Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15.2 C
Roma
Ven, 15 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BXI Domenica Tempo Ordinario - Anno B - 13 giugno 2021

XI Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 13 giugno 2021

Grembi per generare la vita come il terreno lo è per il seme






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».

    Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».

    Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa”.




    Con tutto Dio germoglia. Con Dio è sempre primavera perché fa nuove tutte le cose. Come chi è ottimista e nel crepuscolo di una giornata ci vede già il nuovo giorno con l’alba che lo annuncia, così Dio in ogni nostro tramonto vede la rinascita. Il contadino che butta il seme in terra lo fa perché in esso ci vede, anzi spera, una spiga.

    È vero il contadino semina ma il seme sprigiona tutta la sua forza per attecchire, nascere, germogliare e svilupparsi. Possiede al suo interno una forza che è capace finanche di spaccare il cemento o l’asfalto. Gesù usa questo linguaggio immediato perché desidera che chi ascolta comprenda che in ognuno di noi c’è un seme. Ognuno di noi deve sprigionare la sua forza interiore donando le proprie peculiarità. Si, perché come esiste una varietà sterminata di semi così ognuno di noi è portatore di unicità e particolarità.

    Il seme seppellito, avvolto e accarezzato dalla terra trova il giusto ambiente per svilupparsi, per rivelare il suo contenuto e la sua forza. Noi accogliendo gli altri, donando ad essi il calore della vicinanza e del nostro affetto gli offriamo il terreno adatto per esprimersi per far esplodere i tesori che contiene. Ecco noi dobbiamo essere terra che accoglie, ospita e fa in modo che il seme germini. È proprio nello sposalizio tra il terreno ed il seme che nasce la vita nuova. Il terreno è il grembo da cui nasce quanto il seme contiene in sé stesso, come non si sa, ma accade. Quando il nostro relazionarci accogliendoci gli uni gli altri imita la disponibilità di un grembo, solo allora chiunque entrerà in contatto con noi si sentirà realizzato. Nascerà o rinascerà, comunque sarà portatore di vita e noi ne saremo stati i fautori. Anche noi generatori di vita, di esistenza.

    Anche chi si sente piccolo, minimo ha speranza di realizzarsi. Il seme di senape che è “il più piccolo dei semi che sono sul terreno”, una volta incamminato nel processo di nascita e sviluppo diventerà “più grande di tutte le piante dell’orto” facendo rami grandi da poter accogliere gli uccelli che troveranno rifugio per farvi i loro nidi. Dal seme il tronco, i rami, le foglie, i frutti. Dalle nostre intenzioni, dalla nostra interiorità, dal nostro cuore debbono nascere le fioriture della vita.

    Anche noi dobbiamo essere capaci come Gesù di vedere nei semi piccoli il loro sviluppo futuro ed investire su di loro. Gli ultimi, gli scartati, gli esclusi, gli emarginati sono anch’essi semi che forse non sanno d’essere capaci di germogli e di potenziale come il seme scelto e selezionato. Noi che dobbiamo essere terreno che diventa grembo generativo dobbiamo diventare accoglienti, dobbiamo donare la gioia di far scoprire le potenzialità assopite, arrugginite e sbiadite di chi, scoraggiato, si lascia ammuffire dal suo isolamento o dall’esclusione che patisce. Contadini dell’altrui gioia ecco a cosa ci chiama, tra le altre cose, il vangelo. A vedere la spiga nel chicco, il pane nella spiga, la fraternità nello spezzarlo per condividerlo. Anche questa è vita far nascere negli altri la fiducia in se stessi. 




    Rivolgiamo la nostra preghiera a Dio Padre,
    che ha riversato su di noi in Cristo le ricchezze della sua grazia.

    R. Dio, fonte di ogni bene, ascoltaci.

    Per la santa Chiesa,
    perché sia sempre più missionaria
    e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

    Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
    perché pieni di fede e di Spirito Santo
    consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
    per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

    Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
    perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
    e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

    Per tutti i credenti in Cristo,
    perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
    con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

    Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
    perché impariamo a perdonare per essere perdonati
    e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

    Padre misericordioso, che hai fatto del tuo Cristo
    il punto d’incontro fra tutti gli uomini,
    affretta l’unità della famiglia umana
    radunata sotto la signoria dell’unico Salvatore.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

    R. Amen.




    La partecipazione ai tuoi santi misteri, o Signore, + come prefigura la nostra unione in te, * così realizzi l’unità nella tua Chiesa. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».

Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».

Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa”.



Con tutto Dio germoglia. Con Dio è sempre primavera perché fa nuove tutte le cose. Come chi è ottimista e nel crepuscolo di una giornata ci vede già il nuovo giorno con l’alba che lo annuncia, così Dio in ogni nostro tramonto vede la rinascita. Il contadino che butta il seme in terra lo fa perché in esso ci vede, anzi spera, una spiga.

È vero il contadino semina ma il seme sprigiona tutta la sua forza per attecchire, nascere, germogliare e svilupparsi. Possiede al suo interno una forza che è capace finanche di spaccare il cemento o l’asfalto. Gesù usa questo linguaggio immediato perché desidera che chi ascolta comprenda che in ognuno di noi c’è un seme. Ognuno di noi deve sprigionare la sua forza interiore donando le proprie peculiarità. Si, perché come esiste una varietà sterminata di semi così ognuno di noi è portatore di unicità e particolarità.

Il seme seppellito, avvolto e accarezzato dalla terra trova il giusto ambiente per svilupparsi, per rivelare il suo contenuto e la sua forza. Noi accogliendo gli altri, donando ad essi il calore della vicinanza e del nostro affetto gli offriamo il terreno adatto per esprimersi per far esplodere i tesori che contiene. Ecco noi dobbiamo essere terra che accoglie, ospita e fa in modo che il seme germini. È proprio nello sposalizio tra il terreno ed il seme che nasce la vita nuova. Il terreno è il grembo da cui nasce quanto il seme contiene in sé stesso, come non si sa, ma accade. Quando il nostro relazionarci accogliendoci gli uni gli altri imita la disponibilità di un grembo, solo allora chiunque entrerà in contatto con noi si sentirà realizzato. Nascerà o rinascerà, comunque sarà portatore di vita e noi ne saremo stati i fautori. Anche noi generatori di vita, di esistenza.

Anche chi si sente piccolo, minimo ha speranza di realizzarsi. Il seme di senape che è “il più piccolo dei semi che sono sul terreno”, una volta incamminato nel processo di nascita e sviluppo diventerà “più grande di tutte le piante dell’orto” facendo rami grandi da poter accogliere gli uccelli che troveranno rifugio per farvi i loro nidi. Dal seme il tronco, i rami, le foglie, i frutti. Dalle nostre intenzioni, dalla nostra interiorità, dal nostro cuore debbono nascere le fioriture della vita.

Anche noi dobbiamo essere capaci come Gesù di vedere nei semi piccoli il loro sviluppo futuro ed investire su di loro. Gli ultimi, gli scartati, gli esclusi, gli emarginati sono anch’essi semi che forse non sanno d’essere capaci di germogli e di potenziale come il seme scelto e selezionato. Noi che dobbiamo essere terreno che diventa grembo generativo dobbiamo diventare accoglienti, dobbiamo donare la gioia di far scoprire le potenzialità assopite, arrugginite e sbiadite di chi, scoraggiato, si lascia ammuffire dal suo isolamento o dall’esclusione che patisce. Contadini dell’altrui gioia ecco a cosa ci chiama, tra le altre cose, il vangelo. A vedere la spiga nel chicco, il pane nella spiga, la fraternità nello spezzarlo per condividerlo. Anche questa è vita far nascere negli altri la fiducia in se stessi. 



Rivolgiamo la nostra preghiera a Dio Padre,
che ha riversato su di noi in Cristo le ricchezze della sua grazia.

R. Dio, fonte di ogni bene, ascoltaci.

Per la santa Chiesa,
perché sia sempre più missionaria
e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
perché pieni di fede e di Spirito Santo
consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

Per tutti i credenti in Cristo,
perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
perché impariamo a perdonare per essere perdonati
e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

Padre misericordioso, che hai fatto del tuo Cristo
il punto d’incontro fra tutti gli uomini,
affretta l’unità della famiglia umana
radunata sotto la signoria dell’unico Salvatore.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.



La partecipazione ai tuoi santi misteri, o Signore, + come prefigura la nostra unione in te, * così realizzi l’unità nella tua Chiesa. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XI Domenica Tempo Ordinario – Anno B – 13 giugno 2021

Grembi per generare la vita come il terreno lo è per il seme



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».

Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».

Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa”.



Con tutto Dio germoglia. Con Dio è sempre primavera perché fa nuove tutte le cose. Come chi è ottimista e nel crepuscolo di una giornata ci vede già il nuovo giorno con l’alba che lo annuncia, così Dio in ogni nostro tramonto vede la rinascita. Il contadino che butta il seme in terra lo fa perché in esso ci vede, anzi spera, una spiga.

È vero il contadino semina ma il seme sprigiona tutta la sua forza per attecchire, nascere, germogliare e svilupparsi. Possiede al suo interno una forza che è capace finanche di spaccare il cemento o l’asfalto. Gesù usa questo linguaggio immediato perché desidera che chi ascolta comprenda che in ognuno di noi c’è un seme. Ognuno di noi deve sprigionare la sua forza interiore donando le proprie peculiarità. Si, perché come esiste una varietà sterminata di semi così ognuno di noi è portatore di unicità e particolarità.

Il seme seppellito, avvolto e accarezzato dalla terra trova il giusto ambiente per svilupparsi, per rivelare il suo contenuto e la sua forza. Noi accogliendo gli altri, donando ad essi il calore della vicinanza e del nostro affetto gli offriamo il terreno adatto per esprimersi per far esplodere i tesori che contiene. Ecco noi dobbiamo essere terra che accoglie, ospita e fa in modo che il seme germini. È proprio nello sposalizio tra il terreno ed il seme che nasce la vita nuova. Il terreno è il grembo da cui nasce quanto il seme contiene in sé stesso, come non si sa, ma accade. Quando il nostro relazionarci accogliendoci gli uni gli altri imita la disponibilità di un grembo, solo allora chiunque entrerà in contatto con noi si sentirà realizzato. Nascerà o rinascerà, comunque sarà portatore di vita e noi ne saremo stati i fautori. Anche noi generatori di vita, di esistenza.

Anche chi si sente piccolo, minimo ha speranza di realizzarsi. Il seme di senape che è “il più piccolo dei semi che sono sul terreno”, una volta incamminato nel processo di nascita e sviluppo diventerà “più grande di tutte le piante dell’orto” facendo rami grandi da poter accogliere gli uccelli che troveranno rifugio per farvi i loro nidi. Dal seme il tronco, i rami, le foglie, i frutti. Dalle nostre intenzioni, dalla nostra interiorità, dal nostro cuore debbono nascere le fioriture della vita.

Anche noi dobbiamo essere capaci come Gesù di vedere nei semi piccoli il loro sviluppo futuro ed investire su di loro. Gli ultimi, gli scartati, gli esclusi, gli emarginati sono anch’essi semi che forse non sanno d’essere capaci di germogli e di potenziale come il seme scelto e selezionato. Noi che dobbiamo essere terreno che diventa grembo generativo dobbiamo diventare accoglienti, dobbiamo donare la gioia di far scoprire le potenzialità assopite, arrugginite e sbiadite di chi, scoraggiato, si lascia ammuffire dal suo isolamento o dall’esclusione che patisce. Contadini dell’altrui gioia ecco a cosa ci chiama, tra le altre cose, il vangelo. A vedere la spiga nel chicco, il pane nella spiga, la fraternità nello spezzarlo per condividerlo. Anche questa è vita far nascere negli altri la fiducia in se stessi. 



Rivolgiamo la nostra preghiera a Dio Padre,
che ha riversato su di noi in Cristo le ricchezze della sua grazia.

R. Dio, fonte di ogni bene, ascoltaci.

Per la santa Chiesa,
perché sia sempre più missionaria
e porti ai pagani del nostro tempo il Vangelo di salvezza, preghiamo. R.

Per i candidati al ministero diaconale e presbiterale,
perché pieni di fede e di Spirito Santo
consegnino la loro vita a Cristo buon pastore
per il bene del suo popolo, preghiamo. R.

Per quelli che si consacrano al servizio degli emarginati e degli esclusi,
perché il Signore dia loro lo spirito del buon samaritano
e la perseveranza dei veri servi del suo regno, preghiamo. R.

Per tutti i credenti in Cristo,
perché in ogni atteggiamento si aprano al dialogo fraterno
con le persone che incontrano nel loro cammino, preghiamo. R.

Per tutti noi che partecipiamo a questa Eucaristia,
perché impariamo a perdonare per essere perdonati
e per diventare costruttori di riconciliazione e di pace, preghiamo. R.

Padre misericordioso, che hai fatto del tuo Cristo
il punto d’incontro fra tutti gli uomini,
affretta l’unità della famiglia umana
radunata sotto la signoria dell’unico Salvatore.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.



La partecipazione ai tuoi santi misteri, o Signore, + come prefigura la nostra unione in te, * così realizzi l’unità nella tua Chiesa. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Wénin: Abramo

La morte, compagna della vita

Marconi: L’infanzia di Maria

Libri consigliati – Dicembre 2018

I settanta volti della Torah

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x