13.7 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C VII Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 24 febbraio 2018

VII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 24 febbraio 2018

Amare senza mittente, senza ricevuta di ritorno.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «A voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Dà a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo. Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro.

    Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. 

    Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo; perché egli è benevolo verso gl’ingrati e i malvagi.  Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro.

    Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio»”.




    L’arrendevolezza a cui Gesù, fortemente, richiama con questi insegnamenti non è una sconfitta. Non significa soccombere ad una mentalità dispotica ed egemone, ma una lezione di umiltà con l’intento del recupero degli altri. Per non essere succubi dell’intolleranza altrui, non subire passivamente le ingerenze, gli sgarbi, non occorre combattere con lo stesse armi ma mettere in atto quelle contrarie. “Il fuoco non si spegne col fuoco e l’acqua non si asciuga con l’acqua”; “il male si vince col bene”. Per spezzare le catene dell’odio, della violenza non occorre altro odio e altra violenza ma il contrario, quindi l’amore. L’odio è disarmato dall’amore e la vendetta dal perdono.

    Amare quelli che ci amano non procura successo né note di merito, ma significa, semplicemente, corrispondere, in modo adeguato, a quanto si è già ricevuto. Gesù insegna che è necessario per amare davvero, farlo nei confronti di chi non solo non merita ma addirittura demerita, allora è vero, sincero e distillato amore, cioè gratuità. Non basta compiere ciò che ci è chiesto come favore, ma occorre metterci del nostro gratuitamente. ”A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Dà a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo”.

    Gesù che non chiede solo, ma insegna anche la via e il modo per interpretare al meglio ciò che vuole, dà anche un consiglio pratico e sbrigativo, ma al contempo serio: “Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro”. Proporsi agli altri con i medesimi sentimenti che vorremmo per noi, dare agli altri nella misura con cui desidereremmo ricevere è un ottimo modo d’approcciarsi. Occorre imparare ad amare senza mittente, senza ricevuta di ritorno. Nel senso che chi riceve non deve sapere la provenienza e non deve essere nostra premura fargliela conoscere per non obbligarlo ad una risposta ad una corresponsione. Non dobbiamo esigere la ricevuta di ritorno come contropartita per il bene fatto. Così fanno tutti, perfino i peccatori e il buon cristiano da essi si deve discostare per non imitarli.

    L’amore insegnato da Gesù diventa poi, per i più arditi, una sfida, una profezia, un o sballo: amare i propri nemici. Questa è la cartina al tornasole per l’individuazione del cristiano doc, del cristiano capace di amare come colui che ce l’insegna dalla cattedra permanente della croce, segno dell’onnipotenza di Dio perché capace di umiliarsi, diventare ultimo per amore di tutti senza l’esclusione di alcuno. Amare gratuitamente e preventivamente senza che ci siano meriti o punti da vantare per pretendere un amore insperato e immeritato. 




    Pregare per quelli che vogliono distruggermi, i nemici, perché Dio li benedica: questo è veramente difficile da capire. Ma quanta distanza, un’infinita distanza fra noi che tante volte non perdoniamo piccole cosine, e questo che ci chiede il Signore e di cui ci ha dato esempio: perdonare coloro che cercano di distruggerci. Nelle famiglie è tanto difficile, a volte, perdonarsi i coniugi dopo qualche disputa, o perdonare la suocera, anche: non è facile. Il figlio, chiedere il perdono al papà, è difficile. Ma perdonare coloro che ti stanno ammazzando, che vogliono farti fuori … Non solo perdonare: pregare per loro, perché Dio li custodisca! Di più: amarli. Soltanto la parola di Gesù può spiegare questo. Io non riesco ad andare oltre. Ci farà bene, oggi, pensare a un nemico – credo che tutti noi ne abbiamo qualcuno – uno che ci ha fatto del male o che ci vuole fare del male o che cerca di fare del male: a questo. La preghiera mafiosa è: “Me la pagherai”. La preghiera cristiana è: “Signore, dagli la tua benedizione e insegnami ad amarlo”. Pensiamo ad uno: tutti noi ne abbiamo. Pensiamo a lui. Preghiamo per lui. Chiediamo al Signore di darci la grazia di amarlo.

    (Santa Marta, 19 giugno 2018)




    Dio della libertà e della pace, che nel perdono dei peccati ci doni il segno della creazione nuova, fa’ che tutta la nostra vita riconciliata nel tuo amore diventi lode e annunzio della tua misericordia. Per il nostro Signore Gesù Cristo…



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

VII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 24 febbraio 2018

Amare senza mittente, senza ricevuta di ritorno.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «A voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Dà a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo. Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro.

    Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. 

    Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo; perché egli è benevolo verso gl’ingrati e i malvagi.  Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro.

    Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio»”.




    L’arrendevolezza a cui Gesù, fortemente, richiama con questi insegnamenti non è una sconfitta. Non significa soccombere ad una mentalità dispotica ed egemone, ma una lezione di umiltà con l’intento del recupero degli altri. Per non essere succubi dell’intolleranza altrui, non subire passivamente le ingerenze, gli sgarbi, non occorre combattere con lo stesse armi ma mettere in atto quelle contrarie. “Il fuoco non si spegne col fuoco e l’acqua non si asciuga con l’acqua”; “il male si vince col bene”. Per spezzare le catene dell’odio, della violenza non occorre altro odio e altra violenza ma il contrario, quindi l’amore. L’odio è disarmato dall’amore e la vendetta dal perdono.

    Amare quelli che ci amano non procura successo né note di merito, ma significa, semplicemente, corrispondere, in modo adeguato, a quanto si è già ricevuto. Gesù insegna che è necessario per amare davvero, farlo nei confronti di chi non solo non merita ma addirittura demerita, allora è vero, sincero e distillato amore, cioè gratuità. Non basta compiere ciò che ci è chiesto come favore, ma occorre metterci del nostro gratuitamente. ”A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Dà a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo”.

    Gesù che non chiede solo, ma insegna anche la via e il modo per interpretare al meglio ciò che vuole, dà anche un consiglio pratico e sbrigativo, ma al contempo serio: “Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro”. Proporsi agli altri con i medesimi sentimenti che vorremmo per noi, dare agli altri nella misura con cui desidereremmo ricevere è un ottimo modo d’approcciarsi. Occorre imparare ad amare senza mittente, senza ricevuta di ritorno. Nel senso che chi riceve non deve sapere la provenienza e non deve essere nostra premura fargliela conoscere per non obbligarlo ad una risposta ad una corresponsione. Non dobbiamo esigere la ricevuta di ritorno come contropartita per il bene fatto. Così fanno tutti, perfino i peccatori e il buon cristiano da essi si deve discostare per non imitarli.

    L’amore insegnato da Gesù diventa poi, per i più arditi, una sfida, una profezia, un o sballo: amare i propri nemici. Questa è la cartina al tornasole per l’individuazione del cristiano doc, del cristiano capace di amare come colui che ce l’insegna dalla cattedra permanente della croce, segno dell’onnipotenza di Dio perché capace di umiliarsi, diventare ultimo per amore di tutti senza l’esclusione di alcuno. Amare gratuitamente e preventivamente senza che ci siano meriti o punti da vantare per pretendere un amore insperato e immeritato. 




    Pregare per quelli che vogliono distruggermi, i nemici, perché Dio li benedica: questo è veramente difficile da capire. Ma quanta distanza, un’infinita distanza fra noi che tante volte non perdoniamo piccole cosine, e questo che ci chiede il Signore e di cui ci ha dato esempio: perdonare coloro che cercano di distruggerci. Nelle famiglie è tanto difficile, a volte, perdonarsi i coniugi dopo qualche disputa, o perdonare la suocera, anche: non è facile. Il figlio, chiedere il perdono al papà, è difficile. Ma perdonare coloro che ti stanno ammazzando, che vogliono farti fuori … Non solo perdonare: pregare per loro, perché Dio li custodisca! Di più: amarli. Soltanto la parola di Gesù può spiegare questo. Io non riesco ad andare oltre. Ci farà bene, oggi, pensare a un nemico – credo che tutti noi ne abbiamo qualcuno – uno che ci ha fatto del male o che ci vuole fare del male o che cerca di fare del male: a questo. La preghiera mafiosa è: “Me la pagherai”. La preghiera cristiana è: “Signore, dagli la tua benedizione e insegnami ad amarlo”. Pensiamo ad uno: tutti noi ne abbiamo. Pensiamo a lui. Preghiamo per lui. Chiediamo al Signore di darci la grazia di amarlo.

    (Santa Marta, 19 giugno 2018)




    Dio della libertà e della pace, che nel perdono dei peccati ci doni il segno della creazione nuova, fa’ che tutta la nostra vita riconciliata nel tuo amore diventi lode e annunzio della tua misericordia. Per il nostro Signore Gesù Cristo…



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Un solo Libro, due eredi

Scelte di vita e vocazione

Desiderio e sequela

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO