12.6 C
Roma
Ven, 4 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B VI Domenica del Tempo Ordinario - Anno B - 11 febbraio 2018

VI Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 11 febbraio 2018

Uditori della Parola

- Advertisement -

LA GRAZIA DI UNA VITA BASATA SULL’AMORE

Il lebbroso, ricorda la prima lettura, doveva vivere solo, senza contatti, tagliato fuori dalla società. Doveva lui stesso allontanare gli altri gridando la sua condizione. Ma nel Vangelo un lebbroso osa avvicinarsi a Gesù. Come a dire: «Se gli uomini non mi vogliono, forse il Messia non mi allontanerà».

Ci sono cose che solo Dio – e chi ha il suo Spirito – sa accogliere. Chi può dissolvere la solitudine di questo lebbroso, immagine di tutte le solitudini umane? Chi può toccare un lebbroso? Gesù infatti lo tocca prima che sia guarito, quando è ancora putrido e infetto. Ed è questo tocco che lo guarisce. Il lebbroso dice: «Se vuoi, puoi puri‚ficarmi!», e ha ragione: Gesù lo vuole, è questa la volontà di Dio. Quando Dio ci chiama a compiere la sua volontà, ci sta offrendo una via per incontrarlo, per toccarlo e guarire dalla nostra solitudine.

Gesù è mosso dalla “compassione”. Il termine, in italiano, signifi‚ca “patire con qualcuno, sintonizzarsi sul dolore altrui e farlo proprio” e già questo direbbe molto. Ma la parola greca per compassione – nel testo di Marco – signifi‚ca “essere mossi visceralmente”. Il desiderio di guarire questo poveretto viene dalle viscere di Gesù, dalla sua radice intima, lì dove è unito al Padre. Perché Dio, nel suo essere recondito, è amore sconfinato. È per le viscere di amore di Gesù che questo uomo riceve la grazia della guarigione.

Ma la grazia non va soltanto ricevuta, richiede anche di essere assimilata. C’è differenza tra guarire e vivere in salute. C’è di mezzo una convalescenza da fare e la strategia della vita integra da imparare, cosa che implica disciplina e umiltà, occorre ricordare di essere cagionevoli. La vera guarigione è assimilare atteggiamenti sani. Altrimenti non si rimane in salute.

Gesù dà una terapia a questo uomo: andare dal sacerdote e fare le offerte prescritte. In altre parole, la guarigione non è fi‚nita, deve iniziare il processo del vivere bene, e questo implica un atto spirituale. C’è da dare alla grazia un contenitore, un luogo dove assimilarla. Gesù chiede a quest’uomo il silenzio, la metabolizzazione.

GOSSIP VANAGLORIOSO. Ma il lebbroso, ‚fin qui condannato a rimanere escluso, sfrutta subito la sua nuova condizione: va in giro a raccontare, divulgare, gridare. E di conseguenza Gesù non può più entrare in città. Curioso: prima era il lebbroso che doveva stare fuori portata; ora è Gesù che deve rimanere nel deserto a causa del clamore…

Può la grazia di una guarigione diventare rivalsa sul passato e gossip vanaglorioso? Quante volte si vede questo: ricevere nuovi e meravigliosi doni e usarli secondo le attitudini del “vecchio”. Guariti, forse, sani, no. Per essere sani bisogna lasciare che le viscere di Dio divengano le nostre. Occorre non usare la grazia per cose piccole. Ricevere una grazia non è mai un evento “una tantum”. È l’inizio di un processo che non ‚nisce più e che porta all’amore e alla saggezza, che conduce a prendere possesso di ciò che è valido, santo e conta davvero.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

della VI Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 11 Febbario 2018 anche qui.

Mc 1, 40-45
Dal Vangelo secondo Marco
40Venne da lui un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». 41Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». 42E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. 43E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito 44e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosé ha prescritto, come testimonianza per loro». 45Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 11- 17 Febbraio 2018 2018

  • Tempo Ordinario VI

  • Colore Verde

  • Lezionario: Ciclo B

  • Anno: II

  • Salterio: sett. 2

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

VI Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 11 febbraio 2018

Uditori della Parola

- Advertisement -

LA GRAZIA DI UNA VITA BASATA SULL’AMORE

Il lebbroso, ricorda la prima lettura, doveva vivere solo, senza contatti, tagliato fuori dalla società. Doveva lui stesso allontanare gli altri gridando la sua condizione. Ma nel Vangelo un lebbroso osa avvicinarsi a Gesù. Come a dire: «Se gli uomini non mi vogliono, forse il Messia non mi allontanerà».

Ci sono cose che solo Dio – e chi ha il suo Spirito – sa accogliere. Chi può dissolvere la solitudine di questo lebbroso, immagine di tutte le solitudini umane? Chi può toccare un lebbroso? Gesù infatti lo tocca prima che sia guarito, quando è ancora putrido e infetto. Ed è questo tocco che lo guarisce. Il lebbroso dice: «Se vuoi, puoi puri‚ficarmi!», e ha ragione: Gesù lo vuole, è questa la volontà di Dio. Quando Dio ci chiama a compiere la sua volontà, ci sta offrendo una via per incontrarlo, per toccarlo e guarire dalla nostra solitudine.

Gesù è mosso dalla “compassione”. Il termine, in italiano, signifi‚ca “patire con qualcuno, sintonizzarsi sul dolore altrui e farlo proprio” e già questo direbbe molto. Ma la parola greca per compassione – nel testo di Marco – signifi‚ca “essere mossi visceralmente”. Il desiderio di guarire questo poveretto viene dalle viscere di Gesù, dalla sua radice intima, lì dove è unito al Padre. Perché Dio, nel suo essere recondito, è amore sconfinato. È per le viscere di amore di Gesù che questo uomo riceve la grazia della guarigione.

Ma la grazia non va soltanto ricevuta, richiede anche di essere assimilata. C’è differenza tra guarire e vivere in salute. C’è di mezzo una convalescenza da fare e la strategia della vita integra da imparare, cosa che implica disciplina e umiltà, occorre ricordare di essere cagionevoli. La vera guarigione è assimilare atteggiamenti sani. Altrimenti non si rimane in salute.

Gesù dà una terapia a questo uomo: andare dal sacerdote e fare le offerte prescritte. In altre parole, la guarigione non è fi‚nita, deve iniziare il processo del vivere bene, e questo implica un atto spirituale. C’è da dare alla grazia un contenitore, un luogo dove assimilarla. Gesù chiede a quest’uomo il silenzio, la metabolizzazione.

GOSSIP VANAGLORIOSO. Ma il lebbroso, ‚fin qui condannato a rimanere escluso, sfrutta subito la sua nuova condizione: va in giro a raccontare, divulgare, gridare. E di conseguenza Gesù non può più entrare in città. Curioso: prima era il lebbroso che doveva stare fuori portata; ora è Gesù che deve rimanere nel deserto a causa del clamore…

- Advertisement -

Può la grazia di una guarigione diventare rivalsa sul passato e gossip vanaglorioso? Quante volte si vede questo: ricevere nuovi e meravigliosi doni e usarli secondo le attitudini del “vecchio”. Guariti, forse, sani, no. Per essere sani bisogna lasciare che le viscere di Dio divengano le nostre. Occorre non usare la grazia per cose piccole. Ricevere una grazia non è mai un evento “una tantum”. È l’inizio di un processo che non ‚nisce più e che porta all’amore e alla saggezza, che conduce a prendere possesso di ciò che è valido, santo e conta davvero.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

della VI Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 11 Febbario 2018 anche qui.

Mc 1, 40-45
Dal Vangelo secondo Marco
40Venne da lui un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». 41Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». 42E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. 43E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito 44e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosé ha prescritto, come testimonianza per loro». 45Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 11- 17 Febbraio 2018 2018

  • Tempo Ordinario VI

  • Colore Verde

  • Lezionario: Ciclo B

  • Anno: II

  • Salterio: sett. 2

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
291FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
141IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Libri consigliati

Marconi: L’infanzia di Maria

Il Libro della Sapienza

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Per una riconciliazione liturgica

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x