20.7 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità Valiamo più per quello che soffriamo che per quello che facciamo

Valiamo più per quello che soffriamo che per quello che facciamo

La salute acquista senso nella malattia.

- Advertisement -

E all’improvviso mi costa trovare un senso alla sofferenza ingiusta, alla sofferenza inutile. O forse la sofferenza ha un senso in un progetto divino che non riesco a scoprire? Come se una specie di porta si aprisse in cielo per avvicinarmi al più profondo del cuore di Gesù? E dentro quel cuore inizio a sentire il suo amore come mai prima d’ora?

Si può allora comprendere che in una dinamica che non capisco diventi realtà il progetto di Dio che dà senso a tutto ciò che soffro? Si può toccare il cielo con le mani spezzate?

Non lo so, ma sicuramente non è possibile toccarlo con le mani troppo occupate, troppo piene di cose, di preoccupazioni, di desideri.

Vedo che le mie mani sono prese da mille progetti, nel tentativo di renderlo tutti possibili. E non ci riesco.

Vorrei essere luce di speranza in un mondo in cui credo predominino oscurità e tenebre.

Una luce che brilla in mezzo alla notte. Un po’ di speranza seminata in mezzo allo scoramento.

Come intendere la morte di un giovane che sognava solo di diventare santo? San Luigi Gonzaga, un seminarista gesuita morto molto giovane dopo aver servito con generosità tanti malati, ha scritto:

“Immergendo il mio pensiero nella considerazione della bontà divina, che è come un mare senza fondo né litorale, non mi sento degno della sua immensità, visto che Egli, in cambio di un lavoro tanto breve ed esiguo, mi invita al riposo eterno e mi chiama dal cielo alla suprema felicità, che ho cercato in modo tanto negligente, e mi promette il premio di qualche lacrima, che ho versato in modo tanto parco”.

Mi commuove la riflessione di quel giovane che sarebbe morto prima di realizzare il suo sogno sulla terra, un sogno di dedizione totale a Dio, di santità.

Come accettare la sofferenza che sembra non avere senso, la sofferenza lunga, dura? Come accettare la morte prematura?

Mi serve uno sguardo sul cielo come promessa.

Come rapportarmi allo sconcerto che provoca nell’anima la morte degli innocenti, all’abbandono di chi ha bisogno di una casa, alla solitudine di chi cerca compagnia, al dolore di chi vuole solo calmare il dolore, al rifiuto di quanti vogliono solo donare amore?

Come si possono comprendere tanti paradossi sulla mia strada?

Forse solo guardando il cuore di Gesù, nel più profondo delle sue viscere, lì dove la lancia apre una breccia e lascia sfuggire la luce e il vento, l’acqua e la speranza.

Solo lì dove smettono di esserci le tenebre per illuminare tenuemente la mia vita con una luce profonda che rende tutto chiaro.

Resisto a credere che la sofferenza sia vana. Credo, non so bene come, che il mio dolore renda profondo il solco nella terra che Dio ara.

Ed Egli si incarica di gettare semi lì dove il mio sangue riesce a rendere la fessura più profonda. E non so bene come in qualche luogo, in qualche cuore, quel seme che Dio stesso ha seminato attraverso quello che soffro darà frutto.

Avrà senso allora tutto quello che sto soffrendo? Varranno la pena tante ore investite dando la vita nel silenzio del mio dolore?

Forse solo in cielo vedrò il senso dei fiori che crescono in quel solco. Finché sarò qui sulla terra continuerò a confidare in un progetto divino pieno d’amore e speranza che resta nascosto.

Un progetto che non conosco. Un progetto che mi trascende. E continuo a credere che dietro il dolore ci sia una finestra aperta sul cielo che mi parla di una speranza a cui anelo dal profondo della mia anima.

Continuo a credere che se mi dono a Gesù, al suo cuore aperto, riuscirò a sentire, anche solo per un giorno, quello che ha sentito Lui.

E potrò donarmi con la stessa generosità con cui si offre Lui. E potrò amare sapendo che se soffro la mia vita vale più la pena.

E che tutto ciò che ho fatto è alla fin fine solo una goccia in un mare immenso, quel mare senza coste del suo amore per me.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Valiamo più per quello che soffriamo che per quello che facciamo

La salute acquista senso nella malattia.

  

- Advertisement -

E all’improvviso mi costa trovare un senso alla sofferenza ingiusta, alla sofferenza inutile. O forse la sofferenza ha un senso in un progetto divino che non riesco a scoprire? Come se una specie di porta si aprisse in cielo per avvicinarmi al più profondo del cuore di Gesù? E dentro quel cuore inizio a sentire il suo amore come mai prima d’ora?

Si può allora comprendere che in una dinamica che non capisco diventi realtà il progetto di Dio che dà senso a tutto ciò che soffro? Si può toccare il cielo con le mani spezzate?

Non lo so, ma sicuramente non è possibile toccarlo con le mani troppo occupate, troppo piene di cose, di preoccupazioni, di desideri.

Vedo che le mie mani sono prese da mille progetti, nel tentativo di renderlo tutti possibili. E non ci riesco.

Vorrei essere luce di speranza in un mondo in cui credo predominino oscurità e tenebre.

- Advertisement -

Una luce che brilla in mezzo alla notte. Un po’ di speranza seminata in mezzo allo scoramento.

Come intendere la morte di un giovane che sognava solo di diventare santo? San Luigi Gonzaga, un seminarista gesuita morto molto giovane dopo aver servito con generosità tanti malati, ha scritto:

“Immergendo il mio pensiero nella considerazione della bontà divina, che è come un mare senza fondo né litorale, non mi sento degno della sua immensità, visto che Egli, in cambio di un lavoro tanto breve ed esiguo, mi invita al riposo eterno e mi chiama dal cielo alla suprema felicità, che ho cercato in modo tanto negligente, e mi promette il premio di qualche lacrima, che ho versato in modo tanto parco”.

Mi commuove la riflessione di quel giovane che sarebbe morto prima di realizzare il suo sogno sulla terra, un sogno di dedizione totale a Dio, di santità.

Come accettare la sofferenza che sembra non avere senso, la sofferenza lunga, dura? Come accettare la morte prematura?

Mi serve uno sguardo sul cielo come promessa.

Come rapportarmi allo sconcerto che provoca nell’anima la morte degli innocenti, all’abbandono di chi ha bisogno di una casa, alla solitudine di chi cerca compagnia, al dolore di chi vuole solo calmare il dolore, al rifiuto di quanti vogliono solo donare amore?

Come si possono comprendere tanti paradossi sulla mia strada?

Forse solo guardando il cuore di Gesù, nel più profondo delle sue viscere, lì dove la lancia apre una breccia e lascia sfuggire la luce e il vento, l’acqua e la speranza.

Solo lì dove smettono di esserci le tenebre per illuminare tenuemente la mia vita con una luce profonda che rende tutto chiaro.

Resisto a credere che la sofferenza sia vana. Credo, non so bene come, che il mio dolore renda profondo il solco nella terra che Dio ara.

Ed Egli si incarica di gettare semi lì dove il mio sangue riesce a rendere la fessura più profonda. E non so bene come in qualche luogo, in qualche cuore, quel seme che Dio stesso ha seminato attraverso quello che soffro darà frutto.

Avrà senso allora tutto quello che sto soffrendo? Varranno la pena tante ore investite dando la vita nel silenzio del mio dolore?

Forse solo in cielo vedrò il senso dei fiori che crescono in quel solco. Finché sarò qui sulla terra continuerò a confidare in un progetto divino pieno d’amore e speranza che resta nascosto.

Un progetto che non conosco. Un progetto che mi trascende. E continuo a credere che dietro il dolore ci sia una finestra aperta sul cielo che mi parla di una speranza a cui anelo dal profondo della mia anima.

Continuo a credere che se mi dono a Gesù, al suo cuore aperto, riuscirò a sentire, anche solo per un giorno, quello che ha sentito Lui.

E potrò donarmi con la stessa generosità con cui si offre Lui. E potrò amare sapendo che se soffro la mia vita vale più la pena.

E che tutto ciò che ho fatto è alla fin fine solo una goccia in un mare immenso, quel mare senza coste del suo amore per me.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
601FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

La tenerezza nel vangelo di Marco

Liturgia e secolarizzazione

Le 217 domande di Gesù

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO