigore delle scelte per effettuarla. “Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”. Invece di entusiasmare, Gesù, sembra che scoraggi, allontani. Lui semplicemente propone la durezza dell’essere suo discepolo. Non illude, perciò non delude mai.

E continuando il suo cammino chiama: “Seguimi”. Aggrega, include, vuole compagnia. Non è un camminatore solitario. “Da soli si va più veloce insieme si va più lontano”. A lui non interessa vincere la corsa o arrivare per primo ma arrivarci in compagnia. La condivisione moltiplica e non decurta, amplifica e non smorza, apre e non chiude. Coloro che sono chiamati, molto spesso, avvertono la fatica dell’adesione, la delusione del fallimento e lo sforzo del cammino. Ma la fede è così. Non è un archiviare nel deposito del cuore una pratica, catalogata e ingessata. Avere fede è combattimento, lotta, scelta, reiterata quotidianamente.

Seguire il Signore, significa dargli la priorità, l’assolutezza, perché il resto viene da sé. “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”. Il “già” esiste, è stato disegnato, vissuto, interpretato e consegnato. C’è un “non ancora”, un oltre, che si deve compiere. I solchi che l’aratro scava sono fatti per ricevere il seme e il seme è una proiezione nel futuro. Il contadino nel seme vede la spiga, il cristiano nell’inverno vede la primavera, l’innamorato nel fidanzamento vede il matrimonio. In ciò che facciamo ci dobbiamo sempre vedere il futuro provvidenziale di Dio che ci fa discepoli del Cristo e camminatori dietro di lui per annunciare il regno. Mettersi in cammino, percepire la chiamata e offrire una risposta, significa già essere disegnatori e testimoni del futuro, del regno. Ma in cammino verso il compimento.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
601FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La Shoah alla luce del Sinai

Il Libro della Sapienza

Lo Spirito nell’agire umano

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO