25.6 C
Rome
domenica, 25 Agosto 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C VI Domenica di Pasqua - Anno C - 26 maggio 2019

VI Domenica di Pasqua – Anno C – 26 maggio 2019

Shalom! La pace di Dio






    Dal Vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
    «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
    Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
    Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
    Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate»”.




    Shalom! E’ il tipico modo di salutarsi da parte degli ebrei. Chi lo pronunzia auspica, per il suo interlocutore: sicurezza, salute, benessere e prosperità. Il significato principale che si attribuisce a questo saluto è, comunque, pace. Non una pace nel senso dell’assenza della guerra, delle ostilità e degli attriti, ma quella pace che è serenità interiore, benessere spirituale. Forse mai il cuore umano può vivere in una specie di narcosi, di quiete assoluta. In ogni circostanza occorre lottare, combattere, scegliere, vincere le avversità, affrontare le difficoltà e in tutto questo non perdere mai la speranza e l’equilibrio. Questa è pace. Non spegnere la speranza del cuore, non offuscare l’entusiasmo, non arrendersi mai. L’uomo contemporaneo, abituato ad avere tutto e con immediatezza, quasi è costretto a vivere con l’ansia di “comprare” tutto. In una sorta di shopping convulsivo si crede di poter ottenere anche i beni spirituali come quelli materiali. Il supermercato dello spirito non esiste, ma certamente è possibile raggiungere, costruire ogni cosa. La serenità può essere frutto di ricerca, la pace il risultato di tante lotte, il benessere la consolazione d’aver superato tante avversità.

    Si racconta di un negozio che vendeva tutto, ma proprio tutto. Un giovane ansioso di verificare vi ci si recò per ordinare un kilo di pace, un etto di speranza, trecento grammi di giustizia e così via. Effettuato l’ordine,  constatò come il negoziante non fece nemmeno una smorfia di disappunto dinanzi alla richiesta così inusitata. Gli chiese di attendere un attimo e dopo poco ritornò con dei piccoli sacchettini che consegnò a chi gli aveva chiesto la pace, la speranza e la giustizia. L’acquirente constatò che il volume non era eccessivo e chiese spiegazioni. Il negoziante replicò: “E’ vero che qui noi vendiamo tutto, ma è pur vero che lo consegniamo in semi”.

    Ecco: tutto è dato alla nostra vita ma occorre che ci prendiamo cura come si accudisce un seme collocato tra le zolle per farlo attecchire, crescere e sviluppare. Nell’animo dell’uomo ci sono tutti i sentimenti necessari per la sua vita personale, comunitaria e relazionale soprattutto quando si accoglie il desiderio di Dio di darci la sua shalom. “Amare comincia con una resa, con il lasciarsi amare. Dio non si merita, si accoglie”. E’ necessario accogliere la sua pace per essere abitati dal suo amore




    E’ l’amore che ci introduce nella conoscenza di Gesù, grazie all’azione di questo “Avvocato” che Gesù ha inviato, cioè lo Spirito Santo. L’amore a Dio e al prossimo è il più grande comandamento del Vangelo. Il Signore oggi ci chiama a corrispondere generosamente alla chiamata evangelica all’amore, ponendo Dio al centro della nostra vita e dedicandoci al servizio dei fratelli, specialmente i più bisognosi di sostegno e di consolazione.

    (Regina coeli, 21 maggio 2017)




    Dio grande e misericordioso, che nel Signore risorto riporti l’umanità alla speranza eterna, accresci in noi l’efficacia del mistero pasquale con la forza di questo sacramento di salvezza. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
    «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
    Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
    Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
    Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate»”.




    Shalom! E’ il tipico modo di salutarsi da parte degli ebrei. Chi lo pronunzia auspica, per il suo interlocutore: sicurezza, salute, benessere e prosperità. Il significato principale che si attribuisce a questo saluto è, comunque, pace. Non una pace nel senso dell’assenza della guerra, delle ostilità e degli attriti, ma quella pace che è serenità interiore, benessere spirituale. Forse mai il cuore umano può vivere in una specie di narcosi, di quiete assoluta. In ogni circostanza occorre lottare, combattere, scegliere, vincere le avversità, affrontare le difficoltà e in tutto questo non perdere mai la speranza e l’equilibrio. Questa è pace. Non spegnere la speranza del cuore, non offuscare l’entusiasmo, non arrendersi mai. L’uomo contemporaneo, abituato ad avere tutto e con immediatezza, quasi è costretto a vivere con l’ansia di “comprare” tutto. In una sorta di shopping convulsivo si crede di poter ottenere anche i beni spirituali come quelli materiali. Il supermercato dello spirito non esiste, ma certamente è possibile raggiungere, costruire ogni cosa. La serenità può essere frutto di ricerca, la pace il risultato di tante lotte, il benessere la consolazione d’aver superato tante avversità.

    Si racconta di un negozio che vendeva tutto, ma proprio tutto. Un giovane ansioso di verificare vi ci si recò per ordinare un kilo di pace, un etto di speranza, trecento grammi di giustizia e così via. Effettuato l’ordine,  constatò come il negoziante non fece nemmeno una smorfia di disappunto dinanzi alla richiesta così inusitata. Gli chiese di attendere un attimo e dopo poco ritornò con dei piccoli sacchettini che consegnò a chi gli aveva chiesto la pace, la speranza e la giustizia. L’acquirente constatò che il volume non era eccessivo e chiese spiegazioni. Il negoziante replicò: “E’ vero che qui noi vendiamo tutto, ma è pur vero che lo consegniamo in semi”.

    Ecco: tutto è dato alla nostra vita ma occorre che ci prendiamo cura come si accudisce un seme collocato tra le zolle per farlo attecchire, crescere e sviluppare. Nell’animo dell’uomo ci sono tutti i sentimenti necessari per la sua vita personale, comunitaria e relazionale soprattutto quando si accoglie il desiderio di Dio di darci la sua shalom. “Amare comincia con una resa, con il lasciarsi amare. Dio non si merita, si accoglie”. E’ necessario accogliere la sua pace per essere abitati dal suo amore




    E’ l’amore che ci introduce nella conoscenza di Gesù, grazie all’azione di questo “Avvocato” che Gesù ha inviato, cioè lo Spirito Santo. L’amore a Dio e al prossimo è il più grande comandamento del Vangelo. Il Signore oggi ci chiama a corrispondere generosamente alla chiamata evangelica all’amore, ponendo Dio al centro della nostra vita e dedicandoci al servizio dei fratelli, specialmente i più bisognosi di sostegno e di consolazione.

    (Regina coeli, 21 maggio 2017)




    Dio grande e misericordioso, che nel Signore risorto riporti l’umanità alla speranza eterna, accresci in noi l’efficacia del mistero pasquale con la forza di questo sacramento di salvezza. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

VI Domenica di Pasqua – Anno C – 26 maggio 2019

Shalom! La pace di Dio






    Dal Vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
    «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
    Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
    Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
    Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate»”.




    Shalom! E’ il tipico modo di salutarsi da parte degli ebrei. Chi lo pronunzia auspica, per il suo interlocutore: sicurezza, salute, benessere e prosperità. Il significato principale che si attribuisce a questo saluto è, comunque, pace. Non una pace nel senso dell’assenza della guerra, delle ostilità e degli attriti, ma quella pace che è serenità interiore, benessere spirituale. Forse mai il cuore umano può vivere in una specie di narcosi, di quiete assoluta. In ogni circostanza occorre lottare, combattere, scegliere, vincere le avversità, affrontare le difficoltà e in tutto questo non perdere mai la speranza e l’equilibrio. Questa è pace. Non spegnere la speranza del cuore, non offuscare l’entusiasmo, non arrendersi mai. L’uomo contemporaneo, abituato ad avere tutto e con immediatezza, quasi è costretto a vivere con l’ansia di “comprare” tutto. In una sorta di shopping convulsivo si crede di poter ottenere anche i beni spirituali come quelli materiali. Il supermercato dello spirito non esiste, ma certamente è possibile raggiungere, costruire ogni cosa. La serenità può essere frutto di ricerca, la pace il risultato di tante lotte, il benessere la consolazione d’aver superato tante avversità.

    Si racconta di un negozio che vendeva tutto, ma proprio tutto. Un giovane ansioso di verificare vi ci si recò per ordinare un kilo di pace, un etto di speranza, trecento grammi di giustizia e così via. Effettuato l’ordine,  constatò come il negoziante non fece nemmeno una smorfia di disappunto dinanzi alla richiesta così inusitata. Gli chiese di attendere un attimo e dopo poco ritornò con dei piccoli sacchettini che consegnò a chi gli aveva chiesto la pace, la speranza e la giustizia. L’acquirente constatò che il volume non era eccessivo e chiese spiegazioni. Il negoziante replicò: “E’ vero che qui noi vendiamo tutto, ma è pur vero che lo consegniamo in semi”.

    Ecco: tutto è dato alla nostra vita ma occorre che ci prendiamo cura come si accudisce un seme collocato tra le zolle per farlo attecchire, crescere e sviluppare. Nell’animo dell’uomo ci sono tutti i sentimenti necessari per la sua vita personale, comunitaria e relazionale soprattutto quando si accoglie il desiderio di Dio di darci la sua shalom. “Amare comincia con una resa, con il lasciarsi amare. Dio non si merita, si accoglie”. E’ necessario accogliere la sua pace per essere abitati dal suo amore




    E’ l’amore che ci introduce nella conoscenza di Gesù, grazie all’azione di questo “Avvocato” che Gesù ha inviato, cioè lo Spirito Santo. L’amore a Dio e al prossimo è il più grande comandamento del Vangelo. Il Signore oggi ci chiama a corrispondere generosamente alla chiamata evangelica all’amore, ponendo Dio al centro della nostra vita e dedicandoci al servizio dei fratelli, specialmente i più bisognosi di sostegno e di consolazione.

    (Regina coeli, 21 maggio 2017)




    Dio grande e misericordioso, che nel Signore risorto riporti l’umanità alla speranza eterna, accresci in noi l’efficacia del mistero pasquale con la forza di questo sacramento di salvezza. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
845FollowerSegui
13,000FollowerSegui
598FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri Consigliati – Marzo 2019

Dialoghi sulla preghiera del cuore

Libri consigliati

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO