14.6 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C VIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 3 marzo 2019

VIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 marzo 2019

L’esempio come insegnamento e guida






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutt’e due in una buca? Il discepolo non è da più del maestro; ma ognuno ben preparato sarà come il suo maestro. Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello. Non c’è albero buono che faccia frutti cattivi, né albero cattivo che faccia frutti buoni. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dalle spine, né si vendemmia uva da un rovo.  L’uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore»”.




    Il nipote del Mahatma Gandhi riporta un episodio prezioso della vita del grande pacifista e statista indiano. Un giorno si presenta da lui una mamma che aveva un bambino, che a suo dire, faceva uso spropositato di caramelle essendone eccessivamente goloso. Andò da lui riferendogli il fatto e chiedendo un intervento risolutivo nei confronti del figlio. Il Mahatma le disse di tornare dopo quindici giorni. Allo scadere del tempo indicato, la donna si reca nuovamente da lui e ascolta quanto ha da dirle. Rivolgendosi al bambino gli dice: “Per quindici giorni non devi mangiare caramelle”. La mamma, stupita dal fatto che secondo lei, gli avrebbe potuto chiedere la stessa cosa anche quindici giorni prima, lo fa notare a Gandhi, il quale le risponde: “ Vede signora, anch’io sono goloso di caramelle, ma prima di chiedere a suo figlio questo sacrificio, l’ho voluto fare prima io per mettermi alla prova”.

    L’importanza dell’esempio da dare come testimonianza è fondamentale soprattutto per chi crede, o peggio, presume di poter insegnare agli altri. Se uno è cieco come può indicare la strada ad un altro cieco? Se uno ha la vista impedita da una trave come potrà vedere la pagliuzza che è posta nell’occhio di un fratello? La famosa espressione di Paolo VI: “Il mondo crede più ai testimoni che ai maestri” è sempre attuale. Insegnare con lo stile della propria vita insaporita e impreziosita dalla coerenza è il modo migliore per far apparire in noi stessi la voglia di poter educare gli altri. Il cristianesimo si predica con le parole e con l’esempio. I gesti molte volte sono più eloquenti di tante belle parole, forse anche prive di senso, dette tanto per dirle. Chi ascolta se ne accorge se la sorgente da cui derivano le parole è un cuore coerente o in subbuglio e combattuto dal desiderio di apparire.

    Chi insegna con lo stile della sua vita ha più credibilità e riceve maggiore attenzione e disponibilità collaborativa. Soprattutto quando si deve correggere qualcuno lo si deve fare con la forza dell’esempio e non con la sapienza della dottrina o peggio con la superbia di chi vuole ergersi a maestro. Chi desidera indicare una strada la deve conosce re e praticare meglio e di più di coloro ai quali la propone. Nessuno degli insegnamenti di Gesù non sono stati prima da lui praticati e poi proposti come stili di vita. Lì dove Gesù ci indirizza lui ci sta già aspettando, ci precede, in tutto.

    Se ogni albero si riconosce dal suo frutto e se vediamo che il nostro è infruttifero occorre praticare l’innesto. La vera linfa vitale ce la dona lui il Maestro per eccellenza: Gesù. Da lui occorre imparare, alla sua scuola dobbiamo appartenere per scelta perché ha molto da insegnarci con la sua compagnia ed esemplarità. Allora saremo tutti portatori di frutti per il bene comune e per la sazietà di tutti.




    Essere cristiani significa non partire dalla morte, ma dall’amore di Dio per noi, che ha sconfitto la nostra acerrima nemica. Dio è più grande del nulla, e basta solo una candela accesa per vincere la più oscura delle notti. Paolo grida, riecheggiando i profeti: «Dov’è, o morte, la tua vittoria? Dov’è, o morte, il tuo pungiglione?» (v. 55). In questi giorni di Pasqua, portiamo questo grido nel cuore. E se ci diranno il perché del nostro sorriso donato e della nostra paziente condivisione, allora potremo rispondere che Gesù è ancora qui, che continua ad essere vivo fra noi, che Gesù è qui, in piazza, con noi: vivo e risorto.

    (Udienza Generale, 19 aprile 2017)




    Padre misericordioso, il pane eucaristico che ci fa tuoi commensali in questo mondo, ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

VIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 3 marzo 2019

L’esempio come insegnamento e guida






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutt’e due in una buca? Il discepolo non è da più del maestro; ma ognuno ben preparato sarà come il suo maestro. Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello. Non c’è albero buono che faccia frutti cattivi, né albero cattivo che faccia frutti buoni. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dalle spine, né si vendemmia uva da un rovo.  L’uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore»”.




    Il nipote del Mahatma Gandhi riporta un episodio prezioso della vita del grande pacifista e statista indiano. Un giorno si presenta da lui una mamma che aveva un bambino, che a suo dire, faceva uso spropositato di caramelle essendone eccessivamente goloso. Andò da lui riferendogli il fatto e chiedendo un intervento risolutivo nei confronti del figlio. Il Mahatma le disse di tornare dopo quindici giorni. Allo scadere del tempo indicato, la donna si reca nuovamente da lui e ascolta quanto ha da dirle. Rivolgendosi al bambino gli dice: “Per quindici giorni non devi mangiare caramelle”. La mamma, stupita dal fatto che secondo lei, gli avrebbe potuto chiedere la stessa cosa anche quindici giorni prima, lo fa notare a Gandhi, il quale le risponde: “ Vede signora, anch’io sono goloso di caramelle, ma prima di chiedere a suo figlio questo sacrificio, l’ho voluto fare prima io per mettermi alla prova”.

    L’importanza dell’esempio da dare come testimonianza è fondamentale soprattutto per chi crede, o peggio, presume di poter insegnare agli altri. Se uno è cieco come può indicare la strada ad un altro cieco? Se uno ha la vista impedita da una trave come potrà vedere la pagliuzza che è posta nell’occhio di un fratello? La famosa espressione di Paolo VI: “Il mondo crede più ai testimoni che ai maestri” è sempre attuale. Insegnare con lo stile della propria vita insaporita e impreziosita dalla coerenza è il modo migliore per far apparire in noi stessi la voglia di poter educare gli altri. Il cristianesimo si predica con le parole e con l’esempio. I gesti molte volte sono più eloquenti di tante belle parole, forse anche prive di senso, dette tanto per dirle. Chi ascolta se ne accorge se la sorgente da cui derivano le parole è un cuore coerente o in subbuglio e combattuto dal desiderio di apparire.

    Chi insegna con lo stile della sua vita ha più credibilità e riceve maggiore attenzione e disponibilità collaborativa. Soprattutto quando si deve correggere qualcuno lo si deve fare con la forza dell’esempio e non con la sapienza della dottrina o peggio con la superbia di chi vuole ergersi a maestro. Chi desidera indicare una strada la deve conosce re e praticare meglio e di più di coloro ai quali la propone. Nessuno degli insegnamenti di Gesù non sono stati prima da lui praticati e poi proposti come stili di vita. Lì dove Gesù ci indirizza lui ci sta già aspettando, ci precede, in tutto.

    Se ogni albero si riconosce dal suo frutto e se vediamo che il nostro è infruttifero occorre praticare l’innesto. La vera linfa vitale ce la dona lui il Maestro per eccellenza: Gesù. Da lui occorre imparare, alla sua scuola dobbiamo appartenere per scelta perché ha molto da insegnarci con la sua compagnia ed esemplarità. Allora saremo tutti portatori di frutti per il bene comune e per la sazietà di tutti.




    Essere cristiani significa non partire dalla morte, ma dall’amore di Dio per noi, che ha sconfitto la nostra acerrima nemica. Dio è più grande del nulla, e basta solo una candela accesa per vincere la più oscura delle notti. Paolo grida, riecheggiando i profeti: «Dov’è, o morte, la tua vittoria? Dov’è, o morte, il tuo pungiglione?» (v. 55). In questi giorni di Pasqua, portiamo questo grido nel cuore. E se ci diranno il perché del nostro sorriso donato e della nostra paziente condivisione, allora potremo rispondere che Gesù è ancora qui, che continua ad essere vivo fra noi, che Gesù è qui, in piazza, con noi: vivo e risorto.

    (Udienza Generale, 19 aprile 2017)




    Padre misericordioso, il pane eucaristico che ci fa tuoi commensali in questo mondo, ci ottenga la perfetta comunione con te nella vita eterna. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Lo scandalo della tenerezza

La ricerca storica su Gesù

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Desiderio e sequela

La speranza di Giobbe

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO