14.6 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B XIII Domenica Tempo Ordinario - Anno B - 1 luglio 2018

XIII Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 1 luglio 2018

Il Vangelo Strabico

- Advertisement -

Presi per mano da Dio per stare in piedi

(Sapienza 1,13-15; 2,23-24; 2 Corinzi 8,7.9.13-15; Marco 5,21-43)

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.
E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».
Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo.
Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.”

Una delle caratteristiche che distinguono l’uomo dal resto è che è stato creato per avere una posizione eretta e di equilibrio. Solo quando è ferito, stanco, malato o, peggio, morto, l’uomo assume un’altra posizione, quella supina! Così è accaduto all’emorroissa che, destinata a vivere ai bordi della strada, in quanto considerata immonda ed esclusa dal vivere sociale, è adagiata a terra, ignorata. Ma, dopo il suo ardire: ”Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata”, ritrova vita, salvezza, relazioni e guarigione. Si rimette in piedi, con dignità, riprende la sua vita perché ha toccato Gesù.

Analogamente alla figlia di Giairo. Uno dei capi della sinagoga, a cui è morta la figlia, Gesù, entrato in casa afferma: “La bambina non è morta, ma dorme…” e, presala per mano, la rialza. La mano di Gesù, ancora una volta solleva, libera, guarisce, ridona vita. “Talità Kum – alzati” continua a ripetere Gesù a tutti coloro che si accasciano sotto il peso dei peccati, a coloro che sconfitti, si sentono esclusi, a chi sfiduciato si lascia andare alla disperazione, a chi deluso rimane solo e abbandonato da tutti, a chi avverte il peso dell’esistenza al punto che è paralizzato dalla debolezza. Alzati! Come è consolante sentirsi chiamati da Dio e invitati a riprendere la postura che lui ha disegnato per ogni uomo e donna. Talità Kum, in piedi, presi per mano da Dio, per essere il popolo dei risorti, dei rinati. Lui, la sorgente della vita, lui che, della tomba ha fatto una culla, ci resuscita continuamente da tutte le morti in cui incappiamo. In piedi per guardarci negli occhi.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XIII Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 1 luglio 2018

Il Vangelo Strabico

  

- Advertisement -

Presi per mano da Dio per stare in piedi

(Sapienza 1,13-15; 2,23-24; 2 Corinzi 8,7.9.13-15; Marco 5,21-43)

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.
E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».
Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo.
Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.”

Una delle caratteristiche che distinguono l’uomo dal resto è che è stato creato per avere una posizione eretta e di equilibrio. Solo quando è ferito, stanco, malato o, peggio, morto, l’uomo assume un’altra posizione, quella supina! Così è accaduto all’emorroissa che, destinata a vivere ai bordi della strada, in quanto considerata immonda ed esclusa dal vivere sociale, è adagiata a terra, ignorata. Ma, dopo il suo ardire: ”Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata”, ritrova vita, salvezza, relazioni e guarigione. Si rimette in piedi, con dignità, riprende la sua vita perché ha toccato Gesù.

- Advertisement -

Analogamente alla figlia di Giairo. Uno dei capi della sinagoga, a cui è morta la figlia, Gesù, entrato in casa afferma: “La bambina non è morta, ma dorme…” e, presala per mano, la rialza. La mano di Gesù, ancora una volta solleva, libera, guarisce, ridona vita. “Talità Kum – alzati” continua a ripetere Gesù a tutti coloro che si accasciano sotto il peso dei peccati, a coloro che sconfitti, si sentono esclusi, a chi sfiduciato si lascia andare alla disperazione, a chi deluso rimane solo e abbandonato da tutti, a chi avverte il peso dell’esistenza al punto che è paralizzato dalla debolezza. Alzati! Come è consolante sentirsi chiamati da Dio e invitati a riprendere la postura che lui ha disegnato per ogni uomo e donna. Talità Kum, in piedi, presi per mano da Dio, per essere il popolo dei risorti, dei rinati. Lui, la sorgente della vita, lui che, della tomba ha fatto una culla, ci resuscita continuamente da tutte le morti in cui incappiamo. In piedi per guardarci negli occhi.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO