19.8 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 30 giugno 2019

XIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 30 giugno 2019

Il primato assoluto di Dio.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.
    Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.
    Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».
    A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio».
    Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio»”.




    Ci sono delle cose nella vita, come per esempio in campo matematico, dove i numeri impongono una loro logica ed è pacifico accettarne le regole non come imposizione ma necessità. Il 9, per esempio, viene prima del 10 e dopo l’otto e nessuno si può sottrarre da questa evidenza. In campo climatico la primavera viene prima dell’estate, in campo biologico un genitore nasce prima dei propri figli e così via. In campo religioso e quindi relazionale con Dio è inevitabile che lui debba sempre e comunque avere il primato rispetto a tutto il resto.

    Nel suo commento al Padre nostro, san Cipriano afferma: “Nulla assolutamente anteporre a Cristo, poiché neppure lui ha preferito qualcosa a noi” questo pensiero viene poi ripreso anche da san Benedetto nella sua regola. E da allora è stato ed è un faro che illumina e guida tutta la ricca esperienza del monachesimo.

    Il vangelo odierno sembra essere particolarmente esigente e quasi arrogante. Gesù vuole per sé la nostra attenzione e non ammette distrazioni. “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”. Ma come mai questa perentorietà? Certamente non è escludente tutte le necessità e le incombenze a cui la vita ci chiama. L’amore che siamo chiamati, vocazionalmente,  ad esprimere nei confronti di Dio non entra in conflitto col resto della nostra vita. Anzi, proprio nei solchi delle nostre giornate, del quotidiano, nelle cose semplici ed umili dobbiamo essere capace di amare facendo tutto con amore e dedizione. Dio è la sorgente e noi non possiamo fare a meno di dissetarci ad essa per imparare ad amare. Dall’amore verso di lui dipende tutto il resto della nostra vita.

    D’altra parte il primato a Dio non glielo consegniamo noi, gli appartiene per condizione e non è subordinato al nostro riconoscimento. E’ felice colui che lo accetta e si sforza di viverlo in pienezza. Difatti Dio non ferma a sé il nostro amore ma continuamente ci chiama ad amarci gli uni gli altri. Come una lampadina non si può accendere senza che la spina sia inserita in una presa di corrente, così noi non possiamo amare niente e nessuno se non siamo continuamente alimentati dall’amore di Dio, per questo necessita che il suo primato non sia mai insidiato ma resti ben saldo nel nostro cuore come certezza da vivere e come progettualità da programmare.




    Chiediamo a Dio nostro Padre di estendere all’umanità intera
    i frutti della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Per la gloria del tuo nome, ascoltaci, Signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
    faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
    in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

    Per la città in cui viviamo,
    perchè il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
    per creare rapporti veramente umani
    in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

    Per le nostre famiglie,
    perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
    e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

    Per le suore di clausura,
    che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
    l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
    perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
    sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
    per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

    Padre, che hai posto il tuo Cristo
    come luce delle genti,
    fà che dall’oscurità dell’ora presente
    emergano i tratti di un mondo pacificato e giusto,
    e la tua Chiesa possa liberamente servire
    la causa del Vangelo e le speranze dei poveri.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    La divina Eucarestia, che abbiamo offerto e ricevuto, Signore, sia per noi principio di vita nuova, perché, uniti a te nell’amore, portiamo frutti che rimangano per sempre. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.
    Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.
    Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».
    A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio».
    Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio»”.




    Ci sono delle cose nella vita, come per esempio in campo matematico, dove i numeri impongono una loro logica ed è pacifico accettarne le regole non come imposizione ma necessità. Il 9, per esempio, viene prima del 10 e dopo l’otto e nessuno si può sottrarre da questa evidenza. In campo climatico la primavera viene prima dell’estate, in campo biologico un genitore nasce prima dei propri figli e così via. In campo religioso e quindi relazionale con Dio è inevitabile che lui debba sempre e comunque avere il primato rispetto a tutto il resto.

    Nel suo commento al Padre nostro, san Cipriano afferma: “Nulla assolutamente anteporre a Cristo, poiché neppure lui ha preferito qualcosa a noi” questo pensiero viene poi ripreso anche da san Benedetto nella sua regola. E da allora è stato ed è un faro che illumina e guida tutta la ricca esperienza del monachesimo.

    Il vangelo odierno sembra essere particolarmente esigente e quasi arrogante. Gesù vuole per sé la nostra attenzione e non ammette distrazioni. “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”. Ma come mai questa perentorietà? Certamente non è escludente tutte le necessità e le incombenze a cui la vita ci chiama. L’amore che siamo chiamati, vocazionalmente,  ad esprimere nei confronti di Dio non entra in conflitto col resto della nostra vita. Anzi, proprio nei solchi delle nostre giornate, del quotidiano, nelle cose semplici ed umili dobbiamo essere capace di amare facendo tutto con amore e dedizione. Dio è la sorgente e noi non possiamo fare a meno di dissetarci ad essa per imparare ad amare. Dall’amore verso di lui dipende tutto il resto della nostra vita.

    D’altra parte il primato a Dio non glielo consegniamo noi, gli appartiene per condizione e non è subordinato al nostro riconoscimento. E’ felice colui che lo accetta e si sforza di viverlo in pienezza. Difatti Dio non ferma a sé il nostro amore ma continuamente ci chiama ad amarci gli uni gli altri. Come una lampadina non si può accendere senza che la spina sia inserita in una presa di corrente, così noi non possiamo amare niente e nessuno se non siamo continuamente alimentati dall’amore di Dio, per questo necessita che il suo primato non sia mai insidiato ma resti ben saldo nel nostro cuore come certezza da vivere e come progettualità da programmare.




    Chiediamo a Dio nostro Padre di estendere all’umanità intera
    i frutti della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Per la gloria del tuo nome, ascoltaci, Signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
    faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
    in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

    Per la città in cui viviamo,
    perchè il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
    per creare rapporti veramente umani
    in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

    Per le nostre famiglie,
    perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
    e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

    Per le suore di clausura,
    che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
    l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
    perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
    sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
    per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

    Padre, che hai posto il tuo Cristo
    come luce delle genti,
    fà che dall’oscurità dell’ora presente
    emergano i tratti di un mondo pacificato e giusto,
    e la tua Chiesa possa liberamente servire
    la causa del Vangelo e le speranze dei poveri.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    La divina Eucarestia, che abbiamo offerto e ricevuto, Signore, sia per noi principio di vita nuova, perché, uniti a te nell’amore, portiamo frutti che rimangano per sempre. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 30 giugno 2019

Il primato assoluto di Dio.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.
    Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.
    Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».
    A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio».
    Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio»”.




    Ci sono delle cose nella vita, come per esempio in campo matematico, dove i numeri impongono una loro logica ed è pacifico accettarne le regole non come imposizione ma necessità. Il 9, per esempio, viene prima del 10 e dopo l’otto e nessuno si può sottrarre da questa evidenza. In campo climatico la primavera viene prima dell’estate, in campo biologico un genitore nasce prima dei propri figli e così via. In campo religioso e quindi relazionale con Dio è inevitabile che lui debba sempre e comunque avere il primato rispetto a tutto il resto.

    Nel suo commento al Padre nostro, san Cipriano afferma: “Nulla assolutamente anteporre a Cristo, poiché neppure lui ha preferito qualcosa a noi” questo pensiero viene poi ripreso anche da san Benedetto nella sua regola. E da allora è stato ed è un faro che illumina e guida tutta la ricca esperienza del monachesimo.

    Il vangelo odierno sembra essere particolarmente esigente e quasi arrogante. Gesù vuole per sé la nostra attenzione e non ammette distrazioni. “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”. Ma come mai questa perentorietà? Certamente non è escludente tutte le necessità e le incombenze a cui la vita ci chiama. L’amore che siamo chiamati, vocazionalmente,  ad esprimere nei confronti di Dio non entra in conflitto col resto della nostra vita. Anzi, proprio nei solchi delle nostre giornate, del quotidiano, nelle cose semplici ed umili dobbiamo essere capace di amare facendo tutto con amore e dedizione. Dio è la sorgente e noi non possiamo fare a meno di dissetarci ad essa per imparare ad amare. Dall’amore verso di lui dipende tutto il resto della nostra vita.

    D’altra parte il primato a Dio non glielo consegniamo noi, gli appartiene per condizione e non è subordinato al nostro riconoscimento. E’ felice colui che lo accetta e si sforza di viverlo in pienezza. Difatti Dio non ferma a sé il nostro amore ma continuamente ci chiama ad amarci gli uni gli altri. Come una lampadina non si può accendere senza che la spina sia inserita in una presa di corrente, così noi non possiamo amare niente e nessuno se non siamo continuamente alimentati dall’amore di Dio, per questo necessita che il suo primato non sia mai insidiato ma resti ben saldo nel nostro cuore come certezza da vivere e come progettualità da programmare.




    Chiediamo a Dio nostro Padre di estendere all’umanità intera
    i frutti della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Per la gloria del tuo nome, ascoltaci, Signore.

    Per la santa Chiesa,
    perché in ogni sua parola e in ogni suo gesto
    faccia trasparire sempre più chiaramente il signore Gesù
    in cui crede e in cui spera, preghiamo. R.

    Per la città in cui viviamo,
    perchè il signore dia a tutti noi forza e immaginazione,
    per creare rapporti veramente umani
    in un mondo dominato dalla fretta e dall’ansia, preghiamo. R.

    Per le nostre famiglie,
    perché accrescano il senso di ospitalità e di comunione nell’amore
    e diventino luogo privilegiato di crescita nella speranza, preghiamo. R.

    Per le suore di clausura,
    che nella preghiera e nel lavoro edificano silenziosamente
    l’unità della Chiesa e la pace nel mondo,
    perché siano liete e perseveranti nell’offerta della loro vita, preghiamo. R.

    Per noi qui presenti,
    perché sappiamo interrogarci davanti a Dio e ai fratelli
    sui nostri limiti e le nostre contraddizioni,
    per fare della comunità eucaristica una vera famiglia, preghiamo. R.

    Padre, che hai posto il tuo Cristo
    come luce delle genti,
    fà che dall’oscurità dell’ora presente
    emergano i tratti di un mondo pacificato e giusto,
    e la tua Chiesa possa liberamente servire
    la causa del Vangelo e le speranze dei poveri.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    La divina Eucarestia, che abbiamo offerto e ricevuto, Signore, sia per noi principio di vita nuova, perché, uniti a te nell’amore, portiamo frutti che rimangano per sempre. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO