33.7 C
Roma
Mar, 27 Luglio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BXII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 20 giugno 2021

XII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 20 giugno 2021

Dio non è uno spedizioniere, ma sta a bordo con noi sulla barca della vita






    Dal Vangelo secondo Marco

    In quel giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.

    Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».

    Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».

    E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?»”.




    “Passiamo all’altra riva”. Che bella espressione gravida della presenza di Dio nella nostra vita. Lui continuamente si impasta con la nostra storia. Già lo aveva fatto nell’incarnazione, ma lo continua a fare in ogni istante. E questo è confortante. Sapere che Dio è un nostro alleato, sempre presente, sempre vigile, sempre compagno di viaggio. Ai suoi amici, sul far della sera, quando si deve trasferire, dopo aver congedato la folla, li esorta ad andare oltre. Non li invia, non li spedisce, cammina con loro, s’imbarca con loro. “Passiamo”. Andiamo insieme, io con voi, sulla stessa barca, viandante con voi. Viandante come voi. Viandante perché ci siete voi. Noi al centro del pensiero e dell’azione di Dio. Tanto da farlo incamminare con noi.

    Ma come si sa la navigazione non è sempre tranquilla e serena. Ci sono tempeste, inconvenienti. Il mare si increspa, si agita, le onde invadono la barca e la fanno vacillare, quasi affondare e, Gesù a poppa, comodamente assopito, è “sul cuscino”, a riposare. Subito lo sbigottimento dei discepoli li agita al punto da svegliarlo e rimproverarlo: “Maestro, non t’importa che siamo perduti?”.

    Quante volte nella navigazione della nostra esistenza sembra che siamo orfani di Dio, sembra che lui sia assente, che dorma addirittura? Non è così. Lui è nascosto nelle pieghe del nostro tempo, silente accompagna la nostra crescita. Dà sapore e intensità alle nostre emozioni, illumina le nostre scelte, accompagna le nostre fatiche, soccorre le nostre cadute. Non ci abbandona mai. Nulla della nostra vita è per lui un inedito, anzi, accompagnandoci ci precede pure, ci attende. Dio non è uno spedizioniere, sta a bordo con noi sulla barca della nostra vita. Basta accorgerci, fidarci. Addirittura lui è posizionato a poppa, la parte innanzi della barca, quella che se affonda è la prima che si inabissa, quasi a dire “io vi proteggo. Prima dovrei affondare io e poi, casomai voi”.

    Quando dubitiamo della presenza di Dio nella nostra vita non vuol dire che non abbiamo fede, se così fosse non ce ne importeremmo e non staremmo a porci delle domande sulla sua assenza. Ciò che è troppo forte è l’espressione dei discepoli:” Non t’importa che siamo perduti?”. “Pensano che Gesù si disinteressi di loro, che non si curi di loro…. È una frase che ferisce e scatena tempeste nel cuore. Avrà scosso anche Gesù” (Papa Francesco, Sagrato della Basilica di san Pietro, 27 marzo 2020). Svegliatosi, calma le acque, fa cessare il vento e torna la bonaccia non solo per il tempo placato ma anche per il cuore ristorato dei suoi amici. Ma poi li interroga: ”Perché avete paura? Non avete ancora fede?”.

    Così siamo noi, invochiamo Dio nel momento del rischio, del pericolo senza sapere che lui si prende sempre cura di noi. Quanto siamo deboli e fragili. Le tempeste del cuore le può placare e spegnere solo la certezza che Dio è padre, sempre, anche quando sembra che sia assente. Occorre “reimpostare la rotta della vita verso il Signore e verso gli altri”. Nel momento del pericolo Dio ci protegge, si prende cura di noi, è con noi sulla stessa barca e, da poppa, ci accompagna. Naviga con noi, lasciamo il timone a lui e non illudiamoci di essere noi a fare la rotta. Se la bussola della vita è Dio navighiamo sicuri anche tra le onde e le tempeste.




    La preghiera degli umili attraversa le nubi
    e giunge fino al trono di Dio.
    Pieni di fede invochiamo Dio, Padre giusto e misericordioso.

    R. Signore, difensore dei poveri, ascoltaci.

    Per il popolo santo di Dio,
    perché manifesti la fedeltà al messaggio evangelico
    nell’amore ai nemici e nella solidarietà verso tutti, preghiamo. R.

    Per i ministri del Vangelo,
    perché siano i primi uditori e testimoni della Parola
    che annunziano al popolo di Dio, preghiamo. R.

    Per i fidanzati,
    perché scoprano il valore umano e soprannaturale del loro amore
    per costruire la famiglia, prima cellula della società e della Chiesa, preghiamo. R.

    Per i coniugi separati,
    perché alla luce della parola di Dio, con l’aiuto e la comprensione dei fratelli,
    possano riscoprire il senso cristiano della vita
    e in ogni caso non disperdino della misericordia del Padre, preghiamo. R.

    Per noi qui riuniti in assemblea,
    perché la chiamata del Signore risuoni profondamente nel nostro spirito
    e ci guidi a una vera conversione, preghiamo. R.

    Signore Dio nostro, che gioisci delle tue creature
    e le sostieni con la forza del tuo Spirito,
    fà nascere per i poveri il pane della terra
    e la giustizia dalla generosità dei retti di cuore,
    perché gli umili riprendano coraggio
    e si manifesti la tua salvezza fra le genti.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Padre, che ci hai rinnovati con il santo Corpo e il prezioso Sangue del tuo Figlio, + fa’ che l’assidua celebrazione dei divini misteri * ci ottenga la pienezza della redenzione. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

In quel giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.

Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».

Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».

E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?»”.



“Passiamo all’altra riva”. Che bella espressione gravida della presenza di Dio nella nostra vita. Lui continuamente si impasta con la nostra storia. Già lo aveva fatto nell’incarnazione, ma lo continua a fare in ogni istante. E questo è confortante. Sapere che Dio è un nostro alleato, sempre presente, sempre vigile, sempre compagno di viaggio. Ai suoi amici, sul far della sera, quando si deve trasferire, dopo aver congedato la folla, li esorta ad andare oltre. Non li invia, non li spedisce, cammina con loro, s’imbarca con loro. “Passiamo”. Andiamo insieme, io con voi, sulla stessa barca, viandante con voi. Viandante come voi. Viandante perché ci siete voi. Noi al centro del pensiero e dell’azione di Dio. Tanto da farlo incamminare con noi.

Ma come si sa la navigazione non è sempre tranquilla e serena. Ci sono tempeste, inconvenienti. Il mare si increspa, si agita, le onde invadono la barca e la fanno vacillare, quasi affondare e, Gesù a poppa, comodamente assopito, è “sul cuscino”, a riposare. Subito lo sbigottimento dei discepoli li agita al punto da svegliarlo e rimproverarlo: “Maestro, non t’importa che siamo perduti?”.

Quante volte nella navigazione della nostra esistenza sembra che siamo orfani di Dio, sembra che lui sia assente, che dorma addirittura? Non è così. Lui è nascosto nelle pieghe del nostro tempo, silente accompagna la nostra crescita. Dà sapore e intensità alle nostre emozioni, illumina le nostre scelte, accompagna le nostre fatiche, soccorre le nostre cadute. Non ci abbandona mai. Nulla della nostra vita è per lui un inedito, anzi, accompagnandoci ci precede pure, ci attende. Dio non è uno spedizioniere, sta a bordo con noi sulla barca della nostra vita. Basta accorgerci, fidarci. Addirittura lui è posizionato a poppa, la parte innanzi della barca, quella che se affonda è la prima che si inabissa, quasi a dire “io vi proteggo. Prima dovrei affondare io e poi, casomai voi”.

Quando dubitiamo della presenza di Dio nella nostra vita non vuol dire che non abbiamo fede, se così fosse non ce ne importeremmo e non staremmo a porci delle domande sulla sua assenza. Ciò che è troppo forte è l’espressione dei discepoli:” Non t’importa che siamo perduti?”. “Pensano che Gesù si disinteressi di loro, che non si curi di loro…. È una frase che ferisce e scatena tempeste nel cuore. Avrà scosso anche Gesù” (Papa Francesco, Sagrato della Basilica di san Pietro, 27 marzo 2020). Svegliatosi, calma le acque, fa cessare il vento e torna la bonaccia non solo per il tempo placato ma anche per il cuore ristorato dei suoi amici. Ma poi li interroga: ”Perché avete paura? Non avete ancora fede?”.

Così siamo noi, invochiamo Dio nel momento del rischio, del pericolo senza sapere che lui si prende sempre cura di noi. Quanto siamo deboli e fragili. Le tempeste del cuore le può placare e spegnere solo la certezza che Dio è padre, sempre, anche quando sembra che sia assente. Occorre “reimpostare la rotta della vita verso il Signore e verso gli altri”. Nel momento del pericolo Dio ci protegge, si prende cura di noi, è con noi sulla stessa barca e, da poppa, ci accompagna. Naviga con noi, lasciamo il timone a lui e non illudiamoci di essere noi a fare la rotta. Se la bussola della vita è Dio navighiamo sicuri anche tra le onde e le tempeste.



La preghiera degli umili attraversa le nubi
e giunge fino al trono di Dio.
Pieni di fede invochiamo Dio, Padre giusto e misericordioso.

R. Signore, difensore dei poveri, ascoltaci.

Per il popolo santo di Dio,
perché manifesti la fedeltà al messaggio evangelico
nell’amore ai nemici e nella solidarietà verso tutti, preghiamo. R.

Per i ministri del Vangelo,
perché siano i primi uditori e testimoni della Parola
che annunziano al popolo di Dio, preghiamo. R.

Per i fidanzati,
perché scoprano il valore umano e soprannaturale del loro amore
per costruire la famiglia, prima cellula della società e della Chiesa, preghiamo. R.

Per i coniugi separati,
perché alla luce della parola di Dio, con l’aiuto e la comprensione dei fratelli,
possano riscoprire il senso cristiano della vita
e in ogni caso non disperdino della misericordia del Padre, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti in assemblea,
perché la chiamata del Signore risuoni profondamente nel nostro spirito
e ci guidi a una vera conversione, preghiamo. R.

Signore Dio nostro, che gioisci delle tue creature
e le sostieni con la forza del tuo Spirito,
fà nascere per i poveri il pane della terra
e la giustizia dalla generosità dei retti di cuore,
perché gli umili riprendano coraggio
e si manifesti la tua salvezza fra le genti.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Padre, che ci hai rinnovati con il santo Corpo e il prezioso Sangue del tuo Figlio, + fa’ che l’assidua celebrazione dei divini misteri * ci ottenga la pienezza della redenzione. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 20 giugno 2021

Dio non è uno spedizioniere, ma sta a bordo con noi sulla barca della vita



Dal Vangelo secondo Marco

In quel giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.

Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».

Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».

E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?»”.



“Passiamo all’altra riva”. Che bella espressione gravida della presenza di Dio nella nostra vita. Lui continuamente si impasta con la nostra storia. Già lo aveva fatto nell’incarnazione, ma lo continua a fare in ogni istante. E questo è confortante. Sapere che Dio è un nostro alleato, sempre presente, sempre vigile, sempre compagno di viaggio. Ai suoi amici, sul far della sera, quando si deve trasferire, dopo aver congedato la folla, li esorta ad andare oltre. Non li invia, non li spedisce, cammina con loro, s’imbarca con loro. “Passiamo”. Andiamo insieme, io con voi, sulla stessa barca, viandante con voi. Viandante come voi. Viandante perché ci siete voi. Noi al centro del pensiero e dell’azione di Dio. Tanto da farlo incamminare con noi.

Ma come si sa la navigazione non è sempre tranquilla e serena. Ci sono tempeste, inconvenienti. Il mare si increspa, si agita, le onde invadono la barca e la fanno vacillare, quasi affondare e, Gesù a poppa, comodamente assopito, è “sul cuscino”, a riposare. Subito lo sbigottimento dei discepoli li agita al punto da svegliarlo e rimproverarlo: “Maestro, non t’importa che siamo perduti?”.

Quante volte nella navigazione della nostra esistenza sembra che siamo orfani di Dio, sembra che lui sia assente, che dorma addirittura? Non è così. Lui è nascosto nelle pieghe del nostro tempo, silente accompagna la nostra crescita. Dà sapore e intensità alle nostre emozioni, illumina le nostre scelte, accompagna le nostre fatiche, soccorre le nostre cadute. Non ci abbandona mai. Nulla della nostra vita è per lui un inedito, anzi, accompagnandoci ci precede pure, ci attende. Dio non è uno spedizioniere, sta a bordo con noi sulla barca della nostra vita. Basta accorgerci, fidarci. Addirittura lui è posizionato a poppa, la parte innanzi della barca, quella che se affonda è la prima che si inabissa, quasi a dire “io vi proteggo. Prima dovrei affondare io e poi, casomai voi”.

Quando dubitiamo della presenza di Dio nella nostra vita non vuol dire che non abbiamo fede, se così fosse non ce ne importeremmo e non staremmo a porci delle domande sulla sua assenza. Ciò che è troppo forte è l’espressione dei discepoli:” Non t’importa che siamo perduti?”. “Pensano che Gesù si disinteressi di loro, che non si curi di loro…. È una frase che ferisce e scatena tempeste nel cuore. Avrà scosso anche Gesù” (Papa Francesco, Sagrato della Basilica di san Pietro, 27 marzo 2020). Svegliatosi, calma le acque, fa cessare il vento e torna la bonaccia non solo per il tempo placato ma anche per il cuore ristorato dei suoi amici. Ma poi li interroga: ”Perché avete paura? Non avete ancora fede?”.

Così siamo noi, invochiamo Dio nel momento del rischio, del pericolo senza sapere che lui si prende sempre cura di noi. Quanto siamo deboli e fragili. Le tempeste del cuore le può placare e spegnere solo la certezza che Dio è padre, sempre, anche quando sembra che sia assente. Occorre “reimpostare la rotta della vita verso il Signore e verso gli altri”. Nel momento del pericolo Dio ci protegge, si prende cura di noi, è con noi sulla stessa barca e, da poppa, ci accompagna. Naviga con noi, lasciamo il timone a lui e non illudiamoci di essere noi a fare la rotta. Se la bussola della vita è Dio navighiamo sicuri anche tra le onde e le tempeste.



La preghiera degli umili attraversa le nubi
e giunge fino al trono di Dio.
Pieni di fede invochiamo Dio, Padre giusto e misericordioso.

R. Signore, difensore dei poveri, ascoltaci.

Per il popolo santo di Dio,
perché manifesti la fedeltà al messaggio evangelico
nell’amore ai nemici e nella solidarietà verso tutti, preghiamo. R.

Per i ministri del Vangelo,
perché siano i primi uditori e testimoni della Parola
che annunziano al popolo di Dio, preghiamo. R.

Per i fidanzati,
perché scoprano il valore umano e soprannaturale del loro amore
per costruire la famiglia, prima cellula della società e della Chiesa, preghiamo. R.

Per i coniugi separati,
perché alla luce della parola di Dio, con l’aiuto e la comprensione dei fratelli,
possano riscoprire il senso cristiano della vita
e in ogni caso non disperdino della misericordia del Padre, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti in assemblea,
perché la chiamata del Signore risuoni profondamente nel nostro spirito
e ci guidi a una vera conversione, preghiamo. R.

Signore Dio nostro, che gioisci delle tue creature
e le sostieni con la forza del tuo Spirito,
fà nascere per i poveri il pane della terra
e la giustizia dalla generosità dei retti di cuore,
perché gli umili riprendano coraggio
e si manifesti la tua salvezza fra le genti.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Padre, che ci hai rinnovati con il santo Corpo e il prezioso Sangue del tuo Figlio, + fa’ che l’assidua celebrazione dei divini misteri * ci ottenga la pienezza della redenzione. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x