28.4 C
Rome
martedì, 18 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita Vincent Lambert, parla l’arcivescovo di Parigi: «Siamo diventati dei meri rifiuti?»

Vincent Lambert, parla l’arcivescovo di Parigi: «Siamo diventati dei meri rifiuti?»

Questa è la traduzione del comunicato diramato poco fa dalla curia arcivescovile della capitale francese.

- Advertisement -

Questa è la traduzione del comunicato diramato poco fa dalla curia arcivescovile della capitale francese: il presule, già medico, offre uno sguardo pastorale e medico sulla situazione clinica dell’uomo sedato a Reims… e su quella della nostra civiltà.

Se oggi mi permetto di prendere la parola riguardo a quello che sta accadendo al signor Vincent Lambert è perché il suo caso, così particolare, è emblematico della società nella quale vogliamo vivere.Anzitutto, il mio cuore di prete mi porta a pregare per lui, sottoposto a tante pressioni, e la cui vita non può che dipendere da decisioni fuori dal suo controllo. Già qualche anno fa aveva subito un arresto dell’alimentazione e dell’idratazione al quale era sopravvissuto in modo sbalorditivo. Quest’uomo di quarantadue anni, cerebroleso in seguito a un incidente automobilistico, è attualmente severamente handicappato, tetraplegico e degente in un letto al CHU di Reims. Il suo caso è assai vicino a quello di Michael Schumacher, che per un trauma cranico ha riportato gravi lesioni cerebrali, e anch’egli è in stato pauci-relazionale. Malgrado la celebrità del campione di Formula 1, i media non hanno messo le mani sul suo caso clinico ed egli può tuttora godere di cure specialistiche molto attente in un contesto privato. Nel caso specifico del signor Vincent Lambert, constatiamo che ha gli occhi aperti, che respira normalmente, che è stabile, tutto fuorché in fin di vita. Ha bisogno di un assistente e di un’infermiera che assicurino il nursing e il cambio di posizione, di un kinesiterapeuta per evitare le piaghe. La nutrizione e l’idratazione si fanno per gastrostomia o per sondino nasogastrico.

La decisione di interrompere le cure di comfort e di nutrizione di base in un paziente handicappato va contro la legge Léonetti. Nessuno ha fatto menzione del fatto che egli presenti sofferenze insopportabili che necessitino di una sedazione profonda, salvo evidentemente il caso in cui l’arresto dell’idratazione da parte dei medici comporti il crudele dolore della morte per sete. Non si tratta di “accanimento terapeutico”, poiché non parliamo di interventi curativi per una malattia incurabile, ma semplicemente di interventi corporali e nutrizionali di base, che sono dovuti anche a persone anziane degenti, emiplegiche, e ai neonati che non sono ancora autonomi.

Si citano fino alla nausea i paesi a minor coefficiente etico come il Belgio o i Paesi Bassi. È giocoforza constatare che in questi paesi si dà un’anestesia totale della coscienza. Sentiamo bambini parlare in modo naturale dell’eutanasia dei loro genitori, come se si trattasse di un’eventualità normale. Un membro del governo belga, seduto di fronte a me durante un incontro con il Presidente della Repubblica, era molto fiero del fatto che il suo Paese fosse “avanti”, come diceva. Perché non si citano mai i Paesi con un tasso etico più alto, come la Germania o l’Italia? C’è sempre da fare una scelta di civiltà molto chiara: o consideriamo gli esseri umani come dei robot funzionali che possono essere eliminati o mandati alla rottamazione quando non servono più a niente; o consideriamo che lo specifico dell’umanità si fonda non sull’utilità di una vita, ma sulla qualità delle relazioni tra le persone che rivelano l’amore. Non è questo che accade, quando una mamma si china in modo elettivo verso quello dei suoi figli che soffre o che è più fragile? È la scelta davanti alla quale ci troviamo. Cristo ci ha rivelato la sola maniera per crescere in umanità: «Amatevi gli uni gli altri come io vi ho amati». E ci ha dato l’unica maniera di esprimere questo amore: «Nessuno ha un amore più grande di chi dà la vita per quelli che ama».

Una volta di più, ci troviamo a confrontarci con una scelta decisiva: la civiltà dello scarto o la civiltà dell’amore.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Vincent Lambert, parla l’arcivescovo di Parigi: «Siamo diventati dei meri rifiuti?»

Questa è la traduzione del comunicato diramato poco fa dalla curia arcivescovile della capitale francese.

  

- Advertisement -

Questa è la traduzione del comunicato diramato poco fa dalla curia arcivescovile della capitale francese: il presule, già medico, offre uno sguardo pastorale e medico sulla situazione clinica dell’uomo sedato a Reims… e su quella della nostra civiltà.

Se oggi mi permetto di prendere la parola riguardo a quello che sta accadendo al signor Vincent Lambert è perché il suo caso, così particolare, è emblematico della società nella quale vogliamo vivere.Anzitutto, il mio cuore di prete mi porta a pregare per lui, sottoposto a tante pressioni, e la cui vita non può che dipendere da decisioni fuori dal suo controllo. Già qualche anno fa aveva subito un arresto dell’alimentazione e dell’idratazione al quale era sopravvissuto in modo sbalorditivo. Quest’uomo di quarantadue anni, cerebroleso in seguito a un incidente automobilistico, è attualmente severamente handicappato, tetraplegico e degente in un letto al CHU di Reims. Il suo caso è assai vicino a quello di Michael Schumacher, che per un trauma cranico ha riportato gravi lesioni cerebrali, e anch’egli è in stato pauci-relazionale. Malgrado la celebrità del campione di Formula 1, i media non hanno messo le mani sul suo caso clinico ed egli può tuttora godere di cure specialistiche molto attente in un contesto privato. Nel caso specifico del signor Vincent Lambert, constatiamo che ha gli occhi aperti, che respira normalmente, che è stabile, tutto fuorché in fin di vita. Ha bisogno di un assistente e di un’infermiera che assicurino il nursing e il cambio di posizione, di un kinesiterapeuta per evitare le piaghe. La nutrizione e l’idratazione si fanno per gastrostomia o per sondino nasogastrico.

La decisione di interrompere le cure di comfort e di nutrizione di base in un paziente handicappato va contro la legge Léonetti. Nessuno ha fatto menzione del fatto che egli presenti sofferenze insopportabili che necessitino di una sedazione profonda, salvo evidentemente il caso in cui l’arresto dell’idratazione da parte dei medici comporti il crudele dolore della morte per sete. Non si tratta di “accanimento terapeutico”, poiché non parliamo di interventi curativi per una malattia incurabile, ma semplicemente di interventi corporali e nutrizionali di base, che sono dovuti anche a persone anziane degenti, emiplegiche, e ai neonati che non sono ancora autonomi.

Si citano fino alla nausea i paesi a minor coefficiente etico come il Belgio o i Paesi Bassi. È giocoforza constatare che in questi paesi si dà un’anestesia totale della coscienza. Sentiamo bambini parlare in modo naturale dell’eutanasia dei loro genitori, come se si trattasse di un’eventualità normale. Un membro del governo belga, seduto di fronte a me durante un incontro con il Presidente della Repubblica, era molto fiero del fatto che il suo Paese fosse “avanti”, come diceva. Perché non si citano mai i Paesi con un tasso etico più alto, come la Germania o l’Italia? C’è sempre da fare una scelta di civiltà molto chiara: o consideriamo gli esseri umani come dei robot funzionali che possono essere eliminati o mandati alla rottamazione quando non servono più a niente; o consideriamo che lo specifico dell’umanità si fonda non sull’utilità di una vita, ma sulla qualità delle relazioni tra le persone che rivelano l’amore. Non è questo che accade, quando una mamma si china in modo elettivo verso quello dei suoi figli che soffre o che è più fragile? È la scelta davanti alla quale ci troviamo. Cristo ci ha rivelato la sola maniera per crescere in umanità: «Amatevi gli uni gli altri come io vi ho amati». E ci ha dato l’unica maniera di esprimere questo amore: «Nessuno ha un amore più grande di chi dà la vita per quelli che ama».

Una volta di più, ci troviamo a confrontarci con una scelta decisiva: la civiltà dello scarto o la civiltà dell’amore.

- Advertisement -

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
792FollowerSegui
13,000FollowerSegui
571FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO