25.2 C
Rome
mercoledì, 18 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Come viene stabilita la data della Pasqua?

Come viene stabilita la data della Pasqua?

- Advertisement -

Che cada in date diverse ogni anno lo sanno tutti, ma il perché è meno noto. E soprattutto come si sia arrivati a questa modalità di celebrare la resurrezione di Gesù. Risponde don Alessandro Biancalani, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale.

Mi sono sempre chiesto perché la data della Pasqua cambia ogni anno. In base a che cosa viene stabilita? E quando è stato deciso il criterio con cui fissare la celebrazione?

Mario Capretti

La vita dell’attuale calendario è sorta attorno alla ricerca della data per celebrare la Pasqua cristiana. Saranno i vescovi convocati dall’imperatore Costantino a Nicea nel 325 d.C. a prendere la prima posizione ufficiale scegliendo fra le due datazioni, romana e asiatica, a favore della tradizione romana. La Pasqua doveva essere celebrata sempre nella prima domenica successiva alla prima luna piena che segue l’equinozio di primavera. Il calendario Giuliano non era perfetto e proprio in quegli anni l’equinozio fu spostato dal 25 al 21 marzo. Oggi è sempre il 21 marzo nel cambiamento dal calendario Giuliano a quello di Papa Gregorio XIII nel 1582.

Il rapporto fra festa di Pasqua e calendario è così naturale, la celebrazione della Resurrezione di Cristo ha sempre avuto la sua centralità ed il Concilio di Nicea voleva che tutte le chiese celebrassero nello stesso giorno il Mistero Pasquale di Cristo Crocifisso e Risorto. Si risolveva così la spinosa differenza fra la prassi pasquale romana che celebrava la Pasqua la domenica e quella orientale detta quattordecimana che la celebrava il 14 di Nisan qualunque fosse il giorno della settimana, secondo il calendario in uso ancora oggi presso gli ebrei.

La Chiesa incaricata per la datazione fu quella di Alessandria di Egitto che attraverso le «Litterae festale» comunicava per tempo la data di Pasqua. Qui si scopre l’uso ancora in liturgia di dare per l’Epifania la comunicazione della data di Pasqua nella quale i catecumeni avrebbero ricevuto il battesimo.

Il desiderio del Concilio di Nicea non è, però, stato raggiunto.  La decisione di Papa Gregorio nella riforma del calendario non fu accolta dalla Ortodossia, per un massiccio intervento ottomano, all’interno dell’ortodossia stessa. Si sono così avute altre fratture, Costantinopoli, la Grecia, la Romania assunsero per la Pasqua il calendario Giuliano e per il resto dell’anno il calendario gregoriano. Inoltre gruppi di ortodossi si separarono fra loro, i così detti vecchio-calendaristi e questo rende pastoralmente difficile anche oggi raggiungere un accordo comune.

Il Concilio Ecumenico Vaticano II propose di stabilire una domenica fissa in cui celebrare la Pasqua («Sacrosanctum concilium, Appendix») ma solo le Chiese della Riforma si dimostrarono favorevoli, l’Oriente preferì rimanere fedele alla linea di Nicea. La Chiesa Cattolica propose e propone di accordarsi nelle varie regioni e Chiese per celebrare comunque assieme nella stessa domenica (cfr. s. Giovanni Paolo II, Orientalium Ecclesiarum, n. 20). Così alcune Chiese Cattoliche in paesi a maggioranza Ortodossi si sono adattate al loro calendario, tipo Grecia, Etiopia, Egitto.

Ma cosa c’era dietro la diatriba della scelta della datazione della santa Pasqua? La primitiva tradizione vede nella vicenda «passione» il contenuto principale della Pasqua. Cristo è il «vero Agnello» immolato, questa tematica produceva due diverse tradizioni e datazioni. Roma privilegiava l’Agnello in quanto figura dell’Immolato ma vivente e celebrava in domenica la sua resurrezione. San Ireneo, che ci informa della diatriba, e celebrava come a Roma in domenica afferma: «Il nome di questo mistero è passione, causa di liberazione». 

Invece le Chiese di tradizione Giovannea (area efesina) celebravano, in tono più giudaico, l’Agnello nel segno della immolazione e celebravano la Pasqua il 14 di Nisan assieme agli ebrei, in qualunque giorno della settimana cadesse. Melitone di Sardi (tradizione quattordecimana) sottolinea: «il Signore che avendo sofferto per colui che soffriva, è risuscitato dai morti e ha portato l’uomo con sé nelle altezze dei cieli», è il Cristo che viene proclamato e celebrato «Pasqua della nostra salvezza». Immolazione e resurrezione coincidono nell’evento della Croce come nel Vangelo di Giovanni, che sappiamo essere scritto nell’area della città di Efeso. Entrambe le tradizioni avevano in comune la lettura cristologica della passione sempre unita alla resurrezione che gli studiosi definiscono come: «Pascha ex passione».

Alessandro Biancalani

 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Come viene stabilita la data della Pasqua?

  

- Advertisement -

Che cada in date diverse ogni anno lo sanno tutti, ma il perché è meno noto. E soprattutto come si sia arrivati a questa modalità di celebrare la resurrezione di Gesù. Risponde don Alessandro Biancalani, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale.

Mi sono sempre chiesto perché la data della Pasqua cambia ogni anno. In base a che cosa viene stabilita? E quando è stato deciso il criterio con cui fissare la celebrazione?

Mario Capretti

La vita dell’attuale calendario è sorta attorno alla ricerca della data per celebrare la Pasqua cristiana. Saranno i vescovi convocati dall’imperatore Costantino a Nicea nel 325 d.C. a prendere la prima posizione ufficiale scegliendo fra le due datazioni, romana e asiatica, a favore della tradizione romana. La Pasqua doveva essere celebrata sempre nella prima domenica successiva alla prima luna piena che segue l’equinozio di primavera. Il calendario Giuliano non era perfetto e proprio in quegli anni l’equinozio fu spostato dal 25 al 21 marzo. Oggi è sempre il 21 marzo nel cambiamento dal calendario Giuliano a quello di Papa Gregorio XIII nel 1582.

Il rapporto fra festa di Pasqua e calendario è così naturale, la celebrazione della Resurrezione di Cristo ha sempre avuto la sua centralità ed il Concilio di Nicea voleva che tutte le chiese celebrassero nello stesso giorno il Mistero Pasquale di Cristo Crocifisso e Risorto. Si risolveva così la spinosa differenza fra la prassi pasquale romana che celebrava la Pasqua la domenica e quella orientale detta quattordecimana che la celebrava il 14 di Nisan qualunque fosse il giorno della settimana, secondo il calendario in uso ancora oggi presso gli ebrei.

La Chiesa incaricata per la datazione fu quella di Alessandria di Egitto che attraverso le «Litterae festale» comunicava per tempo la data di Pasqua. Qui si scopre l’uso ancora in liturgia di dare per l’Epifania la comunicazione della data di Pasqua nella quale i catecumeni avrebbero ricevuto il battesimo.

Il desiderio del Concilio di Nicea non è, però, stato raggiunto.  La decisione di Papa Gregorio nella riforma del calendario non fu accolta dalla Ortodossia, per un massiccio intervento ottomano, all’interno dell’ortodossia stessa. Si sono così avute altre fratture, Costantinopoli, la Grecia, la Romania assunsero per la Pasqua il calendario Giuliano e per il resto dell’anno il calendario gregoriano. Inoltre gruppi di ortodossi si separarono fra loro, i così detti vecchio-calendaristi e questo rende pastoralmente difficile anche oggi raggiungere un accordo comune.

- Advertisement -

Il Concilio Ecumenico Vaticano II propose di stabilire una domenica fissa in cui celebrare la Pasqua («Sacrosanctum concilium, Appendix») ma solo le Chiese della Riforma si dimostrarono favorevoli, l’Oriente preferì rimanere fedele alla linea di Nicea. La Chiesa Cattolica propose e propone di accordarsi nelle varie regioni e Chiese per celebrare comunque assieme nella stessa domenica (cfr. s. Giovanni Paolo II, Orientalium Ecclesiarum, n. 20). Così alcune Chiese Cattoliche in paesi a maggioranza Ortodossi si sono adattate al loro calendario, tipo Grecia, Etiopia, Egitto.

Ma cosa c’era dietro la diatriba della scelta della datazione della santa Pasqua? La primitiva tradizione vede nella vicenda «passione» il contenuto principale della Pasqua. Cristo è il «vero Agnello» immolato, questa tematica produceva due diverse tradizioni e datazioni. Roma privilegiava l’Agnello in quanto figura dell’Immolato ma vivente e celebrava in domenica la sua resurrezione. San Ireneo, che ci informa della diatriba, e celebrava come a Roma in domenica afferma: «Il nome di questo mistero è passione, causa di liberazione». 

Invece le Chiese di tradizione Giovannea (area efesina) celebravano, in tono più giudaico, l’Agnello nel segno della immolazione e celebravano la Pasqua il 14 di Nisan assieme agli ebrei, in qualunque giorno della settimana cadesse. Melitone di Sardi (tradizione quattordecimana) sottolinea: «il Signore che avendo sofferto per colui che soffriva, è risuscitato dai morti e ha portato l’uomo con sé nelle altezze dei cieli», è il Cristo che viene proclamato e celebrato «Pasqua della nostra salvezza». Immolazione e resurrezione coincidono nell’evento della Croce come nel Vangelo di Giovanni, che sappiamo essere scritto nell’area della città di Efeso. Entrambe le tradizioni avevano in comune la lettura cristologica della passione sempre unita alla resurrezione che gli studiosi definiscono come: «Pascha ex passione».

Alessandro Biancalani

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO