5.1 C
Rome
Gio, 12 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C VI Domenica del Tempo Ordinario - Anno C - 17 febbraio 2019

VI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 17 febbraio 2019

Beati….






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, Gesù, disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne.
    Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:

    «Beati voi, poveri,
    perché vostro è il regno di Dio.
    Beati voi, che ora avete fame
    perché sarete saziati.
    Beati voi, che ora piangete,
    perché riderete.
    Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
    Ma guai a voi, ricchi,
    perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
    Guai a voi, che ora siete sazi,
    perché avrete fame.
    Guai a voi, che ora ridete,
    perché sarete nel dolore e piangerete.
    Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti»”.




    Nell’accezione comune, beato è chi vive senza problemi, senza rimpianti, senza affanni. Secondo la logica del vangelo, invece, beato è chi si sa accontentare, chi sa mortificarsi, chi sa rinunciare per un bene maggiore, chi sa amare, comprendere, scusare, accogliere e condividere. E’ un programma è uno stile di vita, una scelta. Aderire a questa logica sconvolgente, e, apparentemente perdente, significa approdare alla beatitudine secondo il cuore di Dio e non le prospettive, miopamente, umane.

    Da notare come Gesù, in questo che è conosciuto come il discorso della montagna mette al centro delle sue beatitudini la dignità della persona umana. Non la povertà, non l’ingiustizia, non il sopruso, non la sofferenza ma chi, di tutto questo si fa umile portatore, e testimone; a chi sa valorizzare anche queste situazioni, di per sé invalidanti, precarie, facendole, diventare un’occasione di fedeltà, di adesione alla volontà di Dio che vuole cambiare il mondo in modo pacifico e positivo, senza condanne, senza esclusioni, preclusioni o chiusure.

    E’ una logica, quella di Dio, sconvolgente e innovativa, rivoluzionaria e pacifica, nuova e antica. Entrare in questa logica significa far parte dell’orbita di Dio, significa appartenere a coloro che vogliono essere costruttori di un modo nuovo di vivere, di relazionarsi, dove al centro non c’è l’interesse e il tornaconto personale, estremamente e riduttivamente individuale, ma collettivo comunitario. Dove ci si prende cura gli uni degli altri e si combattono assieme le ingiustizie, i soprusi, le esclusioni e le intolleranze.

    In una società come quella è vissuto Gesù, questo stile urta la suscettibilità della maggior parte perché tutti asserviti ad una logica supina, tracotante, che vuole emergere, soffocare, essere superiore a chiunque. Con umiltà e semplicità Gesù insegna in modo diverso, fa capire che ci possono essere percorsi alternativi per raggiungere la gioia e la serenità. Quello di Gesù è uno sguardo proiettato al futuro, non ripiegato al presente, aperto a ciò che deve accadere ma vissuto con consapevolezza nell’oggi di ciascuno. Il futuro cova sempre nel presente.

    Questa logica fa fatica anche oggi ad affermarsi perché viviamo immersi nell’ansia di produrre, consumare, affermarci, prevalere, costi quel che costi. No! Occorre mettere un freno alle ambizioni e aprirsi ad un mondo diverso più pacifico, più arrendevole, più collaborativo. Sono questi i verbi da coniugare per approdare alla beatitudine secondo il cuore di Dio e non solo il desiderio umano.




    E questa è la maledizione più forte di quello che confida in se stesso o nelle forze, nelle possibilità degli uomini e non in Dio: perdere il nome. Come ti chiami? Conto numero tale, nella banca tale. Come ti chiami? Tante proprietà, tante ville, tanti… Come ti chiami? Le cose che abbiamo, gli idoli. E tu confidi in quello, e quest’uomo è maledetto”. Ci farà bene domandarci: dove è la mia fiducia? Nel Signore o sono un pagano, che confido nelle cose, negli idoli che io ho fatto? Questo non ci dà salvezza.

    (Santa Marta 20 marzo 2014)




    Signore, che ci hai nutriti al convito eucaristico, fa’ che ricerchiamo sempre quei beni che ci danno la vera vita. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

VI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 17 febbraio 2019

Beati….






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, Gesù, disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne.
    Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:

    «Beati voi, poveri,
    perché vostro è il regno di Dio.
    Beati voi, che ora avete fame
    perché sarete saziati.
    Beati voi, che ora piangete,
    perché riderete.
    Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
    Ma guai a voi, ricchi,
    perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
    Guai a voi, che ora siete sazi,
    perché avrete fame.
    Guai a voi, che ora ridete,
    perché sarete nel dolore e piangerete.
    Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti»”.




    Nell’accezione comune, beato è chi vive senza problemi, senza rimpianti, senza affanni. Secondo la logica del vangelo, invece, beato è chi si sa accontentare, chi sa mortificarsi, chi sa rinunciare per un bene maggiore, chi sa amare, comprendere, scusare, accogliere e condividere. E’ un programma è uno stile di vita, una scelta. Aderire a questa logica sconvolgente, e, apparentemente perdente, significa approdare alla beatitudine secondo il cuore di Dio e non le prospettive, miopamente, umane.

    Da notare come Gesù, in questo che è conosciuto come il discorso della montagna mette al centro delle sue beatitudini la dignità della persona umana. Non la povertà, non l’ingiustizia, non il sopruso, non la sofferenza ma chi, di tutto questo si fa umile portatore, e testimone; a chi sa valorizzare anche queste situazioni, di per sé invalidanti, precarie, facendole, diventare un’occasione di fedeltà, di adesione alla volontà di Dio che vuole cambiare il mondo in modo pacifico e positivo, senza condanne, senza esclusioni, preclusioni o chiusure.

    E’ una logica, quella di Dio, sconvolgente e innovativa, rivoluzionaria e pacifica, nuova e antica. Entrare in questa logica significa far parte dell’orbita di Dio, significa appartenere a coloro che vogliono essere costruttori di un modo nuovo di vivere, di relazionarsi, dove al centro non c’è l’interesse e il tornaconto personale, estremamente e riduttivamente individuale, ma collettivo comunitario. Dove ci si prende cura gli uni degli altri e si combattono assieme le ingiustizie, i soprusi, le esclusioni e le intolleranze.

    In una società come quella è vissuto Gesù, questo stile urta la suscettibilità della maggior parte perché tutti asserviti ad una logica supina, tracotante, che vuole emergere, soffocare, essere superiore a chiunque. Con umiltà e semplicità Gesù insegna in modo diverso, fa capire che ci possono essere percorsi alternativi per raggiungere la gioia e la serenità. Quello di Gesù è uno sguardo proiettato al futuro, non ripiegato al presente, aperto a ciò che deve accadere ma vissuto con consapevolezza nell’oggi di ciascuno. Il futuro cova sempre nel presente.

    Questa logica fa fatica anche oggi ad affermarsi perché viviamo immersi nell’ansia di produrre, consumare, affermarci, prevalere, costi quel che costi. No! Occorre mettere un freno alle ambizioni e aprirsi ad un mondo diverso più pacifico, più arrendevole, più collaborativo. Sono questi i verbi da coniugare per approdare alla beatitudine secondo il cuore di Dio e non solo il desiderio umano.




    E questa è la maledizione più forte di quello che confida in se stesso o nelle forze, nelle possibilità degli uomini e non in Dio: perdere il nome. Come ti chiami? Conto numero tale, nella banca tale. Come ti chiami? Tante proprietà, tante ville, tanti… Come ti chiami? Le cose che abbiamo, gli idoli. E tu confidi in quello, e quest’uomo è maledetto”. Ci farà bene domandarci: dove è la mia fiducia? Nel Signore o sono un pagano, che confido nelle cose, negli idoli che io ho fatto? Questo non ci dà salvezza.

    (Santa Marta 20 marzo 2014)




    Signore, che ci hai nutriti al convito eucaristico, fa’ che ricerchiamo sempre quei beni che ci danno la vera vita. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri – Diacone: un dossier di studio

Paolo apostolo: vita e teologia

Razzismo 2.0, l’odio online

Palumbo: La misericordia di Dio

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO