17 C
Rome
sabato, 19 Ottobre 2019
  • MEDIA

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita Video scandalo: medici che giocano e ridono usando dei bambini abortiti

Video scandalo: medici che giocano e ridono usando dei bambini abortiti

Etica e Vita

- Advertisement -

Quello che toglie il fiato è dover ancora spiegare l’ovvio

E’ un video pubblicato su una pagina Facebook venezuelana che raccoglie e propone cose curiose, strane: “Vídeos Mundo Curioso“, noi lo abbiamo saputo da Notizie Provita che spiega:

Il video ha registrato oltre 9,3 milioni di visualizzazioni su Facebook. È stato quindi registrato e pubblicato sul canale YouTube “Red Capital News” il 6 luglio 2018, dove ha registrato altre 5.000 visualizzazioni. Da lì è arrivato all’account Twitter @KBMAGAFL, dove ha ricevuto oltre 6.000 like.

Cosa può permettere a questi uomini di giochicchiare con due corpicini esanimi, di farli ballare e poi di gettarli ridacchiando nel bidone di metallo senza provare disgusto di sé stessi? Come si può arrivare a tanto? Si accomodino gli araldi del “grumo di cellule” e osservino, ma senza battere ciglio, questa scena.

Vengano anche le paladine della libertà della donna padrona del proprio corpo; sì, algida titolare di un utero del quale possa e debba disporre a piacimento, ma tenuta all’oscuro del fatto che chi lo abita non è un ammasso informe che le ruba il sangue. E’ un’altra creatura umana incamminata a pieno titolo nella strada dell’esistenza., un suo pari. E molto probabilmente il maggior motivo di gioia che possa mai provare nella sua di esistenza.

Eppure questi episodi sono, possono essere gli ultimi nati di un’aberrazione travestita da civiltà: la legalizzazione o addirittura la promozione, la nobilitazione dell’Interruzione Volontaria di Gravidanza, tutta maiuscole e distintivo. Sì, sono storie o frasi che è capitato a tutti di sentire, se non peggio di pronunciare: “sarebbe egoismo farli nascere”; “un figlio è una responsabilità: perché condannarlo ad essere infelice?” “Ne avrai altri, sani, non ti incaponire”. E via farneticando e istigando.

Se diciamo che il concepito qualche volta, magari solo in casi estremi,non è degno di portare a termine il suo processo di crescita in relazione alla madre, il fiume carico di acque turbolente che preme dietro la diga eromperà e sommergerà la valle. La diga è la legge, quella naturale per prima e quelle positive che su di essa devono poggiare, poi; il fiume è la natura umana con le sue feroci inclinazioni al male, la valle siamo noi. La vita, le famiglie, la società, la pace. Eccoci, siamo quasi sommersi.

Quello che toglie il fiato è dover ancora spiegare l’ovvio

E’ ora di mettere mano alle idrovore, di riparare dighe, di tornare a conoscere davvero l’uomo, la sua natura, la sua dignità e il precipizio sull’orlo del quale stupidamente si è messo a giocare.

Signore della vita, abbi pietà di noi.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Video scandalo: medici che giocano e ridono usando dei bambini abortiti

Etica e Vita

  

- Advertisement -

Quello che toglie il fiato è dover ancora spiegare l’ovvio

E’ un video pubblicato su una pagina Facebook venezuelana che raccoglie e propone cose curiose, strane: “Vídeos Mundo Curioso“, noi lo abbiamo saputo da Notizie Provita che spiega:

Il video ha registrato oltre 9,3 milioni di visualizzazioni su Facebook. È stato quindi registrato e pubblicato sul canale YouTube “Red Capital News” il 6 luglio 2018, dove ha registrato altre 5.000 visualizzazioni. Da lì è arrivato all’account Twitter @KBMAGAFL, dove ha ricevuto oltre 6.000 like.

Cosa può permettere a questi uomini di giochicchiare con due corpicini esanimi, di farli ballare e poi di gettarli ridacchiando nel bidone di metallo senza provare disgusto di sé stessi? Come si può arrivare a tanto? Si accomodino gli araldi del “grumo di cellule” e osservino, ma senza battere ciglio, questa scena.

Vengano anche le paladine della libertà della donna padrona del proprio corpo; sì, algida titolare di un utero del quale possa e debba disporre a piacimento, ma tenuta all’oscuro del fatto che chi lo abita non è un ammasso informe che le ruba il sangue. E’ un’altra creatura umana incamminata a pieno titolo nella strada dell’esistenza., un suo pari. E molto probabilmente il maggior motivo di gioia che possa mai provare nella sua di esistenza.

- Advertisement -

Eppure questi episodi sono, possono essere gli ultimi nati di un’aberrazione travestita da civiltà: la legalizzazione o addirittura la promozione, la nobilitazione dell’Interruzione Volontaria di Gravidanza, tutta maiuscole e distintivo. Sì, sono storie o frasi che è capitato a tutti di sentire, se non peggio di pronunciare: “sarebbe egoismo farli nascere”; “un figlio è una responsabilità: perché condannarlo ad essere infelice?” “Ne avrai altri, sani, non ti incaponire”. E via farneticando e istigando.

Se diciamo che il concepito qualche volta, magari solo in casi estremi,non è degno di portare a termine il suo processo di crescita in relazione alla madre, il fiume carico di acque turbolente che preme dietro la diga eromperà e sommergerà la valle. La diga è la legge, quella naturale per prima e quelle positive che su di essa devono poggiare, poi; il fiume è la natura umana con le sue feroci inclinazioni al male, la valle siamo noi. La vita, le famiglie, la società, la pace. Eccoci, siamo quasi sommersi.

Quello che toglie il fiato è dover ancora spiegare l’ovvio

E’ ora di mettere mano alle idrovore, di riparare dighe, di tornare a conoscere davvero l’uomo, la sua natura, la sua dignità e il precipizio sull’orlo del quale stupidamente si è messo a giocare.

Signore della vita, abbi pietà di noi.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO