14.6 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A VII Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 23 febbraio 2019

VII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 23 febbraio 2019

Occhio per occhio…..e il mondo diventa cieco






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
    Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste»”. 




    Se ci si ispirasse all’antico detto dell’occhio per occhio, dice il Mahatma Gandhi, il mondo diventerebbe cieco. Non possiamo soggiacere ad una logica rigorista, che ripaga allo stesso modo o rincarando la dose. Occorre liberare e spezzare la spirale dell’egoismo, dell’individualismo col perdono, la tolleranza, la comprensione, la gratuità, l’amore al prossimo spinto alle estreme conseguenze che significa amare anche il nemico. A chi ci fa del male dobbiamo ricambiare con la preghiera. Questo è lo “scandalo” del cristianesimo. Amare a fondo perduto, senza desiderare nulla in cambio, con libertà, accettando anche che l’altro ci rifiuti, ci disprezzi o, addirittura, ci ignori. Il cristiano è chiamato a scandalizzare ad essere contro corrente, ad imitare Dio che ci ama soprattutto quando ci allontaniamo da lui e lo rifiutiamo. Allora egli si mette in cerca della pecora perduta; allora ci attende, scrutando l’orizzonte, per correrci incontro ed abbracciarci.

    Non si può essere guidati dalla vecchia logica vendicativa e repressiva. La novità portata fa Gesù: “avete inteso…ma io vi dico” ci spinge a percorsi nuove e sfide di eroismo. Il cielo di Dio si apre su tutti: buoni e cattivi. Non occorre meritare la pioggia che disseta il terreno essa, quando cade, benefica tutti, senza distinzioni. Amare “quanto Dio” sarebbe impossibile e quindi improponibile, difatti ci è chiesto di amare “come Dio”. Non siamo chiamati a calpestare il terreno della quantità, ma della qualità. Nel primo affonderemmo sempre come nelle sabbie mobili, nel secondo abbiamo la possibilità di essere come Dio, più simili a lui che dell’amore conosce le vertigini in quanto ci ama sommamente. In Dio c’è l’Everest dell’amore. Amando i nemici poniamo noi stessi alle pendici di questa grande montagna per scalarla e giungere fin dove la nostra generosità ce lo permette.

    Come Dio fa sorgere il sole sui buoni e sui cattivi così noi dobbiamo portare luce-amore a chi è avvolto nelle tenebre-odio. Amare, amare, amare è l’imperativo categorico del cristiano, ma non nasce da un decreto bensì da  una necessità profonda del cuore. Amare è un’esigenza d’amore!




    La bontà del Padre, mediante il Battesimo,
    ci ha inseriti nel grande disegno della salvezza.
    Supplichiamo il Signore, perché ci aiuti a leggere gli eventi quotidiani
    alla luce della sua provvidenza.

    R. Sia glorificato il tuo nome, Signore.

    Per il popolo santo di Dio,
    perché sia per tutta l’umanità primizia della redenzione,
    germe fecondo di unità e di speranza, preghiamo. R.

    Per i pastori della Chiesa,
    perché sappiano raccogliere intorno al Signore l’intera famiglia di Dio
    e la servano umilmente con la parola e con l’esempio, preghiamo. R.

    Per i responsabili delle nazioni e degli organismi internazionali,
    perché cerchino con coscienza retta ciò che giova al progresso
    e non si lascino corrompere dalla seduzione del denaro e del potere, preghiamo. R.

    Per quanti si adoperano ad alleviare le sofferenze umane,
    perché sappiano riconoscere il Cristo
    presente nel più piccolo dei fratelli, preghiamo. R.

    Per noi qui riuniti intorno all’altare,
    perché diventiamo costruttori del regno di Dio in ogni stato di vita,
    secondo i doni ricevuti, preghiamo R.

    La tua sapienza, o Padre,
    ci aiuti a camminare nelle tue vie,
    perché nelle vicende del mondo
    siamo sempre rivolti alla speranza
    che splende in Cristo Signore.
    Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

    R. Amen.




    Il pane che ci hai donato, o Dio, in questo sacramento di salvezza, sia per tutti noi pegno sicuro di vita eterna. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste»”. 



Se ci si ispirasse all’antico detto dell’occhio per occhio, dice il Mahatma Gandhi, il mondo diventerebbe cieco. Non possiamo soggiacere ad una logica rigorista, che ripaga allo stesso modo o rincarando la dose. Occorre liberare e spezzare la spirale dell’egoismo, dell’individualismo col perdono, la tolleranza, la comprensione, la gratuità, l’amore al prossimo spinto alle estreme conseguenze che significa amare anche il nemico. A chi ci fa del male dobbiamo ricambiare con la preghiera. Questo è lo “scandalo” del cristianesimo. Amare a fondo perduto, senza desiderare nulla in cambio, con libertà, accettando anche che l’altro ci rifiuti, ci disprezzi o, addirittura, ci ignori. Il cristiano è chiamato a scandalizzare ad essere contro corrente, ad imitare Dio che ci ama soprattutto quando ci allontaniamo da lui e lo rifiutiamo. Allora egli si mette in cerca della pecora perduta; allora ci attende, scrutando l’orizzonte, per correrci incontro ed abbracciarci.

Non si può essere guidati dalla vecchia logica vendicativa e repressiva. La novità portata fa Gesù: “avete inteso…ma io vi dico” ci spinge a percorsi nuove e sfide di eroismo. Il cielo di Dio si apre su tutti: buoni e cattivi. Non occorre meritare la pioggia che disseta il terreno essa, quando cade, benefica tutti, senza distinzioni. Amare “quanto Dio” sarebbe impossibile e quindi improponibile, difatti ci è chiesto di amare “come Dio”. Non siamo chiamati a calpestare il terreno della quantità, ma della qualità. Nel primo affonderemmo sempre come nelle sabbie mobili, nel secondo abbiamo la possibilità di essere come Dio, più simili a lui che dell’amore conosce le vertigini in quanto ci ama sommamente. In Dio c’è l’Everest dell’amore. Amando i nemici poniamo noi stessi alle pendici di questa grande montagna per scalarla e giungere fin dove la nostra generosità ce lo permette.

Come Dio fa sorgere il sole sui buoni e sui cattivi così noi dobbiamo portare luce-amore a chi è avvolto nelle tenebre-odio. Amare, amare, amare è l’imperativo categorico del cristiano, ma non nasce da un decreto bensì da  una necessità profonda del cuore. Amare è un’esigenza d’amore!



La bontà del Padre, mediante il Battesimo,
ci ha inseriti nel grande disegno della salvezza.
Supplichiamo il Signore, perché ci aiuti a leggere gli eventi quotidiani
alla luce della sua provvidenza.

R. Sia glorificato il tuo nome, Signore.

Per il popolo santo di Dio,
perché sia per tutta l’umanità primizia della redenzione,
germe fecondo di unità e di speranza, preghiamo. R.

Per i pastori della Chiesa,
perché sappiano raccogliere intorno al Signore l’intera famiglia di Dio
e la servano umilmente con la parola e con l’esempio, preghiamo. R.

Per i responsabili delle nazioni e degli organismi internazionali,
perché cerchino con coscienza retta ciò che giova al progresso
e non si lascino corrompere dalla seduzione del denaro e del potere, preghiamo. R.

Per quanti si adoperano ad alleviare le sofferenze umane,
perché sappiano riconoscere il Cristo
presente nel più piccolo dei fratelli, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti intorno all’altare,
perché diventiamo costruttori del regno di Dio in ogni stato di vita,
secondo i doni ricevuti, preghiamo R.

La tua sapienza, o Padre,
ci aiuti a camminare nelle tue vie,
perché nelle vicende del mondo
siamo sempre rivolti alla speranza
che splende in Cristo Signore.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.



Il pane che ci hai donato, o Dio, in questo sacramento di salvezza, sia per tutti noi pegno sicuro di vita eterna. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

VII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A – 23 febbraio 2019

Occhio per occhio…..e il mondo diventa cieco



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste»”. 



Se ci si ispirasse all’antico detto dell’occhio per occhio, dice il Mahatma Gandhi, il mondo diventerebbe cieco. Non possiamo soggiacere ad una logica rigorista, che ripaga allo stesso modo o rincarando la dose. Occorre liberare e spezzare la spirale dell’egoismo, dell’individualismo col perdono, la tolleranza, la comprensione, la gratuità, l’amore al prossimo spinto alle estreme conseguenze che significa amare anche il nemico. A chi ci fa del male dobbiamo ricambiare con la preghiera. Questo è lo “scandalo” del cristianesimo. Amare a fondo perduto, senza desiderare nulla in cambio, con libertà, accettando anche che l’altro ci rifiuti, ci disprezzi o, addirittura, ci ignori. Il cristiano è chiamato a scandalizzare ad essere contro corrente, ad imitare Dio che ci ama soprattutto quando ci allontaniamo da lui e lo rifiutiamo. Allora egli si mette in cerca della pecora perduta; allora ci attende, scrutando l’orizzonte, per correrci incontro ed abbracciarci.

Non si può essere guidati dalla vecchia logica vendicativa e repressiva. La novità portata fa Gesù: “avete inteso…ma io vi dico” ci spinge a percorsi nuove e sfide di eroismo. Il cielo di Dio si apre su tutti: buoni e cattivi. Non occorre meritare la pioggia che disseta il terreno essa, quando cade, benefica tutti, senza distinzioni. Amare “quanto Dio” sarebbe impossibile e quindi improponibile, difatti ci è chiesto di amare “come Dio”. Non siamo chiamati a calpestare il terreno della quantità, ma della qualità. Nel primo affonderemmo sempre come nelle sabbie mobili, nel secondo abbiamo la possibilità di essere come Dio, più simili a lui che dell’amore conosce le vertigini in quanto ci ama sommamente. In Dio c’è l’Everest dell’amore. Amando i nemici poniamo noi stessi alle pendici di questa grande montagna per scalarla e giungere fin dove la nostra generosità ce lo permette.

Come Dio fa sorgere il sole sui buoni e sui cattivi così noi dobbiamo portare luce-amore a chi è avvolto nelle tenebre-odio. Amare, amare, amare è l’imperativo categorico del cristiano, ma non nasce da un decreto bensì da  una necessità profonda del cuore. Amare è un’esigenza d’amore!



La bontà del Padre, mediante il Battesimo,
ci ha inseriti nel grande disegno della salvezza.
Supplichiamo il Signore, perché ci aiuti a leggere gli eventi quotidiani
alla luce della sua provvidenza.

R. Sia glorificato il tuo nome, Signore.

Per il popolo santo di Dio,
perché sia per tutta l’umanità primizia della redenzione,
germe fecondo di unità e di speranza, preghiamo. R.

Per i pastori della Chiesa,
perché sappiano raccogliere intorno al Signore l’intera famiglia di Dio
e la servano umilmente con la parola e con l’esempio, preghiamo. R.

Per i responsabili delle nazioni e degli organismi internazionali,
perché cerchino con coscienza retta ciò che giova al progresso
e non si lascino corrompere dalla seduzione del denaro e del potere, preghiamo. R.

Per quanti si adoperano ad alleviare le sofferenze umane,
perché sappiano riconoscere il Cristo
presente nel più piccolo dei fratelli, preghiamo. R.

Per noi qui riuniti intorno all’altare,
perché diventiamo costruttori del regno di Dio in ogni stato di vita,
secondo i doni ricevuti, preghiamo R.

La tua sapienza, o Padre,
ci aiuti a camminare nelle tue vie,
perché nelle vicende del mondo
siamo sempre rivolti alla speranza
che splende in Cristo Signore.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

R. Amen.



Il pane che ci hai donato, o Dio, in questo sacramento di salvezza, sia per tutti noi pegno sicuro di vita eterna. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
630FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Fusco: La gioia dell’ascolto

Scelte di vita e vocazione

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO