15.7 C
Rome
Dom, 15 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B VI domenica di Pasqua - Anno B - 10 maggio 2015

VI domenica di Pasqua – Anno B – 10 maggio 2015

- Advertisement -

Ci ha amato per primo e per primi.

At 10, 25-26.34-35.44-48; 1 Gv 4, 7-10; Gv 15, 9-17

Il Signore ha rivelato ai popoli la sua giustizia.

 

Il tema conduttore della liturgia della VI domenica di Pasqua è certamente dato dall’affermazione giovannea: «Dio è amore» (1Gv 4, 8). Pietro, protagonista delle vicende narrate dal libro degli Atti nella I lettura, afferma con vigore e parresia che «Dio non fa preferenze di persone» (At 10, 34); Egli, infatti, applica a ciascuno lo stesso metro di giudizio, sancendo così la “cattolicità” indiscriminata del suo modo di amare. Nella sua lettera, poi, Giovanni afferma «amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio» (1Gv 4, 7); fondando così, nell’amore di Dio, quello umano.

Tuttavia, discorrere intorno all’amore è abbastanza insidioso. È facile, infatti, cadere nel tranello della banalità e della retorica. L’amore non è riducibile a una mera emozione, a un sentimento passeggero che muta al cambiar delle stagioni e non è neppure sola “eruzione” di spontaneità: all’amore ci si educa! Certamente, l’agàpe evangelica assume tonalità teologali. L’amore descrive e identifica l’uomo, quest’ultimo è plasmato, infatti, a immagine e somiglianza di Dio. Cristo, allora, è lo specchio non opaco che ci permette di comprendere l’essenza di Dio. Egli è l’uomo perfetto, il vero compimento della nostra umanità.

In aggiunta, procedendo secondo l’impianto su cui si compone la lettera di Giovanni, si può affermare il paradigma preveniente dell’amore stesso: «non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi» (1Gv 4, 10). Dio investe nei suoi modi oblativi senza mai prescindere dal vincolo cristologico: «Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui» (1Gv 4, 9). Questo è un amore capace di generare nuove dimensioni, decisamente liberanti: «Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici» (Gv 15, 15). Infine, è un amore che si cristallizza nella gioia: «Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena» (Gv 15, 11). Tutto il pellegrinaggio cristiano, infatti, sfuma le sue tonalità, secondo pantoni colorati e luminosi e mai addensandosi nel grigiore della tristezza. Dio desidera condividere la sua gioia affinché la nostra diventi piena.

Egli non ha avuto bisogno di gareggiare con l’uomo, ci ha amato per primo e, in Cristo, siamo stati i primi a eserlo; prima dell’uomo, dunque, nulla è stato amato (salvo il Figlio ovviamente). Perciò, «ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati» (1Gv 4, 10); Cristo è la sintesi della crisi della nostra umanità peccatrice.

In conclusione, è anche lecito sottoporre e sottomettere tutto alle condizioni poste dall’obbedienza. Questa, evidentemente, non si pone in contraddizione con quanto detto; infatti, essa si radica e si comprende esclusivamente nella libertà. Obbedire a Dio significa obbedire alla libertà: «Se osserverete i miei comandamenti – dice Gesù -, rimarrete nel mio amore» (Gv 15, 10). L’obbedienza è intessuta nelle trame dell’ascolto veritiero della sua parola: «la verità vi farà liberi» (Gv 8, 32). Obbedire è interiorizzazione, modulazione e realizzazione di tale parola. Obbedire è la condizione che permette un’amicizia speciale.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

VI domenica di Pasqua – Anno B – 10 maggio 2015

  

- Advertisement -

Ci ha amato per primo e per primi.

At 10, 25-26.34-35.44-48; 1 Gv 4, 7-10; Gv 15, 9-17

Il Signore ha rivelato ai popoli la sua giustizia.

 

Il tema conduttore della liturgia della VI domenica di Pasqua è certamente dato dall’affermazione giovannea: «Dio è amore» (1Gv 4, 8). Pietro, protagonista delle vicende narrate dal libro degli Atti nella I lettura, afferma con vigore e parresia che «Dio non fa preferenze di persone» (At 10, 34); Egli, infatti, applica a ciascuno lo stesso metro di giudizio, sancendo così la “cattolicità” indiscriminata del suo modo di amare. Nella sua lettera, poi, Giovanni afferma «amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio» (1Gv 4, 7); fondando così, nell’amore di Dio, quello umano.

- Advertisement -

Tuttavia, discorrere intorno all’amore è abbastanza insidioso. È facile, infatti, cadere nel tranello della banalità e della retorica. L’amore non è riducibile a una mera emozione, a un sentimento passeggero che muta al cambiar delle stagioni e non è neppure sola “eruzione” di spontaneità: all’amore ci si educa! Certamente, l’agàpe evangelica assume tonalità teologali. L’amore descrive e identifica l’uomo, quest’ultimo è plasmato, infatti, a immagine e somiglianza di Dio. Cristo, allora, è lo specchio non opaco che ci permette di comprendere l’essenza di Dio. Egli è l’uomo perfetto, il vero compimento della nostra umanità.

In aggiunta, procedendo secondo l’impianto su cui si compone la lettera di Giovanni, si può affermare il paradigma preveniente dell’amore stesso: «non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi» (1Gv 4, 10). Dio investe nei suoi modi oblativi senza mai prescindere dal vincolo cristologico: «Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui» (1Gv 4, 9). Questo è un amore capace di generare nuove dimensioni, decisamente liberanti: «Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici» (Gv 15, 15). Infine, è un amore che si cristallizza nella gioia: «Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena» (Gv 15, 11). Tutto il pellegrinaggio cristiano, infatti, sfuma le sue tonalità, secondo pantoni colorati e luminosi e mai addensandosi nel grigiore della tristezza. Dio desidera condividere la sua gioia affinché la nostra diventi piena.

Egli non ha avuto bisogno di gareggiare con l’uomo, ci ha amato per primo e, in Cristo, siamo stati i primi a eserlo; prima dell’uomo, dunque, nulla è stato amato (salvo il Figlio ovviamente). Perciò, «ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati» (1Gv 4, 10); Cristo è la sintesi della crisi della nostra umanità peccatrice.

In conclusione, è anche lecito sottoporre e sottomettere tutto alle condizioni poste dall’obbedienza. Questa, evidentemente, non si pone in contraddizione con quanto detto; infatti, essa si radica e si comprende esclusivamente nella libertà. Obbedire a Dio significa obbedire alla libertà: «Se osserverete i miei comandamenti – dice Gesù -, rimarrete nel mio amore» (Gv 15, 10). L’obbedienza è intessuta nelle trame dell’ascolto veritiero della sua parola: «la verità vi farà liberi» (Gv 8, 32). Obbedire è interiorizzazione, modulazione e realizzazione di tale parola. Obbedire è la condizione che permette un’amicizia speciale.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Ezechiele quadriforme

Il “counseling” pastorale

Palumbo: La misericordia di Dio

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO