Cookie Consent by Free Privacy Policy website
18 C
Roma
Gio, 21 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno AVenerdì Santo - Anno A- 14 aprile 2017

Venerdì Santo – Anno A- 14 aprile 2017

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Venerdì santo  

Lo scandalo della croce come utero della vera vita

(Is 52, 13 – 53, 12; Ebrei 4,14-16; Giovanni 18, 1-19,42)

 

Ascoltiamo il Vangelo:

- Advertisement -

“…Essi presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo detto del Cranio, in ebraico Gòlgota, dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall’altra, e Gesù in mezzo. Pilato compose anche l’iscrizione e la fece porre sulla croce; vi era scritto: «Gesù il Nazareno, il re dei Giudei». Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove Gesù fu crocifisso era vicino alla città; era scritta in ebraico, in latino e in greco. I capi dei sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato: «Non scrivere: “Il re dei Giudei”, ma: “Costui ha detto: Io sono il re dei Giudei”».  Rispose Pilato:  «Quel che ho scritto, ho scritto».

Si sono divisi tra loro le mie vesti
 I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti, ne fecero quattro parti – una per ciascun soldato –, e la tunica. Ma quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca». Così si compiva la Scrittura, che dice: «Si sono divisi tra loro le mie vesti e sulla mia tunica hanno gettato la sorte». E i soldati fecero così.

Ecco tuo figlio! Ecco tua madre! 
Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre:  «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo:  «Ecco tua madre!».  E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.
Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse:  «Ho sete».  Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse:  «È compiuto!».  E, chinato il capo, consegnò lo spirito.”

            La croce di Cristo è il vero scandalo di tutta l’umanità. Mai è stato raccontato uno scandalo di questa portata: Dio che muore per amore del suo popolo. Che muore per me, per te, per tutti. Nessuno glie lo ha chiesto, è un suo regalo. Il sigillo dell’amore che ci dichiara fin dall’eternità. Non un amore idealizzato, solo, sterilmente e riduttivamente, intenzionale, ma concreto e impreziosito da una scelta inaudita. Toglie a se per dare a noi. Dona la vita, la luce, l’amore. Muore, diventa tenebra, si fa peccato perché noi avessimo la vita in abbondanza, e sperimentassimo la sua infinita misericordia. Non ci ha trattato secondo i nostri peccati, non ci ha ripagati secondo i nostri errori ma ci ha donato il suo amore mentre eravamo lontani, peccatori. Quando lo rifiutavamo egli si è messo in ricerca dei più lontani, dei più ostinati. Non si è mai arreso dinanzi ai nostri rifiuti, nemmeno quando gli abbiamo girato le spalle, anche allora lui ha cercato di mostrarci il suo volto.

Si è lasciato maltrattare, umiliare, spogliare, deridere. Ha ricevuto schiaffi, sputi, è stato provocato ma ci ha provocati col silenzio col dono, col perdono. E le sue braccia sono distese, allargate sulla croce col desiderio di un abbraccio. Ci raccontano che lui non terminerà mai di attendere pur di soddisfare il suo desiderio di incontro con ciascuno di noi. Dio davvero ci ama, la croce ne è l’attestato e la conferma più drammatica per lui ma salvifica per noi.

E dalla croce rinasce la vita, come un utero che concepisce, accoglie, cura, custodisce ed apre all’esistenza. Sulla croce Cristo vuole stare con l’amato, con ognuno di noi. Come chi ama desidera stare con l’amato, a costo d’ogni sacrificio. E Dio ci scandalizza perché ci ama da una croce come aurora di vita nuova.

- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Venerdì Santo – Anno A- 14 aprile 2017

- Advertisement -

Venerdì santo  

Lo scandalo della croce come utero della vera vita

(Is 52, 13 – 53, 12; Ebrei 4,14-16; Giovanni 18, 1-19,42)

 

Ascoltiamo il Vangelo:

- Advertisement -

“…Essi presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo detto del Cranio, in ebraico Gòlgota, dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall’altra, e Gesù in mezzo. Pilato compose anche l’iscrizione e la fece porre sulla croce; vi era scritto: «Gesù il Nazareno, il re dei Giudei». Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove Gesù fu crocifisso era vicino alla città; era scritta in ebraico, in latino e in greco. I capi dei sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato: «Non scrivere: “Il re dei Giudei”, ma: “Costui ha detto: Io sono il re dei Giudei”».  Rispose Pilato:  «Quel che ho scritto, ho scritto».

Si sono divisi tra loro le mie vesti
 I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti, ne fecero quattro parti – una per ciascun soldato –, e la tunica. Ma quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca». Così si compiva la Scrittura, che dice: «Si sono divisi tra loro le mie vesti e sulla mia tunica hanno gettato la sorte». E i soldati fecero così.

Ecco tuo figlio! Ecco tua madre! 
Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre:  «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo:  «Ecco tua madre!».  E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.
Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse:  «Ho sete».  Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse:  «È compiuto!».  E, chinato il capo, consegnò lo spirito.”

            La croce di Cristo è il vero scandalo di tutta l’umanità. Mai è stato raccontato uno scandalo di questa portata: Dio che muore per amore del suo popolo. Che muore per me, per te, per tutti. Nessuno glie lo ha chiesto, è un suo regalo. Il sigillo dell’amore che ci dichiara fin dall’eternità. Non un amore idealizzato, solo, sterilmente e riduttivamente, intenzionale, ma concreto e impreziosito da una scelta inaudita. Toglie a se per dare a noi. Dona la vita, la luce, l’amore. Muore, diventa tenebra, si fa peccato perché noi avessimo la vita in abbondanza, e sperimentassimo la sua infinita misericordia. Non ci ha trattato secondo i nostri peccati, non ci ha ripagati secondo i nostri errori ma ci ha donato il suo amore mentre eravamo lontani, peccatori. Quando lo rifiutavamo egli si è messo in ricerca dei più lontani, dei più ostinati. Non si è mai arreso dinanzi ai nostri rifiuti, nemmeno quando gli abbiamo girato le spalle, anche allora lui ha cercato di mostrarci il suo volto.

Si è lasciato maltrattare, umiliare, spogliare, deridere. Ha ricevuto schiaffi, sputi, è stato provocato ma ci ha provocati col silenzio col dono, col perdono. E le sue braccia sono distese, allargate sulla croce col desiderio di un abbraccio. Ci raccontano che lui non terminerà mai di attendere pur di soddisfare il suo desiderio di incontro con ciascuno di noi. Dio davvero ci ama, la croce ne è l’attestato e la conferma più drammatica per lui ma salvifica per noi.

E dalla croce rinasce la vita, come un utero che concepisce, accoglie, cura, custodisce ed apre all’esistenza. Sulla croce Cristo vuole stare con l’amato, con ognuno di noi. Come chi ama desidera stare con l’amato, a costo d’ogni sacrificio. E Dio ci scandalizza perché ci ama da una croce come aurora di vita nuova.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
320IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x