Video: “Non fate un’opera di carità, fate un’opera di comunione”


0

   +100%-

L’intervista di Monica Mondo a Erasmo Figini. La vita dello stilista che il dolore apre al primo vertiginoso sì. Che ne genera molti altri

Monica Mondo Soul intervista Erasmo Figini.

Lui, la sua storia, gli altri, l’opera. Cometa, ad oggi, ospita 1000 ragazzi.

“Erasmo è uno stilista noto, designer d’interni che lavora per le più grandi maison italiane. Soldi, carriera, high society. Poi incontra don Lugi Giussani, dice sì alla proposta di prendere in affido un bimbo malato.

Così nasce Cometa, associazione e ora Fondazione, opera educativa, di formazione al lavoro, di accoglienza, e molto altro. Erasmo e suo fratello Innocente, con le loro famiglie a altre famiglie di amici hanno messo in piedi, in una cascina fuori Como, un’insolita comune cristiana, che in 30 anni ha ospitato e cresciuto come figli oltre 250 ragazzi. Poi ci sono quelli dell’affido diurno, quelli seguiti nelle società sportive, avviati al lavoro nelle botteghe artigianeDon Giussani disse ad Erasmo, “non fate un’opera di carità, di quelle ce ne sono già troppe, fate un’opera di comunione”.

Così è stato, anche con i molti volontari che gratuitamente offrono il loro tempo per farla diventare più grande e bella, Cometa. Sempre don Giussani chiese a Erasmo di mettere la sua creatività, il suo amore per la bellezza a servizio di questa nuova “casa”: dove ogni particolare è studiato con cura, creato con arte, con gusto estetico. Dio ha fatto ogni cosa con amore. Nella testimonianza di quest’uomo che ha stravolto la sua vita, e ne ha ricevuta in regalo una più piena e felice, la certezza che tutto cambia per un incontro, e che la passione per gli uomini è la passione per noi stessi.

Libri consigliati