24.4 C
Roma
Sab, 18 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BVI Domenica di Pasqua - Anno B - 9 maggio 2021

VI Domenica di Pasqua – Anno B – 9 maggio 2021

Rimanere, col diritto di cittadinanza, nel cuore di Dio






    Dal vangelo secondo Giovanni

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
    Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
    Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri»”.




    Ciò che stupisce nel rapporto tra Dio e gli uomini è che non solo l’uomo, da sempre, ha cercato Dio, ma è Dio stesso che si è messo alla ricerca dell’uomo. Se si vuole essere più precisi sarebbe meglio riconoscere che Dio stesso ha messo nel cuore dell’uomo il desiderio di cercarlo, di incontrarlo. Difatti Sant’Agostino afferma: ”Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”.

    Ancora una volta il vangelo usa il verbo rimanere come la radice sana di un rapporto duraturo e fruttuoso con Dio. Solo chi rimane in lui può portare frutto proprio come un albero è un tutt’uno e rimane legato alla radice. L’uomo, ogni uomo, è chiamato, vocazionalmente, a restare nel cuore di Dio. Rimanere in lui, col diritto di cittadinanza stabile e duraturo è desiderio di Dio stesso. Egli si propone come elemento sorgivo della nostra gioia. ”Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena”.

    Chi rimane in Dio, dunque, porta l’unico frutto che lui produce: l’amore. Ecco perché il suo comando giunge come un annuncio, una possibilità, non un obbligo: “che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici”. È nell’amore e con l’amore che si ha la più alta rivelazione di Dio perché “Dio è amore”. Chiunque ama, manifesta Dio. Chiunque ama, porta il frutto più saporito, nobile e nutriente che si possa gustare. Chiunque ama, soprattutto, se lo si fa come Gesù ci ha insegnato in modo preventivo, gratuito, apicale, compie gesti “divini”.

    Sembra che Gesù pretenda troppo da noi. Amare è già oneroso, faticoso, sacrificante, che poi bisogna farlo “come io ho amato voi”, questo complica alquanto la missione di ogni cristiano. Su ognuno di noi Dio ha posato il suo sguardo e questo è già fonte di benedizione e sicurezza di protezione. Il tutto però non bisogna congelarlo in noi stessi ma occorre suscitare un moto perpetuo inarrestabile e insaziabile per raggiungere tutti soprattutto coloro che hanno fame e sete d’essere amati, considerati, desiderati, accolti, accompagnati.

    Sentirsi scelti da Dio: “non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi…” è motivo di grande gioia e consolazione, ma lui ci affida una missione: essere portatori di frutto e si raccomanda che questo frutto rimanga. Non dobbiamo far marcire per incuria, per dimenticanza, per trascuratezza, o, addirittura, perché egoisticamente vogliamo conservarlo per noi, senza donarlo. Il frutto nasce per essere consumato e donato. Lo stesso dobbiamo fare noi con quanto riusciamo a produrre fruttuosamente nella nostra vita. Se poi le primizie le riserviamo per il Signore, allora tutto sarà benedetto e sarà moltiplicato.




    La sorte di tanti nostri fratelli non ci può lasciare indifferenti.
    La redenzione operata da Cristo crocifisso e risorto
    è offerta a tutti gli uomini.
    In questa profonda convinzione
    rivolgiamo al Padre la nostra preghiera.

    R. Salva il tuo popolo, Signore.

    Perché coloro che hanno ricevuto fin dalla nascita il Battesimo
    riconoscano il dono di Dio e si impegnino a portare la luce della fede
    anche ai pagani del nostro tempo, preghiamo. R.

    Perché nessuno di noi si disinteressi del bene spirituale dei propri fratelli,
    ma avviciniamo con amore quanti si sono distanziati dal banchetto pasquale
    e affrettiamo il loro ritorno, preghiamo. R.

    Perché i cristiani che danno scandalo per l’incoerenza tra la fede e la vita,
    avvertano il rischio e l’ambiguità della propria situazione
    e si aprano alla novità dell’esistenza in Cristo, preghiamo. R.

    Perché non vi sia divisione e rancore
    tra quanti vivono nella stessa casa e nello stesso quartiere,
    ma nel dialogo e nella comprensione reciproca
    si stabilisca un vero clima di speranza e di pace, preghiamo. R.

    Perché il sacrificio di quanti lottano e soffrono
    nell’adempimento di un difficile dovere al servizio della nostra libertà
    diventi germoglio di una società più giusta e fraterna, preghiamo. R.

    O Dio, misericordioso e fedele,
    concedi a noi il dono pasquale del tuo Spirito,
    perché vediamo ciò che giova alla nostra vera pace,
    e facciamo quanto sta in noi
    per costruire un mondo rinnovato nell’amore.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Dio onnipotente, che nella risurrezione di Cristo ci fai nuove creature per la vita eterna, accresci in noi i frutti del sacramento pasquale e infondi nei nostri cuori la forza di questo nutrimento di salvezza. Per Cristo nostro Signore.





Dal vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri»”.



Ciò che stupisce nel rapporto tra Dio e gli uomini è che non solo l’uomo, da sempre, ha cercato Dio, ma è Dio stesso che si è messo alla ricerca dell’uomo. Se si vuole essere più precisi sarebbe meglio riconoscere che Dio stesso ha messo nel cuore dell’uomo il desiderio di cercarlo, di incontrarlo. Difatti Sant’Agostino afferma: ”Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”.

Ancora una volta il vangelo usa il verbo rimanere come la radice sana di un rapporto duraturo e fruttuoso con Dio. Solo chi rimane in lui può portare frutto proprio come un albero è un tutt’uno e rimane legato alla radice. L’uomo, ogni uomo, è chiamato, vocazionalmente, a restare nel cuore di Dio. Rimanere in lui, col diritto di cittadinanza stabile e duraturo è desiderio di Dio stesso. Egli si propone come elemento sorgivo della nostra gioia. ”Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena”.

Chi rimane in Dio, dunque, porta l’unico frutto che lui produce: l’amore. Ecco perché il suo comando giunge come un annuncio, una possibilità, non un obbligo: “che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici”. È nell’amore e con l’amore che si ha la più alta rivelazione di Dio perché “Dio è amore”. Chiunque ama, manifesta Dio. Chiunque ama, porta il frutto più saporito, nobile e nutriente che si possa gustare. Chiunque ama, soprattutto, se lo si fa come Gesù ci ha insegnato in modo preventivo, gratuito, apicale, compie gesti “divini”.

Sembra che Gesù pretenda troppo da noi. Amare è già oneroso, faticoso, sacrificante, che poi bisogna farlo “come io ho amato voi”, questo complica alquanto la missione di ogni cristiano. Su ognuno di noi Dio ha posato il suo sguardo e questo è già fonte di benedizione e sicurezza di protezione. Il tutto però non bisogna congelarlo in noi stessi ma occorre suscitare un moto perpetuo inarrestabile e insaziabile per raggiungere tutti soprattutto coloro che hanno fame e sete d’essere amati, considerati, desiderati, accolti, accompagnati.

Sentirsi scelti da Dio: “non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi…” è motivo di grande gioia e consolazione, ma lui ci affida una missione: essere portatori di frutto e si raccomanda che questo frutto rimanga. Non dobbiamo far marcire per incuria, per dimenticanza, per trascuratezza, o, addirittura, perché egoisticamente vogliamo conservarlo per noi, senza donarlo. Il frutto nasce per essere consumato e donato. Lo stesso dobbiamo fare noi con quanto riusciamo a produrre fruttuosamente nella nostra vita. Se poi le primizie le riserviamo per il Signore, allora tutto sarà benedetto e sarà moltiplicato.



La sorte di tanti nostri fratelli non ci può lasciare indifferenti.
La redenzione operata da Cristo crocifisso e risorto
è offerta a tutti gli uomini.
In questa profonda convinzione
rivolgiamo al Padre la nostra preghiera.

R. Salva il tuo popolo, Signore.

Perché coloro che hanno ricevuto fin dalla nascita il Battesimo
riconoscano il dono di Dio e si impegnino a portare la luce della fede
anche ai pagani del nostro tempo, preghiamo. R.

Perché nessuno di noi si disinteressi del bene spirituale dei propri fratelli,
ma avviciniamo con amore quanti si sono distanziati dal banchetto pasquale
e affrettiamo il loro ritorno, preghiamo. R.

Perché i cristiani che danno scandalo per l’incoerenza tra la fede e la vita,
avvertano il rischio e l’ambiguità della propria situazione
e si aprano alla novità dell’esistenza in Cristo, preghiamo. R.

Perché non vi sia divisione e rancore
tra quanti vivono nella stessa casa e nello stesso quartiere,
ma nel dialogo e nella comprensione reciproca
si stabilisca un vero clima di speranza e di pace, preghiamo. R.

Perché il sacrificio di quanti lottano e soffrono
nell’adempimento di un difficile dovere al servizio della nostra libertà
diventi germoglio di una società più giusta e fraterna, preghiamo. R.

O Dio, misericordioso e fedele,
concedi a noi il dono pasquale del tuo Spirito,
perché vediamo ciò che giova alla nostra vera pace,
e facciamo quanto sta in noi
per costruire un mondo rinnovato nell’amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Dio onnipotente, che nella risurrezione di Cristo ci fai nuove creature per la vita eterna, accresci in noi i frutti del sacramento pasquale e infondi nei nostri cuori la forza di questo nutrimento di salvezza. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

VI Domenica di Pasqua – Anno B – 9 maggio 2021

Rimanere, col diritto di cittadinanza, nel cuore di Dio



Dal vangelo secondo Giovanni

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri»”.



Ciò che stupisce nel rapporto tra Dio e gli uomini è che non solo l’uomo, da sempre, ha cercato Dio, ma è Dio stesso che si è messo alla ricerca dell’uomo. Se si vuole essere più precisi sarebbe meglio riconoscere che Dio stesso ha messo nel cuore dell’uomo il desiderio di cercarlo, di incontrarlo. Difatti Sant’Agostino afferma: ”Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”.

Ancora una volta il vangelo usa il verbo rimanere come la radice sana di un rapporto duraturo e fruttuoso con Dio. Solo chi rimane in lui può portare frutto proprio come un albero è un tutt’uno e rimane legato alla radice. L’uomo, ogni uomo, è chiamato, vocazionalmente, a restare nel cuore di Dio. Rimanere in lui, col diritto di cittadinanza stabile e duraturo è desiderio di Dio stesso. Egli si propone come elemento sorgivo della nostra gioia. ”Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena”.

Chi rimane in Dio, dunque, porta l’unico frutto che lui produce: l’amore. Ecco perché il suo comando giunge come un annuncio, una possibilità, non un obbligo: “che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici”. È nell’amore e con l’amore che si ha la più alta rivelazione di Dio perché “Dio è amore”. Chiunque ama, manifesta Dio. Chiunque ama, porta il frutto più saporito, nobile e nutriente che si possa gustare. Chiunque ama, soprattutto, se lo si fa come Gesù ci ha insegnato in modo preventivo, gratuito, apicale, compie gesti “divini”.

Sembra che Gesù pretenda troppo da noi. Amare è già oneroso, faticoso, sacrificante, che poi bisogna farlo “come io ho amato voi”, questo complica alquanto la missione di ogni cristiano. Su ognuno di noi Dio ha posato il suo sguardo e questo è già fonte di benedizione e sicurezza di protezione. Il tutto però non bisogna congelarlo in noi stessi ma occorre suscitare un moto perpetuo inarrestabile e insaziabile per raggiungere tutti soprattutto coloro che hanno fame e sete d’essere amati, considerati, desiderati, accolti, accompagnati.

Sentirsi scelti da Dio: “non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi…” è motivo di grande gioia e consolazione, ma lui ci affida una missione: essere portatori di frutto e si raccomanda che questo frutto rimanga. Non dobbiamo far marcire per incuria, per dimenticanza, per trascuratezza, o, addirittura, perché egoisticamente vogliamo conservarlo per noi, senza donarlo. Il frutto nasce per essere consumato e donato. Lo stesso dobbiamo fare noi con quanto riusciamo a produrre fruttuosamente nella nostra vita. Se poi le primizie le riserviamo per il Signore, allora tutto sarà benedetto e sarà moltiplicato.



La sorte di tanti nostri fratelli non ci può lasciare indifferenti.
La redenzione operata da Cristo crocifisso e risorto
è offerta a tutti gli uomini.
In questa profonda convinzione
rivolgiamo al Padre la nostra preghiera.

R. Salva il tuo popolo, Signore.

Perché coloro che hanno ricevuto fin dalla nascita il Battesimo
riconoscano il dono di Dio e si impegnino a portare la luce della fede
anche ai pagani del nostro tempo, preghiamo. R.

Perché nessuno di noi si disinteressi del bene spirituale dei propri fratelli,
ma avviciniamo con amore quanti si sono distanziati dal banchetto pasquale
e affrettiamo il loro ritorno, preghiamo. R.

Perché i cristiani che danno scandalo per l’incoerenza tra la fede e la vita,
avvertano il rischio e l’ambiguità della propria situazione
e si aprano alla novità dell’esistenza in Cristo, preghiamo. R.

Perché non vi sia divisione e rancore
tra quanti vivono nella stessa casa e nello stesso quartiere,
ma nel dialogo e nella comprensione reciproca
si stabilisca un vero clima di speranza e di pace, preghiamo. R.

Perché il sacrificio di quanti lottano e soffrono
nell’adempimento di un difficile dovere al servizio della nostra libertà
diventi germoglio di una società più giusta e fraterna, preghiamo. R.

O Dio, misericordioso e fedele,
concedi a noi il dono pasquale del tuo Spirito,
perché vediamo ciò che giova alla nostra vera pace,
e facciamo quanto sta in noi
per costruire un mondo rinnovato nell’amore.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Dio onnipotente, che nella risurrezione di Cristo ci fai nuove creature per la vita eterna, accresci in noi i frutti del sacramento pasquale e infondi nei nostri cuori la forza di questo nutrimento di salvezza. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Le ultime parole del Crocifisso

Paolo apostolo: vita e teologia

La tenerezza nel vangelo di Marco

Dieci parole per vivere

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x